opinioni

Esiste più una stirpe orvietana?

giovedì 22 settembre 2011
di Mario Tiberi

Quando nella mia prima gioventù mi aggiravo, con la cinghia che serrava compatti i libri di scuola tenuti sottobraccio, per le vie e le piazze della Orvieto della rinascita morale e materiale, dopo le disastrose vicende del ventennio fascista e di quelle belliche, mi sembrava di essere il ragazzo meglio baciato dalla dea bendata per una serie quasi infinita di ottime ragioni.
La gioia della vita serena e impegnata stendeva la sua mano benevola e benefica su ogni atto, su ogni passo del mio vivere quotidiano. Il futuro non ingenerava ansia e spavento anzi, al contrario, non si attendeva altro che bussasse alle nostre porte e si manifestasse. Anche ciò contribuiva a fornirmi il senso di vissuta e convinta appartenenza a un popolo, quello Orvietano.

Sono stati i tempi dell'entusiasmo individuale e del dinamismo collettivo; la partecipazione agli eventi pubblici, sia politici che culturali, raggiunse vette così elevate tali da coinvolgere ogni strato cittadino e ogni fascia sociale; il fervore del "fare impresa produttiva" fu talmente contagioso da risvegliare sopite capacità e, di conseguenza, l'emergere di una miriade di iniziative artigiane e commerciali generò nuovo benessere e nuova ricchezza.
A codesta effervescente epoca, l'era della fede e della fiducia nel credere senza la prova di conferma, ne è seguita un'altra, meno coinvolgente e più deludente, e che non è sacrilegio poter definire come l'epoca della gente divenuta tutta dei "San Tommaso in miniatura".
Per credere non bastava più la parola data; era necessario toccare con mano tutto ciò che sembrava sfuggirci e che non era contenuto all'interno del ristretto cerchio della nostra comprensione e delle nostre limitate conoscenze. Iniziarono, così, a serpeggiare le prime diffidenze e i primi sospetti, idonei ad incrinare la saldezza delle relazioni umane e dei rapporti interpersonali: l'altro non veniva più visto come un solidale e leale alleato, bensì come un potenziale ed ostile avversario da temere e contrastare.

Lo sgretolarsi, lento e inesorabile, della unitarietà d'intenti di una comunità societaria aveva avuto principio.
Nell'attualità dell'oggi, un ulteriore peggioramento è doveroso segnalare: dal "se non tocco con mano, non credo" si è passati a quella che non è azzardato inquadrare come la "sindrome del simonidismo". Simonide, tra mito e leggenda e tra i più tristemente famosi e perversi fattucchieri dell'antichità, è stato a ragione additato come uno dei primi e più fanatici eretici nella storia, reale o presunta, dell'Umanità. Non tanto perché eretico rispetto ad una ortodossia, ma perché eretico relativamente alle sue stesse eresie.
Mi spiego meglio: nell'ossessione della sfrenata ricerca di continue e permanenti abiure delle sue dottrine, non appena perveniva a formularne una immediatamente la rinnegava per, poi, approdarne ad un'altra opposta e contraria alla precedente e, così, fino alla fine dei suoi giorni.

A me pare che, seppur in forme contenute, la sindrome del simonidismo qualche tossina acida l'abbia iniettata nelle arterie della odierna società orvietana. Altrimenti come spiegare la sfiducia dilagante, l'estranearsi dalla vita pubblica, il criticare becero e lumacone, il rimettere costantemente in discussione anche i più angusti approdi, la permalosità diffusa e inibente la schiettezza delle relazioni sociali, la testardaggine nel non concedere o ricevere ascolto, la superbia di una infondata superiorità, l'ignavia della pigrizia accidiosa e, infine e peggiore di tutti, il cinismo del popolo minuto, eterodistruttivo e suicida al contempo?.
Formazioni sporadiche di comitati spontanei, occasionalmente costituiti in sembianza corporativa, si manifestano solo allorquando si concretizza un provvedimento lesivo per il portafoglio del cittadino: ci si unisce nelle proteste, pur giuste e legittime, terminate le quali si assiste ad un malinconico e mesto ritorno nel proprio infertile privato; si è, invece e purtroppo, profondamente divisi e indifferenti nelle proposte che, se intelligentemente elaborate, dovrebbero possedere in sé la forza e l'energia sufficienti per meglio qualificare in positivo la presenza popolare nell'arena della vita comunitaria.

E i pubblici poteri, i partiti, la politica in genere, in quale dimensione organica pensano di collocarsi?.
Spesso, troppo spesso, tendono a baloccarsi in interminabili dispute e controversie senza fondamento e costrutto, quando la principale finalità del loro agire dovrebbe, all'opposto, essere indirizzata alla ricomposizione di un unitario tessuto societario, oggi frantumato e colpevolmente disgregato. Il raggiungimento di una meta così ambiziosa, essenziale però per un estremo tentativo di salvataggio della nostra identità municipale, non sarà possibile fino a quando i responsabili della politica cittadina rimarranno arroccati e rinchiusi, quasi prigionieri di se stessi, nelle torri ottonate della loro beata, quanto settaria, incoscienza e spensieratezza.
Se non si invertirà subito la tendenza, se non si otterrà subito un radicale cambiamento di mentalità, non sarà solo inutile, ma del tutto impossibile, riconsegnare Orvieto agli Orvietani perché, nel frattempo, gli Orvietani non ci saranno più.

Pubblicato da Ancora Orvietano il 22 settembre 2011 alle ore 17:35
Analisi perfetta e amarissima , la realtà è questa e nessun orvietano si può nascondere dietro un dito. Dobbiamo solo svegliarci e mandare a casa tutti questi amministratori incapaci e che non sanno concludere un bel niente. Tiberi ha perfettamente ragione, siamo noi orvietani che abbiamo la colpa di quanto ci sta accadendo. Saluti amari.
Pubblicato da Daniela il 22 settembre 2011 alle ore 18:25
Non vivo a Orvieto ma leggendo questo articolo lo potrei tranquillamente attribuire alla mia realtà cittadina. Ogni mondo è paese e quello che si vive a Orvieto si vive un po dappertutto La crisi è generale ma è giusto che ognuno guardi alle cose di casa sua. Saluti da Daniela da Corciano.
Pubblicato da Francesco il 22 settembre 2011 alle ore 19:16
Tiberi ha centrato il problema, ma gli orvietani sappranno reagire? E qui che comincia il vero problema.........Francesco
Pubblicato da Alessandro il 22 settembre 2011 alle ore 22:28

Concordo con ancora orvietano e aggiungo che vorrei restare orvietano. Amo tanto questa città che viene distrutta da amministratori inetti e dilettanti sia di destra che di sinistra. La politica è lontanissima dalla gente del popolo, non se ne accorgono ancora questi politicanti. Andatevene per il bene di tutti.

Pubblicato da Italia il 22 settembre 2011 alle ore 22:44
Voglio complimentarmi con il dr.Tiberi per aver capito che la crisi che stiamo vivendo,prima che politica e economica, è antropologica. E' l'essere umano che non sa più stare in società la causa di tutti i suoi mali. Ancora complimenti sinceri. Italia .
Pubblicato da Marta il 23 settembre 2011 alle ore 12:02
Come Orvietana mi dovrei sentire offesa per le durissime parole di questo articolo, e invece no perchè bisogna mettere il dito nella piaga per scoprire il male per poterlo curare.
Pubblicato da shaolin il 24 settembre 2011 alle ore 00:11
non vorrei essere pessimista ma non crede che esiste "l'uomo nuovo" l'uomo sarà sempre l'uomo..si cerca con molta fatica di creare una società giusta dove non ci sia nulla da invidiare...ma ci sarà sempre qualcosa da invidiare un sorriso un' amicizia qualcosa che non hai e di cui ti vuoi appropriare e ci saranno sempre i ricchi e i poveri... ricchi di talento, poveri di talento, ricchi d'amore, poveri d'amore.
Pubblicato da Pietro Ancaiani il 24 settembre 2011 alle ore 10:58
Ciò che Tiberi scrive per Orvieto può benissimo essere riferito a tante altre città e cittadine, lo dico per dirette esperienze personali. Devo anche dare atto a Tiberi che ci sta insegnando un metodo di lavoro,vecchio e nuovo allo stesso tempo. Osservare, studiare e analizzare la realtà che ci circonda per poterla cambiare in meglio. Conoscere per governare, non ricordo bene chi l'ha detto, ma è vero e di grande attualità. Di gente preparata e perbene abbiamo bisogno, non di politici parolai e inaffidabili. Questo articolo può essere di esempio. Cari saluti. Pietro Ancaiani
Pubblicato da Corrado il 24 settembre 2011 alle ore 11:46
Tiberi si domanda se esiste una stirpe orvietana, io voglio dire che esiste più di una stirpe orvietana. Esistono gli artigiani,bravi ma non sostenuti, i commercianti,volenterosi ma a rischio di fallimento, gli imprenditori, sempre più in affanno e sempre meno di numero, e cosi via. Manca invece la buona stirpe di una classe politica seria e competente e in questo sta il grossissimo guaio dei guai che stiamo viendo. E non se ne vogliono andare.
Pubblicato da Anonimo il 24 settembre 2011 alle ore 19:19
Non le sembra di avere un po esagerato nel giudizio sugli orvietani? Io penso che sono migliori di quanto da lei descritto o almeno lo voglio sperare. Con simpatia.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 ottobre

