opinioni

Il carretto

venerdì 24 maggio 2013

Me lo ricordo ancora quel carretto,
co le rote piccole, giallo, alto e stretto,
sotto du sportelle co le bibite fresche,
le sucche de frutta pere, albicocche e pesche,
sopra le sacchette co le seme e le lupine,
le griglie de metallo co le cartoline,
le pacchette de caramelle e le ciuingamme,

era la disperazione de tutte le mamme!

Ballavano col vento come tante farfalline
le macchinette fotografiche de plastica, carine
co le diapositive del domo, colorate e piccoline,

erono tanto amate da tutte le bambine.
L'omino del carretto, se chiamava Armando,
tutto imbacuccato, andava piano camminando,
e se pioveva, poraccio, tutto mollo,
col cappello e la sciarpa intorno al collo
e solo ‘l naso fori......rosso, de chi è avvezzo,
riscallasse con ‘n bicchier de vino, forse uno e mezzo!
Me lo ricordo ancora quel carretto,
c'era tutto l'anno quel piccolo negozietto,
con vento forte che nun ce se stava,
col freddo, ‘l gelo, anche si nevicava,
co la pioggia, cor sole che t'ammazza,
Armando, sempre lì, mal mezzo della piazza!!
Si te c'annavano du semi o du lupini,
lì doveve annà, da parte a li scalini,
davante al museo Faina,
metteve ma la saccoccia la manina,
50 lire, ‘n cartoccio de seme,
e stave n'ora sana a sputacchià!
Che te dico che parevamo sceme?
le pomerigge sane a magna ste benedette seme!
So ricorde belle, so ricorde vere,
ce divertivamo e passavamo così le sere...

Ciò ‘n ricordo bello de quanno ero fijetto,

me lo ricordo ancora quel carretto!!

Commenta su Facebook