opinioni

Giullarate. Gli altri dieci modi che il comune di Orvieto ha pensato per impedire alle macchine di entrare in piazza della Repubblica

domenica 11 dicembre 2011
di Gianluca Foresi
Giullarate. Gli altri dieci modi che il comune di Orvieto ha pensato per impedire alle macchine di entrare in piazza della Repubblica

10) Spostare il Duomo in piazza della Repubblica, ma non c''entrava.

9) Mettere le porte della Cassa di Risparmio di Orvieto direttamente all'imbocco delle vie d'ingresso.

8) Mettere due vigili in costume medievale del corteo storico all'ingresso che chiedono un fiorino di pedaggio a tutti quelli che vogliono entrare con la macchina.

7) Far suonare un pianoforte a coda tutte la sere al sindaco Concina. Dalle dalle 17 alle 24.

6) Trasformare Piazza della Repubblica in un'isola pedonale, ma una vera isola, con un palma al centro, mettere il comune in un bungalow e deviare il fiume Paglia intorno alla piazza.

5) Prendere due assessori e farli sdraiare per terra: uno all'imbocco di via Filippeschi, un altro all'imbocco di via Garibaldi e il Sindaco con la pianola all'imbocco di corso Cavour.

4) Il comandante dei vigili urbani che con le chiavi della città riga tutte le macchine che entrano in piazza.

3) Piazzare il giullar cortese vestito da pirla medievale che a tutti gli automobilisti che entrano recita: "Non mi sembra un gesto nobile parcheggiare l'automobile, per parcheggiar non c'è uno spiazzo, per parcheggiare t'attacchi...!

2) Mettere una voliera sopra piazza della Repubblica con dentro due milioni di piccioni che bombarderanno tutte le macchine che passeranno da lì.

1) Prendere i seguenti assessori e consiglieri che nell'ordine eseguiranno le seguenti cose: Pizzo che prende a pizze in faccia tutti quelli che entrano, Ranchino con un ranchino che arpiona le macchine, la Belcapo detta Fochetto che dà fuoco a tutte le macchine parcheggiate. Non vi conviene incontrare il consigliere Mortini. E non ho il coraggio di dirvi cosa vi farà il consigliere Sborra!

Commenta su Facebook

Accadeva il 27 maggio