opinioni

Per svezzare la "questione orvietana"

domenica 23 settembre 2012
di Mario Tiberi

Rievocare i fasti dell'antico passato, gli avvenimenti più significativi del recente prossimo, le figure-simbolo che li hanno resi possibili, serve a poco o nulla se non si avverte la responsabile coscienza del presente e se non ci si industria per ridonar loro essenza di vita.

Lo stato depressivo in cui versa la città di Orvieto e che non risparmia settore alcuno, mi procura sottile e sedimentata sofferenza anche alla luce della convinzione che si potrebbe meglio e di più intervenire e, invece, non lo si pone nel dovuto essere. Non sarebbe mia intenzione, quella di affondare ulteriormente la lama nella piaga, se non vi fossi spinto dalla amara constatazione che, più passa il tempo, e più si evidenziano ritardi, inadeguatezze e sproporzioni tra le questioni aperte e le capacità di incidenza operativa e finalmente risolutiva.

Molto di ciò va senz'altro attribuito a non ben calibrate volontà quando le stesse, sommando il danno alla beffa, non decadano in vere e proprie rivalità personalistiche generanti inevitabili dissapori, insensate ostilità pregiudiziali, presuntuose supponenze.

Mi capita sovente, seguendo i lavori del Consiglio Comunale, di assistere a frequenti e spesso estenuanti contese di pura e accademica leziosità e che, inesorabilmente, sfociano in imperdonabili perdite di tempo; lusso, quest'ultimo, che in fasi di emergenza non è consentito potersi permettere. Si sta, in sostanza, smarrendo il sano principio che guidò il senso pratico di molteplici conquiste civili; perché, se è vero che "ad impossibilia nemo tenetur", è pur vero che "ad essentialia quisque tenetur". Come a dire: signor Sindaco, illustri Consiglieri Comunali, signori Assessori, non vi si chiede l'impossibile, ma l'essenziale sì!.

Alcuni mesi orsono, scrissi quanto segue: "Conversando con un valente intellettuale, uomo integerrimo che gode della mia stima per la sua affabilità e raffinatezza culturale, si è tra noi convenuto che l'iscrizione marmorea, apposta bilateralmente all'ingresso del Pozzo di San Patrizio, si attagli perfettamente all'attuale condizione socio-politica cittadina. Recita l'iscrizione: "Quod natura munimento inviderat, industria adiecit". La testimonianza della consapevolezza del rapporto tra natura e architettura si manifesta esplicitamente in detta iscrizione e la città di Orvieto diviene, così, un mirabile esempio di integrazione e congiunzione tra l'opera di Dio e quella dell'Uomo poiché "ciò che la natura aveva negato per la difesa, lo aggiunse l'attività umana"."

Il nocciolo della intera "Questione Orvietana" risiede proprio in codesta congiunzione che, nell'attualità del presente, è palesemente carente o del tutto mancante. Come è mancante il rapporto e l'apporto partecipativo della collettività cittadina alle scelte di politica amministrativa, o perché non spontaneamente offerto per sfiducia nella classe dirigente, o perché da quest'ultima rifiutato per altezzosa e mal ritenuta autosufficienza.
Ovverosia, si è inceppata la trasmissione osmotica del buon senso e delle idee delle genti con le funzioni potestative dei pubblici amministratori e, onde uscire dalle contingenti paludose secche, è quanto mai necessario riattivarla.

Uno strumento in tale direzione potrebbe essere rappresentato dall'istituto dello "Ombudsman", cioè di colui che si pone "come tramite o come punto di congiunzione" e che potremmo meglio definire, usando la nostra insuperabile lingua neolatina, con l'inquadramento nella figura del "Magistrato Civico".

A costui andrebbero affidati i compiti specifici di raccogliere le istanze, le proposte e finanche le lamentele della pubblica opinione, di rappresentarle ai vertici istituzionali, di porre rimedio alle lentezze burocratiche e, non da ultimo, di contrastare eventuali soprusi e vessazioni da parte del funzionariato amministrativo o di blocchi di potere e di concentrazioni di interessi.

Vi sarà mai qualcuno disposto all'umiltà dell'ascolto? Vi sarà mai qualcuno che non sia costantemente animato da maliziosa dietrologia? Vi sarà mai qualcuno che abbia la dignità di accantonare la malafede, generatrice di dissesti materiali e di disonestà intellettuali?.

Come sempre, sperare val bene coltivare le speranze avendo, però, l'avvedutezza di saper cogliere il monito Agostiniano che insegna come la speranza abbia due volti: lo sdegno e il coraggio. Lo sdegno per una realtà socio-politica miserrima; il coraggio di gagliardamente cambiarla.

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 settembre

La Parrocchia del Duomo festeggia i Santi dei Rioni

"ll volontariato in campo oncologico". Esperienze a confronto con "Orvieto contro il cancro"

La Zambelli Orvieto si prepara contro la "cugina" Perugia

Gal Trasimeno Orvietano, Ecomuseo: dalle mappe di comunità alla nuova programmazione Psr della Regione

"Le riforme e il loro partito". Al Palazzo dei Congressi la XVI Assemblea annuale di Libertàeguale

L'Associazione Alzheimer Orvieto ad Amelia per "Garage Sale di Solidarietà"

Rapina in villa da 6000 euro e botte al padrone di casa

Il Comune di Baschi conferisce la cittadinanza onoraria al prefetto Bellesini

Uffici postali, udienza al Tar. "Nessuna chiusura in Umbria fino al pronunciamento del Tar Lazio"

San Venanzo tira le somme di "Architettura e Natura". Bilancio positivo per la terza edizione

A "#ereticofuturo" l'innovazione convive con la storia

È nato il movimento politico "Comunità in Movimento"

Cresce l'attenzione dei media verso Orvieto. "Experience Etruria" tra i migliori progetti prodotti per Expo.

La Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto apre al pubblico le porte di Palazzo Coelli

L'inizio del mondo e la fine dell'Alfina

Allenamento per le vie del centro, tradizione irrinunciabile per Azzurra Ceprini Orvieto

ExperienceEtruria conquista l'Expo. Martina: "Esperienza straordinaria da raccontare a tutta l'Italia"

Una pratica in 26 secondi, la Sii presenta i dati del nuovo servizio informatizzato

"Il Teatro delle Immagini" di McCurry tra le strutture finaliste del premio architettura "Prize"

Accordi per la mobilità venatoria tra Umbria e Lazio, Federcaccia esprime preoccupazione

Il territorio orvietano e la crisi: quale possibilità di ripresa

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni