opinioni

Il centro studi chiuso dai consulenti. Ovvero le furbate della politica

domenica 16 dicembre 2012
di Carlo Perali

Chiudere il centro studi per mano di alcuni consulenti, nominati non si sa bene se per verificare i conti o intravedere nuove prospettive, ma più sicuramente per mancanza di un partito, è l'ultima furbata di una Amministrazione che, incapace di mostrarsi apertamente, decide di nascondersi dietro il parere insindacabile dei tecnici. Rivelando così la sua incapacità al rinnovamento e la predisposizione al conservatorismo e alla cultura dell'amorfo.

Per cui c'è da aspettarsi che chi è chiamato a valutare lo faccia a favore di quella stessa parte che per le solite ragioni lo aveva in precedenza nominato. Insomma voglio dire cha la scusa non regge più di tanto, anche perché non è credibile che un Comune costretto a scegliere tra il risanamento di bilancio e la rinuncia al suo futuro scelga di sacrificare l'unico strumento su cui poggia la ripresa.

Infatti dobbiamo renderci conto che il centro studi rappresenta la nostra principale fonte di ricchezza; forse i nostri politici non si sono resi conto che a furia di tagli e aumenti delle tasse hanno reso il centro storico deserto senza fornire soluzioni in cambio, senza dire come avviare la ripresa. 

Se l'Amministrazione fatica a chiudere il bilancio la città non versa di certo in migliori condizioni, inoltre abbiamo la pressione fiscale del governo, il peso della crisi e per finire gli effetti negativi dovuti all'alluvione. Quindi servono idee e scelte coraggiose con progetti innovativi se vogliamo scongiurare una tragedia anche peggiore. 

Inoltre dobbiamo renderci conto che il mondo sta cambiando secondo una logica di rete costruita su misura tra pubblico e privato e più in particolare tra istituzioni, imprese, ricerca, formazione e organizzazione del lavoro in un modo sempre più programmato e innovativo, per cui anche noi dovremmo orientarci verso un simile modello e capire quale sia la strategia e come utilizzare questo strumento per rilanciare la città, l'economia e risolvere lo spinoso problema del lavoro.

Orvieto come sappiamo è una città strana non tanto perché è ubicata sopra una rupe, ma perché ha le potenzialità di una città importante e le dimensioni di un paese, per cui serve un mezzo in grado di valorizzarla e lo strumento per rilanciare una città d'arte come la nostra non può che essere un centro studi.

Serve quindi un'apertura e una più ampia visione sul futuro, serve il coraggio e la convinzione di chi si appresta a fare impresa, serve investire in competenze e puntare sulla formazione per creare un laboratorio di ricerca e di cultura, ma serve anche una politica più attiva che faccia sentire le sue scelte mettendoci la faccia senza escludere o rinunciare a tutto quello che comporta rischi o problemi finanziari. 

Pertanto, la priorità non può essere solo quella di chiudere i buchi di bilancio ma non far morire Orvieto. Questa è la priorità assoluta altrimenti non si va da nessuna parte.

Quindi o riuscite a risolvere entrambe le questioni o è meglio che lasciate le poltrone ad altri, anche perché in due anni di commissariamento avevamo già risolto questi problemi prima e meglio, mentre per ricostruire l'economia di una città servono secoli di storia e di lavoro.

Infatti la politica ha talmente distorto la questione che sembra che esistano due economie distinte: quella principale regolata dal Comune, che serve per chiudere il bilancio, e quella secondaria amministrata dai peones, che serve invece per aumentare la ricchezza, per migliorare le condizioni di vita della gente, per incrementare nuovi posti di lavoro e alla fine per pagare anche più tasse ma con un solo e unico difetto.

Tutto è riconducibile al privato, quindi non è gestibile e per questo è giusto "mazzolarlo", ma se invece si dovesse accendere la lampadina della fantasia per ridare più spazio proprio all'impresa in virtù di vincere la sfida, allora dovreste ritirare la commissione e salvare il centro studi, anche perché se voi lo chiuderete, l'opposizione lo dovrà riaprire vanificando così i vostri sforzi e dimostrando che non eravate poi quel concentrato di idee e innovazioni tanto sbandierate E se non capite questo, bè... allora non capite neanche il resto.

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 marzo

"Giornate FAI di Primavera". Nel segno di Ippolito Scalza, la 25esima edizione

Tornano a splendere i dipinti delle chiese di S.Giovanni Battista e S.Caterina d'Alessandria

A Ficulle, visita alla Chiesa di Santa Maria Nuova ed eventi collaterali

"Festa dell'Iscrizione" in musica per l'Associazione Ex Alunni del Liceo Classico "Gualterio"

Per la Zambelli Orvieto, c'è l’appuntamento interno col Cesena

Nando Mismetti eletto presidente Upi Umbria dall'assemblea generale

"Camminare per conoscerci", il Comune presenta il calendario delle iniziative Trekking e Nordic Walking 2017

Provincia, mobilitazione no tagli: "Solo 500 euro per ogni scuola, sicurezza a rischio"

Informazioni sulle chiusure della circolazione per la gara podistica

73esimo anniversario dell'Eccidio di Camorena, il programma delle celebrazioni

Parlamento Europeo a Norcia. Marini: "Gesto concreto vicinanza a popolazioni colpite”

"Terra di Confine 2013", ed è subito magia. Domenica di degustazione alla Tenuta Vitalonga

"Cara Radio...sfiorami la mano". Al Mancinelli la coproduzione di Filarmonica, Scuola di Musica e TeMa

"Insieme a te non ci sto più". Al Teatro Spazio Fabbrica, il quintetto di Marco Morandi

Foto di una madre

Te la dò io, l'Euro

Tra Arpa e Confindustria Umbria si rinnova il dialogo sulle tematiche ambientali

Post-sisma, misure urgenti per l'intero comparto turistico

Orvieto incontra Jack Sintini. "La forza e il coraggio dello sport nelle avversità della vita"

Orvietana al Muzi, con il Cannara è il momento della verità

Moria di pesci in concomitanza con la piena. "Salviamo il lago di Corbara"

Rifacimento della segnaletica stradale, via alla seconda fase

"Per...Altro". Convegno AUCC e rappresentazione teatrale al Santa Cristina

Gli allievi dell'Alberghiero visitano Falesco e Museo delle Scienze Agroalimentari

Musical a Porta d'Orvieto, arriva "Las Aventuras de Luna"

Giuseppina Mellace presenta il libro "Delitti e stragi dell'Italia fascista dal 1922 al 1945"

Il Liceo Artistico va a scuola di benessere. Fra orti sinergici, laboratori integrati e Zen

Intorno alla Rupe cresce l'economia della Grande muraglia, in molti vogliono vendere ai cinesi

Bambini sotto shock per l’attentato. Come aiutarli?

Urla, polemiche e promesse: dibattito e voto in Regione su Le Crete

A Collevalenza la 34esima rappresentazione della Via Crucis

Pasqua a Lugnano in Teverina, tutti gli appuntamenti

Politica dei rifiuti o degli assensi?

Azienda Usl Umbria 2, nessuna riduzione o sospensione dei servizi durante le festività pasquali

Controlli rafforzati per il ponte di Pasqua. Arresti, denunce e allontanamenti

Anche la sezione primavera "L'Altalena" all'Ovo Pinto di Civitella del Lago

Psr Umbria 2014-2020: oltre 48milioni di euro per sviluppo locale

Maxi-concorso regione, prova preselettiva tra i 31.909 candidati

Mettere un freno all'accattonaggio, la Lega Nord chiede maggiori controlli

Partito il ciclo di conferenze su Bartolomeo di Alviano

Elisabetta Antonini e Marcella Carboni al Tuscia in Jazz con il loro progetto Nuance

72 anni fa l'eccidio dei Sette Martiri di Camorena, Orvieto li ricorda così

Anas: 4,5 milioni di euro in tre anni per la manutenzione ordinaria delle strade statali dell'Umbria

"Appendere...ad Arte". Mostra nell'ex chiesa di San Giacomo Maggiore

Servizio interforze per contrastare micro-criminalità, commercio abusivo e accattonaggio molesto

Anche la Cia è contraria all'ampliamento della discarica: "La Regione riveda le sue posizioni"

Pizze di Pasqua, i premiati della 14esima edizione. Degustazioni e solidarietà

Eccidio di Camorena, le iniziative del Centro di documentazione popolare

Geotermia e biomasse, il consiglio comunale dice no

Ripartire dall'olivicoltura per promuovere il territorio

Puc 3. Sì della giunta ai bandi per interventi di edilizia residenziale e attività produttive

"Netland". Alla sala polivalente, c'è l'assemblea informativa sul Puc 3

Al Teatro dei Rustici la Compagnia "Un Sacco DiVersi" presenta "Come d'autunno"

I pendolari di Orte pronti a manifestare contro la soppressione dell'Ic 598

I Porti della Teverina. Al Teatro dei Calanchi di Lubriano "I nuovi lineamenti delle mafie"

Dopo Fabio Bistoncini, il Cenacolo del Csco propone un incontro sull'educazione finanziaria

Lo Sportello d'Ascolto Integrato lancia una campagna di sensibilizzazione contro lo stalking

Energia elettrica interrotta. Restyling delle cabine Enel in località Padella e Poggente

Biomasse. Terzino replica al comitato e annuncia un incontro con i sindaci dell'alto Orvietano

"Con i cittadini per Castel Giorgio": "Lo chiedevamo da più di due anni"

"Prima di tutto Castel Giorgio": "Salvaguardia del territorio e mancanza di condivisione delle scelte amministrative"

Orvieto dice sì al Centro di ricerca e formazione per la salute e l'alimentazione

Lavezzini Parma vs Azzurra Ceprini Orvieto: 64 a 55. Mercoledì a Cagliari e sabato si chiude a Porano contro Umbertide.

Chi è chi. Antonio Amatulli, tecnico esperto ma soprattutto amico vero di Azzurra

Quando il destino si diverte ad intrecciare un'esistenza con un territorio

Al San Giovanni presentazione del Progetto Farsiccia e Consumer Test

L'Orvieto Basket fa 2 su 2, battuto anche Rieti

Sei patenti ritirate dai carabinieri per abuso di alcool e droga

Torna l'iniziativa "L'insalata della nonna" dedicato alle erbe spontanee mangerecce

Eolico sul Peglia. La Provincia replica a De Sio: "Nessuna norma elusa"

Catena di solidarietà dei dipendenti Enel per donare il sangue

Con la rassegna "Amarcord" la Montegabbione del passato rivive nei filmati amatoriali

Preadottato il nuovo calendario venatorio. Si parte il 2 settembre

"Primavera e poesia" al Caffè del Teatro con i Lettori Portatili

Al Mancinelli per "Visioni di futuro" Pannelli e Tagliabue portano in scena "A slow air"

Itw Lkw accanto a Legambiente e Kyoto Club per discutere di geotermia come sviluppo

Falsa inaugurazione? Luciani (Identità e Territorio) interroga la giunta sulla nuova sala operatoria

Il business dell'oro rubato fruttava 4 milioni l'anno. Manette anche nell'Orvietano