opinioni

Alfabeto per Orvieto. Lettere "G" e "E" come Giubileo Eucaristico

giovedì 19 aprile 2012
di Mario Tiberi

Per le città di Orvieto e Bolsena l'indizione del "Giubileo Eucaristico", per gli anni 2013-2014, ha squillato al pari di un rinnovato fragoroso segno del "Patto di Alleanza tra Dio e gli Uomini"; ora spetta a questi ultimi edificare l'Arca entro cui custodirlo e renderlo munifico.

G. E. come Giubileo Eucaristico. E' stato scritto che detto Evento può e deve rappresentare per la città di Orvieto una grande occasione di rinascita e, come tale, da non sprecare per nessuna ragione al mondo. Chi ha scritto ciò, ha parlato con parole di verità e ha colto pienamente nel segno.
Corre l'obbligo, anzitutto, di operare una distinzione tra le due componenti fondamentali del Giubileo, pur interdipendenti fra di loro: quella più propriamente religiosa e spirituale e quella più prettamente laica e civile.

La prima spetta in esclusiva alle Autorità Ecclesiastiche le quali, con l'ausilio dello Spirito Santo, sapranno di certo redigere un calendario liturgico denso di contenuti fideistici e di intima e profonda spiritualità.
La seconda compete alle Istituzioni cittadine, pubbliche e private, in un quadro di novità e di rottura con similari negative esperienze del passato.

Mi spiego meglio: se si pensa di accentrare tutto ciò che dovrà essere deciso nelle mani della consueta ristrettissima cerchia di oligo-notabili, con alla testa il Sindaco in carica, e senza il coinvolgimento il più ampio possibile del Popolo Orvietano, si commetterebbe un errore imperdonabile e i risultati finali non potranno che essere deludenti.

Ecco perché è da invocare, fin da subito, la partecipazione diretta alla logistica organizzativa di "figure tribunizie del popolo" con poteri di iniziativa, di proposta, di incidenza e decisione operativa.
Se quanto espresso non verrà ascoltato, il popolo stesso si vedrà costretto ad organizzarsi in proprio per la migliore accoglienza dei pellegrini, auguriamoci provenienti da tutti gli angoli della Terra, e per la più feconda riuscita della rinascita orvietana.

E' dovere ora delle nostre genti, se davvero ci credono, di farsi avanti con coraggio e senza timore.

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 maggio

L'Alta Tuscia riscopre i gioielli. Invito a Civita, Palazzo Monaldeschi e la Serpara

Due ori e tre bronzi per la Scuola Keikenkai al 2° Campionato Europeo di Karate Iku

Staffetta dei Quartieri. All'ombra del Duomo si corre la 51esima edizione

La Zambelli Orvieto si ferma sul più bello col Casal De' Pazzi

"Focus on pain" a Palazzo Alemanni. Seconda edizione per il congresso medico

Piazza del Popolo, parcheggi a disco orario non più a pagamento

"L'Eucarestia nell'arte cristiana". Conferenza Rotary in Duomo

Corso da tecnico audio e corso di informatica musicale al "Tuscia in Jazz 2016"

Alla Galleria Falzacappa Benci di passaggio i pellegrini di Giorgio Pulselli

A Guardea ed Alviano le musiche di Piovani e Morricone per il Concerto di Primavera

"Basta un Sì per cambiare l'Italia". Incontro a Sferracavallo con Luca Castelli

La Kansas State University sempre più presente sul territorio orvietano

Legambiente denuncia gravi profili di illegittimità del calendario venatorio

Il Coro degli Alpini dei Monti Lessini in concerto

Filippo Orsini relaziona su "Bartolomeo d'Alviano, Todi e l'Umbria tra XV e XVI secolo"

"Una buona stagione per l'Italia. Idee e proposte per la ricostruzione del Paese e dell'Europa"

Alla scuola Frezzolini di Sferracavallo s'inaugura la biblioteca "Sheradzade"

Nasce l'Albo sostenitori "Orvieto Cittaslow". Ecco da chi è composta la commissione

Divieto di pesca per consumo alimentare sul Paglia, scatta l'ordinanza del sindaco

"Etruschi 3D". Presentata la mostra multimediale curata dall'Associazione Historia

Che cos'è "Etruschi 3D"