opinioni

Studio e lavoro: diritti o chimere?

domenica 13 gennaio 2013
di Mario Tiberi

Alcuni mesi orsono, redassi un articolo giornalistico avente a tema il valore etico fondamentale e vitale per ogni umana esistenza, quale è il lavoro, e sostenni la irrinunciabile necessità che, per rifondare su basi più avanzate di giustizia e di uguaglianza nella libertà la democrazia della società italiana, l'unica via da percorrere fosse quella della riqualificazione morale e politica delle arti, dei mestieri e delle attività professionali nelle loro più ampie articolazioni.

Mi era sembrato di aver esperito un'analisi compiuta e completa o quasi; poi, la recente lettura di una dichiarazione rilasciata da un giovane tunisino, profugo in Italia, mi ha aperto nuovamente gli occhi e condotto a superiori e più approfondite riflessioni.

Detto giovane ha lapidariamente sostenuto che in Tunisia sotto la dittatura, prima dei moti rivoluzionari datati duemilaundici, era lecito e consentito non altro se non che studiare e lavorare quando, al contrario, ogni diversa e libera iniziativa personale veniva negata e repressa con la sola eccezione dell'inconculcabile, platonico "dialogo silenzioso dell'anima con se stessa".
Di certo, trattavasi di uno studiare e di un lavorare altamente spersonalizzanti poiché i totalitarismi, nel pieno della loro furia liberticida, approdano sempre e soltanto ad un lido funesto: bandiscono le differenze. Tutto ciò è talmente vero al punto che non può rappresentare, per nessuna ragione al mondo, un ideale perseguibile quello che distrugge e annienta le inviolabili identità personali e le libere volontà individuali.

Non era possibile non reagire di fronte a tali concettualità e la spinta reattiva è stata veemente, per determinati aspetti forse inimmaginabile e, non da ultimo, diametralmente opposta a quella che ci si poteva attendere. Per gesto di ironia variegata da venature di sarcasmo, la mia indignazione per la ridicola teatralità tragicomica, nella quale l'amato "Bel Paese" ha deciso di calarsi, si è accesa allorquando ho intuito la portata storica del dovermi confrontare con il seguente assunto: nella dittatura tunisina, come anche in ogni altra dittatura, si studiava e si lavorava mentre tutto il resto era precluso; nella nostra democrazia sembra che tutto sia lecito e permesso fuorché studiare e lavorare.

E', allora, forse preferibile un governo tirannico che impone lo studio obbligato e il lavoro forzoso piuttosto di uno, formalmente democratico, che non ne offra la libera possibilità?.
Il ragionamento è ovviamente assurdo e paradossale; è però, contestualmente e al tempo stesso, emblematico e metaforicamente rappresentativo dell'attuale, triste ed allarmante, condizione socio-politica italiana. Volutamente e consapevolmente si sta distruggendo il sistema scolastico e universitario, sia concretamente attraverso tagli finanziari indiscriminati a lama affilata e a cagione dell'approvazione di una riforma che ne ha snaturato la sua originaria funzione costituzionale immiserendolo, e sia per infondate e surreali insinuazioni che assomigliano spesso e volentieri a vere e proprie calunnie da parte di chi, pur rivestendo ruoli di primaria responsabilità, non conosce nulla o quasi dei reali ambienti dell'istruzione formativa non vivendoli direttamente e, quindi, non immedesimandosi in essi. E il distacco paranoico e progressivo dalla realtà è quanto di più inquietante e pernicioso che possa esistere.

Alla stessa stregua viene ormai valutato il lavoro, bistrattato e vilipeso: è praticamente introvabile e, se per ventura lo si rintraccia, assume novanta su cento la connotazione di una squalificata dequalificazione; non è più avvertito come un dovere, un diritto e un valore ma, sia detto senza offesa, aleggia come un incubo permanente essendo divenuto l'ossessione dei disoccupati e l'amarezza di coloro che, a stento, "vivacchiano", non sentendosi ricompensati da una mercede affatto remunerativa in termini di soddisfazione materiale e di realizzazione personale.

Il disagio sociale è evidente e diffuso, ma ognuno lo vive "uti singulus" dalla propria prospettiva egocentrica; divisi come non mai, immersi nel loro non sempre cosciente egoismo e individualismo, i potenziali prestatori d'opera cantano stonati le note disarmoniche di un cantico intriso di rabbia, di denuncia e, purtroppo, perfino di autocommiserazione.
Non da così scissi e pervicacemente isolati dal contesto comunitario che si può affrontare e vincere la sfida, ma uniti in un coro concorde e globale di vociante e vibrante protesta.

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 marzo

"Corri sulle strade dell'Ottobrata Orvietana", ai nastri di partenza la sesta edizione

Asia Argento e Filippo Dini al Mancinelli con "Rosalind Franklin. Il segreto della vita"

Giornata Mondiale della Poesia, presentato il libro "Dall'esperienza al racconto"

Casa di Riposo, indetta la gara per la gestione transitoria

"Medaglie al Merito" in Prefettura, tra gli insigniti c'è anche Pietro Federico

A Palazzo Simoncelli, l'omaggio a Leopardi di Diana Iaconetti e Nuccia Martire

Luca Fringuello e i Giovanissimi di Orvieto Fc: "Contento dei risultati fin qui ottenuti"

Unipoptus, ecco a chi andranno gli attestati di benemerenza 2017

Orvieto tra le 13 stazioni appaltanti per l'individuazione di soggetti da invitare alle procedure negoziate

"L'Umbria si rimette in moto", Lugnano in Teverina consegna ulivi collezione mondiale

Al Palazzo del Gusto, mini-corso di caffetteria gratuito per gli imprenditori del territorio

Provincia, assemblea Upi Umbria e mobilitazione per fondi scuole

Al Teatro Boni cala il sipario su una stagione da applausi. Nardi: "Puntiamo sulla qualità"

Sabbia d'estate

Riduzione del rischio da catastrofi, gli impegni del Comitato delle Regioni d'Europa

Impatto ambientale, Università della Tuscia e Comune sottoscrivono la convenzione

Mezzo secolo di storia, l'Avis cresce e si prepara ai festeggiamenti

"Shiatsu&Alzheimer": attraverso il corpo una via per entrare in relazione

L'Alto Orvietano "In marcia per le donne" verso la Panchina Rossa

A Todi, sarà aperto per la prima volta al pubblico Palazzo Atti-Pensi

Karate, gli atleti della Scuola Keikenkai in Marocco per l'Open di Tangeri Wkf

Il X Congresso della Fnp Cisl Umbria conferma Giorgio Menghini alla guida dei pensionati

La Sagra della Primavera all'Hosteria di Villalba. Sabato 25 marzo, da mattina a sera

Disciplina della viabilità, ecco cosa cambia

Ippolito Scalza, un orvietano nel solco di Michelangelo

Fate morire in voi gli atteggiamenti

Il giardino delle ortensie

Operaio non pagato, si barrica sul tetto di un'abitazione in costruzione

Zambelli Orvieto sempre più apprezzata, lo dice Martina Sabbatini

Attentati a Bruxelles, bandiere a mezz'asta e un invito a reagire con determinazione

La mostra-mercato di prodotti agroalimentari e artigianali di Città della Pieve compie vent'anni

Materiale per la biblioteca dalla raccolta degli oli esausti di origine vegetale

Il Coordinamento dei ristoratori orvietani dice no a Orvieto pattumiera dell'Umbria

L'Archivio di Stato lascia Piazza Duomo e trasloca nell'ex tribunale

Audizione con i vertici di Cosp per analizzare i primi risultati della differenziata

Bocciata la mozione sulla discarica, in aula scoppia il caos

Dal dibattito tutti contro l'inefficienza della raccolta differenziata nel ternano

Sì alla risoluzione geotermia, sull'Alfina si può sperare in un futuro senza speculazioni

Il messaggio del vescovo Tuzia in occasione della Pasqua: "Vigilate e pregate"

Gnagnarini replica alla minoranza: "Picconati tasse e deficit comunale"

"La Pasqua tra sacro e profano". Concerto con gli allievi del maestro Davide Rocca

Nuovo orario e una ricorrenza particolare per il Museo Etrusco "Claudio Faina"

Discarica, De Sio (FdI-An) attacca l'esecutivo: "La Regione ha la memoria corta"

Materazzo Vs Tatta, la sfida tra Comunista e Democristiano. Arbitra Conticelli

Protesta in Regione contro l'ampliamento della discarica: le immagini

Lo strano caso dei lavori sul torrente Carcaione. Italia Nostra: "Nessuna partecipazione"

A proposito di ambiente, le priorità dei Giovani democratici: "Cosa serve all'Orvietano"

Hosteria di Villalba, uno sviluppo "Coeso" per la valorizzazione delle aree montane

Fiorini e Mancini (Lega Nord): "Il Pd trasforma Orvieto in pattumiera dell'Umbria"

Dopo il documento, i venti sindaci dell'Area Interna icontreranno la Marini

Corso di lingua italiana per stranieri e laboratorio di disegno per studenti

Nel pomeriggio di Pasqua alla Chiesa dei Servi torna la messa in latino

Processioni e rievocazioni storiche della Passione in tutto l'Orvietano

In corso la campagna di tesseramento 2016 dell'associazione "Lea Pacini"

Fascino e suggestione a Palazzo Orca, con i "Quadri Viventi" del Terziere Borgo Dentro

La rievocazione della Passione nei borghi della Tuscia viterbese

"Orvieto per tutti" svela il logo. Ad aprile la presentazione ufficiale

Successo per la mostra "Omaggio a Francesco" e il libro "Dialoghi nell'Immenso"

"The art of the brick". I mattoncini Lego vanno in mostra e diventano opera

"Blowing Art. Se a Orvieto ci fosse il mare…". In mostra, le visioni di Carlo Rognoni

Rifondazione Comunista propone un percorso comune a sinistra del PD

In tilt da tre giorni le linee telefoniche di Ospedaletto. Protestano gli abitanti isolati anche dalla neve

38 mila euro di contributi per lo spettacolo dalla Provincia. Lo annuncia l'assessore alla cultura Sganappa

Conviviale d'eccezione del Rotary Orvieto: ospite d'onore la dott.ssa Rita Valecchi con un'interessante relazione sul futuro dell'Ospedale di Orvieto

La relazione della dott.ssa Valecchi: 'Ospedale di Orvieto: Innovazione e progettualità'

La Filarmonica Mancinelli inaugura a Montefiascone 'Primavera in Etruria'. Solista al pianoforte il maestro Riccardo Cambri

Accessibile al pubblico il Fondo bibliotecario Renato Bonelli. Domenica 25 marzo l'inaugurazione

Mondovino: quando il tempo premia l'Orvieto. A Roma Palazzone in verticale: 15 anni di Campo del Guardiano

Non si placano gli animi sulla delibera della Corte dei conti. AN e Altra Città chiedono un Consiglio Comunale in seduta segreta per discutere il comportamento del Presidente

Una giornata di studi dedicata alle novità della legge Finanziaria. Seminario di studi della Presidenza del Consiglio di Orvieto e della Fondazione PROMO P.A.

Scontro a sinistra sulla ripubblicizzazione dell'acqua. Un polemico intervento del consigliere Imbastoni: 'Battaglia per l’acqua pubblica: basta con i verniciatori'

La lettera del Comitato Promotore Regionale Umbro per la ripubblicizzazione dell'acqua agli eletti dell'Umbria

'Un dibattito serrato ma franco' tiene impegnata la direzione DS al completo fino alle due di notte