Il Boni pronto a volare. Aperta la campagna abbonamenti, via alla nuova stagione teatrale

Sogni incrociati

Bollette pazze, Olimpieri (IeT) chiede conto con un'interpellanza dell'accaduto

L'Istituto Agrario di Fabro vola in Sicilia per conoscere la cooperativa "Lavoro e non solo"

Le impressioni di capitan Serena Ubertini dopo l'esordio vincente della Zambelli Orvieto

Uffici postali. Gori: "Bene tavoli confronto regionale, impegno comune evitare riduzioni servizio"

Ceramica, Paola Biancalana e Andrea Miscetti sul podio del concorso "Il segno del tempo"

Forza Italia: "Acquapendente invasa dai topi, c'è troppa immondizia in giro"

In marcia con la Polisportiva verso la chiesa della Madonna di Loreto

Le tre slide mancanti di Palazzo Chigi

"Senza Monete" compie tre anni. Festa all'Emporio del Riuso e dello Scambio

Per "Lezioni di Storia" al Teatro Mancinelli arriva Alberto Mario Banti

Mano tesa tra la Scuola di Musica "Casasole" e la Filarmonica "Mancinelli"

Sicurezza all'ex caserma Piave con "Crash Scene. Indicazioni Salva Vita"

Dopo otto anni torna il "Bollettino sulla situazione economica e sociale dell'Area Orvietana"

Case popolari, c'è il bando. Per la presentazione delle domande c'è tempo fino al 29 novembre

FotograMia

Giubileo, in corso le iniziative per le Settimane della Misericordia

Torna l'Operazione Mato Grosso. Giovani al lavoro a sostegno dell'America Latina

"Aspettando Halloween". Festa alla sala parrocchiale della Segheria

"Non c'è sicurezza senza prevenzione". Sul tavolo, le criticità del territorio umbro

Ritrovato l'uomo smarrito nei boschi. Terzo caso in quindici giorni

Orvietana, faccia a faccia con i due fratelli Fillippo e Giuliano Avola

Al frantoio Cecci di Monterubiaglio torna "Pane e Olio". Le degustazioni si fanno solidali

Ilaria Alpi si è suicidata?

"Arte sui muri. Street art e urban art". Giornata di studi all'Università della Tuscia

Meteo

mercoledì 18 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
21:00 11.1ºC 86% buona direzione vento
giovedì 19 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 16.1ºC 67% buona direzione vento
15:00 21.2ºC 36% buona direzione vento
21:00 10.9ºC 76% buona direzione vento
venerdì 20 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 17.6ºC 52% buona direzione vento
15:00 21.6ºC 33% buona direzione vento
21:00 11.4ºC 71% buona direzione vento
sabato 21 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 17.4ºC 52% buona direzione vento
15:00 21.9ºC 41% buona direzione vento
21:00 12.6ºC 88% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni