opinioni

Quando le parole (e non solo) diventano Parole Ribelli

martedì 19 aprile 2011
di Fausto Cerulli

Oggi vorrei raccontarvi la storia-favola, storia di una Libreria di Orvieto, che troppo pochi conoscono, rispetto al suo valore. Un nome strano e vero: Parole Ribelli. Forse gli orvietani del tufo la snobbano perché è gestita da una discreta e leggera signora milanese, e magari uno pensa che sia un cenacolo snob, di quelli per iniziati. Invece è tutto il contrario. Da Parole Ribelli ti capita di trovare libri e cd che non trovi in nessun altro posto. E ti capita di incontrare le persone giuste nel posto giusto e nel momento giusto. Certo, non è la libreria che piace alle Tamaro di turno, è una libreria alternativa, e non a caso ci trovi tutti i libri di Stampa Alternativa, quelli che costavano mille lire, ed ora costano un euro, e qualche cosa di più da quando Stampa Alternativa è diventata una casa editrice di culto. Ma Parole Ribelli non è soltanto libri, è soprattutto atmosfera. Accoglie medici alternativi, omeopati, gente che la gente di qui confonde con stregoni da evitare in omaggio alla medicina tradizionale, a botte di Esculapio. Ed è così lontana dall'essere una libreria per iniziati, che è la sola ad ospitare le discussioni degli antifascisti veri, degli anarchici, per poi tuffarsi nei fiori e nella musica di Walter Branchi. E spesso ti capita di assistere, in quella sala piena zeppa di libri e di cortesia sincera, a esibizioni musicali di altissimo livello.

Ieri sera, lunedì 18, ad esempio, era presente un duo fantastico. Voicelink, il nome: avevano suonato e cantato in giro per il mondo, poi hanno accettato l'invito di Parole Ribelli: ed è stata una sera di emozioni e di musica grande. Un calabrese, Raul Colosimo, che suonava il clarinetto con l'anima e con la leggerezza di un fanciullo, e con la perizia di un grande. E lei, dal nome lungo e quasi inventato: Merle-Anne Prins-Jorge: lunghissime dita di donna francese venuta dall'Angola, una voce da brividi, una bellezza dolcemente provocante. Senza microfoni, senza luci psichedeliche, davanti a una ventina di persone: ma con l'impegno di chi si esibisce ad una folla. Padroni della scena, ma senza essere tiranni. Come amici conosciuti da sempre. Musica jazz, musica napoletana fatta a jazz, musica e parole insieme a fare poesia. Non era la prima volta che Parole Ribelli regalava emozioni di questo spessore, e non sarà l'ultima. Francesca, si chiama così la milanese che gestisce il tutto, insieme con la figlia Maria che sembra uscita da un fumetto sensuale di Crepax, ti vendono cultura e simpatia, ma senza aria di mercato. Una libreria che sa essere casa, e casa a tutti quelli che amano qualcosa di diverso dal solito, magari stravagante nel senso stravagato del termine.

La libreria quasi si nasconde: in una piazzetta davanti agli archi di S. Andrea; e per chi conosce Milano ti fa pensare a un angolo di Brera, e per chi conosce Genova ti fa pensare a Genova per noi, e somiglia anche a qualche chiasso di Venezia. Un posto raccolto in se stesso e aperto al mondo, un posto per parlare ed ascoltare, senza pretese che non siano pretese di cultura genuina. Io ne parlo perché vorrei che gli orvietani, almeno i miei trentacinque lettori, imparassero a frequentare questa oasi di leggerezza mai fatua. Orvieto, quando vuole, sa essere spietata con se stessa. Come le accade quando non vuole conoscere i suoi angoli migliori. Immagino che Francesca non sarà contenta di questo mio non richiesto elogio: lei ha costruito, con la pazienza di una formica e con la leggerezza di una farfalla, questa porzione dello star bene insieme, anzi dello stare insieme in bene e in male. E forse le darà un qualche fastidio che si scriva di lei e delle sue Parole Ribelli. Ma ieri sera è stata una sera troppo carica di senso, per non cercare di coinvolgere i miei trentacinque lettori.

La mia logica, quando scrivo di qualcosa e di qualcuno, è la logica illogica delle emozioni. E la libreria Parole Ribelli è troppo una emozione perché se ne continui a parlare troppo poco. Un gioiello discreto, che non ama sfarzi e luminarie: e gioca il suo fascino profondo sulla capacità di essere alternativa senza essere cenacolo. Ora finisco la lode, il troppo storpia: e poi i miei trentacinque lettori avranno capito che Parole Ribelli ha sostenuto, con animo di amore e di fiducia, un mio libercolo di poesie. Non mi smentisco mai: faccio sempre propaganda a me stesso, fingendo di voler aiutare gli orvietani a scoprire la Orvieto che vale. Parole Ribelli, e dico tutto, mi fa sentire alternativo a me stesso. E dio sa se ne ho bisogno. Grazie, Francesca, grazie Maria: a nome e per conto dei miei trentacinque lettori.

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 maggio

L'Alta Tuscia riscopre i gioielli. Invito a Civita, Palazzo Monaldeschi e la Serpara

Due ori e tre bronzi per la Scuola Keikenkai al 2° Campionato Europeo di Karate Iku

Staffetta dei Quartieri. All'ombra del Duomo si corre la 51esima edizione

La Zambelli Orvieto si ferma sul più bello col Casal De' Pazzi

"Focus on pain" a Palazzo Alemanni. Seconda edizione per il congresso medico

Piazza del Popolo, parcheggi a disco orario non più a pagamento

"L'Eucarestia nell'arte cristiana". Conferenza Rotary in Duomo

Corso da tecnico audio e corso di informatica musicale al "Tuscia in Jazz 2016"

Alla Galleria Falzacappa Benci di passaggio i pellegrini di Giorgio Pulselli

A Guardea ed Alviano le musiche di Piovani e Morricone per il Concerto di Primavera

"Basta un Sì per cambiare l'Italia". Incontro a Sferracavallo con Luca Castelli

La Kansas State University sempre più presente sul territorio orvietano

Legambiente denuncia gravi profili di illegittimità del calendario venatorio

Il Coro degli Alpini dei Monti Lessini in concerto

Filippo Orsini relaziona su "Bartolomeo d'Alviano, Todi e l'Umbria tra XV e XVI secolo"

"Una buona stagione per l'Italia. Idee e proposte per la ricostruzione del Paese e dell'Europa"

Alla scuola Frezzolini di Sferracavallo s'inaugura la biblioteca "Sheradzade"

Nasce l'Albo sostenitori "Orvieto Cittaslow". Ecco da chi è composta la commissione

Divieto di pesca per consumo alimentare sul Paglia, scatta l'ordinanza del sindaco

"Etruschi 3D". Presentata la mostra multimediale curata dall'Associazione Historia

Che cos'è "Etruschi 3D"