opinioni

L'ospedale di Orvieto come il tribunale?

domenica 15 luglio 2012
di Paolo Borrello

Le possibilità che il tribunale di Orvieto non venga soppresso sono, secondo me, molto limitate. E non solo perché la soppressione del tribunale di Orvieto rientra in un ampio programma di riduzione del numero degli uffici giudiziari che riguarda l'intero territorio del nostro Paese, ritenuto di notevole importanza nell'ambito di quell'azione di revisione della spesa pubblica, più spesso definita "spending review", obiettivo divenuto prioritario della politica economica portata avanti dal governo Monti. Ma anche perché, nel corso degli anni, da quando si è iniziato a discutere della soppressione dei tribunali minori, tra i quali quello di Orvieto, i vari soggetti locali, istituzionali e non (dai rappresentanti delle Amministrazioni Comunali, della Provincia, della Regione e del Parlamento, di diverse associazioni, agli avvocati stessi) non si sono impegnati a sufficienza per scongiurare la chiusura del Tribunale di Orvieto, perseguendo quello che era l'unico modo per impedirla davvero e cioè l'ampliamento del territorio dove potesse esercitare le sue competenze. Non si è nemmeno tentato di coinvolgere, per tempo, la popolazione.

L'ospedale di Orvieto non è a rischio chiusura. Ma da tempo si è verificato un suo vero e proprio depotenziamento come del resto di tutti i servizi sanitari erogati nell'Orvietano, anche quelli territoriali. E la principale manifestazione di tale depotenziamento è stata rappresentata da una consistente riduzione del personale, a partire da quello medico, ma non solo. Tale situazione è ben nota e continua a contraddistinguere la sanità orvietana da diversi anni ormai. Più volte sono pervenute assicurazioni, o meglio promesse, non seguite però da fatti concreti, da parte di rappresentanti della Regione (circa un anno fa la presidente Marini e più recentemente l'assessore Tomassoni) circa la copertura dei posti vacanti e più in generale relativamente all'effettiva possibilità che quello di Orvieto diventi un vero e proprio ospedale di emergenza e urgenza.

Oggi più che in passato, peraltro, occorre fare molta attenzione circa l'effettiva attendibilità delle assicurazioni o promesse di fonte regionale, in considerazione del fatto che le risorse a disposizione della Regione Umbria per la sanità sono, nel complesso, insufficienti per soddisfare tutte le esigenze che si manifestano nell'intero territorio regionale. I problemi derivanti da tale scarsità di risorse finanziarie potrebbero essere in gran parte risolti se effettivamente da parte della Regione si volessero eliminare i veri sprechi che certamente esistono nell'ambito della spesa sanitaria umbra. Ma potrebbe anche avvenire che siano sacrificate anche esigenze giuste e giustificate come quella rappresentata dalla necessità di potenziare i servizi sanitari erogati nell'Orvietano.

Per evitare che ciò si verifichi, a mio giudizio, è indispensabile operare da un lato per accrescere considerevolmente il peso politico di Orvieto in Umbria, ormai ridotto ai minimi termini, per vari motivi, e dall'altro per coinvolgere il più possibile la popolazione, anche per sostenere l'eventuale impegno dei nostri rappresentanti istituzionali affinchè alle promesse della Regione seguano i fatti.

Per tentare di contribuire a raggiungere questo secondo obiettivo, io ho ritenuto opportuno, in qualità di responsabile del presidio di Orvieto di Libera, l'associazione il cui scopo primario è il contrasto alle mafie ma che si sta sempre più occupando di favorire le buone pratiche nelle attività svolte dalle pubbliche amministrazioni, di redigere una bozza di petizione, da far sottoscrivere dal maggior numero possibile di cittadini orvietani, insieme ad altre iniziative volte comunque a perseguire lo stesso obiettivo.

Per la verità il mio proposito non è stato fino ad ora sostenuto adeguatamente da parte di soggetti che sostengono di avere molto a cuore le prospettive della sanità orvietana, ad esempio il Tribunale per i Diritti del Malato e i Comunisti Italiani (forse perché tali soggetti puntano soprattutto a coltivare il proprio "orticello" e non sono molto disponibili a portare avanti iniziative comuni insieme ad altri con l'unico obiettivo di perseguire l'interesse generale della comunità orvietana?).

Nelle prossime settimane proverò di nuovo a fare in modo che un'ampia schiera di promotori (soprattutto associazioni e partiti ma non solo) faccia propria la proposta che ho avanzato. Per il momento allego una bozza del documento che potrebbe costituire il testo della petizione che ho prima citato.

In difesa dell'ospedale di Orvieto

La Giunta regionale dell'Umbria ha predisposto un progetto di riforma della sanità della nostra regione. La sua approvazione da parte del Consiglio regionale è prossima, anche se, molto probabilmente, slitterà a settembre.

Di questo progetto di riforma se ne è discusso anche in un Consiglio comunale aperto e se ne discute soprattutto per quanto riguarda la proposta di riduzione delle Asl che dovrebbero diventare due, una per la provincia di Terni e per l'area Foligno-Spoleto e l'altra per il resto della provincia di Perugia, alle quali dovrebbero aggiungersi le due aziende ospedaliere.

E soprattutto a Foligno e a Terni si sta discutendo animatamente ed esclusivamente della sede della nuova Asl, che sovraintenderà anche alle strutture sanitarie operanti nell'Orvietano, compreso l'ospedale.

Noi la pensiamo diversamente.

Il nostro principale obiettivo è interrompere il progressivo depotenziamento dell'ospedale di Orvieto, accentuatosi negli ultimi anni, contraddistinto anche da una forte riduzione del personale, prevalentemente dovuto al fatto che sono stati sostituiti solo in minima parte quanti hanno cessato la loro attività.

A tale proposito non può che essere valutato negativamente il fatto che diversi primari sono andati in pensione anticipatamente. Ciò rappresenta la manifestazione più evidente dello stato di vero e proprio disagio che ha contraddistinto il nostro ospedale soprattutto negli ultimi anni.

Per interrompere il progressivo depotenziamento dell'ospedale di Orvieto, anche per ridurre la lunghezza delle liste di attesa, che si è andata via via ampliando fino a raggiungere livelli davvero insopportabili, chiediamo che l'ospedale di Orvieto diventi realmente un ospedale di emergenza e urgenza, anche per garantire in questo modo la sua autonomia, dotandolo però del personale e delle attrezzature indispensabili affinchè lo sia realmente.

Chiediamo anche che siano sviluppati i servizi sanitari territoriali anche, ma non solo, perché le attività di prevenzione dovranno assumere sempre maggiore importanza, nella consapevolezza che quei servizi da anni ad Orvieto sono stati ingiustamente trascurati.

Chiediamo inoltre che nell'ambito del progetto di riforma della sanità umbra siano modificati i criteri utilizzati per la scelta dei primari e dei direttori generali: tali scelte come purtroppo avvenuto molto spesso in passato non dovranno essere più il frutto di spartizioni tra le diverse forze politiche ma dovranno avvenire solo in base al merito e alle competenze.

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 marzo

"Corri sulle strade dell'Ottobrata Orvietana", ai nastri di partenza la sesta edizione

Asia Argento e Filippo Dini al Mancinelli con "Rosalind Franklin. Il segreto della vita"

Giornata Mondiale della Poesia, presentato il libro "Dall'esperienza al racconto"

Casa di Riposo, indetta la gara per la gestione transitoria

"Medaglie al Merito" in Prefettura, tra gli insigniti c'è anche Pietro Federico

A Palazzo Simoncelli, l'omaggio a Leopardi di Diana Iaconetti e Nuccia Martire

Luca Fringuello e i Giovanissimi di Orvieto Fc: "Contento dei risultati fin qui ottenuti"

Unipoptus, ecco a chi andranno gli attestati di benemerenza 2017

Orvieto tra le 13 stazioni appaltanti per l'individuazione di soggetti da invitare alle procedure negoziate

"L'Umbria si rimette in moto", Lugnano in Teverina consegna ulivi collezione mondiale

Al Palazzo del Gusto, mini-corso di caffetteria gratuito per gli imprenditori del territorio

Provincia, assemblea Upi Umbria e mobilitazione per fondi scuole

Al Teatro Boni cala il sipario su una stagione da applausi. Nardi: "Puntiamo sulla qualità"

Sabbia d'estate

Riduzione del rischio da catastrofi, gli impegni del Comitato delle Regioni d'Europa

Impatto ambientale, Università della Tuscia e Comune sottoscrivono la convenzione

Mezzo secolo di storia, l'Avis cresce e si prepara ai festeggiamenti

"Shiatsu&Alzheimer": attraverso il corpo una via per entrare in relazione

L'Alto Orvietano "In marcia per le donne" verso la Panchina Rossa

A Todi, sarà aperto per la prima volta al pubblico Palazzo Atti-Pensi

Karate, gli atleti della Scuola Keikenkai in Marocco per l'Open di Tangeri Wkf

Il X Congresso della Fnp Cisl Umbria conferma Giorgio Menghini alla guida dei pensionati

La Sagra della Primavera all'Hosteria di Villalba. Sabato 25 marzo, da mattina a sera

Disciplina della viabilità, ecco cosa cambia

Ippolito Scalza, un orvietano nel solco di Michelangelo

Fate morire in voi gli atteggiamenti

Il giardino delle ortensie

Operaio non pagato, si barrica sul tetto di un'abitazione in costruzione

Zambelli Orvieto sempre più apprezzata, lo dice Martina Sabbatini

Attentati a Bruxelles, bandiere a mezz'asta e un invito a reagire con determinazione

La mostra-mercato di prodotti agroalimentari e artigianali di Città della Pieve compie vent'anni

Materiale per la biblioteca dalla raccolta degli oli esausti di origine vegetale

Il Coordinamento dei ristoratori orvietani dice no a Orvieto pattumiera dell'Umbria

L'Archivio di Stato lascia Piazza Duomo e trasloca nell'ex tribunale

Audizione con i vertici di Cosp per analizzare i primi risultati della differenziata

Bocciata la mozione sulla discarica, in aula scoppia il caos

Dal dibattito tutti contro l'inefficienza della raccolta differenziata nel ternano

Sì alla risoluzione geotermia, sull'Alfina si può sperare in un futuro senza speculazioni

Il messaggio del vescovo Tuzia in occasione della Pasqua: "Vigilate e pregate"

Gnagnarini replica alla minoranza: "Picconati tasse e deficit comunale"

"La Pasqua tra sacro e profano". Concerto con gli allievi del maestro Davide Rocca

Nuovo orario e una ricorrenza particolare per il Museo Etrusco "Claudio Faina"

Discarica, De Sio (FdI-An) attacca l'esecutivo: "La Regione ha la memoria corta"

Materazzo Vs Tatta, la sfida tra Comunista e Democristiano. Arbitra Conticelli

Protesta in Regione contro l'ampliamento della discarica: le immagini

Lo strano caso dei lavori sul torrente Carcaione. Italia Nostra: "Nessuna partecipazione"

A proposito di ambiente, le priorità dei Giovani democratici: "Cosa serve all'Orvietano"

Hosteria di Villalba, uno sviluppo "Coeso" per la valorizzazione delle aree montane

Fiorini e Mancini (Lega Nord): "Il Pd trasforma Orvieto in pattumiera dell'Umbria"

Dopo il documento, i venti sindaci dell'Area Interna icontreranno la Marini

Corso di lingua italiana per stranieri e laboratorio di disegno per studenti

Nel pomeriggio di Pasqua alla Chiesa dei Servi torna la messa in latino

Processioni e rievocazioni storiche della Passione in tutto l'Orvietano

In corso la campagna di tesseramento 2016 dell'associazione "Lea Pacini"

Fascino e suggestione a Palazzo Orca, con i "Quadri Viventi" del Terziere Borgo Dentro

La rievocazione della Passione nei borghi della Tuscia viterbese

"Orvieto per tutti" svela il logo. Ad aprile la presentazione ufficiale

Successo per la mostra "Omaggio a Francesco" e il libro "Dialoghi nell'Immenso"

"The art of the brick". I mattoncini Lego vanno in mostra e diventano opera

"Blowing Art. Se a Orvieto ci fosse il mare…". In mostra, le visioni di Carlo Rognoni

Rifondazione Comunista propone un percorso comune a sinistra del PD

In tilt da tre giorni le linee telefoniche di Ospedaletto. Protestano gli abitanti isolati anche dalla neve

38 mila euro di contributi per lo spettacolo dalla Provincia. Lo annuncia l'assessore alla cultura Sganappa

Conviviale d'eccezione del Rotary Orvieto: ospite d'onore la dott.ssa Rita Valecchi con un'interessante relazione sul futuro dell'Ospedale di Orvieto

La relazione della dott.ssa Valecchi: 'Ospedale di Orvieto: Innovazione e progettualità'

La Filarmonica Mancinelli inaugura a Montefiascone 'Primavera in Etruria'. Solista al pianoforte il maestro Riccardo Cambri

Accessibile al pubblico il Fondo bibliotecario Renato Bonelli. Domenica 25 marzo l'inaugurazione

Mondovino: quando il tempo premia l'Orvieto. A Roma Palazzone in verticale: 15 anni di Campo del Guardiano

Non si placano gli animi sulla delibera della Corte dei conti. AN e Altra Città chiedono un Consiglio Comunale in seduta segreta per discutere il comportamento del Presidente

Una giornata di studi dedicata alle novità della legge Finanziaria. Seminario di studi della Presidenza del Consiglio di Orvieto e della Fondazione PROMO P.A.

Scontro a sinistra sulla ripubblicizzazione dell'acqua. Un polemico intervento del consigliere Imbastoni: 'Battaglia per l’acqua pubblica: basta con i verniciatori'

La lettera del Comitato Promotore Regionale Umbro per la ripubblicizzazione dell'acqua agli eletti dell'Umbria

'Un dibattito serrato ma franco' tiene impegnata la direzione DS al completo fino alle due di notte