opinioni

Il gatto nero

mercoledì 20 giugno 2012
di Nello Riscaldati

Quel giovedì di giugno la signorina Sconfìnferi non era stata puntuale alla Messa delle diciotto. Era il suo primo ritardo e ne fu molto dispiaciuta. Sempre arrivata in tempo. Il segno della croce, un cenno alle amiche ed il sedere su quello che era riconosciuto come il suo posto, ebbene tutti questi atti li aveva sempre compiuti ad altare deserto e, dato il rispetto per le consuetudini, non aveva mai sentito il bisogno di affrettarsi. Nessuno infatti si sarebbe sognato di occupare la sua sedia.

Ma quella sera non era andata cosi, intanto era arrivata a Messa già iniziata per colpa di un maledetto gatto. Un gatto piccolo sì, un gattino, ma nero, nero come l'inferno di notte e che non ne voleva sapere di farsi da parte dalla mezzavia del vicoletto che le era di strada. E dato che a certe storie ci credeva e tanto e non sapendo da che parte la bestiola fosse arrivata, preferì tornare indietro e fare un lungo giro e cosi arrivò in Chiesa che la Messa era iniziata da qualche minuto.
Entrò in silenzio dalla porta di lato, si segnò, e con discrezione s' avviò verso il suo posto lassù in seconda fila. Ebbe però qualche problema perché quella sera i presenti erano molto più numerosi del solito e gli spostamenti meno fluidi.
Stava giusto attraversando l'ultimo spazio tra due colonne quando una vista inattesa la fermò: il suo posto era occupato,... incredibile,...guardò meglio,...sì,... sulla sua sedia, tra due sue amiche, sedeva un uomo,..scrutò meglio,...sì era un uomo di colore,...nero,..sì nero come il gatto causa del suo ritardo perché, pensò, se fosse arrivata in tempo, se non avesse incontrato quel gatto nero, ora su quella sedia sarebbe seduta lei, perché quello era il "suo" posto.

Olga Sconfìnferi non era razzista anzi da anni prendeva parte a tutte le iniziative di solidarietà nei confronti dei fratelli sfortunati che da ogni parte del terzo e quarto mondo si arrampicano tutti i giorni su questa Rupe spopolata. E tante volte, e non sia per rinfacciato, aveva speso perfino di tasca propria attingendo alla magra pensione di ex-impiegata comunale.
Però a quel posto in Chiesa ci teneva, era l'unica cosa riconosciuta come sua da chi frequentava quel luogo a quell'ora. Era il suo posto, se l'era conquistato, ed ora eccola lì a guardarvi seduto un usurpatore, che Dio lo benedica. Ma forse, pensò, può darsi che sia un usurpatore stanco, affamato e in cerca di una mano che lo aiuti. Così la signorina Sconfìnferi si intenerì e guardandolo meglio e vedendolo vestito in modo così approssimativo si ripromise di fare qualcosa per lui a Messa terminata. Si cercò un posto per quella sera, si appoggiò a una colonna, si aggiustò il velo ed aprì il libretto per seguire il celebrante. Ma da lì non lo vedeva nemmeno e nemmeno Cristo vedeva da lì pur se era certa che Lui vedeva lei. La signorina Sconfìnferi aveva molta fede ma anche molta paura dei gatti neri.

C'era tanta gente anche in piedi quella sera in Chiesa perché la Messa che veniva celebrata aveva un'intenzione speciale. Era cioè la prima di un Triduo che un Comitato cittadino a difesa della civica dignità aveva organizzato per scongiurare la probabilissima chiusura del tribunale di Orvieto.
Infatti non sapendo più a quale Santo raccomandarsi, gli avvocati, i praticanti, i lavoratori dell'indotto, gli indagati, gli imputati, i colpevoli, gli innocenti e i semplici cittadini utenti della legge avevano deciso all'unanimità di rivolgersi con una corale iniziativa di devozione alla Trinità, alla Madonna e a tutti i Santi. E per non lasciare nessuno fuori, e su suggerimento di un avvocato anziano, furono inclusi nella supplica anche tutti gli Angeli, gli Arcangeli, i Cherubini, i Troni e le Dominazioni. Quindi si rivolsero al Vescovo e fu organizzato un Triduo solenne che si sarebbe dovuto concludere il sabato con una Messa cantata.
E cosi dalla sera di giovedi la Chiesa si era riempita oltrechè dei devoti abituali, di avvocati, di segretari, di segretarie, di praticanti, di giovani di studio, di testimoni oculari, di indagati, di pedinati, di intercettati e di cittadini comuni a piede libero e con fedina penale pulita. Tutti a capo chino e con espressioni decisamente orientate sul grigio. Fuori, per solidarietà, anche il cielo si stava rannuvolando.

Si era arrivati alla sofferta decisione del Triduo perché di fronte alla minaccia di chiusura del Tribunale da parte del Governo, gli orvietani non ebbero nè il coraggio di bloccare l'autostrada del Sole con cartelli e pennacchi e falò, né quello di mettersi di traverso sui binari della ferrovia veloce o di quella lenta, potendo appunto scegliere. Fu ventilata ma subito accantonata anche l'ipotesi di appendere alla Torre del Moro una gabbia di ferro con dentro l'avvocato più giovane ed il più anziano e mandare il tutto su Youtube 24h per rendere visibile il grado di sofferenza della città in simile congiuntura. Ma la netta opposizione dei due interessati fece decadere l'iniziativa.
E dopo aver discusso a lungo circa la possibilità di schierare il Corteo Storico in assetto di guerra all'altezza del casello autostradale al fine di strangolare l'Italia con un nodo in costume, si convenne che l'iniziativa più consistente, meno dispendiosa e più efficace per impetrare la salvezza del Palazzo di Giustizia sarebbe stata quella di raccomandarsi nel luogo e nel modo più opportuni a Coloro che lassù, dall'Alto, volendo, possono davvero tutto. Vale a dire a partire dal Padre fino all'ultimo degli Angioletti. Da qui l'idea del Triduo. Da più parti fu osservato che una Novena sarebbe stata ancora più efficace ma questa volta fu il calendario a rivelarsi indisponibile essendo la chiesa già stata prenotata da altre entità come gli esodati, i pendolari, i precari e via dicendo, tutte alle prese con problemi estremamente seri....!

Ma non trovando pqce lì dove si era appoggiata la signorina Sconfinferi, centimetro dopo centimetro, era riuscita a spostarsi di quel tanto che serviva per sorvegliare a vista il suo posto. Dovette però alzarsi sul tacchi perché avanti a lei stazionava un marcantonio di avvocato con due spalle da scaricatore e quando in qualche modo riuscì a far emergere l'occhio prese atto con sorpresa che il suo posto era libero. Sedia vuota, niente più giovane nero seduto e lo strano era che, pur essendoci tanta gente in piedi, la sedia continuava a rimanere vuota. Strano anche perché da dove aveva assistito alla Messa la signorina avrebbe dovuto accorgersi di qualsiasi movimento, ma non s'era accorta di nulla perché, secondo lei, nessuno s'era mosso. E allora però,...?!

Comunque essendo la celebrazione prossima alla fine si avviò senza dare a vedere verso il fondo della navata di destra. Da lì avrebbe preso la benedizione e poi sarebbe uscita senza spinte sulla strada di lato alla chiesa dato che aveva anche un po di fretta perché si era ricordata di alcune cosette da comprare. Ma fattasi il segno della croce e riposti gli occhiali nella borsetta, eccoti di nuovo un gattino nero vicino alla porta,...simile a quello incontrato poco prima nel vicolo.
Un gatto in Chiesa,...! Nero per giunta,...! E come era entrato,...?! E perché,...?! Ma non mi avrà mica seguita,...?!
Olga Sconfìnferi si sentì quasi in trappola, certo sarebbe potuta uscire dall'altra porta che dà sotto agli archi, ma era già tardi, poi durante la Messa s'era inteso qualche brontolio di tuono e lei non aveva nemmeno l'ombrello e poi non si può avere paura di un gattino nero che,...! Fece per guardarlo meglio ma la bestiola non c'era più.
-Porett' a me,...! Forse sono io che ho le traveggole,...! Eppure bere non bevo, mangiare, è vero, mangio poco ma sano cosi come dicono i medici in TV, e dunque,...?!-

Uscì fuori. In strada poca gente, giù dal cielo le prime gocce. La signorina Sconfìnferi accelerò il passo ma l'acquazzone non ebbe pietà, in qualche secondo il cielo si apri e ne venne giù una pacca. Essendo vestita anche di leggero la poveretta si sentì perduta, ma prima che il turbine l'avvolgesse un giovane nero, tanto bello quanto mal vestito, le si affiancò e la prese sotto un enorme ombrello verde.

-Grazie giovano',...a tè è ‘r celo che te manna,...però guarda che ‘sto tempo quest'anno è tetro,..e qui, fino a le cinque, era tutto sereno,...?!-
-Perché sei sola,...?!-
-Perché so' sola,...?! Eh! Cocco,...so' sola perché so' sola,..! Io da quanto ciò avuto da fa' ne la vita nun ciò avuto manco ‘r tempo de cercamme ‘no straccetto de marito, o capace pure che nun me so' manco accorta che quarcuno me voleva,...!-
-Tu troverai un uomo,..!-
-Eh! Cocco, all'età mia ,..sessanta sonate,..e chi me vole più,... sente, io adesso però me devo ferma' ‘un tantino ne ‘sta bottega,...te ringrazio de avemme riparato,..davero,...te ringrazio de core,...te me sa che seé davero ‘n angelo de' 'r celo,...grazie, cocco,...si te m'aspette un tantino dopo vedemo si te posso da ‘na mano ché si vae in giro vestito così capace pure che t'arrestono,...!-

La signorina fece le sue spese ma quando uscì il giovane nero con l'ombrello verde non c'era più, in compenso aveva smesso di piovere. Ma il colmo della meraviglia fu quando, arrivata a casa, ritrovò il gattino nero avanti all'uscio.
-Ah! Mejo vah,...ma allora tè stasera me perseguite,... e allora adesso tè lo sae io che fò, adesso io te pijo e tè venghe a sta' co' mè a casa mia,...io te lavo, te pulisco, te governo, te curo si c'è bisogno e tè in cambio me farae un po' de compagnia,....!-
Il gattino rispose con un miagolio e alzò una zampetta. La signorina Sconfinferi se lo portò a casa e da quella sera la sua vita cambiò. Un anno dopo si sposerà con Ignazio l'idraulico che era stata sempre una sua fiamma inconfessata. Quel ragazzo nero era stato profeta.

E naturalmente vivranno a lungo felici e contenti, tutti,...anche il gatto nero,...!
Gli avvocati e gli imputati invece, se il Triduo non dovesse dare i frutti attesi, si appresterebberd a diventare i futuri Pendolari della Giustizia.

Commenta su Facebook

Accadeva il 14 novembre

"Speciale Marchesini" su Raitre a cura di Pino Strabioli. Al Mancinelli, "Orvieto per Anna"

"Salci nel ricordo dei suoi abitanti". Il borgo fantasma rivive in un libro

Scherma, Lorenzo Rocchigiani quinto alla prima Prova nazionale Gpg di Ravenna

Premio "Vanghetto d'Oro 2017" a Roberta Morise. In archivio, la 30esima Mostra del Tartufo

Musei di Maremma a portata di click con la nuova App per smartphone e tablet

La Maestà, un Santuario nel cuore dei ficullesi

I classici di Luigi Capuana e Jack London protagonisti da CicloStile

Orvieto Città del Corpus Domini plaude e auspica l'impegno del Comune

Orvieto ricorda l'architetto Torquato Terracina

Maratona dell'Olio, presentata l'ottava edizione. Le aziende dell'Orvietano coinvolte

"Per un pugno di stelle". Occhi sulla Via Lattea all'Osservatorio Astronomico Monte Rufeno

"Ricostruire dopo il sisma". Iniziativa congiunta di Cgil, Cisl e Uil

Via Alberici chiusa al transito delle auto, ma solo per tre ore

Solennità della dedicazione della Cattedrale. Gli appuntamenti

Energia elettrica interrotta per lavori nel centro storico, ecco dove

A1, chiusura notturna all'uscita di Fabro per lavori di pavimentazione

Dedicato a Jan Macko il "Piccolo Concerto di Santa Cecilia 2017"

Il rettore dell'Unitus eletto presidente del Comitato regionale universitario del Lazio

La Farmacia Comunale aderisce: "La prevenzione è un'opportunità"

"DiaDay" per la prevenzione del diabete. Screening gratuito in farmacia

"L'Umbria a New York è stata una straordinaria occasione di promozione"

Tari, il sindaco Caci: "Nel nostro Comune non ci sono errori nel calcolo della tariffa"

Teatro "Lea Padovani", crescono gli abbonati. In arrivo Nicola Piovani

All'Auditorium Taborra rivivono "Gli anni '70: luci e ombre"

Anteprima per "Il mio festival" dedicato alla letteratura per ragazzi

Settimana Unesco alla scoperta delle meraviglie dell'Alfina

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 20

Orvieto tra le "Meraviglie Sotterranee" segnalate dal Touring Club Italiano

"Tutte le ragioni per votare Sì". Incontro con Maurizio Oliviero

Delegazione ad Amatrice per consegnare un bonifico di 10 mila euro

"Gratuita e a caro prezzo: la violenza". Al Moody, lo spettacolo multimediale dei Lettori Portatili

Una Vetrya Orvieto Basket nervosa cede il passo al Bastia

Social Fab Lab organizza anche quest'anno "EreticoFuturo"

"1617-2017 Ippolito Scalza. Verso il Centenario". Conferenza al Museo Emilio Greco

Sisma, riaperte le scuole a Norcia. "Segno di speranza per la città e la Valnerina"

All'Unitus, via agli incontri su sostenibilità e business digitale

Elenco regionale delle buone pratiche in ambito culturale, Tuscia presente con 14 realtà

Piano regionale vaccinazioni, prevenzione e responsabilità verso la comunità

Sisma, runione con Anas su situazione viabilità. Entro pochi giorni riapre la Tre Valli

Campagna di promozione dell'affido familiare. Incontro pubblico in biblioteca

Parco Urbano del Paglia, chiude il sottopasso per ultimare i lavori di difesa idraulica

Azzurra Ceprini Orvieto doma Castelnuovo Scrivia

Mancinelli gremito per Forcellino. TeMa soddisfatta: "Un successo le Lezioni di Storia Speciale"

La 41esima "Fiera dell'Olio Extra-Vergine d'Oliva" trasforma Montecchio in villaggio medievale

"Natività Contemporanee" all'Antiquarium di Tenaglie. Ecco come partecipare

"Orvieto Città Aperta (14 giugno 1944. Un giorno da ricordare)"

L'assessore regionale Bartolini al focus sul referendum promosso dal Circolo Pd

Carlo Fidani: "Racconto un angolo nel quale l'umanità si è piacevolmente chiusa"

"Dopo la sentenza della Corte dei Conti, si apra la fase degli investimenti"

E45-E55 Orte-Mestre diventerà una "smart road", Anas investe 30 milioni di euro

"Bullismo, disagio adolescenziale". Convegno al Palazzo del Popolo con Lions e IIsacp

Guido Barlozzetti fa da testimonial all'orto medievale

Scatta l’indagine per fare chiarezza sull’apertura lampo della ex Coop

Minoranza all'attacco: "Un atto di una gravità assoluta"

Dopo l'alluvione: "Fiumi di parole e pochissimi fatti"

Orvieto Basket under 19 vittoriosa a Spoleto

Orvieto Basket under 15 nulla può contro Perugia

Un po' di Azzurra all'incontro organizzato dal Panathlon Club di Orvieto

"Aceto balsamico e dintorni" al Museo del vino e delle scienze agroalimentari

La Zambelli Orvieto è pronta a rialzare la testa a Rieti

Alviano, Provincia ripristina argine Oasi naturalistica dopo danni alluvione: garantite sicurezza e visite turisti

Progetto "Ambasciatore della Tuscia" al via il workshop con i partner di Berlino

Associazioni sportive e Comune al lavoro per il primo premio Fair Play Città di Orvieto

In archivio l'edizione orvietana di NozzeNews. Organizzatori soddisfatti, appuntamento a Viterbo

Galanello (Pd): "Si blocchi definitivamente il progetto delle pale eoliche"

I sindaci di San Venanzo e Parrano: "Occorre vigilare su questa vicenda"

In arrivo "Phoenix", la rinascita in musica dei "Cherries on a swing set"

I pendolari incontrano la Regione Lazio. Ripristinata la fermata straordinaria a Orte

Appaltati lavori post-alluvione per 735 mila euro

Susanna Tamaro firma a favore dell'Altopiano dell'Alfina

Poesia di Natale 2014

Cerimonia di chiusura per il Giubileo. Il vescovo Tuzia: "Orvieto, custode del Mistero"

Trentini (Cisl): "In assenza di risposte pronti ad occupare la sala consiliare"

VIDEO ORVIETOTV - Don Danilo Innocenzi illustra cerimoniale e significato

Alluvione giorno due. Occhi tristi e volti battaglieri, ma ce la faremo. Come sempre

Risultati summit dell'Unità di Crisi di martedì 13 novembre

Massimo Bruzzi: "per provare a continuare a vivere abbiamo bisogno solo di Voi: i nostri clienti"

Frana il versante Sud di Parrano. Preoccupazione del sindaco Tarparelli

Via Monte Cimino

L'alluvione penalizza gli Orvietani due volte: anche Marina di Montalto in ginocchio

L'Orvieto migliore. Gli "angeli del fango", oggi niente scuola stivaloni di gomma e giù di pala e scopa

Ci ha lasciato Giancarlo Giacomini, un grande uomo del basket orvietano

Confartigianato sull'alluvione nell'Orvietano: "Auspichiamo azioni tempestive e un segnale concreto da parte delle Istituzioni"

Un ricordo di Carla. Un bell'esempio di coraggio e positività.

Dopo l'alluvione, via alla verifica dei danni. La presidente Marini a Orvieto per un quadro delle criticità

I consiglieri provinciali Santelli, Longaroni e Garillo chiedono lo stato di calamità per l'Orvietano

Il dopo alluvione. Far ripartire le imprese, l'Amministrazione comunale incontra imprenditori, artigiani, agricoltori

A Porano il meeting annuale dei centri di aggregazione giovanile dei Comuni della zona sociale n.12 dell'Orvietano

L'alluvione guasta la festa alla 25° Mostra del Tartufo di Fabro

Il dopo alluvione. Italia Nostra lancia un forum di discussione su nuove regole per la gestione del territorio affinché tutto questo non si ripeta

Fabrizio Cortoni: "Ed ecco che succede l'incredibile: tutti a darti una mano, senza che tu debba chiamare"

Il dopo alluvione. La Cna al fianco degli imprenditori: "ripristinare prima possibile le attività produttive orvietane"