opinioni

Essere madri, oggi

domenica 25 novembre 2012
di Mario Tiberi

Dalla pia "Mater Gea" del mio ultimo editoriale alle "Humanae Matres" dei tempi odierni tra crisi, famiglia e lavoro manchevole. E' in me profonda la convinzione che, nella vita sia corporale e sia spirituale, ogni donna sia madre, ciascuna a modo proprio e con le peculiari sue caratteristiche.

Che abbia partorito figli o meno, esiste comunque un filo, forse impercettibile ad uno sguardo distratto, che lega la sua capacità biologica di generare e ospitare un'altra vita con l'innata attitudine all'accoglienza dell'altro. Sono state create così, le donne: generate per procreare qualcosa che è bene, e per se stesse e per l'umanità intera.

Soffermiamoci anche solo per un attimo su un assunto del tutto naturale e ci renderemo conto che all'interno di esse pulsa un organo che non serve unilateralmente a loro stesse, neanche un po', ma che è utile esclusivamente a qualcun altro in quanto gli dona la vita.

Ed è in quella sacra ampolla, nell'utero materno cioè, che Dio ha scelto di farsi Uomo. Scrive Sant'Agostino: "Nel grembo della Madre, l'unigenito Figlio di Dio si è degnato di unire a sé la natura umana per congiungersi, immacolato, alla Sua Chiesa immacolata". E poi, ancora, che "Maria è l'arcana sorgente della vita, la porta del cielo, l'eco di un mondo diverso che tutti sogniamo, ma che sembra sfuggirci. Quanto più il mondo s'inaridisce, diventa cinico e soffre violenza, tanto più sente bisogno di tenerezza, cerca amore, ha nostalgia di una madre a cui tutto confidare, sicuro di essere ascoltato e compreso".

Oggi ci troviamo davanti ad una grande porta, la porta di un anno di grazia: l'anno della Fede. Alle donne, come "madri dentro" e che serbano in sé un angolo protetto dove possono generare un'altra vita e dove concedono a qualcosa di "totalmente altro" di crescere e spiccare il volo fuori da sé, sia affidato il compito di contribuire ad amare sempre senza riserve poiché, comunque la si pensi, è vero che per continuare ad esistere abbiamo tutti un estremo bisogno di dare e ricevere amore.

Già, l'amore delle madri!.

Ogni madre è, come detto, altro rispetto ai figli; eppure, in quei nove mesi di gestazione quest'alterità non è del tutto avvertibile e compiutamente compiuta: la madre e il piccolo che vive nel suo grembo costituiscono quasi un solo organismo, pur essendo effettivamente due, ma in una condizione in cui l'uno dipende totalmente dall'altra, la quale se ne prende cura e ne garantisce la vitalità.

Forse è proprio questa la caratteristica principe della maternità: il prendersi cura in maniera amorevole e completamente altruista, condividendo in modo radicale tutto fino ad addirittura la propria corporeità.
Mi piace immaginare la figura della madre mentre nutre ed accudisce i propri figli; oppure quando, magari nascosta dietro ad una finestra, spia i loro primi passi nel cortile sotto casa all'inseguimento di una nidiata di pulcini in fuga od, anche, intenta ad insegnare loro come crescere nella preghiera e nelle opere.

Una missione irta di difficoltà e pertanto non immune da errori; eppure preziosa tanto da giustificare una certa indulgenza verso una retorica di maniera che spesso circonda la figura materna medesima: commuoversi al pensiero di una madre è qualcosa di cui non ci si deve affatto vergognare.
Anzi, il contrario, perché solo i bugiardi e i vigliacchi non piangono mai.

P.S. : Quanto sopra trascritto intende essere il mio personale contributo di pensiero morale a rimembranza ed onore da rendere alla Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne.

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 dicembre

Ludovico Cherubini strepitoso a Spoleto, fa suo l'Open Regionale Assoluto di Spada Maschile

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

A grande richiesta al Mancinelli torna per il sesto anno "Canto di Natale"

All'Unitus si parla di "Evoluzione delle tecnologie in ambito digitale" e "Project Management"

Promozione della lettura, sì della Regione allo schema di protocollo d'intesa con l'Associazione italiana biblioteche

"Disagio e pregiudizio minorile", convegno in sala consiliare su bullismo e violenza

Un aquilone, forse

Di fiori

Il colonnello Maurizio Napoletano alla guida del Comando militare dell'Esercito Umbria

Concerto Baratto per la Caritas. Maurizio Mastrini al Teatro degli Avvaloranti

Un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione di Pornello per motivi di sicurezza

Consumo di alcolici, i dati dell'indagine "Passi" nel territorio

In sala consiliare c'è il convegno su minori stranieri non accompagnati

All'Auditorium Comunale va in scena "Il Presidente, una tragica farsa"

Ussi Umbria si conferma campione d'Italia. Finale dedicata a Dante Ciliani e ai terremotati

"Natale in Musica", tutti i concerti della Scuola Comunale di Musica "Adriano Casasole"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta il Comune di Orvieto nel consiglio direttivo di Felcos Umbria

Via le auto da Piazza della Pace, c'è la pulizia straordinaria

"Venite Adoremus". Concerto in Duomo della Corale "Vox et Jubilum"

Giornata di Studio per la Polizia Locale, tanti gli argomenti affrontati

Sei incontri per "Stare bene a scuola e a casa". Via al corso promosso da Iisacp, Orviet'Ama e Sert

Milano, troppo Milano o forse no

Elegia per una morte cattiva

Percorrevo con te una assolata

"Lazio in gioco", l'Istituto "Leonardo da Vinci" per il contrasto alla dipendenza da gioco d'azzardo

"Natale sicuro", la polizia intensifica il controllo del territorio