opinioni

La Maga Circe e dintorni

mercoledì 14 settembre 2011
di Mario Tiberi

Risalendo per via mare le coste del Tirreno, una trentina di trapassati secoli orsono, mi sarei imbattuto in un'isoletta posta di fronte ad un promontorio, oggi denominato Circeo, e che non esiste più, se mai sia realmente esistita. Nella mitologia si chiamava Eea, amena e rigogliosa di fitta lussureggiante vegetazione, ma altrettanto insidiosa e strabocchevole di trabocchetti.

L'uomo più astuto di sempre non vi cadde e così nemmeno il suo nocchiero, ma la ciurma disattenta e cedevole alle lusinghe, sì. E furono porci, felini e cani. Scendo a terra, tremila anni dopo, e mi sembra che poco o nulla sia mutato.

Felini voraci con il sangue di già dissanguati tra le fauci, li puoi trovare ad ogni angolo di via; di cani, non più fedeli amici del primate superiore, se ne contano a iosa; di porci che grugniscono famelici per un trancio di lardo sottratto alle dispense dei bisognosi, se ne potrebbe stilare una lista con il doppio otto orizzontale. Ma ve ne è uno che, più degli altri, grida vendetta per l'ingiustizia in sé insita: il "Porcellum" elettorale.
Così, a ragione, definito perché una vera e sostanziale democrazia viene colpita nella sua essenza più intima quando alle libertà del cittadino è negata l'espressione più naturale della libertà e, cioè, quella di liberamente scegliere chi lo dovrà rappresentare nell'empireo democratico per antonomasia: il Parlamento Repubblicano.

Gli eletti, etimologicamente gli scelti, perdono inevitabilmente la loro caratteristica di eletti, sinonimo traslato di presunti migliori, nel momento in cui non vengono più scelti dalla sovranità popolare, bensì imposti dalla "nominazione" di oligarchie autocratiche. Ne discende la triste conseguenza che un consesso di nominati, accuratamente selezionati per essere schiera di servizievoli cortigiani agli ordini del sovrano incoronato, non può che tradursi in un consesso di mediocri gregari lungi, mille miglia, da quei migliori di cui si avverte terribilmente la mancanza.

Il nominato, in quanto debitore del suo "status" di privilegiato, è costretto a dover rinunciare alla sua autonomia di giudizio e all'esercizio delle funzioni costituzionali in modo non disancorato rispetto all'esonero dal vincolo di mandato elettivo. Non è più un libero rappresentante del popolo; risponde raramente alla sua libertà di coscienza e largamente più spesso ai soli interessi di se stesso o della casta di cui è partecipe; il bene comune e i beni comuni diventano un "optional" e possono tranquillamente, stando a tale perversa impostazione, essere posti in secondo o terzo piano se non disattesi completamente.
Gaio Sallustio Crispo, nel "De Catilinae coniuratione", così scriveva nel 63 A.C. : "Anch'io nella mia prima gioventù, come tanti altri, fui portato da naturale inclinazione a praticare la vita pubblica, ma vi trovai innumerevoli ostacoli. Invece della riservatezza, del disinteresse e del merito, trionfavano la spregiudicatezza, la corruzione e la cupidigia". Che ve ne sembra?. Giudicate Voi!.
Spregiudicatezza, cupidigia e corruzione: i mali endemici che corrodono dal loro interno anche le società civili contemporanee e che, spudoratamente, generano tangenti, mazzette e faccendieri senza scrupoli vivacchianti all'ombra della politica la quale, accettandoli e non perseguendoli, ne rimane contaminata tanto da divenire essa stessa una tassa immorale ed ingiusta caricata sulle spalle dei cittadini onesti. Tra i costi della politica, molti dei quali non più sostenibili, quest'ultima è quella più odiosa e vile perché avvertita come tirannica gabella.

Ci si deve ribellare a tutto ciò; ci si deve altamente indignare gridando a pieni polmoni la rabbia individuale e il risentimento popolare, dopo aver provato vergogna, umiliazione e schifo.
Non è, però, affatto bastevole invocare un ordinario cambio della guardia; necessita, invece, il rivoluzionario sbarazzarsi di una nociva mentalità che è purtroppo comune a tutto il ceto politico oggi dominante, sia di maggioranza che di opposizione, e nulla cambierà se al posto del "Cavaliere" dovessero subentrare i sempiterni D'Alema, Veltroni, Bindi, Finocchiaro, Fioroni, Letta o giù di lì perché, anch'essi, impastati con acqua non più limpida e farina vecchia e scaduta.
Si cominci, intanto, con l'immediata soppressione dello scandaloso "Porcellum" e si approvi una legge elettorale realmente rappresentativa delle istanze popolari e, ciò che vale per Roma, deve valere anche per Perugia con l'abolizione subitanea del "Listino Regionale", antidemocratico e nepotistico, aggiungendo, a costo di passare per noioso e petulante, l'adozione di severi ed esemplari provvedimenti che impediscano l'esercizio delle funzioni pubbliche ai contravventori della Legge.
La Maga Circe forse se la riderà ma noi, nei suoi dintorni, continueremo la nostra contesa di civiltà.

Commenta su Facebook

Accadeva il 25 giugno

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni