opinioni

In nome di Dio, andate a casa! Il risanamento finanziario del Comune è fallito

giovedì 25 aprile 2013
di Massimo Gnagnarini - Unire I Puntini Orvieto
In nome di Dio, andate a casa! Il risanamento finanziario del Comune è fallito

Il risanamento finanziario del Comune è fallito ed è arrivato il momento di concludere questa consigliatura, anche in anticipo

Il punto non è se, ma quando accadrà. Di sicuro i conti del Comune di Orvieto esploderanno di nuovo in occasione della formazione del bilancio di previsione 2013 prevista, salvo ulteriori proroghe, entro il 30 giugno prossimo o, in ogni caso, in concomitanza al cambio d'amministrazione nella prossima primavera del 2014.

Dipende dal grado di protervia con la quale si continuano a camuffare gli equilibri contabili al solo scopo di tirare a campare. L'ennesimo monito della Corte dei Conti al Comune di Orvieto inviato lo scorso 28 febbraio relativo all'esame del conto consuntivo del 2012 parla chiaro, basta con i trucchetti, basta sciocchezze, sembrano suggerire i giudici : Il punto non è superare gli esami formali il punto è la sostanza del risanamento che non c'è stato e che nemmeno si intravede.

E infatti era di 7,6 Mln il buco di bilancio ereditato da Concina nel 2009 ed è di 7,6 Mln il buco di bilancio certificato al 31/12/2012 con l'aggravante, però, che nel frattempo:

 

  1. si è venduta la farmacia e altri beni minori per oltre 3 Mln,
  2. non si sono accantonati oltre 1Mln di oneri swap BNL tutt'ora sotto giudizio ,
  3. si sono alzate al massimo consentito tutte le aliquote delle tasse ai cittadini residenti,
  4. si è fatto ampio ricorso a entrate straordinarie, come il recupero dell'evasione dell'ICI e della Tarsu, per coprire la spesa corrente,
  5. sono state tagliate le "merendine" ai bambini degli asili e aumentate le rette,
  6. è aumentata, a differenza di quel che dicono, la somma delle entrate per il Comune derivanti dai trasferimenti dello Stato e dalle nuove aliquote (IMU).

 

C'è stata , dunque, la certificazione dell'incapacità dimostrata da questa amministrazione di introdurre una nuova politica delle entrate capace di risanare finanziariamente il Comune al di là dei confusi e inefficaci tentativi di ridurne le spese.

I motivi del fallimento

Chi ancora si chiedesse quali diverse politiche delle entrate sia possibile introdurre segnaliamo quelle su cui stiamo insistendo da anni, ormai, ovvero la gestione diretta dei beni culturali, la gestione diretta della mobilità e parcheggi, funicolare, la riforma e il rimansionamento dell'organico comunale in funzione dell'accoglienza dei turisti come strategia dello sviluppo. (segui il link http://www.unireipuntini-orvieto.it/)

Concina e i suoi boys non si sono mai voluti focalizzare su questi temi che rappresentano l'unica strada possibile e seria per alimentare e stabilizzare i conti forse perché sono stati e continuano ad essere influenzati dalle piccole lobbies che detengono le concessioni sui beni culturali, oppure da quelle che gestiscono i gioielli delle infrastrutture della mobilità orvietana (funicolare), ancora in mano alla fallita Umbria Mobilità, costoro si prendono tutti i soldi lasciando vuote le casse comunali e lasciando marcire l'intera filiera a cominciare dalle scale mobili.

Le conseguenze del fallimento

Conosciamo tutti la storia politica dell'anatra zoppa trasformatasi poi in anatra ingessata, ma sono meno coloro che hanno la consapevolezza delle uova avvelenate che essa ci lascierà in eredità:

Una nuova Bolla di Bilancio peggiore e di più vaste proporzioni rispetto a quelle che già esplosero nel 2009 in concomitanza del cambio di colore dell'amministrazione e dell'altra del 2006 quando l'ex Sindaco Mocio volle fare le pulci ai conti lasciati dal suo predecessore Cimicchi. (scarica il dossier - La Bolla del Bilancio- da www.unireipuntini-orvieto.it).

Per avere un'idea di quanto la situazione deficitaria del Comune di Orvieto si sia oggi drammaticamente aggravata basta riscontrarla con i nuovi 10 criteri valutativi stabiliti dal Ministero dell'Interno con il decreto del 18/2/2013 , applicabili già al consuntivo 2102 essi rappresentano una sorta di pagella da cui derivano conseguenze ( lo stato di pre-dissesto e di dissesto) degli enti i cui bilanci non soddisfino almeno la metà dei criteri indicati.

Ne deriva che il voto (Rating) attribuibile a Orvieto, è zero! Proprio così, il bilancio del Comune di Orvieto non soddisfa neanche uno dei parametri richiesti. Quelli che apparentemente vengono osservati, infatti, sono frutto di manipolazioni come ad esempio il vincolo da rispettare nel rapporto tra gli interessi e oneri pagati per indebitarsi e le entrate correnti del Comune. Nel Consuntivo 2012 tale rapporto è indicato nella misura del 6,18% inferiore, apparentemente, al massimo consentito del 8%. In realtà in questo conteggio vengono lasciati fuori 600.000 euro pagati a RBS e altri 485.000 del contenzioso con BNL, entrambi relativi agli oneri dei famigerati Swap e contabilizzati in altri capitoli di spesa, in modo tale che essi non concorrano al suddetto vincolo di equilibrio del bilancio che ne sarebbe risultato ampiamente sforato.

Dal 2013 in poi stop ai trucchi

Quest'anno le norme contenute nella nuova Legge di Stabilità rendono impossibile, a meno di pietose modifiche della stessa, la possibilità di truccare gli equilibri contabili sia perchè le alienazioni del patrimonio non possono più essere neanche in parte postate a copertura della spesa corrente, sia per l'analoga disposizione riguardante i proventi degli oneri urbanistici e di quelli contravvenzionali.

Ma il vero marciume restano anche le altre bombe finanziarie a orologeria pronte a esplodere come l'esito finale della vertenza giudiziaria sugli Swap, quella della montagna dei Residui attivi inopinatamente considerati ancora esigibili e la non meglio quantificabile lista dei cosiddetti debiti fuori bilancio.

Entro il 30 aprile, tra qualche giorno, l'amministrazione dovrebbe compilare la lista delle fatture dei suoi fornitori il cui pagamento è stato sbloccato dal recente decreto del Governo. Il Comune non ha disponibilità di cassa per far fronte, ma potrebbe accedere agli appositi finanziamenti predisposti dallo Stato. Non lo farà sia perchè non è in grado di sostenerne i pur ridotti oneri (interessi) sia perchè dovrebbe stilare una lista dettagliata dove, forse, i debiti accertati si sommerebbero a quelli ancora da accertare con la conseguente emersione dell'entità di quelli cosiddetti fuori bilancio.

Questo modo di agire ha portato la finanza comunale sulla soglia del baratro dei 100 milioni di euro di debito complessivo che è la somma dei prestiti, del disavanzo corrente, dei residui inesigibili e dei debiti cosiddetti fuori bilancio, a cui bisogna aggiungere il valore dell'impoverimento patrimoniale del Comune a seguito delle alienazioni dei beni ceduti in questi ultimi anni. Ma il vero scandalo non sono le cifre in se stesse, quanto il fatto che esse rispecchiano una città allo stremo e un con un costante trend al degrado.

Le prospettive

Le soluzioni efficaci e possibili per rimediare a questo disastro potranno esser prese, ormai, solo da chi verrà dopo adottando le decisioni e i cambiamenti delineati per la messa a reddito della città. Quelli di adesso dovrebbero avere l'umiltà e la coscienza di dire la verità sulla situazione che hanno determinato senza riuscire a correggere gli errori del passato e, in questo modo, favorire fin d'ora altre strade senza esporsi ad altre inadempienze e ridicolaggini come quella della "riservatezza" e del "lavoro discreto svolto ventre a terra" che compongono il mantra comunicativo di Toni Concina, utile nel mondo degli affari, ma assai deleterio e indesiderato nella res pubblica.

Oltretutto questo modo di impostare la comunicazione mal si concilia con le leggi in vigore, comprese le norme della 190/2012 (anti-corruzione) che stabiliscono l'obbligo per il Comune di pubblicare sul proprio sito un link denominato "Amministrazione trasparente" dove informare in tempo reale non soltanto delle delibere di Giunta e di Consiglio, ma tutte le Determine dei Dirigenti e tutte le altre informazioni o atti inerenti i processi formativi delle decisioni ancora da prendere e le istruttorie sulle decisioni e gli affari del Comune. Altro che riservatezza, la legge impone il contrario.

Il compito rimane per noi quello di unire i puntini delle eccellenze e delle buone idee che circolano in città per ridare ad essa una Amministrazione che non sia né zoppa, né ingessata e senza confondere questa ineludibile esigenza con la stima e il rispetto personale che restano immutati verso le donne e gli uomini che si sono inutilmente e comunque inefficacemente prodigati finora.

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 marzo

"Giornate FAI di Primavera". Nel segno di Ippolito Scalza, la 25esima edizione

Tornano a splendere i dipinti delle chiese di S.Giovanni Battista e S.Caterina d'Alessandria

A Ficulle, visita alla Chiesa di Santa Maria Nuova ed eventi collaterali

"Festa dell'Iscrizione" in musica per l'Associazione Ex Alunni del Liceo Classico "Gualterio"

Per la Zambelli Orvieto, c'è l’appuntamento interno col Cesena

Nando Mismetti eletto presidente Upi Umbria dall'assemblea generale

"Camminare per conoscerci", il Comune presenta il calendario delle iniziative Trekking e Nordic Walking 2017

Provincia, mobilitazione no tagli: "Solo 500 euro per ogni scuola, sicurezza a rischio"

Informazioni sulle chiusure della circolazione per la gara podistica

73esimo anniversario dell'Eccidio di Camorena, il programma delle celebrazioni

Parlamento Europeo a Norcia. Marini: "Gesto concreto vicinanza a popolazioni colpite”

"Terra di Confine 2013", ed è subito magia. Domenica di degustazione alla Tenuta Vitalonga

"Cara Radio...sfiorami la mano". Al Mancinelli la coproduzione di Filarmonica, Scuola di Musica e TeMa

"Insieme a te non ci sto più". Al Teatro Spazio Fabbrica, il quintetto di Marco Morandi

Foto di una madre

Te la dò io, l'Euro

Tra Arpa e Confindustria Umbria si rinnova il dialogo sulle tematiche ambientali

Post-sisma, misure urgenti per l'intero comparto turistico

Orvieto incontra Jack Sintini. "La forza e il coraggio dello sport nelle avversità della vita"

Orvietana al Muzi, con il Cannara è il momento della verità

Moria di pesci in concomitanza con la piena. "Salviamo il lago di Corbara"

Rifacimento della segnaletica stradale, via alla seconda fase

"Per...Altro". Convegno AUCC e rappresentazione teatrale al Santa Cristina

Gli allievi dell'Alberghiero visitano Falesco e Museo delle Scienze Agroalimentari

Musical a Porta d'Orvieto, arriva "Las Aventuras de Luna"

Giuseppina Mellace presenta il libro "Delitti e stragi dell'Italia fascista dal 1922 al 1945"

Il Liceo Artistico va a scuola di benessere. Fra orti sinergici, laboratori integrati e Zen

Intorno alla Rupe cresce l'economia della Grande muraglia, in molti vogliono vendere ai cinesi

Bambini sotto shock per l’attentato. Come aiutarli?

Urla, polemiche e promesse: dibattito e voto in Regione su Le Crete

A Collevalenza la 34esima rappresentazione della Via Crucis

Pasqua a Lugnano in Teverina, tutti gli appuntamenti

Politica dei rifiuti o degli assensi?

