opinioni

Conferenza dei Sindaci dell'Ati 12. C'erano tutti i presupposti per partire bene

sabato 23 agosto 2014
di Marco Conticelli, vicesindaco di Porano
Conferenza dei Sindaci dell'Ati 12. C'erano tutti i presupposti per partire bene

Il lodevole tentativo del Sindaco Germani di far dialogare, intorno al Comune-perno Orvieto, gli altri Comuni del comprensorio sui temi di stretta attualità ( gestioni associate, aree interne, politiche dei rifiuti ecc) superando la logica degli schieramenti politici , pur ampiamente auspicabile nell’ottica di una non più rinviabile condivisione degli obiettivi legati alla ripresa socio-economica del territorio, si scontra inevitabilmente con le prove di forza che, ancora oggi, la storica classe politica egemone ha necessità di mettere in campo per ribadire il proprio ruolo da protagonista.
Questo, in sostanza, quanto emerso nell’assemblea inaugurale della Conferenza dei Sindaci dell’ATI n.12 che gestisce la politica socio-sanitaria del nostro comprensorio.

E pensare che c’erano tutti i presupposti per ben partire, con la presenza di tutti i Comuni e con quella dell’ex Presidente, invitato per una sorta di passaggio di consegne. Peccato che il Comune di Porano, a differenza degli altri, fosse presente con due rappresentanti, il Sindaco ed il Vicesindaco, quest’ultimo delegato già nella precedente legislatura a partecipare permanentemente ai lavori dell’assemblea. Una doppia presenza legata soltanto alla natura della convocazione, una mail della segreteria del Sindaco di Orvieto con la quale si informavano i Comuni della seduta inaugurale che faceva presagire un incontro informativo ed illustrativo, tanto che non era indicato neanche un ordine del giorno.

Che non fosse così si è capito subito quando il Sindaco di Castelviscardo, in apertura, contestava la doppia presenza poranese che costringeva il Sindaco Cocco ad abbandonare il consesso, letteralmente “cacciato” senza che nessun altro Sindaco, ad eccezione di Castelgiorgio, avesse avvertito la necessità di stigmatizzare l’accaduto, dimenticando il suo ruolo di rappresentante di un territorio e di una comunità.
La prova di forza proseguiva con l’elezione del Presidente della Conferenza dei Sindaci, punto introdotto improvvisamente senza che fosse stato specificato nella convocazione che, come detto, non riportava alcun ordine del giorno. Il sottoscritto faceva notare la grande anomalia così come quella di procedere ad un atto così importante in assenza di un regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci, come richiesto da tempo anche dall’ATI n.4.

Regole ancor più necessarie per la presenza di numerosi nuovi Sindaci. Non era in discussione la scelta del neo Presidente ma la forma che, in questo caso, era anche sostanza. Tanto più che alcuni Sindaci targati PD ponevano l’accento sul ruolo che doveva avere Orvieto ed il suo Sindaco “dimenticando”, di colpo, l’atteggiamento dei propri predecessori nel 2009 quando si concretizzò un vero e proprio blitz proprio ai danni di Orvieto e di un Sindaco diversamente targato. L’elezione di Germani si concretizzava, quindi, con il sottoscritto ed il Sindaco di Castelgiorgio che non partecipavano alla votazione di fronte ad una grave irregolarità derivante dall’assenza nella convocazione di un ordine del giorno e soprattutto di un punto così importante.

Un “colpo di mano” avvenuto per dare, a detta dei Sindaci che l’hanno effettuato, concreta e immediata operatività al neo Presidente. Peccato che il Sindaco di Orvieto comunicasse, subito dopo, la propria assenza dalla città per un certo periodo.Un Presidente, quindi, sicuramente meno rappresentativo di quanto avrebbe potuto essere, con il minimo sforzo, da qui a quindici giorni.  Per quanto riguarda la figura del Responsabile di Zona, cosiddetto Promotore Sociale, ricordavo che l’incarico del dott. Ciarlora, dipendente comunale, era scaduto il 30 giugno e che era necessario rispettare la decisione della Conferenza uscente di procedere ad una selezione per tale figura prevista e finanziata dalla Legge Regionale n.26 del 2009.

Sostenevo, tra l’altro, che l’individuazione tramite selezione può rappresentare anche una piccola opportunità occupazionale in un territorio con un alto tasso di disoccupazione. Nonostante qualche iniziale resistenza, l’Assemblea decideva di delegare alla Segretaria del Comune capofila il compito di verificare le procedure propedeutiche all’effettuazione del bando prorogando, nel contempo, l’incarico del Promotore fino al 31 dicembre per garantire una immediata operatività gestionale.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 25 febbraio

Meteo

domenica 25 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

21:00 -2.5ºC 92% discreta direzione vento
lunedì 26 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 -3.7ºC 71% buona direzione vento
15:00 -3.7ºC 64% buona direzione vento
21:00 -8.0ºC 95% buona direzione vento
martedì 27 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 -3.4ºC 69% buona direzione vento
15:00 -1.6ºC 63% buona direzione vento
21:00 -7.8ºC 87% buona direzione vento
mercoledì 28 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 -2.7ºC 67% buona direzione vento
15:00 0.4ºC 66% buona direzione vento
21:00 -3.7ºC 87% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni