opinioni

Dopo la pioggia, le nuvole. Riflessioni sulla pessima politica di gestione del territorio

giovedì 15 novembre 2012
di Associazione Il Ginepro
Dopo la pioggia, le nuvole. Riflessioni sulla pessima politica di gestione del territorio

Dopo la pioggia rispunta il sole si dovrebbe dire e invece no, purtroppo sono solo nuvole, nuvole nere di responsabilità che giunti a questo punto si potrebbero enumerare a dismisura. Appare talmente grande il danno provocato dalla due giorni di intense perturbazioni che rimane difficile a chiunque, a qualsiasi cittadino credere che sia stato fatto tutto il necessario per evitare il disastro. 

Il Fiume Paglia noi lo conosciamo bene, sappiamo che le sue piene sono molto pericolose, perché ha un bacino ridotto ma che in breve tempo può accumulare e concentrare enormi quantità di acqua. Il regime semi-torrentizio del fiume non è una favola è una realtà ben presente anche nella memoria dei nostri vecchi. 1937, 1960 e 1965 e molte altre date, impresse nella mente di molti cittadini e all'epoca come ora le stesse conseguenze. Il fiume che non riesce a defluire sul suo consueto letto di piena ed occupa la sua piana alluvionale. Sì, la sua piana, perché è sua non nostra, come molti hanno creduto per lungo e troppo tempo. Il Paglia come qualsiasi altro fiume ha bisogno dei suoi spazi. Questa volta ha ribadito le gerarchie sulla gestione del territorio e non possiamo negare che ci aveva ampiamente avvisato.

Chi ancora sostiene che bisogna imbrigliare il fiume dentro argini stretti e vuoti come autostrade, non ha capito nulla del valore e dell'importanza di certi fenomeni naturali e del funzionamento idraulico dei corsi d'acqua. L'episodio meteorologico è stato eccezionale. Piancastagnaio ha accumulato più di 330 mm di pioggia, Allerona più di 280 mm, Monte Rufeno addirittura 450 mm, quasi la metà delle precipitazioni di un anno. La quantità d'acqua venuta giù in 36 ore in tutto il bacino del Paglia, dall'Amiata alla confluenza col Tevere non poteva che defluire ampliando ed allargando il suo corso. Le opere di spianamento, di approfondimento degli alvei, l'apertura di vie dirette e longilinee, la risistemazione degli argini e delle sponde, degli ultimi 10 anni, non sono serviti assolutamente a nulla, anzi, in certi casi potrebbero aver aumentato la furia delle acque e la formazione di picchi di piena eccezionali. E' il caso ad esempio dei torrenti dell'alta valle come la Quinta luna, lo Stridolone e il Tirolle, dove le opere eseguite a valle comprendenti il taglio raso della vegetazione ripariale, non hanno in alcun modo inciso sulla laminazione della piena. E non sono mancati i danni: in primis quelli al Ponte Gregoriano che ha costretto la chiusura della Statale Cassia e poi quelli al ponte Cahen, di recente ricostruzione, travolto inesorabilmente. Per non parlare della Val di Chiana, da Chiusi a Fabro, dove la rete dei canali, ampiamente rimodellati con continue e ingenti risorse pubbliche investite, è saltata completamente portando ad allagamenti diffusi su tutta la piana, compresa l'Autostrada A1.

Non si può chiudere il fiume in una scatola, è una insolente pretesa o un'illusoria convinzione da parte di chi sottovaluta o non valuta affatto l'importanza che rivestono gli elementi naturali nella gestione del territorio. Tra questi purtroppo molti amministratori. Sembra ovvio dirlo ora che il danno è fatto ma la realtà era purtroppo sotto gli occhi di tutti, già da prima.
Aver costruito importanti centri scolastici, commerciali, industriali, residenziali a ridosso del fiume tra Orvieto Scalo e Ciconia, aver permesso l'espansione edilizia in prossimità del Chiani a La Svolta, aver autorizzato la realizzazione di piccole e grandi opere, strade, stalloni, case, canili, nelle immediate vicinanze del fiume, ma soprattutto aver fatto tutto questo senza lasciare adeguato spazio ad un fiume periodicamente irrequieto e pericoloso e non aver previsto misure di difesa passiva nei punti ormai divenuti critici per tali politiche miopi, sono le più gravi responsabilità che chi ha buon giudizio saprà facilmente attribuire.

La scure purtroppo cade un po' ovunque e non è nostra intenzione farlo per puro desiderio di polemica ma per convinzione che altro si poteva fare e si dovrà fare. Uno degli Enti che deve fare molta autocritica è il Consorzio di bonifica Val di Paglia e Val di Chiana romana. Il caso di Allerona è emblematico. Qui il Consorzio aveva già programmato tutto, i soldi erano già stanziati da tempo, non c'era che da approfittare delle calde ed asciutte prime giornate di autunno per intervenire in prossimità della strada provinciale che da Allerona Scalo conduce ad Orvieto per rinforzare la difesa passiva esistente e realizzare un fossato di guardia a fianco. E invece hanno atteso questo fatale novembre, un mese che già nel 2010 ci aveva regalato intense piogge, che avevano provocato l'esondazione del fiume alla confluenza col Torrente Rivarcale, un punto in cui il Paglia passa da un meandro ad un altro e dove con facilità esce dal suo alveo tagliando diritto fino a ritrovare il suo corso all'altezza del ponte della ferrovia Roma-Firenze. In mezzo vigne e ancora vigne, ma anche stalle, un molino e poco distante il centro abitato, che cresce rosicchiando pezzi alla campagna e al fiume. La settimana scorsa intempestivamente il Consorzio di bonifica ha avuto pure la buona idea di rimuovere la difesa esistente per ricostruirla più forte e funzionale. Peccato che non lo abbia fatto prima del danno. Viti spezzate e una ragazza che imprigionata nella sua auto per poco ci rimetteva la pelle.

Consorzi, Comuni, Province, Regioni, a ciascuno la sua responsabilità, che non possiamo però non vedere, alla base, nella carenza di idee politiche facenti tesoro di tutte conoscenze fin qui acquisite ma anche dell'esperienza e la memoria storica, in certi casi millenaria, sviluppata su queste terre.
La politica conta in questa ennesima storia di devastazione. Una politica che non riesce più a capire il territorio, ad occuparsi della sua cura, e che abdica e demanda il proprio ruolo regolatore a singole e tardive soluzioni tecnicistiche, spesso collegate ad interessi particolari.

Alla radice di tutti i problemi la gestione di un vasto territorio, collinare e montano, quello delle valli del Paglia e del Chiani così come quello del Fiora, dell'Albegna, dell'Orcia, del Nestore e di tutti gli altri bacini e sottobacini, dove si sono registrati un po' ovunque numerose frane, smottamenti, allagamenti e generalizzati fenomeni erosivi. Una gestione del territorio che non ha più tra i suoi principali artefici la figura dell'agricoltore, esempio fino al primo dopoguerra di custode del paesaggio e del territorio, ed oggi purtroppo divenuto l'ultima ruota del carro, un insignificante coltivatore depresso che rinuncia alla proprie spontanee funzioni a servizio della comunità, compresa quella di regolatore delle acque, attraverso il mantenimento dei rivoli e dei fossi che scorrono lungo i campi.
E' la speculazione piuttosto a governare, quella illegale degli abusivismi ma anche quella che paventa sui piani regolatori fantomatici villaggi turistici in mezzo a campi destinati all'erosione perpetua. Un terreno frutta più per quello che c'è costruito sopra che per quello che vi viene e come vi viene coltivato.
Ma la politica dello sfruttamento ha le gambe corte, porta benefici momentanei ma non a lungo raggio. Lo abbiamo visto bene, questa volta, sulla nostra pelle.
Un'altra lezione da non dimenticare.

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 dicembre

"Far Web. Odio, bufale, bullismo. Il lato oscuro dei social" nel saggio di Matteo Grandi

Todi Magic Christmas. Tra luci e musica, il Natale dà spettacolo

Lectio Magistralis di Gianrico Carofiglio su "La Ribellione della Bellezza"

Taglio del nastro (arancione) a Palazzo dei Sette per la sede di Cittaslow International

Due incidenti stradali in due giorni

Ad "Arti e Mestieri Expo" vetrina natalizia per i prodotti della Tuscia

L'Istituto Agrario guarda al futuro. Cotarella all'inaugurazione della Cantina Didattica

Il Lions Club per il Merletto Orvietano. Catalogo generale e mostra tematica a Palazzo Coelli

"Sicurezza, Cittadini, Territorio" incontro con il Sottosegretario Bocci

Vetrya Orvieto Basket ospita la Favl per la prima di ritorno

"Prendere a Cuore" per favorire la prevenzione e la riabilitazione dei malati cardiopatici

"Imago VV". A Palazzo Coelli la presentazione del volume di Alberto Satolli

Per Maria Elena

Umbria al vertice del rapporto Istat su servizi prima infanzia

Fondo Beato Giacomo Villa, si conferma anche quest'anno

Open Day all'Istituto Professionale per l'Agricoltura e l'Ambiente "Bruno Marchino"

Precetto militare interforze nella Chiesa Cattedrale di San Lorenzo

Scuola aperta per tutti, l'Istituto "Dalla Chiesa" si mette in vetrina

Sportello UnitusJob, il ponte tra laureati e mondo del lavoro

I progetti presentati al V Premio Simonetta Bastelli esposti alla Mostra Internazionale di Architettura del Paesaggio

Chiuso in entrambe le direzioni il tratto della Strada Statale 685 delle Tre Valli Umbre

"Natale in Musica 2017". Eventi e concerti dal 16 dicembre 2017 al 28 gennaio 2018

Old Rock City Orchestra in gara su "Classic Rock Italia", come votare

"Salva la tua lingua locale", Rita Santinami tra i sette finalisti del concorso

"Tanti Lati Latitanti" al Lea Padovani. Viaggio nelle relazioni con Ale e Franz

Le giornate del merlo

La Zambelli Orvieto lotta, soffre e vince, battendo in trasferta il Club Italia

La Fidapa - Bpw Italy guarda al nuovo anno. A Orvieto, l'Assemblea del Distretto Centro

Trasferta a Villa Giulia per l'Ecomuseo del Paesaggio degli Etruschi

Il fascino nascosto di "Bagnoregio Underground". Conferenza e mostra a Palazzo Alemanni

I Clown di Fellini a "Particolari. Volti e racconti del Natale bagnorese"

Notti sul ghiaccio alla Fonte del Rigombo, si pattina con "Acquapendente On Ice"

"Lavandaia Day" in compagnia della Compagnia delle Lavandaie della Tuscia

Fumo bianco a "Le Crete", cittadini in allerta

Unitus, Beni Culturali restaura il Fonte Battesimale del Duomo di Viterbo

La Zambelli Orvieto assalta la prima posizione ospitando la Teodora Ravenna

Servizi alla sanità. Confindustria conferma presidente Nardi Schultze, Mazzocchini nel direttivo

"Stradabilia (prove tecniche per un festival di artisti di strada)". Musica con Rossella Costa Trio

In attesa di che

Inaugurato il Nucleo Alzheimer, "modello da esportare ed estendere in Umbria"

"Tu sei Bambino!". Doppio concerto per i cori parrocchiali di Montecchio e Guardea

Babbo Natale a Piazza degli Aceri, festa con l'associazione Ciconiaviva

Vetrya: l'Università della Tuscia presenta i lavori del programma "Semestre in Azienda"

Forestale alla discarica. SAO: "Solo vapore acqueo"

Un re folle

Dopo Orvieto, Voyager fa tappa anche a Viterbo

Orvieto e Perugia insieme per la candidatura unitaria della "Spur - Città Etrusche" al Patrimonio Unesco

Tredicesima seduta del consiglio comunale. In otto punti l'ordine del giorno

"Sacro e Profano". Sergio Canonici espone alla Torre dei Monaldeschi

La Nuova Biblioteca Pubblica "Luigi Fumi" si fa salotto per "Le Streghe"

Al Concerto di Natale alla Camera dei Deputati vicinanza alle popolazioni colpite dal sisma

Giornata di solidarietà per i più piccoli a San Pellegrino di Norcia

"Natale al Fanello". Musica e danza, aspettando Babbo Natale al mercato straordinario

A Orvieto Scalo si inaugura "La Natività dei Giardini"

Sonorità argentine a Palazzo dei Sette, anteprima per "Orvieto Tango Festival"

In mostra a Civitella del Lago due rarissime stampe ritraenti Orvieto e Amelia

"Sfilata e Aperi....Piero (Aperitivo)...e Tanto Altro"

Le labbra, mio Dio, l'aspide

Al Muzi, l'Orvietana ritrova la Clitunno

Raccolta differenziata, Orvieto balza dal 44% del 2014 al 70%