opinioni

L'ospedale di Orvieto come il tribunale?

domenica 15 luglio 2012
di Paolo Borrello

Le possibilità che il tribunale di Orvieto non venga soppresso sono, secondo me, molto limitate. E non solo perché la soppressione del tribunale di Orvieto rientra in un ampio programma di riduzione del numero degli uffici giudiziari che riguarda l'intero territorio del nostro Paese, ritenuto di notevole importanza nell'ambito di quell'azione di revisione della spesa pubblica, più spesso definita "spending review", obiettivo divenuto prioritario della politica economica portata avanti dal governo Monti. Ma anche perché, nel corso degli anni, da quando si è iniziato a discutere della soppressione dei tribunali minori, tra i quali quello di Orvieto, i vari soggetti locali, istituzionali e non (dai rappresentanti delle Amministrazioni Comunali, della Provincia, della Regione e del Parlamento, di diverse associazioni, agli avvocati stessi) non si sono impegnati a sufficienza per scongiurare la chiusura del Tribunale di Orvieto, perseguendo quello che era l'unico modo per impedirla davvero e cioè l'ampliamento del territorio dove potesse esercitare le sue competenze. Non si è nemmeno tentato di coinvolgere, per tempo, la popolazione.

L'ospedale di Orvieto non è a rischio chiusura. Ma da tempo si è verificato un suo vero e proprio depotenziamento come del resto di tutti i servizi sanitari erogati nell'Orvietano, anche quelli territoriali. E la principale manifestazione di tale depotenziamento è stata rappresentata da una consistente riduzione del personale, a partire da quello medico, ma non solo. Tale situazione è ben nota e continua a contraddistinguere la sanità orvietana da diversi anni ormai. Più volte sono pervenute assicurazioni, o meglio promesse, non seguite però da fatti concreti, da parte di rappresentanti della Regione (circa un anno fa la presidente Marini e più recentemente l'assessore Tomassoni) circa la copertura dei posti vacanti e più in generale relativamente all'effettiva possibilità che quello di Orvieto diventi un vero e proprio ospedale di emergenza e urgenza.

Oggi più che in passato, peraltro, occorre fare molta attenzione circa l'effettiva attendibilità delle assicurazioni o promesse di fonte regionale, in considerazione del fatto che le risorse a disposizione della Regione Umbria per la sanità sono, nel complesso, insufficienti per soddisfare tutte le esigenze che si manifestano nell'intero territorio regionale. I problemi derivanti da tale scarsità di risorse finanziarie potrebbero essere in gran parte risolti se effettivamente da parte della Regione si volessero eliminare i veri sprechi che certamente esistono nell'ambito della spesa sanitaria umbra. Ma potrebbe anche avvenire che siano sacrificate anche esigenze giuste e giustificate come quella rappresentata dalla necessità di potenziare i servizi sanitari erogati nell'Orvietano.

Per evitare che ciò si verifichi, a mio giudizio, è indispensabile operare da un lato per accrescere considerevolmente il peso politico di Orvieto in Umbria, ormai ridotto ai minimi termini, per vari motivi, e dall'altro per coinvolgere il più possibile la popolazione, anche per sostenere l'eventuale impegno dei nostri rappresentanti istituzionali affinchè alle promesse della Regione seguano i fatti.

Per tentare di contribuire a raggiungere questo secondo obiettivo, io ho ritenuto opportuno, in qualità di responsabile del presidio di Orvieto di Libera, l'associazione il cui scopo primario è il contrasto alle mafie ma che si sta sempre più occupando di favorire le buone pratiche nelle attività svolte dalle pubbliche amministrazioni, di redigere una bozza di petizione, da far sottoscrivere dal maggior numero possibile di cittadini orvietani, insieme ad altre iniziative volte comunque a perseguire lo stesso obiettivo.

Per la verità il mio proposito non è stato fino ad ora sostenuto adeguatamente da parte di soggetti che sostengono di avere molto a cuore le prospettive della sanità orvietana, ad esempio il Tribunale per i Diritti del Malato e i Comunisti Italiani (forse perché tali soggetti puntano soprattutto a coltivare il proprio "orticello" e non sono molto disponibili a portare avanti iniziative comuni insieme ad altri con l'unico obiettivo di perseguire l'interesse generale della comunità orvietana?).

Nelle prossime settimane proverò di nuovo a fare in modo che un'ampia schiera di promotori (soprattutto associazioni e partiti ma non solo) faccia propria la proposta che ho avanzato. Per il momento allego una bozza del documento che potrebbe costituire il testo della petizione che ho prima citato.

In difesa dell'ospedale di Orvieto

La Giunta regionale dell'Umbria ha predisposto un progetto di riforma della sanità della nostra regione. La sua approvazione da parte del Consiglio regionale è prossima, anche se, molto probabilmente, slitterà a settembre.

Di questo progetto di riforma se ne è discusso anche in un Consiglio comunale aperto e se ne discute soprattutto per quanto riguarda la proposta di riduzione delle Asl che dovrebbero diventare due, una per la provincia di Terni e per l'area Foligno-Spoleto e l'altra per il resto della provincia di Perugia, alle quali dovrebbero aggiungersi le due aziende ospedaliere.

E soprattutto a Foligno e a Terni si sta discutendo animatamente ed esclusivamente della sede della nuova Asl, che sovraintenderà anche alle strutture sanitarie operanti nell'Orvietano, compreso l'ospedale.

Noi la pensiamo diversamente.

Il nostro principale obiettivo è interrompere il progressivo depotenziamento dell'ospedale di Orvieto, accentuatosi negli ultimi anni, contraddistinto anche da una forte riduzione del personale, prevalentemente dovuto al fatto che sono stati sostituiti solo in minima parte quanti hanno cessato la loro attività.

A tale proposito non può che essere valutato negativamente il fatto che diversi primari sono andati in pensione anticipatamente. Ciò rappresenta la manifestazione più evidente dello stato di vero e proprio disagio che ha contraddistinto il nostro ospedale soprattutto negli ultimi anni.

Per interrompere il progressivo depotenziamento dell'ospedale di Orvieto, anche per ridurre la lunghezza delle liste di attesa, che si è andata via via ampliando fino a raggiungere livelli davvero insopportabili, chiediamo che l'ospedale di Orvieto diventi realmente un ospedale di emergenza e urgenza, anche per garantire in questo modo la sua autonomia, dotandolo però del personale e delle attrezzature indispensabili affinchè lo sia realmente.

Chiediamo anche che siano sviluppati i servizi sanitari territoriali anche, ma non solo, perché le attività di prevenzione dovranno assumere sempre maggiore importanza, nella consapevolezza che quei servizi da anni ad Orvieto sono stati ingiustamente trascurati.

Chiediamo inoltre che nell'ambito del progetto di riforma della sanità umbra siano modificati i criteri utilizzati per la scelta dei primari e dei direttori generali: tali scelte come purtroppo avvenuto molto spesso in passato non dovranno essere più il frutto di spartizioni tra le diverse forze politiche ma dovranno avvenire solo in base al merito e alle competenze.

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 ottobre

"Frantoi Aperti" compie vent'anni. Eventi a macchia d'olio nei borghi dell'Umbria

"Autunno. Archeologia, Arte, Architettura", quattro incontri alla Rocca dei Papi

La Zambelli Orvieto si ferma sul più bello e cede il passo a Caserta

Liste d'attesa...di morire

Orvieto FC, secondo anno di iscrizione a tutti i campionati della Figc

Gloria in Excelsis Deo

A Sferracavallo Dom Quix realizza un'opera murale dedicata ad Aldo Netti

"Festa dell'Aria". Parrano BioDiversa riflette su qualità dell'aria e cambiamenti climatici

Erasmus+, tra gli studenti che partecipano anche quelli dell'Agrario di Fabro

"Il Governo eroghi risorse necessarie alla gestione dei servizi da parte della Provincia"

Pampepato, via al percorso per il riconoscimento della certificazione Igp

"World Francigena Ultramarathon", domenica l'arrivo dei partecipanti

Volatili

Nuova sede di Cittaslow International, incontro con il presidente Stefano Pisani

La Fondazione "Peres center for peace" premia la presidente della Regione Catiuscia Marini

Zambelli Orvieto scontenta ma pronta a lavorare per migliorare

Sì della giunta al Piano per il passaggio a tariffa puntuale sui rifiuti

Amerina, convenzione tra Comune e Provincia per concessione di aree di pertinenza stradale

Sì al progetto per opere di urbanizzazione in vocabolo Fosso Fanello

Giornate della Castagna, nel secondo weekend arriva il Palio degli Asini

Rinnovato il Consiglio Provinciale dell'Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Perugia

"Ospedale da campo. Memorie di un medico cattolico dalla guerra di Libia a Caporetto"

Il punto di Guido Barlozzetti: "Una brutta notizia"

Riscaldamento in Via Scalza, Olimpieri (IeT): "In assenza di interventi Ater, provveda il Comune"

"La Libreria dei Sette di Orvieto compie 95 anni...e adesso rischia la chiusura. Parliamone!"

Autunno ricco di proposte alla Biblioteca Comunale

Il Boni pronto a volare. Aperta la campagna abbonamenti, via alla nuova stagione teatrale

Sogni incrociati

Bollette pazze, Olimpieri (IeT) chiede conto con un'interpellanza dell'accaduto

L'Istituto Agrario di Fabro vola in Sicilia per conoscere la cooperativa "Lavoro e non solo"

Le impressioni di capitan Serena Ubertini dopo l'esordio vincente della Zambelli Orvieto

Uffici postali. Gori: "Bene tavoli confronto regionale, impegno comune evitare riduzioni servizio"

Ceramica, Paola Biancalana e Andrea Miscetti sul podio del concorso "Il segno del tempo"

Forza Italia: "Acquapendente invasa dai topi, c'è troppa immondizia in giro"

In marcia con la Polisportiva verso la chiesa della Madonna di Loreto

Le tre slide mancanti di Palazzo Chigi

"Senza Monete" compie tre anni. Festa all'Emporio del Riuso e dello Scambio

Per "Lezioni di Storia" al Teatro Mancinelli arriva Alberto Mario Banti

Mano tesa tra la Scuola di Musica "Casasole" e la Filarmonica "Mancinelli"

Sicurezza all'ex caserma Piave con "Crash Scene. Indicazioni Salva Vita"

Dopo otto anni torna il "Bollettino sulla situazione economica e sociale dell'Area Orvietana"

Case popolari, c'è il bando. Per la presentazione delle domande c'è tempo fino al 29 novembre

FotograMia

Giubileo, in corso le iniziative per le Settimane della Misericordia

Torna l'Operazione Mato Grosso. Giovani al lavoro a sostegno dell'America Latina

"Aspettando Halloween". Festa alla sala parrocchiale della Segheria

"Non c'è sicurezza senza prevenzione". Sul tavolo, le criticità del territorio umbro

Ritrovato l'uomo smarrito nei boschi. Terzo caso in quindici giorni

Orvietana, faccia a faccia con i due fratelli Fillippo e Giuliano Avola

Al frantoio Cecci di Monterubiaglio torna "Pane e Olio". Le degustazioni si fanno solidali

Ilaria Alpi si è suicidata?

"Arte sui muri. Street art e urban art". Giornata di studi all'Università della Tuscia