opinioni

Orvieto Città Termale. Lo propone il Comitato per il Distretto Culturale della Tuscia

domenica 18 settembre 2011
di Carlo Perali

Giusta la richiesta d'acquisto dell'ex ospedale, giusto averla scorporata dalla Piave e ancora più apprezzabile proporre agli Orvietani di entrare nell'acquisto del loro bene più prezioso purché si riesca a fare qualcosa di concreto e dare finalmente una prospettiva alla città.

Del resto, Orvieto , in sessant'anni di sinistra, non si è mai curato di sapere a quale modello di sviluppo appartenesse o volesse riferirsi ne se il nostro sistema produttivo soffrisse di una qualche arretratezza o se scelte diverse potessero in qualche modo cambiare la città.

Sta di fatto che a tutt'oggi ancora non abbiamo un modello definito di sviluppo ne una offerta da trasmettere ai mercati.

Se invece si volesse predisporre una azione di rilancio del turismo, perché questo è il solo schema di sviluppo a cui possiamo riferirci, allora sarà bene domandarci quale futuro riservare alla città, quale orientamento dare alla nostra economia e come rivalorizzare certe strutture.

Inoltre la crisi del turismo ci impone di trovare sempre nuove soluzioni e la conferma viene dalla propensione dei turisti a diminuire i giorni di vacanze, le classiche ferie d'agosto sono tramontate riducendosi a periodi sempre più brevi per cui necessitano nuove soluzioni con nuove attrattive ed interessi che giustifichino un breve soggiorno al di fuori delle solite proposte.

In pratica necessita un drastico recupero delle quote di mercato con un aumento della media permanenza e una struttura termale sopra la rupe, localizzata nel cuore dell'Italia potrebbe ricreare quell'incremento dell'indice di utilizzazione delle strutture ricettive capace di ristabilire e migliorare le attuali condizioni del turismo.

Tempo fa la nostra associazione propose di incanalare le acque solfuree della zona facendole risalire sopra la rupe per mezzo di un sistema di pompaggio, oggi le cose sono diverse e si arriva allo stesso risultato preparando le acque in laboratorio. Il comparto del benessere non è più vincolato alla localizzazione della propria attività e la riprova è data proprio dai centri di benessere nati ovunque, anche all'interno delle città. Nel nostro caso poi si potrebbero integrare con le acque termali della zona sfruttando al meglio le loro proprietà, come s'è detto, con un sistema di pompaggio o creando un circuito virtuoso al di fuori dalla rupe.

Oggi la realtà termale interessa milioni di persone e una soluzione capace di riportare il turismo a soggiornare sulla rupe risolleverebbe la città dallo squallore facendo peraltro la felicità di molti appassionati delle terme che troverebbero in questo centro storico di pregio un ambiente sicuramente molto piacevole e rimarrebbero soddisfatti anche altrettanti albergatori, ristoratori, proprietari di Bed & Breakfast e commercianti della zona .

Infatti i clienti delle terme praticano lo sport, la cura del corpo, si dedicano allo shopping, degustano i prodotti tipici del territorio, occupano una alta percentuale di stanze superando in alcuni periodi dell'anno anche le città di interesse storico artistico.

Inoltre incrementano la congressistica e le manifestazioni culturali come ad esempio Umbria Jazz Winter, il teatro e le varie manifestazioni o mostre d'arte . Insomma Orvieto sembra fatto a posta per le terme.

Una società di capitali potrebbe essere la soluzione finanziaria adatta a rilevare la struttura e ad occuparsi della gestione, dove il 20 % delle azioni lo potrebbe trattenere l'amministrazione, il 51% il socio di maggioranza che potrebbe essere anche un impresario del settore e la somma residua a coloro che hanno in qualche modo interessi diretti nel turismo (ristoratori, commercianti e singoli cittadini).

Agevolazioni finanziarie potrebbero venire dagli incentivi per il rilancio dei distretti turistici messi a disposizione del ministro Brambilla o dai fondi per i programmi di iniziative comunitarie.

Anche la fondazione potrebbe dare il proprio contributo concentrando meglio le sue risorse su più concreti e necessari obiettivi di sviluppo. Inoltre, non va perso di vista quel famoso lascito de Solis un patrimonio sparito nelle chiacchiere e nelle beghe testamentari sebbene valutato, 15 milioni, per cui, al momento dell'acquisto dell'immobile andrebbe ridefinita la questione.

Un parco termale nella città del Duomo potrebbe infatti diventare un'occasione di lavoro per
molti nostri concittadini e permettere alla città di vivere tutto l'anno.

Sarebbe un primo passo verso i cosiddetti interventi di struttura, un intervento di cui tutto sommato c'è bisogno e in grado di cambiare la città.

Del resto anche i nostri nonni quando si trovarono a risolvere analoghi problemi, avendo già capito
che solo con il Duomo non si sarebbe potuto tenere in piedi Orvieto, si inventarono la Piave: ora
sta a noi inventarci qualcosa di diverso.

Fa invece parte della buona politica creare le condizioni eque e convenienti per l'acquirente privato: se questa operazione riuscisse, potrebbe cambiare la situazione di stallo che ormai da tempo affligge la città.

In conclusione, anziché pensare solo ai tagli, ogni tanto si potrebbe incrementare lo sviluppo
creando più ricchezza, più posti di lavoro e più consenso.

In allegato un link con il progetto iniziale delle terme.

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 ottobre

Poker dell'Orvietana sul campo del Lama

Blocco Studentesco, sit-in contro "l'ostruzionismo della dirigenza al liceo Gualterio"

Unitus, via al Master "Crisis" su investigazioni e sicurezza

Gitana

Orvieto FC: vincono le ragazze del calcio a 5, sconfitta la prima squadra

Gnagnarini: "Auspico che Palazzo dei Sette torni ad ospitare i sette saggi"

Parcheggi in Piazza Duomo negati alle famiglie dei cresimandi di Fabro. Olimpieri (IeT): "Perchè?"

Un'autoambulanza per i cittadini. "La Locomotiva" chiede il supporto delle associazioni

Donato un servizio di ceramiche all'istituto alberghiero di Amatrice

"Metti via quel cellulare", a casa Cazzullo un confronto tra generazioni

Tornano "I Giorni dell'Olio Nuovo". Anteprima, "I segreti dell'ulivo. Dalla coltivazione alla raccolta"

"Rifiuti tossici, le dichiarazioni del sindaco Germani non bastano"

Vetrya Orvieto Basket di autorità sull'Atomika

Tutti in piazza a San Vito per festeggiare le cento primavere di Cesarina

Rafael Varela realizza un quadro per i trenta anni dell'Associazione "Piero Taruffi"

Interregionale Gpg di Scherma ad Ariccia. Vince Rocchigiani, terze Tognarini e Urbani

Fine settimana a tutto rugby per l'Orvietana

A Foligno i pensionati della Cisl puntano sul territorio e sulla formazione

"Chi legge naviga meglio". Anche un omaggio ad Anna Marchesini per "Libriamoci"

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 17

Premio Vetrya per la migliore tesi di laurea sulle applicazioni di intelligenza artificiale nell'industria 4.0

Confagricoltura rinnova le cariche, Giuseppe Malvetani confermato presidente

Progetto EVA+, attivo il distributore di elettricità per la ricarica veloce dei veicoli

Le akebie di Bianca

Juniores regionale di calcio a 5, reso noto il calendario

Regione Toscana e 13 Comuni firmano il protocollo d'intesa per il rilancio dell'Amiata