opinioni

Evitare che le storie si ripetano. Massimo Gnagnarini propone un centro di documentazione sull'alluvione di Orvieto

sabato 17 novembre 2012
di Massimo Gnagnarini
Evitare che le storie si ripetano. Massimo Gnagnarini propone un centro di documentazione sull'alluvione di Orvieto

I fondi a favore della calamità naturali sono già ordinariamente stanziati in un apposito capitolo del bilancio italiano. Ogni volta che accade qualcosa il Governo emana un apposito decreto per finanziare i luoghi colpiti. Stavolta, a seguito degli eventi alluvionali che hanno colpito anche Orvieto, in Commissione Bilancio è passato un emendamento alla Legge di Stabilità con il quale si sono tolti 250 milioni dal fondo speciale per i salari di produttività, ovvero per gli aumenti delle buste paga, cioè tra i provvedimenti presi per la cosiddetta crescita, per iscriverli a un fondo speciale per i danni dell'alluvione.

Sbandierare questo switch, come fanno PD e PDL, è già campagna elettorale e non aumenta certo le risorse per gli alluvionati già disponibili sul bilancio ordinario mentre taglia quelle accantonate per la crescita.

Non solo. Questo modo di procedere apre la strada a discutibili modi di procedere alla ripartizione e alla gestione dei fondi rispetto ai quali il rimborso diretto e veloce dei danni subiti dalle aziende e dalle famiglie coinvolte diventa solo uno degli aspetti e forse nemmeno prioritario.

Lascia perplessi l'affermazione della Presidente della Regione Umbria che in una sua dichiarazione all'Ansa ha sostenuto che i danni subiti dall'Orvietano avrebbero ripercussioni su tutta l'economia regionale. Potrebbe significare che di una parte dei fondi potrebbero o dovrebbero beneficiare anche altre istituzioni o enti in Umbria?

Lascia perplessi la nota con cui la Provincia di Terni quantifica i soldi necessari per la risistemazione dell'alveo e degli argini del Paglia, quando proprio in questi giorni erano già stati cantierati lavori per lo stesso scopo per oltre sei milioni già finanziati.

Lascia perplessi la dichiarazione del Comune di Orvieto di aver stanziato 1 milione di euro dal proprio bilancio quando è noto che lì ci sono solo debiti e casse prosciugate.

Vorrei consigliare a Orvieto l'immediata costituzione di un CENTRO DI DOCUMENTAZIONE dove amministratori, aziende e famiglie possano accedere quotidianamente per avere contezza immediata e continuativa di tutti gli atti, gli iter burocratici e influire sulle decisioni da prendere in ordine alla gestione criteriale delle risorse a disposizione.

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 dicembre

Ludovico Cherubini strepitoso a Spoleto, fa suo l'Open Regionale Assoluto di Spada Maschile

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

A grande richiesta al Mancinelli torna per il sesto anno "Canto di Natale"

All'Unitus si parla di "Evoluzione delle tecnologie in ambito digitale" e "Project Management"

Promozione della lettura, sì della Regione allo schema di protocollo d'intesa con l'Associazione italiana biblioteche

"Disagio e pregiudizio minorile", convegno in sala consiliare su bullismo e violenza

Un aquilone, forse

Di fiori

Il colonnello Maurizio Napoletano alla guida del Comando militare dell'Esercito Umbria

Concerto Baratto per la Caritas. Maurizio Mastrini al Teatro degli Avvaloranti

Un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione di Pornello per motivi di sicurezza

Consumo di alcolici, i dati dell'indagine "Passi" nel territorio

In sala consiliare c'è il convegno su minori stranieri non accompagnati

All'Auditorium Comunale va in scena "Il Presidente, una tragica farsa"

Ussi Umbria si conferma campione d'Italia. Finale dedicata a Dante Ciliani e ai terremotati

"Natale in Musica", tutti i concerti della Scuola Comunale di Musica "Adriano Casasole"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta il Comune di Orvieto nel consiglio direttivo di Felcos Umbria

Via le auto da Piazza della Pace, c'è la pulizia straordinaria

"Venite Adoremus". Concerto in Duomo della Corale "Vox et Jubilum"

Giornata di Studio per la Polizia Locale, tanti gli argomenti affrontati

Sei incontri per "Stare bene a scuola e a casa". Via al corso promosso da Iisacp, Orviet'Ama e Sert

Milano, troppo Milano o forse no

Elegia per una morte cattiva

Percorrevo con te una assolata

"Lazio in gioco", l'Istituto "Leonardo da Vinci" per il contrasto alla dipendenza da gioco d'azzardo

"Natale sicuro", la polizia intensifica il controllo del territorio