Azienda Usl Umbria 2, nessuna riduzione o sospensione dei servizi durante le festività pasquali

Controlli rafforzati per il ponte di Pasqua. Arresti, denunce e allontanamenti

Anche la sezione primavera "L'Altalena" all'Ovo Pinto di Civitella del Lago

Psr Umbria 2014-2020: oltre 48milioni di euro per sviluppo locale

Maxi-concorso regione, prova preselettiva tra i 31.909 candidati

Mettere un freno all'accattonaggio, la Lega Nord chiede maggiori controlli

Partito il ciclo di conferenze su Bartolomeo di Alviano

Elisabetta Antonini e Marcella Carboni al Tuscia in Jazz con il loro progetto Nuance

72 anni fa l'eccidio dei Sette Martiri di Camorena, Orvieto li ricorda così

Anas: 4,5 milioni di euro in tre anni per la manutenzione ordinaria delle strade statali dell'Umbria

"Appendere...ad Arte". Mostra nell'ex chiesa di San Giacomo Maggiore

Servizio interforze per contrastare micro-criminalità, commercio abusivo e accattonaggio molesto

Anche la Cia è contraria all'ampliamento della discarica: "La Regione riveda le sue posizioni"

Pizze di Pasqua, i premiati della 14esima edizione. Degustazioni e solidarietà

Eccidio di Camorena, le iniziative del Centro di documentazione popolare

Geotermia e biomasse, il consiglio comunale dice no

Ripartire dall'olivicoltura per promuovere il territorio

Puc 3. Sì della giunta ai bandi per interventi di edilizia residenziale e attività produttive

"Netland". Alla sala polivalente, c'è l'assemblea informativa sul Puc 3

Al Teatro dei Rustici la Compagnia "Un Sacco DiVersi" presenta "Come d'autunno"

I pendolari di Orte pronti a manifestare contro la soppressione dell'Ic 598

I Porti della Teverina. Al Teatro dei Calanchi di Lubriano "I nuovi lineamenti delle mafie"

Dopo Fabio Bistoncini, il Cenacolo del Csco propone un incontro sull'educazione finanziaria

Lo Sportello d'Ascolto Integrato lancia una campagna di sensibilizzazione contro lo stalking

Energia elettrica interrotta. Restyling delle cabine Enel in località Padella e Poggente

Biomasse. Terzino replica al comitato e annuncia un incontro con i sindaci dell'alto Orvietano

"Con i cittadini per Castel Giorgio": "Lo chiedevamo da più di due anni"

"Prima di tutto Castel Giorgio": "Salvaguardia del territorio e mancanza di condivisione delle scelte amministrative"

Orvieto dice sì al Centro di ricerca e formazione per la salute e l'alimentazione

Lavezzini Parma vs Azzurra Ceprini Orvieto: 64 a 55. Mercoledì a Cagliari e sabato si chiude a Porano contro Umbertide.

Chi è chi. Antonio Amatulli, tecnico esperto ma soprattutto amico vero di Azzurra

Quando il destino si diverte ad intrecciare un'esistenza con un territorio

Al San Giovanni presentazione del Progetto Farsiccia e Consumer Test

L'Orvieto Basket fa 2 su 2, battuto anche Rieti

Sei patenti ritirate dai carabinieri per abuso di alcool e droga

Torna l'iniziativa "L'insalata della nonna" dedicato alle erbe spontanee mangerecce

Eolico sul Peglia. La Provincia replica a De Sio: "Nessuna norma elusa"

Catena di solidarietà dei dipendenti Enel per donare il sangue

Con la rassegna "Amarcord" la Montegabbione del passato rivive nei filmati amatoriali

Preadottato il nuovo calendario venatorio. Si parte il 2 settembre

"Primavera e poesia" al Caffè del Teatro con i Lettori Portatili

Al Mancinelli per "Visioni di futuro" Pannelli e Tagliabue portano in scena "A slow air"

Itw Lkw accanto a Legambiente e Kyoto Club per discutere di geotermia come sviluppo

Falsa inaugurazione? Luciani (Identità e Territorio) interroga la giunta sulla nuova sala operatoria

Il business dell'oro rubato fruttava 4 milioni l'anno. Manette anche nell'Orvietano