opinioni

Particolari irrilevanti.

mercoledì 16 ottobre 2013
di Massimo Maggi
Particolari irrilevanti.

Prendo spunto dal corsivo del Teatro Mancinelli. Profetico il pensiero drammaturgico di Eduardo De Filippo, che già nel dopoguerra prospettava un mondo, perfetta metafora dei nostri tempi attuali, dove la realtà quotidiana è un gioco d'illusione popolato da furbi prestigiatori che ti fanno credere l'inverosimile, rendendo gli uomini insensibili e incapaci di percepire la verità. Perché, spiegava Eduardo, «la vita è un gioco, e questo gioco ha bisogno di essere sorretto dall'illusione, la quale a sua volta deve essere alimentata dalla fede. Ogni destino è legato ad altri destini in un gran gioco eterno del quale non ci è dato scorgere se non particolari irrilevanti».

Non ho capito se parlava in generale o se si riferisse al Csco, all'ipermercato subacqueo o alla penosa gestione culturale a stampo clientelare.

Proviamo per il momento ad analizzare l'assurdo teatro del CSCO: La commissione dei saggi "... riteneva superflua la necessità di sottolineare la corrispondenza stretta tra compiti assegnati e adeguatezza delle competenze", ma evidentemente si sbagliavano!

Era necessario eccome! Capisco che la politica è anche mediazione ma questa non può essere solo e soltanto al ribasso. Proviamo per una volta ad avere il coraggio della verità. Lo faremo perché non c'è altra via per uscire da una catastrofe annunciata e sicura. Se il CSCO era un organismo di diritto pubblico avrebbe dovuto essere soggetto alle regole dell'evidenza pubblica nell'attività contrattuale. Ma di queste, come altre vicende, non emerge nessuna documentazione pubblica e spero che almeno qualcuno le abbia visionate.

Inoltre se il CSCO non era un organismo in house, e l'attuale statuto non lo prevedeva, vorremmo sapere se l'amministrazione comunale - nel corso della sua esistenza - 2000 ad oggi - ha affidato a tale ente dei servizi comunali. L'uscita dalla fondazione da parte di CRO non ne cambia in modo assoluto l'obbligo statutario ne potrebbe farlo, e neppure avrebbe senso. La partecipazione di CRO, passata o futura, se chiarita aprirebbe un'altro fronte su cui non mi avventurerei per il momento.

Non può essere addotta nessuna giustificazione al fatto che nonostante la Corte dei Conti si sia più volte espressa in modo contrario al funzionamento ambiguo di tali enti possa essere sorpassato, con chissà quale giurisprudenza, dal fatto che l'Italia è fatta così.

Dalla relazione dei saggi risulta evidente una fotografia ben nota:

a) esaurimento del fondo di dotazione;

b) pignoramento del cc di tesoreria;

c) licenziamento del personale;

d) dimissioni del CdA.

Che non risulti dichiarata dall' autorità di vigilanza l'estinzione del CSCO, né sia stato avviato il relativo procedimento, è un'altro aspetto inquietante della mala gestione (questione morale) del paese Italia e non, come si vuol far credere, un'opportunità per farla di nuovo franca.

Vorrei far notare inoltre che un comune cittadino soggetto a procedura fallimentare, magari di una frutteria, che non abbia redatto o fornito documentazione necessaria al bilancio, non gode di tali benefici e grazie. Quindi non è assolutamente etico parlare di ripristinare il passato a fatti accertati. Essendo chiaro che il CSCO:

a) non ha redatto il Conto consuntivo dell'Esercizio 2012;

b) è soggetto a pignoramento da parte della coop. Carli non dovrebbe trovare alcun senso non solo la riformulazione di quanto criminosamente (in via civile) accaduto, ma neanche le attività che competono ad un normale esercizio di un normale ente che non si trovi nelle condizioni sopra citate.

Le ambiguità si esplicitano nel voler far passare un disastro per un'opportunità. Ma questo territorio è abituato a tali nefandezze, come ha dimostrato la recente alluvione, al punto tale da ribaltarne il paradigma in modo veramente imbarazzante: Da problema a risorsa, da danni alla collettività a interesse privato. In finale vorrei sottolineare che se l'amministrazione giudiziaria avesse fatto il suo compito, senza interferenze e garanzie da parte di una amministrazione comunale complice di tale disastro, non ci troveremmo ad intuire le perdite del CSCO al 30 Giugno 2013 in un forfait di €840.000 circa, ma avremmo avuto un dato reale. Inoltre se tale ente
fosse stato gestito in forma privata senza benefit comunali e senza coperture e salvagenti politici, nessun imprenditore avrebbe mai immaginato di imbarcarsi in cotanta irrazionalità. Quindi non cerchiamo di far passare per un'opportunità un'evidente disastro cittadino. Basterebbe inoltre leggere ad occhi aperti i pochi e mal formulati bilanci esistenti per comprendere che il comune dovrebbe tenersi alla larga dal farsi carico di costi, che continuando ad essere gestiti in tal modo, replicherebbero lo stesso disastro. Da dove si ricavi poi la redditività di tale carrozzone non si evince da nessuna parte, poiché le entrate sono possibili (avendo molta fantasia ottimistica) mentre le uscite sarebbero certe e, a quanto pare, anche certificate.

L'unica cosa saggia, che poteva fare la giunta ed il consiglio comunale, era quella di lasciar completare il programma 2013-2014 (per la parte programmata) all'Università americana e chiedere scusa per il disaggio provocato. Nella speranza che il mondo, ed Orvieto, si scordasse presto di questa ennesima figuraccia. D'altro canto già mi ero espresso mesi fa sulla questione:

http://movimento5stelleorvieto.com/2013/07/10/il-centro-studi-di-orvieto-csco-e-i-facchini-di-santa-rosa/

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 gennaio

Nel "borgo magico" di Calcata, con Asds Polisportiva Castel Viscardo e Armata Brancaleone

Fermati tre ventenni all'uscita del supermercato con merce appena rubata

On line il primo numero del 2018 del periodico aziendale di informazione sanitaria "Usl Umbria 2 inForma"

All'Unitre riprende il Laboratorio di Pittura guidato da Donato Catamo

Regionali 2018, parte il viaggio di Bigiotti attraverso borghi e bellezze della Tuscia

Lo minaccia con il coltello e gli porta via l'incasso giornaliero

Umbria presente a "Winter School 2018. L'agenda sul futuro della sanità italiana"

Recupero evasione Imu, Orvieto al secondo posto tra i 16 Comuni umbri con oltre 15.000 abitanti

Sporcizia e siringhe vicino alla Casa dell'Acqua di Ciconia

Corsi serali all'Istituto Cardarelli. Un gruppo di alunni a Roma dal ministro Fedeli

"Gli Ebrei sono matti" sul palco del Teatro Boni

"Gli Psicodrammatici" mettono in scena "Il senso di colpa"

Procedura di Via. Sacripanti (Gm): "Questo è Germani, questa è la sinistra che ci governa"

Buono servizio sostitutivo del trasporto scolastico per le scuole dell'infanzia

"Vette in Vista", quando il cinema incontra la montagna

"A 80 anni dalle leggi razziali". La Regione ricorda la tragedia della Shoah

Zeno (Pci): "La città si svuota e il sindaco se ne fa una ragione"

Federalberghi: "Le risorse derivanti dall'imposta di soggiorno siano destinate allo sviluppo del turismo"

Toni e Peppe Servillo tornano al Mancinelli con "La parola canta"

Sostegno a domicilio per anziani e disabili, in pubblicazione i bandi

Assistenza sociale fittizia, le Fiamme Gialle portano alla luce oltre 4 milioni di euro di evaso

Esercitazione tecnico-tattica per i marescialli con specializzazione "Sanità"

Nuova geografia giudiziaria, Montegabbione e Monteleone con Orvieto

Testimonianze al Teatro Concordia per la Giornata della Memoria

"Vino made in biologico". Convegno all'Istituto Agrario "Ciuffelli"

Festa del Tesseramento per l'Associazione Andromeda

Orvieto FC, prima squadra nella tana del Cannara

L'allenatore Matteo Solforati valuta i progressi della Zambelli Orvieto

"Più o meno alle tre" con i Lettori Portatili. Andrej Longo presenta "L'altra madre"

Sabato 28 gennaio casting per il nuovo film di Alice Rohrwacher

Nello scavo della piramide di via Ripa Medici ritrovato il cibo degli Etruschi

Corso di Sociocrazia con Pierre Houben all'Auditorium

Orvieto, Via del Corso

L'Orvietana Rugby vince ancora al De Martino

Olimpieri (IeT): "Con Germani il Comune torna a privatizzare"

Prima seduta del nuovo Consiglio Provinciale, convalida degli eletti e giuramento del presidente

Ad aprile torna la Coppa degli Etruschi

Fabrizio Bentivoglio porta "L'ora di ricevimento" al Teatro Comunale di Todi

Imprese Creative, a disposizione 2,8 milioni di euro. Illustrati i criteri del primo bando regionale

Oltre 400 richieste in due mesi nei punti informativi di Sii, Ati e Assoconsumatori

Promozione turistica, l'Umbria presente per la prima volta all'Holiday World di Dublino

Atletica Libertas Orvieto, tanti gli eventi e le manifestazioni in arrivo nel 2017

Seduta plenaria della Pro Loco per l'approvazione dei bilanci

Prima seduta del consiglio comunale. In quindici punti l'ordine del giorno

Al Teatro Santa Cristina, il recital "...ed ora sono nel vento..."

Sisma, si riunisce comitato istituzionale. Marini: "Massimo supporto a sindaci dall'ufficio speciale ricostruzione"

Studenti in Comune per presentare "Testimoni della Memoria. Il nostro viaggio in Polonia"

Linea ferroviaria Orte-Foligno-Perugia, ripristinate due fermate

Cena a base di solidarietà. Serata speciale organizzata dai ragazzi dell'Oratorio San Filippo Neri e dagli studenti dell'Alberghiero

Donne vittime di violenza, in Regione firmato il protocollo per l'inserimento lavorativo e sociale

Sottoscritto il protocollo d'intesa tra Perugia e Orvieto per l'iscrizione delle Città Etrusche al Patrimonio Unesco

Al Teatro Boni va in scena "L'istruttoria" di Peter Weiss

"Viaggio nell'Operetta". Seconda tappa con Katia Ricciarelli e Andrea Binetti

Iaia Forte al Teatro Boni con "Tony Pagoda. Ritorno in Italia"

Benedizione dei Trattori a Ciconia. Gli agricoltori offrono il frutto del loro lavoro

"Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo". Il vescovo incontra i giornalisti per S.Francesco di Sales

Incontro su "La persecuzione in Europa e i suoi effetti anche a San Venanzo"

Uisp, la squadra Umbria Nuoto master cresce