opinioni

Quel dolce Nido dell'Asilo

martedì 21 agosto 2012
di Giuseppe San Giorgio

C'era una volta un bambino felice che aveva tanti nomi,

Gabriele, Francesco, Tommaso, Mattia, Laura, Letizia.......

 

Viveva in un mondo di fate e di gnomi,

di fiori alla frutta, di boschi e alberi di liquirizia!!

 

Era un posto fatato, davvero incantato,

dove ogni giorno, non era mai scontato,

una valle dove tutto era meraviglioso,

dove crescere era allegro e gioioso!!!!

 

La valle dell'Arcobaleno, dai mille colori,

per disegnare, macchine senza motori,

pupazzi, animali e principesse in allegria,

impastare, farina e acqua con fantasia,

per giocare, intrugliare e per cucinare,

e divertendosi anche a sporcare.

Era un posto con fate assai belle

che ogni giorno facevan biscotti e dolci ciambelle.

Fata Francesca, la più stralunata,

che anche la testa aveva scordata,

c'è poi Fata Linda, posata e tranquilla,

ma quando si arrabbia, ahi come strilla!!

Fata Ivana, la più birichina,

a fare scherzetti fin dalla mattina,

una fata al mattino e una al meriggio,

crescevi felice e ai compiti ligio!!

E vai!!! Tutti fuori con Fata Antonella,

ma solo col sole e la giornata bella!!

 

Poi un giorno funesto arriva il mago Soldone!!

Che taglia e ritaglia, ti leva il boccone,

svanisce il sole sull'arcobaleno

e come d'incanto, svanisce il sereno!!

Poveri bimbi come faranno!!

Una fata al giorno, lo sai che affanno!!

Come si fa a far tutte le cose,

il gioco, il disegno, no, non ce so scuse!!!

 

Non puoi mago Soldone, tagliar sulle fate,

son quelle che rendon le valli incantate,

come faranno i nostri bambini,

a crescer felici e ad imparare,

se togli per risparmiare i soldini,

chi li guida sereni e sta li a vigilare!!

Ma come fai brutto stregone,

a fare tagli senza consensi,

che vanno contro l'educazione,

ma a quei bambini tu non ci pensi!?!?!?

 

Come faranno quei dolci bambini,

a far quei laboratori cosi carini,

cosi importanti per l'educazione,

che stimolano i sensi e la percezione!

Per non parlare poi a Carnevale,

che c'è da fare tanto e non pare,

quando aiutati dai genitori,

che in una fiaba fanno gli attori,

le dolci fate senza riposo,

uno spettacolo per niente noioso,

con belle scene da incorniciare,

tutto da sole, vanno a inventare!!

 

Stammi a sentire Mago Soldone,

non puoi giocare a fare Paperone,

non puoi giocare con queste fate,

che sono buone ma si son stancate!!

Non è decente, non è dignitoso,

venire trattate come un costo oneroso,

loro ci mettono tutto l'amore,

ma tu non puoi giocar con le ore!!

 

Queste fatine lo sai hanno una vita,

hanno dei figli e una famiglia amata,

dopo la magia, si torna a casa e non è finita,

c'è un'altra valle che non và mai trascurata!

Ascolta bene Stregone il consiglio,

fai in modo che tutti in giusta misura,

mettano mano al portafoglio,

taglia i stipendi, quelli ricconi,

quelli che prendono suon di milioni!

Per questi bambini è una fase importante,

dove si fanno passi da gigante,

dove è veloce il loro progresso,

ma a fare danni, sai si fa presto,

basta una fata stanca e arrabbiata,

ed ecco fatto, al fin, la frittata!!

 

C'era una volta un bambino felice,

che viveva in un mondo incantato,

dove cresceva sereno e beato........................

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità