opinioni

Un ricordo per Salvatore

venerdì 13 settembre 2013
di Rita Fini Cuboni

Un uomo, un padre che, di quello che di solito si definisce un problema: avere un figlio con handicap, ne ha fatto un motivo di vita.
Aveva capito che le situazioni a cui la vita ci pone difronte, vanno affrontate, non lamentate.
Non si è fermato alla ricerca di soluzioni personali, secondo me ce l'aveva dentro: le questioni si risolvono insieme.
L'IO si affronta nel NOI.
Aveva, per questo, fondato insieme ad altri l'Associazione A.F.H.C.O.
Insieme parlare dei problemi delle famiglie che hanno un figlio con handicap; se il figlio è debole è la famiglia che deve farsi portavoce, delle sue istanze, e più famiglie insieme hanno una voce più forte.
Ascoltava chi si presentava all'Associazione, ma sapeva anche contattare chi non aveva la forza, il coraggio di alzare la testa, chiedere aiuto a sostenere l'impegno che richiede la presenza di un figlio con handicap.
Ti coinvolgeva subito nel "fare", non stare ad aspettare, ma farsi parte attiva per lottare, richiedere, proporre.
Insomma, con lui si imparava a superare quello che si dice un problema personale, perché si trasformava in una questione sociale di tutti.
Conosceva tutti, bussava a tutti, chiedeva con consapevole determinazione; lottava non solo per il suo Federico, ma per tutti i nostri figli.
La Scuola, le Amministrazioni Locali, l'USL ( come allora si chiamava, quando non era un'Azienda!!!!! ) tutti lo conoscevano, perché non solo chiedeva, ma perché proponeva, partecipava alla costruzione di un mondo in cui credeva che tutti potessero partecipare.
Lottava non solo per il diritto all'assistenza delle persone con handicap, ma per il diritto alla Scuola, al Lavoro al Divertimento di ciascuno ed a ciascuno secondo le proprie capacità.
Ah Salvatore!!!!! Più comunista o cristiano di così???!!??!!!
Ad un certo punto, ragionò insieme a noi, che i nostri figli crescendo hanno diritto al lavoro ed allora si mise in testa di fondare una nuova cooperativa, non di assistenza, ma di servizi, dove anche le persone con handicap, avrebbero trovato uno spazio di lavoro a dimensione umana.
Il suo sogno si realizzò con la costituzione della Coop. Luigi Carli.
Si è sempre impegnato per tutti, negli ultimi anni del suo impegno attivo, seguì i primi passi della nuova realtà cooperativa Oasi, sempre attento, intravedendoci opportunità ed opportunità per le persone con handicap e disagi sociali.
Ha saputo agganciare e coinvolgere nell'Associazione altre realtà territoriali limitrofe, sostegno reciproco agli amici di Amelia, dove una sez dell'A.F.H.C.O. è da tempo operativa ed impegnata concretamente sul territorio.
Gli anni passano per tutti, le situazioni economiche, sociali si trasformano, Salvatore lo sentiva, lo capiva bene.
Sollecitava l'Associazione, in primis, a farsi promotrice di una Fondazione del Dopo di Noi.
Ancora una volta non pensava al solo IO, ma pensava e stimolava la riflessione e l'impegno di tutti.
Quando alcuni anni fa ha passato il testimone della presidenza a Sandro, ha continuato comunque ad impegnarsi, a vigilare per la sua realizzazione, fino alla nascita della Fondazione "la Crisalide".
Salvatore, grazie per esserci stato, io ho imparato molto, soprattutto a non lamentarmi, ma lottare ed impegnarmi, perché se mi impegno per il NOI, risolverò anche per il ME
Ciao compagno di strada

Rita Fini Cuboni

Pubblicato da antonio bergami il 13 settembre 2013 alle ore 22:11
Ne conservo un caro ricordo per il suo appassionato impegno. Sentite condoglianze ai suoi familiari.
Pubblicato da Paolo Borrello il 13 settembre 2013 alle ore 22:35
E' importante ricordare Salvatore Cipriani. E' stato infatti un anticipatore di una tendenza che ad Orvieto si è sviluppata in ritardo rispetto ad altre città: il ruolo del volontariato nell'affrontare i problemi delle persone che sono contraddistinte da handicap di varia natura. Oggi il volontariato è sufficientemente diffuso anche ad Orvieto ma quando Cipriani iniziò la sua attività in questo settore la situazione era ben diversa. Pochi erano coloro che si impegnavano davvero nell'ambito del volontariato tendente ad affrontare le problematiche dei portatori di handicap. Cipriani pertanto fu un precursore e riuscì ad ottenere risultati importanti. E proprio all'inizio del suo impegno io ho avuto modo di frequentarlo abbastanza spesso e ho apprezzato il suo operato. Molti devono molto a Cipriani. E spero che Cipriani, e la sua attività, non sia dimenticato, non dovrà essere dimenticato.
Pubblicato da il 16 settembre 2013 alle ore 11:05
Una persona buona.
C. B.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 settembre

Meteo

venerdì 22 settembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento

--

--

--

--

--

--

15:00 21.3ºC 42% buona direzione vento
21:00 13.5ºC 73% buona direzione vento
sabato 23 settembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 18.5ºC 58% buona direzione vento
15:00 21.7ºC 37% buona direzione vento
21:00 13.2ºC 70% buona direzione vento
domenica 24 settembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 18.7ºC 56% buona direzione vento
15:00 22.1ºC 42% buona direzione vento
21:00 16.5ºC 89% buona direzione vento
lunedì 25 settembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 18.0ºC 68% buona direzione vento
15:00 20.4ºC 53% buona direzione vento
21:00 13.3ºC 83% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni