opinioni

Per svezzare la "questione orvietana"

domenica 23 settembre 2012
di Mario Tiberi

Rievocare i fasti dell'antico passato, gli avvenimenti più significativi del recente prossimo, le figure-simbolo che li hanno resi possibili, serve a poco o nulla se non si avverte la responsabile coscienza del presente e se non ci si industria per ridonar loro essenza di vita.

Lo stato depressivo in cui versa la città di Orvieto e che non risparmia settore alcuno, mi procura sottile e sedimentata sofferenza anche alla luce della convinzione che si potrebbe meglio e di più intervenire e, invece, non lo si pone nel dovuto essere. Non sarebbe mia intenzione, quella di affondare ulteriormente la lama nella piaga, se non vi fossi spinto dalla amara constatazione che, più passa il tempo, e più si evidenziano ritardi, inadeguatezze e sproporzioni tra le questioni aperte e le capacità di incidenza operativa e finalmente risolutiva.

Molto di ciò va senz'altro attribuito a non ben calibrate volontà quando le stesse, sommando il danno alla beffa, non decadano in vere e proprie rivalità personalistiche generanti inevitabili dissapori, insensate ostilità pregiudiziali, presuntuose supponenze.

Mi capita sovente, seguendo i lavori del Consiglio Comunale, di assistere a frequenti e spesso estenuanti contese di pura e accademica leziosità e che, inesorabilmente, sfociano in imperdonabili perdite di tempo; lusso, quest'ultimo, che in fasi di emergenza non è consentito potersi permettere. Si sta, in sostanza, smarrendo il sano principio che guidò il senso pratico di molteplici conquiste civili; perché, se è vero che "ad impossibilia nemo tenetur", è pur vero che "ad essentialia quisque tenetur". Come a dire: signor Sindaco, illustri Consiglieri Comunali, signori Assessori, non vi si chiede l'impossibile, ma l'essenziale sì!.

Alcuni mesi orsono, scrissi quanto segue: "Conversando con un valente intellettuale, uomo integerrimo che gode della mia stima per la sua affabilità e raffinatezza culturale, si è tra noi convenuto che l'iscrizione marmorea, apposta bilateralmente all'ingresso del Pozzo di San Patrizio, si attagli perfettamente all'attuale condizione socio-politica cittadina. Recita l'iscrizione: "Quod natura munimento inviderat, industria adiecit". La testimonianza della consapevolezza del rapporto tra natura e architettura si manifesta esplicitamente in detta iscrizione e la città di Orvieto diviene, così, un mirabile esempio di integrazione e congiunzione tra l'opera di Dio e quella dell'Uomo poiché "ciò che la natura aveva negato per la difesa, lo aggiunse l'attività umana"."

Il nocciolo della intera "Questione Orvietana" risiede proprio in codesta congiunzione che, nell'attualità del presente, è palesemente carente o del tutto mancante. Come è mancante il rapporto e l'apporto partecipativo della collettività cittadina alle scelte di politica amministrativa, o perché non spontaneamente offerto per sfiducia nella classe dirigente, o perché da quest'ultima rifiutato per altezzosa e mal ritenuta autosufficienza.
Ovverosia, si è inceppata la trasmissione osmotica del buon senso e delle idee delle genti con le funzioni potestative dei pubblici amministratori e, onde uscire dalle contingenti paludose secche, è quanto mai necessario riattivarla.

Uno strumento in tale direzione potrebbe essere rappresentato dall'istituto dello "Ombudsman", cioè di colui che si pone "come tramite o come punto di congiunzione" e che potremmo meglio definire, usando la nostra insuperabile lingua neolatina, con l'inquadramento nella figura del "Magistrato Civico".

A costui andrebbero affidati i compiti specifici di raccogliere le istanze, le proposte e finanche le lamentele della pubblica opinione, di rappresentarle ai vertici istituzionali, di porre rimedio alle lentezze burocratiche e, non da ultimo, di contrastare eventuali soprusi e vessazioni da parte del funzionariato amministrativo o di blocchi di potere e di concentrazioni di interessi.

Vi sarà mai qualcuno disposto all'umiltà dell'ascolto? Vi sarà mai qualcuno che non sia costantemente animato da maliziosa dietrologia? Vi sarà mai qualcuno che abbia la dignità di accantonare la malafede, generatrice di dissesti materiali e di disonestà intellettuali?.

Come sempre, sperare val bene coltivare le speranze avendo, però, l'avvedutezza di saper cogliere il monito Agostiniano che insegna come la speranza abbia due volti: lo sdegno e il coraggio. Lo sdegno per una realtà socio-politica miserrima; il coraggio di gagliardamente cambiarla.

Pubblicato da Enrico Fabbretti il 24 settembre 2012 alle ore 12:43
Caro Tiberi, lei sta chiedendo troppo ai politici nostrani dato che è ormai provato e riprovato che non sono neppure in grado di capire cosa è essenziale da quello che non lo è. Lei fa bene a stimolarli in tal senso ma penso che sia fatica sprecata. Apprezzo comunque il suo impegno. Cari saluti.
Pubblicato da Alvaro il 24 settembre 2012 alle ore 14:33
Sottoscrivo il commento di Enrico Fabbretti, mi complimento con te, Mario, perchè non ti stanchi mai di stimolare i membri dell'opposizione del Consiglio Comunale, lo fai con forza, ma temo che con questi interlocutori non si va da nessuna parte.
Non resta che aspettare altre facce, altre teste, altre persone,continua sempre a scrivere, potesse servire a svegliare qualcuno in questo momento di decadenza. Saluti.
Pubblicato da Giorgio Gorini il 24 settembre 2012 alle ore 20:43
Altre facce,altre teste,altre persone,senz'altro e subito e penso che il prof.Tiberi si sta meritando sul campo di essere tra i primissimi di questi. Auguri e saluti sincerissimi. Giogio Gorini
Pubblicato da Rosa del Tufo il 25 settembre 2012 alle ore 19:57
Grazie di tutto Mario. Porti avanti il tuo impegno pubblico con tenacia e grande senso del dovere e questo a noi orvietani non può che fare un grandissimo piacere. Tieni duro e vai avanti per la giusta strada che hai saputo imboccare. Un saluto fortissimo. Rosa del Tufo
Pubblicato da Rita il 29 settembre 2012 alle ore 16:59
Leggo solo ora questo interessante articolo e sono rimasta sorpresa dal tono dei commenti; c'è in loro tanta voglia di cambiamento che però andrebbe gestito da tutti e non delegato al solo Tiberi che per quanto all'altezza non potrà coprire tutti gli spazi necessari al cambiamento stesso. E' confortante comunque la presa di coscienza della gravità del momento che stiamo vivendo. Cari saluti a tutti. Rita M.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 11 dicembre

Meteo

lunedì 11 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento

--

--

--

--

--

--

15:00 11.9ºC 85% buona direzione vento
21:00 10.8ºC 97% buona direzione vento
martedì 12 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 11.9ºC 97% foschia direzione vento
15:00 12.1ºC 96% discreta direzione vento
21:00 10.8ºC 98% foschia direzione vento
mercoledì 13 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.4ºC 92% buona direzione vento
15:00 9.8ºC 80% buona direzione vento
21:00 3.5ºC 89% buona direzione vento
giovedì 14 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 7.0ºC 93% buona direzione vento
15:00 9.0ºC 97% foschia direzione vento
21:00 8.7ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni