opinioni

Esiste più una stirpe orvietana?

giovedì 22 settembre 2011
di Mario Tiberi

Quando nella mia prima gioventù mi aggiravo, con la cinghia che serrava compatti i libri di scuola tenuti sottobraccio, per le vie e le piazze della Orvieto della rinascita morale e materiale, dopo le disastrose vicende del ventennio fascista e di quelle belliche, mi sembrava di essere il ragazzo meglio baciato dalla dea bendata per una serie quasi infinita di ottime ragioni.
La gioia della vita serena e impegnata stendeva la sua mano benevola e benefica su ogni atto, su ogni passo del mio vivere quotidiano. Il futuro non ingenerava ansia e spavento anzi, al contrario, non si attendeva altro che bussasse alle nostre porte e si manifestasse. Anche ciò contribuiva a fornirmi il senso di vissuta e convinta appartenenza a un popolo, quello Orvietano.

Sono stati i tempi dell'entusiasmo individuale e del dinamismo collettivo; la partecipazione agli eventi pubblici, sia politici che culturali, raggiunse vette così elevate tali da coinvolgere ogni strato cittadino e ogni fascia sociale; il fervore del "fare impresa produttiva" fu talmente contagioso da risvegliare sopite capacità e, di conseguenza, l'emergere di una miriade di iniziative artigiane e commerciali generò nuovo benessere e nuova ricchezza.
A codesta effervescente epoca, l'era della fede e della fiducia nel credere senza la prova di conferma, ne è seguita un'altra, meno coinvolgente e più deludente, e che non è sacrilegio poter definire come l'epoca della gente divenuta tutta dei "San Tommaso in miniatura".
Per credere non bastava più la parola data; era necessario toccare con mano tutto ciò che sembrava sfuggirci e che non era contenuto all'interno del ristretto cerchio della nostra comprensione e delle nostre limitate conoscenze. Iniziarono, così, a serpeggiare le prime diffidenze e i primi sospetti, idonei ad incrinare la saldezza delle relazioni umane e dei rapporti interpersonali: l'altro non veniva più visto come un solidale e leale alleato, bensì come un potenziale ed ostile avversario da temere e contrastare.

Lo sgretolarsi, lento e inesorabile, della unitarietà d'intenti di una comunità societaria aveva avuto principio.
Nell'attualità dell'oggi, un ulteriore peggioramento è doveroso segnalare: dal "se non tocco con mano, non credo" si è passati a quella che non è azzardato inquadrare come la "sindrome del simonidismo". Simonide, tra mito e leggenda e tra i più tristemente famosi e perversi fattucchieri dell'antichità, è stato a ragione additato come uno dei primi e più fanatici eretici nella storia, reale o presunta, dell'Umanità. Non tanto perché eretico rispetto ad una ortodossia, ma perché eretico relativamente alle sue stesse eresie.
Mi spiego meglio: nell'ossessione della sfrenata ricerca di continue e permanenti abiure delle sue dottrine, non appena perveniva a formularne una immediatamente la rinnegava per, poi, approdarne ad un'altra opposta e contraria alla precedente e, così, fino alla fine dei suoi giorni.

A me pare che, seppur in forme contenute, la sindrome del simonidismo qualche tossina acida l'abbia iniettata nelle arterie della odierna società orvietana. Altrimenti come spiegare la sfiducia dilagante, l'estranearsi dalla vita pubblica, il criticare becero e lumacone, il rimettere costantemente in discussione anche i più angusti approdi, la permalosità diffusa e inibente la schiettezza delle relazioni sociali, la testardaggine nel non concedere o ricevere ascolto, la superbia di una infondata superiorità, l'ignavia della pigrizia accidiosa e, infine e peggiore di tutti, il cinismo del popolo minuto, eterodistruttivo e suicida al contempo?.
Formazioni sporadiche di comitati spontanei, occasionalmente costituiti in sembianza corporativa, si manifestano solo allorquando si concretizza un provvedimento lesivo per il portafoglio del cittadino: ci si unisce nelle proteste, pur giuste e legittime, terminate le quali si assiste ad un malinconico e mesto ritorno nel proprio infertile privato; si è, invece e purtroppo, profondamente divisi e indifferenti nelle proposte che, se intelligentemente elaborate, dovrebbero possedere in sé la forza e l'energia sufficienti per meglio qualificare in positivo la presenza popolare nell'arena della vita comunitaria.

E i pubblici poteri, i partiti, la politica in genere, in quale dimensione organica pensano di collocarsi?.
Spesso, troppo spesso, tendono a baloccarsi in interminabili dispute e controversie senza fondamento e costrutto, quando la principale finalità del loro agire dovrebbe, all'opposto, essere indirizzata alla ricomposizione di un unitario tessuto societario, oggi frantumato e colpevolmente disgregato. Il raggiungimento di una meta così ambiziosa, essenziale però per un estremo tentativo di salvataggio della nostra identità municipale, non sarà possibile fino a quando i responsabili della politica cittadina rimarranno arroccati e rinchiusi, quasi prigionieri di se stessi, nelle torri ottonate della loro beata, quanto settaria, incoscienza e spensieratezza.
Se non si invertirà subito la tendenza, se non si otterrà subito un radicale cambiamento di mentalità, non sarà solo inutile, ma del tutto impossibile, riconsegnare Orvieto agli Orvietani perché, nel frattempo, gli Orvietani non ci saranno più.

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 giugno

Eliot ha sbagliato mese

Concluso il corso "Istruttore C-Ied Awareness" per gli allievi marescialli del 19esimo corso "Saldezza"

Ferma opposizione della Fondazione Cro alla fusione della banca

"Ludi alla Fortezza", la soddisfazione di Orvieto 1264 per l'edizione zero

Germani: "Amministrazione contraria alla fusione"

Attività antincendi boschivi, approvato il quadro delle esigenze per la convenzione con i vigili del fuoco

Parere tecnico di Praesidium sulla trasformazione della Cro

Luci sulle livree orvietane alla cronoscalata Pieve Santo Stefano

Caso migranti, sospesa l'accoglienza al centro di Tordimonte

Non solo Alfina, l'esito dell'assemblea "No Geotermia" a Ischia di Castro

Ultimi giorni per i giovani che non vogliono essere “fuori tempo”

Emergenza calore, temperature fino a 37°. I consigli utili

Categorie e Sindacati al fianco della Fondazione Cro, il sindaco chiede l'intervento del Governo

Ospedale, il Tar respinge la richiesta di sospensione cautelare

"Nuovi interventi per l’inclusione sociale e la lotta alla povertà. 22,5 milioni ai Comuni"

"Tuscia Film Fest 2017", arriva anche Michele Placido con "7 Minuti"

"La cultura non si mette a(l) bando". Serata di festa, protesta e proposta al Mancinelli

"Arte e Fede", bilancio positivo per la 12esima edizione del festival che accompagna al Corpus Domini

Necropoli del Vallone di San Lorenzo, ad agosto prendono il via gli scavi archeologici

Vetrya Orvieto Basket, quattro ragazzi convocati in rappresentativa regionale

Centro di accoglienza di Tordimonte, Olimpieri (IeT) vuole vederci chiaro

La Notte Romantica ne "I Borghi più belli d'Italia" fa il bis. Le proposte a misura di coppia

Aree danneggiate dal terremoto, operativo anche in Umbria il Fondo da 15 milioni a sostegno delle imprese

Simposio Europeo Enoturismo, a Orvieto l'assemblea dei sindaci dell'Associazione "Città del Vino"

Monteleone d'Orvieto aderisce a "Voler bene all'Italia", la festa dei piccoli Comuni

Siccità, piovono numeri nell'incontro in Regione. "Nessuna emergenza grazie a investimenti e strategia comune"

Il Coro Polifonico "Canto Libero" intona "Note per Ancarano" di Norcia

Pozzo di San Patrizio: l'Axis Mundi

"Governiamo con il 38%? Grazie!" Il PDL Orvieto risponde al centro-sinistra a suon di cifre e nomi

Muore per un malore. Anziano ritrovato in casa dopo giorni

Scoperto dalle Fiamme Gialle imprenditore orvietano non in regola con i versamenti INPS

Il PDCI Orvieto interviene sulle norme che regolano il mondo venatorio. Proposte e commenti

Fase II - Come si studia la politica

Giovedi 23 giugno al via i primi concerti di "Orvieto Musica", festival internazionale di musica da camera

"Un pirata convertito dallo sguardo di Gesù". Un emozionante Pietro Sarubbi a Arte e Fede #6

Radio Orvieto Web ricorda Francesco Satolli. In onda dalla mezzanotte del 21 giugno 4 puntate no stop di JazzCondicio

Grandi eventi a Orvieto. Per Pirkko Peltonen è davvero "la fine del mondo": "Tierra del Fuego: sì, Umbria Jazz Winter: sì, forse, come? Chi lo sa"

Politiche di genere... "metti in una Regione più donne che uomini". Convegno nella biblioteca storica di Monteripido a Perugia

La città verso la festa del Corpus Domini. Disciplina della viabilità durante le manifestazioni

Giovedi 26 giugno al "Festival d'Arte e Fede" il film "Uomini di Dio" di Xavier Beauvois

Venerdi 24 giugno al Teatro Santa Cristina di Porano, assemblea pubblica indetta dal Comune

Pascoli, D'Annunzio e Manzoni, on line impazza il toto-tema. "Notte prima degli esami" tranquilla grazie alla Polizia Postale

La città è donna. Leggendaria dedica una recensione di Maria Vittoria Vittori a "Dodecapoli"

"Fiumi di parole in libertà": l'ex assessora Calcagni commenta duramente le ultime esternazioni del sindaco Concina

'Dal Solstizio all’Equinozio': quattro notti d'estate sotto il cielo a cura della Speleotecnica e di Pegasus. la prima venerdì 22 giugno al parco delle Grotte

'Partecipazione è sviluppo, anche ad Orvieto?'. Venerdì 22 giugno Rifondazione Comunista organizza un incontro sugli scenari politici e economico-sociali della Città

Un dossier su Forza Nuova

Piccolo commercio. Siamo noi razzisti o sono loro fuorilegge ?

Orvieto Musica 2007 presenta il celebre Cassatt String Quartet

Orvieto città (quasi) medievale

Campionato Italiano Basket Femminile Serie B d’Eccellenza. Resi noti i calendari di gara per la Stagione 2007-2008. Gironi e struttura stravolti in una formula simile ai campionati USA

Cave in Umbria. Secondo l'assessore Bottini non sono fondate le preoccupazioni degli operatori del settore: soddisfatto il fabbisogno degli impianti e delle industrie ubicate sul territorio regionale.

Dal 2 luglio i lavori della rotatoria di Sferracavallo. Studiata per limitare il più possibile i disagi la nuova viabilità

Come sarà regolato il traffico nelle varie fasi dei lavori

Appello alla vigilanza democratica dei DS di Baschi e dell’Orvietano in occasione dell'apertura della sede di Forza Nuova. Ma niente manifestazioni provocatorie: piuttosto parliamo di Gramsci

Sabato 23 giugno a Baschi un incontro su Antonio Gramsci

La giunta approva importanti progetti esecutivi. Via libera al Palazzo delle Istituzioni e al consolidamento di Rocca Ripesena

Teatro amatoriale: il Gruppo Teatrale Castel Giorgio presenta la terza edizione della rassegna 'Trateatri'

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni