opinioni

Con le comunità ed i territori, contro i poteri forti

giovedì 12 luglio 2012
di Stefano Olimpieri - Capo Gruppo PdL

La scelta fatta dal Sindaco di posizionare il suo ufficio a piazza Corsica per dimostrare tutta la sua contrarietà al provvedimento che propone di sopprimere il Tribunale di Orvieto ha in sé una forza dirompente che non può essere solamente circoscritta alla seppur giustissima battaglia in difesa degli Uffici Giudiziari.

In una città apatica come la nostra, l'azione di Concina ha messo in moto un processo virtuoso teso a sensibilizzare la città e le sue diverse articolazioni sociali ed economiche per portare avanti - tutti insieme - una battaglia che, seppur difficilissima, è ancora tutta da giocare: ma il gesto del Sindaco è anche un grandissimo esempio di risveglio della politica ed è la dimostrazione che chi ha responsabilità politiche apicali non può nascondersi o vivacchiare nelle stanze dei palazzi, ma ha l'obbligo di stare accanto alla sua gente ed alla comunità che ha l'onore e l'onere di rappresentare. In politica, come nella vita, contano gli esempi.

Da ieri Concina ha dato l'esempio che per una battaglia giusta e sacrosanta si debbono fare dei sacrifici, anche pesanti. Sappiamo tutti, compreso il Sindaco, che non sarà questo gesto a modificare il decreto; ma sappiamo tutti, compreso il Sindaco, che questo gesto ha avuto la forza di far penetrare la questione della soppressione del Tribunale nelle maglie della società orvietana, oltre ad aver fatto comprendere alla città che di fronte alle battaglie che hanno per oggetto gli interessi generali e diffusi occorre superare le divisioni e gli steccati.

Chi pensa che la difesa del Tribunale sia solamente una questione degli avvocati e di qualche dipendente si sbaglia di grosso: difendere il Tribunale di Orvieto non vuol dire soltanto difendere la storia e la cultura secolare della città (e già sarebbe sufficiente); difendere il Tribunale significa non far scivolare Orvieto da città a paesone; difendere il Tribunale significa far rimanere sul territorio tutti i servizi collegati con le rispettive professionalità che vi operano e che producono reddito; difendere il Tribunale vuol dire tutelare tutti i corpi sociali intermedi e tutto il territorio che ha sempre visto Orvieto come punto di riferimento. Nel mettersi a capo di questa lotta, Concina ha plasticamente rappresentato quella che è la vera sostanza del problema e la sua dicotomia. Da un lato, nascondendosi dietro ricette efficientiste e rigoriste, i poteri forti che tentano di destrutturare lo Stato e la sua ossatura (imprese familiari, professioni, attività di vicinato) per creare dei blocchi di potere su cui mettere le mani; dall'altro lato ci sono i territori e le comunità con le loro storie, il loro senso di appartenenza ed i loro servizi ai cittadini.

Il Tribunale non è solo il luogo dove si fanno le cause; il Tribunale, insieme all'ospedale, alle scuole, al Palazzo del Comune ed al Duomo, è parte integrante della nostra comunità ed è un pilastro fondamentale della nostra realtà cittadina. In questo momento difficile per Orvieto, il Sindaco ha dato prova di essere alla testa della sua città ed ha dimostrato che per raggiungere gli obiettivi difficili non si può prescindere dal rafforzare i legami con il territorio e con la comunità. La battaglia è iniziata. Verrà vinta solamente se tutta la città ne sarà partecipe.


Questa notizia è correlata a:

Tribunale di Orvieto. Soddisfazione dei consiglieri dellOrvietano per la decisione del sindaco Concina di aprire il gazebo

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità