opinioni

Rifondare sul lavoro la democrazia della società italiana

domenica 16 gennaio 2011
di Chiara e Mario Tiberi

Il "Tiberico Sodalizio", dopo la pausa delle Festività Natalizie, si ripropone all'attenzione dei cortesi lettori e delle gentili lettrici, sempreché sia di loro gradimento, affrontando il tema-cardine della esistenza umana sotto il profilo di una indagine filosofica, introspettiva seppur limitata: il lavoro, la sua etica, i suoi drammi e le sue prospettive.

Seduti dietro ad una scrivania o davanti a un computer oppure correndo frettolosamente, di qui e di là, conversando con frenesia al cellulare; immersi in una classe di bambini urlanti o di ragazzi non sempre diligenti ed educati; sorridenti e affaticati allo stesso tempo tra i tavoli di un ristorante o dietro il bancone di un bar o di un negozio; taciturni ad aggiustare il motore di una macchina, un filo elettrico, una tubatura o un elettrodomestico od, anche, a costruire e vendere immobili; ingessato e un po' costretto nel suo vestito, giacca e cravatta, a dirigere la propria azienda: queste ed altre le numerose occupazioni che svolgono quotidianamente gran parte degli italiani come, del resto, gran parte degli abitanti il pianeta chiamato Terra.

Una infinita varietà di figure professionali sempre più specializzate, accomunate probabilmente da un unico bipolare stato d'animo: noia e apatia, prevalentemente intellettuale, da una parte; stress e una sorta di angosciante agitazione, dall'altra. Soggiacere, giorno dopo giorno e per anni e anni, sempre alle stesse incombenze porta con sé monotonia, stanchezza, insofferenza, insoddisfazione, appiattimento, inibizione della curiosità e di interessi volti al nuovo, assenza di stimoli, rassegnazione. Alla sera i lavoratori, intrappolati nell'estenuante binomio noia-stress, all'unisono intonano il proprio coro: "Che barba, domani al lavoro!".

Alla frequente non volontà dei "veterani" del lavoro, se così si può definirli, corrisponde parallelamente il desiderio e la disposizione di molti giovani al volersi affacciare alle realtà dell'impegno lavorativo con entusiasmo, grinta e dedizione. Ma una consistente fetta dei giovani d'oggi, un po' per propria responsabilità e un po' perché viziati e resi intellettualmente apatici da dinamiche socio-politiche non sempre limpide e attente alla formazione e crescita della loro identità personale e professionale, si trova nella condizione di essere disorientata, sfiduciata e quasi rassegnata di fronte a dirigenze e metodi che, troppo poco spesso, si accorgono della loro presenza e del loro valore.

Non si tratta di costruirsi degli alibi per nascondere o giustificare un'eventuale "noluntas" giovanile, perché di giovani brillanti, carichi di energie e di idee da indirizzare nei canali del mondo del lavoro ve ne sono in "quantità industriali", quanto piuttosto vi è da chiedersi il perché, inoccupati e frustrati, si ritrovano anche loro nell'abisso della noia scaturente dall'inoperosità e dal non poter utilizzare il proprio tempo gettando nella mischia tutte le proprie conoscenze e capacità.

Il paradosso è allora palese: dal "troppo fare" dei veterani del lavoro deriva quella noia che, similmente, nasce dal "non fare" dei giovani. Per i primi può probabilmente trattarsi di un momentaneo e più lieve stato d'animo provocato da fattori imponderabili che si ripetono meccanicamente sotto il segno della monotonia; per i secondi, invece, è possibile che sia una più profonda condizione esistenziale determinata da una disagiata situazione esterna, ma le cui radici affondano all'interno della più intima intimità dell'animo umano. Come uscire da tale "impasse"?.

Certamente il problema non è di facile soluzione e attuabile in tempi brevi o soltanto in un'unica direzione; se, però, si iniziasse a considerare il lavoro sotto luci e prospettive nuove e plurime, se gli si attribuisse un valore aggiunto di natura etica e sociale, emergerebbe immediatamente che dietro ad esso vi sono uomini e donne con le loro competenze e con la loro personalità.
Il "darsi da fare", allora, non può essere superficialmente giudicato alla stregua di un mero strumento per il sostentamento, come mezzo di arricchimento e di successo personale: questi ultimi sono sì degli incentivi, ma da soli provvedono solamente a soddisfare beni esclusivamente materiali che, come tali, sono destinati inesorabilmente a deteriorarsi. Al rovescio, il lavoro non deve, invece, essere considerato come contributo propositivo atto a perseguire e migliorare il benessere spirituale e lo sviluppo economico delle società e, in senso lato, dell'intera umanità?.

E' in questa direzione che possiamo convenire con Hegel che, attraverso il lavoro, "l'egoismo soggettivo si converte nell'appagamento dei bisogni di tutti gli altri".
I veterani del lavoro potrebbero e dovrebbero tener sempre a mente il valore di ciò che stanno compiendo e, allo stesso tempo, permettere ai giovani di proporre le proprie idee mettendo a disposizione il loro sapere e la loro determinazione ad attuarlo nella pratica concreta. Solo così può essere offerta vita ad un giusto equilibrio sociale al quale aspirare: l'esperienza e la saggezza accumulate dai più anziani a supporto dell'originalità e vivacità della giovanile esuberanza.

Il presente, nella sua essenziale fugacità e mutazione, può divenire in tal maniera il punto d'incontro tra passato e futuro, tra tradizione e innovazione; il presente è un attimo quasi inafferrabile dall'umana percezione, ma può anche essere un attimo prezioso di congiunzione e continuità.
Non si lasci che la noia cancelli il passato e impedisca il futuro: la noia è la paralisi del tempo, è un eterno presente infecondo perché sempre uguale a se stesso.

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 aprile

Convegno sul Porto Romano di Pagliano. Riflessioni alla luce delle nuove scoperte

Passeggiata della Sicurezza. Cobas e Assemblea Antifascista: "No alla giustizia fai da te"

Concerto del Coro Polifonico "San Gavino Monreale" a Collevalenza

Conferenza nazionale sulle malattie infettive emergenti e riemergenti

"Wilcock, Lubriano e la Valle dei Calanchi. La visione, il sogno e l'ironia"

Torneo regionale di pallavolo integrato Anpis, vince l'entusiasmo di stare insieme

"Omaggio ad Elena". Cultura e gastronomia all'ombra di Castello Misciattelli Orsini

Izzalini in festa per i 100 anni di mamma Elena

"La Zambelli Orvieto continua a stupire nell'indifferenza delle istituzioni"

Gabriella Carlucci presenta il libro "Amarilla, appunti di un viaggio a sei zampe"

Campionato regionale tiro a volo Anlc. In estate le finali nazionali

L'arte per lanciare un messaggio di tutela dell'ambiente dal cuore di Civita di Bagnoregio

Bruciano sterpaglie, Vigili del Fuoco e Protezione Civile al lavoro

Turismo, Paparelli: "Ultime rilevazioni confermano trend positivo, 2018 anno della rinascita"

M5S Orvieto sul sit-in contro l'ampiamento della discarica: "Non accettiamo strumentalizzazioni"

Successo all'Unitus per l'Open Day delle lauree magistrali

Terminato al Csco il corso di "Tecnico specializzato in accoglienza per rifugiati"

Omaggio a De André al Mancinelli. Ad OCC il ricavato di "Bocca di rosa e gli altri"

Orvieto a Lussemburgo, proficuo incontro tra Comune e Ambasciata

Aderisce al sit-in anche Cittadinanza a 5 Stelle del Comprensorio Orvietano

A Luca Tomassini di Vetrya la Medaglia dell'Università per Stranieri

Andrea Bocelli in Piazza Duomo per la quarta edizione di "Orvieto4Ever"

"Allerona verso lo sviluppo di comunità". Conferenza al Centro Polivalente

Pedalando indietro, "La Carrareccia" raddoppia. A settembre, edizione dedicata a Barbara e Matteo

"Ben Hur" al Mancinelli. Paolo Triestino e Nicola Pistoia chiudono la stagione teatrale

Nuovo look per la rete elettrica, Enel installa i DY900/1 per cabine tecnologiche

Esasperati dall'accattonaggio molesto, gruppo di commercianti scrive al Comune

Post-sisma, la Regione incontra gli ordini professionali nelle zone terremotate

Al via il progetto "Rete amica". Unicef, istituzioni e scuole insieme per un web più sicuro

Teatro Null pronto al debutto di "Osteria da Shakespeare & Co"

Sale la febbre da Palio di Sant'Anselmo. Conto alla rovescia per la Sagra del Biscotto

Fondazione Cro: "Cassa di Risparmio Spa deve permanere punto di riferimento degli Orvietani"

APEritivo nell'Oasi di Alviano, con vista sulla palude

Allerona sempre più cardioprotetta, la comunità si dota di tre defibrillatori

Alfina in festa per San Giorgio Martire. Programma civile e religioso

Post-sisma, Marini ed Errani incontrano gli abitanti di Norcia, Castelluccio e San Pellegrino

Accademia Kronos a "Villaggio per la Terra", per la sensibilizzazione alla tutela del Pianeta

La Polisportiva Castel Viscardo organizza il primo raduno in MTB dei Monaldeschi

"Nonsololirica in Sala Eufonica", video-ascolto di Leonard Cohen

Disco verde al bilancio di previsione 2017/2019. Ampia discussione in consiglio

Sì unanime all'ordine del giorno "Albornoz, un bene comune da restituire alla città"

Nel triennio 2017/2019 opere pubbliche per oltre 23 milioni di euro

Quantità e prezzo di cessione aree per residenza ed attività produttive, le tariffe

Sì al Piano delle alienazioni e valorizzazioni del patrimonio immobiliare

Ricognizione annuale delle società partecipate, presa d'atto in consiglio

Approvato il Documento Unico di Programmazione 2017/2019

Corso di formazione per volontari nella valorizzazione dei beni culturali ecclesiastici della Diocesi

Ecco i giovani bomber della Coar Orvieto. Pronti per il II Memorial Papini.

Azzurra nella storia, Orvieto Basket salvezza conquistata, Orvietana un punto prezioso, argento Savrayuk

Rita Levi Montalcini, un'innata ottimista

Torna a riunirsi l'esecutivo PD del Comprensorio Orvietano. In discussione molti temi "caldi" di urgente attualità

Grande successo per "La Domenica del Vulcano 2010". Incontri ed escursioni nel territorio di San Venanzo

Il Sindaco Concina sul Bilancio: "Orvieto non può permettersi il commissariamento"

Pozzo di San Patrizio: il biglietto intero aumenta di cinquanta centesimi dal 1° giugno

Sferracavallo. Mercato sì, mercato no. Proroga della sperimentazione fino al 30 marzo 2011. Via alla "filiera corta"

Continuano i controlli del Commissariato sul rispetto degli orari di chiusura dei locali

SII. Cresce il front-office: in aumento accessi al sito e mail. Lattanzi: "Grande sforzo per accorciare le distanze tra utenti e società"

Pubblicato il bando TAC II: interventi di promo - commercializzazione turistica per prodotti d'area di progetti integrati collettivi

Suggerimenti per il "Buon Politico"... ovvero esortazione all'On. Trappolino

Aumenti per alcuni settori amministrativi del Comune: i Comunisti Italiani vogliono sapere. Qualche lume dalla conferenza stampa del Sindaco Concina

"Alla scoperta dell'antico Egitto": gli Egiziani innamorati della vita. La Dott.ssa Pozzi, egittologa, illustra la mostra laboratorio

Rinnovato l'apparato didascalico del Museo etrusco Claudio Faina. Ne parla la Dott.ssa Nancy Leo