opinioni

Studio e lavoro: diritti o chimere?

domenica 13 gennaio 2013
di Mario Tiberi

Alcuni mesi orsono, redassi un articolo giornalistico avente a tema il valore etico fondamentale e vitale per ogni umana esistenza, quale è il lavoro, e sostenni la irrinunciabile necessità che, per rifondare su basi più avanzate di giustizia e di uguaglianza nella libertà la democrazia della società italiana, l'unica via da percorrere fosse quella della riqualificazione morale e politica delle arti, dei mestieri e delle attività professionali nelle loro più ampie articolazioni.

Mi era sembrato di aver esperito un'analisi compiuta e completa o quasi; poi, la recente lettura di una dichiarazione rilasciata da un giovane tunisino, profugo in Italia, mi ha aperto nuovamente gli occhi e condotto a superiori e più approfondite riflessioni.

Detto giovane ha lapidariamente sostenuto che in Tunisia sotto la dittatura, prima dei moti rivoluzionari datati duemilaundici, era lecito e consentito non altro se non che studiare e lavorare quando, al contrario, ogni diversa e libera iniziativa personale veniva negata e repressa con la sola eccezione dell'inconculcabile, platonico "dialogo silenzioso dell'anima con se stessa".
Di certo, trattavasi di uno studiare e di un lavorare altamente spersonalizzanti poiché i totalitarismi, nel pieno della loro furia liberticida, approdano sempre e soltanto ad un lido funesto: bandiscono le differenze. Tutto ciò è talmente vero al punto che non può rappresentare, per nessuna ragione al mondo, un ideale perseguibile quello che distrugge e annienta le inviolabili identità personali e le libere volontà individuali.

Non era possibile non reagire di fronte a tali concettualità e la spinta reattiva è stata veemente, per determinati aspetti forse inimmaginabile e, non da ultimo, diametralmente opposta a quella che ci si poteva attendere. Per gesto di ironia variegata da venature di sarcasmo, la mia indignazione per la ridicola teatralità tragicomica, nella quale l'amato "Bel Paese" ha deciso di calarsi, si è accesa allorquando ho intuito la portata storica del dovermi confrontare con il seguente assunto: nella dittatura tunisina, come anche in ogni altra dittatura, si studiava e si lavorava mentre tutto il resto era precluso; nella nostra democrazia sembra che tutto sia lecito e permesso fuorché studiare e lavorare.

E', allora, forse preferibile un governo tirannico che impone lo studio obbligato e il lavoro forzoso piuttosto di uno, formalmente democratico, che non ne offra la libera possibilità?.
Il ragionamento è ovviamente assurdo e paradossale; è però, contestualmente e al tempo stesso, emblematico e metaforicamente rappresentativo dell'attuale, triste ed allarmante, condizione socio-politica italiana. Volutamente e consapevolmente si sta distruggendo il sistema scolastico e universitario, sia concretamente attraverso tagli finanziari indiscriminati a lama affilata e a cagione dell'approvazione di una riforma che ne ha snaturato la sua originaria funzione costituzionale immiserendolo, e sia per infondate e surreali insinuazioni che assomigliano spesso e volentieri a vere e proprie calunnie da parte di chi, pur rivestendo ruoli di primaria responsabilità, non conosce nulla o quasi dei reali ambienti dell'istruzione formativa non vivendoli direttamente e, quindi, non immedesimandosi in essi. E il distacco paranoico e progressivo dalla realtà è quanto di più inquietante e pernicioso che possa esistere.

Alla stessa stregua viene ormai valutato il lavoro, bistrattato e vilipeso: è praticamente introvabile e, se per ventura lo si rintraccia, assume novanta su cento la connotazione di una squalificata dequalificazione; non è più avvertito come un dovere, un diritto e un valore ma, sia detto senza offesa, aleggia come un incubo permanente essendo divenuto l'ossessione dei disoccupati e l'amarezza di coloro che, a stento, "vivacchiano", non sentendosi ricompensati da una mercede affatto remunerativa in termini di soddisfazione materiale e di realizzazione personale.

Il disagio sociale è evidente e diffuso, ma ognuno lo vive "uti singulus" dalla propria prospettiva egocentrica; divisi come non mai, immersi nel loro non sempre cosciente egoismo e individualismo, i potenziali prestatori d'opera cantano stonati le note disarmoniche di un cantico intriso di rabbia, di denuncia e, purtroppo, perfino di autocommiserazione.
Non da così scissi e pervicacemente isolati dal contesto comunitario che si può affrontare e vincere la sfida, ma uniti in un coro concorde e globale di vociante e vibrante protesta.

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 gennaio

Complanare, nuova fase di spinta oleodinamica del ponte in acciaio

"Le Grandi Firme della Tuscia". In distribuzione il terzo numero dell'aperiodico di Letteralbar

Azzurra Ceprini A1. Palla a due al PalaPorano con San Martino di Lupari

Montelone, la Provincia scioglie il silenzio. La prossima settimana, il bando per i lavori stradali

In manette 22enne, rubò chioccia con tutti i pulcini

Larocca interrompe lo sciopero: "L'amministrazione continuerà a vigilare"

Approvato l'odg per inserire il "reato di tortura" nell'ordinamento italiano. Il plauso di Amnesty International

Esce "Studi Interrotti", l'album d'esordio de "Gli Scontati". Il 28 gennaio al Valvola

Sfilata di maschere e carri allegorici per la "Festa di Carnevale" di Porano

Torna a luglio la seconda edizione del Premio Letterario "Città di Lugnano"

Tir si ribalta in Autostrada, code e disagi bloccano il traffico

Due ristoranti "nostrani" alla sfida Tv di Alessandro Borghese

Lasciavano le auto su "quattro ceppi" e scappavano, beccata la banda del cric

Regione contro l’inceneritore in Umbria, ma i comitati chiedono garanzie sulle discariche

Garbini lascia, si dimette il sindaco di Castel Giorgio

Bollo per i veicoli di interesse storico o collezionistico: dal primo gennaio riduzione del 10 per cento

Auto alluvionate, Sacripanti (FdI-An) sollecita un nuovo bando per il risarcimento dei danni

Consiglio regionale, respinta la mozione sul "sostegno alla famiglia naturale"

Punti nascita, la presidente Marini rassicura: “Non sono previste altre chiusure”

"Ravensbrück. Il lager delle donne", gli scatti di Ambra Laurenzi al Palazzo del Popolo per il Giorno della Memoria

A Città della Pieve nasce il liceo musicale. Open Day di presentazione

"Internet e le nuove generazioni: ripartiamo dalla famiglia". Incontro conclusivo per "Famiglie al centro"

Differenziata lumaca, ora la Regione corre ai ripari: obiettivo 60% entro l'anno

Piano comunale di classificazione acustica, nulla di fatto. In standby le controdeduzioni

Kino-Workshop al Centro Viva. A lezione di linguaggio cinematografico

Incontro informativo sull'iniziativa comunitaria "Garanzia Giovani"

Jasmine Rossini: "Per la Zambelli Orvieto il campionato è aperto"

Cardinali al Sindaco: "Sul parco del Paglia ci dica cosa bolle in pentola"

Sanità, la giunta regionale umbra sospende il ticket intramoenia

Folklore e tradizione si incontrano per la seconda "Giornata delle Pasquarelle"

Il vescovo presiede i funerali di don Adelmo Ciurletti

Sacripanti (FdI-An) propone l'istituzione di un forum civico in materia di assistenza socio-sanitaria

Dall'orto al piatto. Dalla collaborazione fra le scuole, un progetto sperimentale

La Regione investe quasi 3 milioni di euro per finanziare la competitività delle aziende vitivinicole

Centro Studi, via allo "Spring Semester" della Kansas State University e della University of Arizona

Orvieto tra le sezioni Cai che hanno collaborato alla rete sentieristica-escursionistica umbra

Furti e atti vandalici al Fanello. Tardani: "L'amministrazione si attivi per garantire la sicurezza ai cittadini"

Il Consiglio dei Ministri commissaria L'Umbria e decide per la chiusura anticipata della caccia

Ballo in maschera al Teatro Boni. Musica e divertimento, come in una favola

Luciani sollecita la riqualificazione di Piazza del Commercio: "Come si sta muovendo il Comune?"

Il Comune ricorrerà al Consiglio di Stato, Germani: "Il terzo calanco non si farà"

Lo Sportello del Consumatore chiude i battenti: riflessioni sulla conclusione di un'esperienza

Rometti: "Per la Regione su Orvieto non ci sono assolutamente esigenze di ampliamento della discarica al terzo calanco"

L'assessore Cecchini: "Si è fatta ricadere sulle Regioni l’incongruenza fra le norme nazionali ed europee"

Contratti di Fiume, Minervini chiarisce la posizione delle associazioni private: "Fuori dalla Cabina di Regia".

Galanello Pd: "No al terzo calanco, l'obiettivo dell'Umbria è la minimizzazione dello smaltimento in discarica"

Il Circolo Pd di Orvieto Scalo al lavoro per la riqualificazione del quartiere

Scopetti e Taddei Pd: "No categorico al terzo calanco, Comune e Regione non devono mollare"

Il teatro amatoriale colora Monteleone. La rassegna al Teatro dei Rustici compie vent'anni