opinioni

Attaccati come cozze allo scoglio

domenica 25 settembre 2011
di Stefano Olimpieri, capo gruppo PdL Comune di Orvieto

Quando nel 2009 Concina divenne Sindaco di Orvieto, forse non tutti ricordano che non aveva la maggioranza in Consiglio Comunale. Questo fatto - di primaria importanza per la gestione dei lavori in Consiglio e, più in generale, per l'azione politica - ebbe il battesimo del fuoco con l'elezione del Presidente del Consiglio Comunale e dei Presidenti delle Commissioni consiliari. Come tanti cittadini ricordano, nel PD, che al tempo (luglio 2009) aveva 10 consiglieri su un totale complessivo di 20, si aprì una lotta fratricida e senza esclusione di colpi, sia per il posto da Presidente del Consiglio che per quello da capo gruppo. In quel momento, seppur tramortito dalla sconfitta elettorale, il PD aveva tutti i numeri per mandare a casa Concina o, comunque, per dettare le regole del gioco in Consiglio Comunale e, di fatto, per imporre tutte le scelte fondamentali e più importanti per il futuro politico della città. La guerra "fratelli-coltelli", non solo vide la sconfitta ingloriosa di Loriana Stella, tanto che la candidata a Sindaco non ebbe nessun riconoscimento (né Presidente del Consiglio, né capo gruppo) e si dimise dopo qualche mese, ma fu il prodromo dell'inesorabile declino del PD in Consiglio Comunale ed anche in città. Infatti, mentre il centro destra, di fronte alla così detta "anatra zoppa", cercò in ogni modo di lavorare per trovare una condivisione per gestire i lavori del Consiglio, al fine di addivenire al superamento dell'anomalia, il PD ebbe la supponenza di pensare che avrebbe potuto fare tutto suo e che la vittoria di Concina era solamente un "incidente della storia". In sostanza, il PD non aveva capito che il mondo era cambiato e che, pur avendo 10 consiglieri su 20, non aveva più la forza numerica - ma soprattutto politica - per dettare l'agenda politica.
Il passaggio delle nomine in Consiglio fu la cartina al tornasole della diversità di approccio alla anomalia politica orvietana: infatti, mentre il centro destra, consapevole che la democrazia si fonda sui numeri, ma anche sulle relazioni e sulle singole specificità, votò senza nessun problema il candidato proposto dal PD per la Presidenza del Consiglio, il centro sinistra, facendo forza esclusivamente sui numeri, si accaparrò tutte le Presidenze delle Commissioni, senza comprendere che una certa epoca era tramontata e che, soprattutto, il Consiglio Comunale di Orvieto non era più il luogo dove fare e disfare a proprio piacimento: erano finiti i tempi delle maggioranze "bulgare" ed Orvieto, loro malgrado, era tornato in occidente. Questo comportamento predatorio, figlio di quella cultura che affonda le proprie radici nel "centralismo democratico", se poteva essere premiante a breve termine - per dimostrare alle cellule di partito sparse sul territorio che "comannamo ancora noe" -, si è dimostrato nel tempo assolutamente fallimentare, tanto che la sua riproposizione ha determinato lo sconquasso del gruppo consiliare, le dimissioni della Stella e, cosa fondamentale per la prospettiva della città, la fuoriuscita di alcuni consiglieri dal gruppo.
In buona sostanza, mentre il Presidente del Consiglio, oggi come ieri, ha la piena condivisione da parte del Consiglio, tanto che quando venne eletto ebbe la totalità dei voti di tutti i gruppi consiliari presenti, i Presidenti di Commissione sono ancora quelli eletti a maggioranza nel luglio del 2009, con i soli voti del centro sinistra di allora. Qualcuno sicuramente ricorda che il centro destra propose di trovare una sintesi ed un bilanciamento in merito alle cariche all'interno del Consiglio, ciò in conseguenza dell'anomala e della particolare situazione Istituzionale che si era determinata con il voto popolare; infatti, di fronte ad una Giunta con a capo un Sindaco proposto da PdL ed Orvieto Libera, si contrapponeva un Consiglio a maggioranza centro sinistra. Il centro destra non chiedeva assolutamente un accordo politico o, peggio ancora, un papocchio tra schieramenti diversi, bensì proponeva un patto Istituzionale sulla gestione dei lavori del Consiglio, al fine di superare alcune anomalie e dare dignità al Consiglio medesimo. Non se ne fece nulla ed i consiglieri Adriana Bugnini, Marco Moscetti ed Evasio Gialletti vennero eletti a maggioranza Presidenti di Commissione. Mancava solo la elezione del Presidente della Commissione di Garanzia e Controllo che venne bloccata perché da Statuto spetta alla minoranza e, quindi, sarebbe andata al centro destra. Ma, siccome venne obiettato dal centro sinistra (a ragione) che lo stesso schieramento politico non poteva essere al tempo stesso controllore (Presidente Commissione Garanzia) e controllato (Sindaco e Giunta), con grande fair-play si decise di soprassedere.
Tutto questo ha avuto una logica - seppur strana e distorta - fino al 20 ottobre 2010, giorno in cui si forma alla luce del sole la maggioranza del Sindaco in Consiglio. In sostanza, per più di un anno il PD non ha avuto la forza o il coraggio - pur avendo i numeri - di sfiduciare Concina e, dopo aver provato a farlo cadere a parole, si è trovato definitivamente all'opposizione: un'opposizione che non diventava solo numerica, ma diventava politica. Al di là delle ragioni tattiche e/o strategiche che hanno determinato una nuova maggioranza, il Consiglio si è trovato con un diverso assetto politico, ma con le stesse cariche. Per sgombrare il campo da qualsiasi illazione e da un po' di qualunquismo, deve essere chiaro che, a differenza dei Presidenti di Commissione, solo il Presidente del Consiglio ha una indennità che, peraltro, non percepisce dal giugno 2010, dimostrando serietà e grande senso di responsabilità. La questione "Presidenti di Commissione" non è, quindi, un fatto di posti e di indennità (non c'è assolutamente nulla da percepire), ma è esclusivamente una questione di chiarezza politica ed istituzionale: tanto che la questione venne sollevata nel lontano dicembre 2010 da parte di tutti i gruppi dell'attuale maggioranza, ma il centro sinistra non ha dato assolutamente nessun seguito a quelle richieste, facendo da allora orecchie da mercante. In più, lo stesso PD, essendo divenuto minoranza ed essendo quindi legittimato da Regolamento a presiedere la Commissione di Garanzia e Controllo, non ha perso tempo a chiedere e ottenere la Presidenza con la consigliera Donatella Belcapo.
La democrazia - quella sbandierata dai progressisti di ogni latitudine, tanto da chiamare i loro partiti "democratici" - si fonda sui numeri, i quali determinano maggioranze e minoranze. Oggi il PD, insieme a Gialletti, sta all'opposizione e non ha più i numeri del luglio 2009, ma con l'arroganza e la supponenza di sempre continua ad usare le Istituzioni a proprio piacimento ed a rimanere attaccato alle poltrone. In nessun consesso democratico, dove esistono maggioranze e minoranze, si assiste ad uno spettacolo più penoso di quello che il PD e Gialletti stanno mettendo in campo. Oggi che sono minoranza in tutto e per tutto stanno facendo melina per rimanere Presidenti di Commissione ed invece di dimettersi e di confrontarsi con i numeri nell'agone democratico, difendono la loro piccola poltrona. In questa vicenda emerge in maniera palese il modo sfrontato ed arrogante di usare la democrazia a proprio piacimento. Ma quello che emerge ancora di più è la mancanza di dignità.

Commenta su Facebook

Accadeva il 10 dicembre

L'ambasciatore della Repubblica Ceca in Comune, Orvieto tende la mano a Praga

Il Lions Club dona una macchina dattilo-braille all'Istituto comprensivo Orvieto-Baschi

Carabinieri in festa per la Virgo Fidelis patrona dell'Arma. Consegnati due attestati di merito

Partito democratico, è tempo di conferenza programmatica tra dissapori e speranze

Porte aperte al Majorana e al Maitani per l'orientamento scolastico

Insieme per un Cambiamento Progressivo

"Riservato A. Lattuada". A Orvieto una mostra e una rassegna nel centenario della nascita

Da Cardèto un'etichetta speciale per omaggiare il grande maestro del cinema

Proposta di struttura ed organizzazione del PD di Orvieto

Per tre giorni Orvieto capitale dell'archeologia italiana ed europea

Lo "slow-travel" del treno a vapore di Gianni Morcellini: dalle pagine di "Signori in carrozza!" alla stazione di Fabro-Ficulle

Taglio del nastro per il pozzo medievale di Piazza IV Novembre e la ristrutturazione delle scuole

Per anni è mancata una strategia turistica e ci si è adagiati su Umbria jazz winter

Al Teatro del Carmine per "Coesioni in musica" è l'ora di Max Manfredi

Eleonora Fastellini predica pazienza alla Zambelli Orvieto

Comincia con la trasferta di Rieti il girone di ritorno dell'Orvieto Basket

Al Palazzo del Capitano del Popolo torna la "Festa del Baschettaro"

Premiata la scuola "Pascoli". I giovani diventano campioni di energia con "Play Energy Enel"

Il Presepe Blu Notte di Guido Strazza nei sotterranei del Duomo di Orvieto

L'Albero di Antonia apre le iscrizioni al corso di autostima al femminile "Il potere di cambiare"

Ecco le linee di indirizzo del progetto preliminare delle opere di messa in sicurezza del Paglia

"As you like it" al Teatro Mancinelli: così Shakespeare parla con grande attualità alla nostra sensibilità moderna

Rivestimenti in ceramica per il "Giardino dei lettori" alla Biblioteca Fumi

A Orvieto il 21esimo convegno internazionale di archeologia italiana ed europea

Incontro su "La dignità della differenza: le ragioni di un dialogo"

Operazione anti-camorra, arrestato a Orvieto un 58enne

La polizia arresta in flagranza topo d'appartamento

Una partita a scopone scientifico

Il video del Progetto Memoria del Cesvol tra i finalisti del Festival "Raccorti sociali"

Digital divide. Convenzione tra il Ministero e la Regione sblocca 10 milioni di euro per le reti in Umbria

Nuovi sommelier e cena degli auguri per la Fisar di Orvieto

Yes men, yes sir

Meffi capisce o no di politiche di bilancio?

Il Liceo Artistico di Orvieto ospite al Sottodiciotto FilmFestival di Torino

Un arresto e tre denunce da parte dei carabinieri. Sventato un furto di rame sulla Roma-Firenze

Presentato a Firenze il contratto di fiume del Paglia

"Destinazione Uganda. Viaggio alle origini, tra cooperazione e rispetto di una identità"

Differenziata: sanzioni per i Comuni, Guardea è il secondo Comune più virtuoso

Il bilancio del Comune di Orvieto in sintesi

L'Ospedale di Orvieto presenta la riorganizzazione e il potenziamento dei servizi

Alla Scuola romana di fotografia e cinema, l'anteprima del film musicale "Pergolesi Stabat Mater" di Giovanni Bufalini

Trovato morto in un casale di San Venanzo. Ha ustioni di terzo grado su tutto il corpo

"Diversamente...italiani": sabato 11 dicembre a Orvieto la premiazione del Concorso Comunicare in Umbria e i risultati della ricerca sull'immigrazione dell'UniPg

"La Scala di Napoleone. Spettacoli a Milano 1796-1814". Disponibile la nuova pubblicazione strenna degli "Amici della Scala"

Conoscere per comprendere. Media e immigrati: quali i dati reali e quali gli stereotipi. Sabato 11 dicembre, ore 10,30 a Palazzo dei Sette

RAI in sciopero generale. Contro il degrado, gli sprechi, le ingerenze politiche, il lavoro a rischio per i dipendenti interni

A Orvieto Capodanno con 5 giorni “Singolari”: dal 29 dicembre al 2 gennaio a Palazzo Caravajal Simoncelli letture, concerti, pranzi, cene, aperitivi

Vertice in Provincia per la situazione del Parco Urbano del Paglia dopo le esondazioni del fiume

Avviso per la concessione di posti auto nei parcheggi comunali di Campo della Fiera e via Roma

1° Incontro di formazione dell'Ufficio Catechistico: domenica 12 dicembre nella ex chiesa di Santa Lucia

Tg Lab Fiscasat, in primo piano il Rapporto Censis 2010, focus su lavoro femminile

"Le zone umide, fucina di biodiversità". Concorso fotografico promosso dall'Oasi WWF di Alviano

La Polizia Locale nazionale a convegno a Orvieto. Il Colonnello Vinciotti: "Importante sostenere con questo tipo di incontri la formazione professionale. I settori più delicati velocità e uso di alcol e droghe

A Orvieto i Comunisti Italiani e Rifondazione avviano una riflessione per un percorso unitario: "Riportare l'attenzione sulle gravi condizioni in cui versa il territorio orvietano"

Dedicata a Giandomenico Pistonami la Biblioteca militare di presidio nella Scuola sottufficiali dell’esercito in Viterbo

L'importanza delle radici: al Libro Parlante Susanna Tamaro presenta il suo "grande albero"

Un patto civico per la Città: la proposta del gruppo PD esplicitata dal capogruppo Germani

Le lettere inviate a Radio Torre Vetus: su Radio Orvieto Web giovedì alle 21 una puntata straordinaria di Libere Veramente

Il Sindaco Concina illustra le sue linee programmatiche - Energia (Prima Parte)

Il Sindaco Concina illustra le sue linee programmatiche - Caserma Piave e Turismo (Seconda Parte)

Apre la pista sul ghiaccio. Risolti gli ultimi cavilli burocratici

Chiarimenti in merito alle contestazioni rivolte alla pista. La Libertas pronta a ribattere

Germani commenta le Linee Programmatiche del Sindaco (Prima Parte)

Germani commenta le Linee Programmatiche del Sindaco (Seconda Parte)

Tutti insieme per addobbare l'albero di Natale di Piazza della Repubblica

Concina parla della recente Notte Bianca e della pista sul ghiaccio

Un dicembre tutto di gusto. Dalla Cucina di Natale a Umbria Jazz tutte le iniziative a Il Palazzo del Gusto

"Pulizia di fondo" delle vie e piazze del centro storico. La città si rifà il trucco in vista delle Festività

Viabilità, 500.000 euro per le strade dell'Orvietano

Arriva a Orvieto "La casa dei bambini". "Orvieto Bilingue" presenta il suo progetto di scuola bilingue montessoriana

Il "Metodo Montessori"

Il "Parto delle Nuvole Pesanti" in concerto a Orvieto. In anteprima i brani del nuovo album "magnagrecia"

Breve biografia de Il parto delle nuvole pesanti

Le società dilettantistiche nelle piccole realtà. Incontro-dibattito ad Allerona Scalo organizzato dal GSD "Romeo Menti"

"Giovani generazioni in Umbria", Venerdì iniziativa del PD su valori, culture, stili, relazioni, linguaggi dei giovani umbri

Shlomo Venezia a Orvieto: il numero 182727 di Auschwitz

Valorizzazione del settore Turismo. "Orvieto Libera" chiede in Consiglio quali sono le iniziative dell'Assessorato

Un incontro per mettere a fuoco i problemi del servizio idrico. L'assessore Zazzaretta risponde al capogruppo di Orvieto Libera

Prima nazionale a Venti Ascensionali. Intrigante appuntamento della rassegna Migrazioni con "Voluttà"

Apre la pista di pattinaggio