opinioni

"L'amministrazione comunale mette a rischio i posti di lavoro dei propri dipendenti"

giovedì 14 novembre 2013
di Massimo Gnagnarini - Unire i Puntini Orvieto
"L'amministrazione comunale mette a rischio i posti di lavoro dei propri dipendenti"

Stanno terrorizzando i dipendenti comunali con la minaccia di licenziamenti qualora il bilancio 2013 non venisse approvato, ma si rifiutano di fare l'unica cosa che impedirebbe questa drastica misura e cioè la dichiarazione del cosiddetto pre-dissesto accompagnata dal relativo Piano Pluriennale di Risanamento. I Conti del Comune sono in default e non saranno certo le acrobazie contabili di questi giorni per approvare un bilancio farlocco a mettere al sicuro i posti di lavoro.

Questa ostinazione dell'amministrazione è solo frutto di un mero calcolo politico per concludere la consigliatura senza dover certificare il proprio fallimento riguardo il risanamento finanziario dell'ente. In altre parole nel tentativo di salvarsi politicamente il proprio (culo) mettono a rischio quello dei propri dipendenti. Di certo ai dipendenti comunali, che per questa ragione vedono a rischio il proprio posto di lavoro, non importa di "sfangarla" per il 2013 per poi ritrovarsi nel 2014, qualunque sia il colore dell'amministrazione, a dover subire i licenziamenti per effetto di uno stato di dissesto coattivo dichiarato dagli organi di controllo esterni.

Torniamo dunque a chiarire le differenti conseguenze cadenti sul personale nei due casi distinti :
1) PRE-DISSESTO - Dichiarazione volontaria dello stato di pre-dissesto del Comune.
Non implica alcun licenziamento, implica esclusivamente provvedimenti di riduzione delle spese del personale da reperire nella sospensione dei premi di produttività ovvero della parte accessoria del salario che impatta principalmente sugli stipendi dei dirigenti.
2) DISSESTO - Dichiarazione coatta dello stato di dissesto del Comune pronunciata dalla Corte dei Conti e relativo commissariamento del Prefetto. Implica il licenziamento (messa in mobilità) di un numero di dipendenti eccedenti il rapporto dipendenti- popolazione come sotto calcolato :
MINISTERO DELL'INTERNO
DECRETO 9 dicembre 2008 .
Rapporti medi dipendenti-popolazione per classe demografi ca, validi per enti in condizioni di dissesto, ai sensi dell'articolo 263 comma 2, del decreto legislativo n. 267 del 18 agosto 2000.

fascia demografica - rapporto medio dipendenti-popolazione
fino a 999 abitanti 1/110
da 1000 a 2999 abitanti 1/154
da 3000 a 9999 abitanti 1/172
da 10.000 a 59.999 abitanti 1/156
da 60.000 a 249.999 abitanti 1/121
oltre 249.999 abitanti 1/95

Pertanto per il Comune di Orvieto sarebbero da "esodare" circa 25 persone.

In conclusione solo la dichiarazione volontaria dello stato di pre-dissesto del Comune, interrompendo la parabola del dissesto coatto, mette in sicurezza i posti di lavoro dei suoi dipendenti. Di questo quadro normativo non solo ogni singolo dipendente dovrebbe averne consapevolezza, ma soprattutto le rispettive rappresentanze sindacali dovrebbero pronunciarsi a tutela dei propri iscritti e indurre l'amministrazione alla dichiarazione del pre-dissesto a tutela del rischio di perdita dei posti di lavoro.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità