opinioni

Solidarietà ai giovani del PD: siate donne e uomini di un'epoca di cambiamento

lunedì 22 aprile 2013
di Davide Orsini
Solidarietà ai giovani del PD: siate donne e uomini di un'epoca di cambiamento

Vorrei che l'iniziativa dei Giovani Democratici di Orvieto, simile a quella di tanti altri inscritti del PD che in questi giorni hanno manifestato il loro dissenso nei confronti dei vertici del loro stesso partito, non passasse sotto silenzio. Di silenzi e mancate risposte ce ne sono stati troppi in questi anni. Ma soprattutto il PD non è mai riuscito a costruire una sua identità, al netto delle patetiche strategie legate alle contingenze politiche e dettate dalla schizofrenia di gruppi dirigenti continuamente in lotta per il potere. Oggi sarebbe facile elencare tutte le cose che non hanno mai funzionato, o funzionato male. Fatto sta che gente che come me si considera di sinistra ha guardato a quella strana creatura con estrema diffidenza sin dalla sua nascita.

Il PD è stato l'oggetto misterioso della politica italiana degli ultimi 6 anni. Forse per questo speranze e delusioni, odio e amore sono mescolati insieme ad un estremo sentimento di impotenza. Oggi più che mai le speranze disattese, le illusioni di cambiamento, i passi in avanti rappresentati dalle primarie, e quelli indietro mossi nelle occasioni più importanti sono raccolti nella protesta di una nuova generazione che ha pazientato per anni e che forse si è tappata il naso, le orecchi, e gli occhi tante, troppe volte.

Il cambiamento comporta dei rischi, sempre. È inevitabile che di fronte a scelte di rottura in molti si sentiranno perduti e vorranno rimanere aggrappati agli scogli che l'apparato ancora offre come contropartita a chi decide di affidarvisi. È ora di abbracciare il mare aperto e di trovare lo spirito per poter affrontare l'ignoto, tenendo a mente che potranno esserci approdi diversi. Se Renzi, oppure Barca e Vendola offriranno mete interessanti è giusto che si apra un confronto. Ma quest'ultimo non potrà essere la riedizione delle guerre di trincea che lasciano i due schieramenti fissi sulle loro posizioni.

Lo scopo non è mantenere la linea, lo scopo è trasformare la sinistra italiana, traghettandola verso un futuro nettamente diverso dai soliti programmi di maniera scritti nelle stanze di partito. I nuovi dovranno impegnarsi nella società, non per fare volontariato, ma per cominciare ad essere se stessi e dunque per dare un contributo da posizioni concrete e da esperienze di vita reali, fatte tra la gente che lavora, che studia, che viaggia, che si aggiorna, che non chiede raccomandazioni, e tiene alto il nome di un ideale di giustizia e libertà che non può sottostare a nessun tipo di compromesso. O si è per il cambiamento, oppure si rimane ancorati all'esistente, magari con qualche aggiustatina al look.

Io, lo dico convintamente, inviterei i giovani a rileggersi Gramsci. Non per un vezzo intellettualistico, oppure per rincorrere il mito dell'apparteneza alla grande storia politica di questo paese. Gli intellettuali organici che egli descrive non sono "organici al partito" come certi burocrati ex PCI intendono (sapendo di mentire). Gli intellettuali organici sono espressione delle nuove professioni che emergono nella società contemporanea. Quanti pochi intellettuali ha la sinistra oggi! Non servono filosofi alla Cacciari, ma intellettuali moderni che si confrontano con la vita fuori dalle mura delle sezioni.

Ai giovani del PD dico di affrontare il momento con coraggio e di non temere di esporsi. Se non lottate ora per voi stessi, la vostra stessa presenza in questo partito, e nel mondo, sarà ininfluente. Prima di essere tesserati del PD siate donne e uomini di un'epoca di cambiamento. Ma il cambiamento va indirizzato attraverso la conoscenza. Proprio quella che per troppo tempo Bersani, D'Alema, Bindi e tanti altri hanno messo nel cassetto, illudendosi di poterne fare a meno. La marea del M5S non deve essere contenuta ed annullata. Andrebbe abbracciata come un segno di speranza. Quei quarantenni che a differenza del sottoscritto non hanno mai partecipato ad una riunione di partito stanno sperimentando la partecipazione soltanto ora. Non li si accusi di essere sgraziati, al limite della non-democraticità. Le forme della partecipazione sono molteplici. In un'altra occasione ho scritto che chi accusa altri di essere anti-democratici dovrebbe riflettere sulla propria autorità nel rivolgere quelle accuse. Se c'è una cosa che Napolitano ha avuto ancora il coraggio di insegnare oggi è che chi non fa fino in fondo il proprio dovere, potrà con difficoltà apparire credibile agli occhi del Popolo. Ed è giusto che il Popolo glielo faccia capire, anche nelle piazze.

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 gennaio

Differenziata, la media si attesta al 78,12 per cento. Filiberti: "Non ci fermiamo qui"

Si è casta quando non si ha una solida formazione etica, politica e culturale

Danilo Giulietti relaziona su "Luce e colore". Conferenza ISAO a Palazzo Coelli

"Ricordiamoci di ricordare". Spettacolo al Palazzo Baronale

Pronta la nuova convenzione per l'adesione alla Centrale unica di committenza

Giorno della Memoria, due giorni di eventi per ricordare la Shoah

Nuovo Comitato Uisp Orvieto Mediotevere, Federica Bartolini presidente

Di un Eden

Bandiera Canadese

Allora non esisteva l'Erasmus

La Vetrya Orvieto Basket viene travolta dal Bastia

Lucetta Scaraffia ospite del ritiro mensile del clero della Diocesi di Orvieto-Todi

Una sconfitta, una vittoria e un pareggio per l'Orvieto FC. In settimana esordio per gli Allievi

"Dall'Amiata alla Valle del Tevere: ancora geotermia industriale o un altro sviluppo è possibile?"

Al Mancinelli Ashira Ensemble propone "Un volo leggero...Per rispondere con la vita"

Omaggio alla Catalogna. Musica, letture e mostra per il Giorno della Memoria

Esperti a convegno al Palazzo dei Congressi su "Nuove prospettive in Neonatologia"

L'Unitre Orvieto presenta il secondo quadrimestre di attività

Nasce l'associazione "Orvieto Runners". Tra gli obiettivi, la promozione del Trail Running

Letture e film a scuola per non dimenticare

Design, Verdi, Pissaro e Santa Rosa. La settimana allo Spazio Pensilina

Province, con tagli previsti a rischio blocco servizi al cittadino. Il dossier Upi presentato in Commissione Parlamentare

Terremoto, Rifondazione si appella al Consiglio Regionale: "Riappropriamoci di un intervento autonomo come nel 1997"

Fine settimana da dimenticare per la Cestistica Azzurra Orvieto

Consegnato a Cascia il secondo modulo abitativo provvisorio

"Fermate il pagamento della Tosap: poca comunicazione, cittadini in difficoltà"

Sul ruolo delle associazioni in generale e sulla Val Di Paglia Bene Comune in Particolare. Meglio chiarire

Terzo calanco? Redde rationem nel PD

Dal 12 febbraio a Orvieto il nuovo Corso di qualificazione professionale per sommelier

Imu agricola: il Tar del Lazio non conferma la sospensiva

Servizio idrico: il recupero del deposito cauzionale crea problemi agli utenti. Luciani interroga il sindaco

Ciconia - Umiltà, impegno e lavoro: la strada del successo secondo Francesco Romanini

Truffa dell'incidente alla figlia, anziana ci rimette 600 euro. Indagini a tutto campo

Opere previste dal Consorzio Val di Chiana per la mitigazione del rischio di esondazione del fiume Paglia, argomento su cui riflettere

Cordoglio per la scomparsa dell'agente di Polizia, Lorella Manglaviti

Imu agricola: il Consiglio dei Ministri cambia le altimetrie

Nel "Giorno della Memoria", Augusto Cristofori riceverà la medaglia d'onore della Repubblica

Polizia Provinciale: oltre 7 mila controlli in un anno, ma ora c'è il rischio che tutto svanisca

Orvieto Basket. L'under 19 torna alla vittoria nella trasferta contro Ponte Vecchio

Da Miami all'Azzurra Orvieto, Joanna Harden è pronta a scendere in campo

Altro derby umbro per Zambelli Orvieto che ospita il Trevi

"Il ricordo del gesto eroico di Aldo e Francesca Faina" e proiezione di "Corri ragazzo corri"

L'Istituto d'istruzione superiore scientifico e tecnico presenta il "Progetto formativo d'istituto"

Avvio partenopeo per "Risate & Risotti", poi a Orvieto per San Valentino

Azzurra Ceprini Orvieto – Reyer Venezia, palla a due iniziale al PalaPorano

Letture, flauto e violoncello al Museo delle Terrecotte