SCOPRI

Offerta Banner
99 euro per 30 giorni

opinioni

E’ tempo di Bilancio Partecipato

domenica 24 ottobre 2010
di Rodolfo Ricci

Ho letto or ora l'articolo di Massimo Gnagnarini. Ottimo intervento, che in termini contabili mi pare ineccepibile.
Perché non dovrebbe essere percorsa questa via? Vi sono elementi particolari che ostano alla sua attuazione?
Aggiungerei, nella stessa direzione proposta da Gnagnarini, l'impegno a ripubblicizzare l'acqua come ulteriore elemento di valorizzazione economica e di potenziale opportunità di occupazione per eventuali esuberi comunali, così come penso sia possibile impugnare ogni altra convenzione in vigore in termini di privatizzazione di servizi pubblici o concessioni varie che, invece di creare risparmi, abbiano creato aggravi di spesa per la cittadinanza o mancati adeguati introiti per le casse comunali.

Di solito gli squilibri strutturali si creano anche per la fretta di "incassare pochi, maledetti e subito", senza riflettere sul fatto che un incasso definitivo ora, vuol dire tanti mancati incassi in futuro, e ciò vale sia in termini di liquidità che di patrimonio.
Se ben ricordo ve ne sono diverse di concessioni, quantomeno discutibili, e in verità discusse nel passato prossimo, su cui andrebbe fatta una verifica puntuale della loro legittimità (temini temporali, ruolo di controllo del Comune, ecc.) e della possibilità di essere modificate o, quando non vi è particolare contenuto tecnologico o di superiori competenze, addirittura ritirate.

La logica assurda di tagliare, privatizzando o svendendo, è la logica dell'ultimo quarto di secolo che ha creato niente altro che riduzione dell'ambito di intervento del pubblico (cosa che ovviamente significa anche meno risorse complessive da gestire) risolvendo alcuni problemi nell'imminenza delle scelte, ma posticipandone gli effetti - quelli sì STRUTTURALI - nel futuro.

E' importante capire che da queste scelte ne hanno avuto grande vantaggio alcuni investitori privati che solitamente non hanno migliorato i servizi, ma solo massimizzato le loro opportunità di profitto, e il sistema bancario, che ha decuplicato, in due decenni, gli interessi riscossi dal pubblico investendoli spesso nel circuito micidiale della finanza speculativa. Con gli effetti che conosciamo.
L'aggressione della finanza ai beni pubblici è un pezzo di storia che ricorderemo a lungo.

Mi pare che questo ragionamento possa essere applicato a diverse situazioni, a partire, se non erro, dalla concessione della discarica.
Analogamente si può ragionare su altre situazioni, fonti pubbliche, ecc., (anche se lì si tratta di concessioni regionali) laddove tuttavia, le imprese che ne gestiscono le risorse, forniscono solo un magrissimo ammontare di occupazione al territorio.
Chi ne sa più di me, può sicuramente aggiungere altre situazioni che vale la pena affrontare al più presto.
Non si tratta di riaffermare un Comune tuttofare, ma una Municipalità intelligente che determini quali sono le opzioni strategiche, come vanno trattate con gli attuali interlocutori, e quali quelle che possono essere lasciate alla gestione privata.

Altra cosa sono i servizi sociali e culturali affidati in convenzione, che notoriamente si fondano su occupazione quasi sempre precaria e il cui peso è del tutto insignificante (scuola di musica, ecc.), rispetto ai fiumi di interessi passivi che corrono dalle casse del comune ai vari istituti di credito. L'impegno, in questo caso, per un Comune serio, dovrebbe anzi essere quello di legare le convenzioni alla strutturazione di posti di lavoro stabili e in regola.

E' in questo senso che torno a dire che c'è bisogno di un riequilibrio che pesi su chi, negli anni passati ha guadagnato abbondantemente da queste politiche. E che non si debbono scaricare gli errori fatti sui cittadini.
Aggiungo anche che vi è una ampia casistica di opportunità offerta dai Fondi comunitari che può consentire una riqualificazione delle risorse umane finalizzata ad una nuova e adeguata gestione del pubblico.

Insomma, il bilancio approvato a maggioranza trasversale mercoledì scorso, ha, io penso, delle valide alternative.
Si tratta di renderle note, e si tratta di optare. C'è bisogno di un'assunzione di responsabilità per organizzare la pubblicizzazione di questo dibattito e per far sì che la cittadinanza si pronunci liberamente sulle varie ipotesi.
Al di là delle scelte di questa Giunta, una discussione aperta e comprensibile a tutti è il miglior viatico per gli anni che verranno. Il Sindaco potrebbe ad esempio capire, se la maggioranza che lo sostiene è anche maggioranza tra la gente. Ed è anche una occasione di crescita culturale per tutti coloro che hanno amministrato (per capire se e dove hanno sbagliato), che stanno amministrando e che amministreranno la cosa pubblica ad Orvieto (per sbagliare di meno).

E' questo il tempo del Bilancio Sociale Partecipato.

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 novembre

Volontari nei supermercati, torna la "Giornata Nazionale della Colletta Alimentare"

L'armatura etrusca della "Tomba del Guerriero" va in esposizione in Germania

L'Istituto "Dalla Chiesa" in evidenza al Young G7 di Terni

Al "Moby Dick" marionette e matite svelano i segreti di Pinocchio

"Agisci oggi per cambiare domani". L'impegno del Lions Club nella lotta al diabete

Insieme per contrastare il diabete, l'Azienda Usl Umbria 2 sottoscrive la convenzione con sei onlus

Omphalos Lgbti: "Crociata medioevale contro i libri sulle famiglie"

Caos treni, Marini: "Stiamo lavorando per tutta la regione. Frecciarossa da Perugia ma anche su Orte"

Consiglio comunale straordinario sul futuro della sanità locale

"Tartaruga mon amour". Festa a sostegno delle attività integrate dell'Asd Tartaruga Xyz

Riparte da Sipicciano il progetto "LibriLiberi" con il seminario "Libera la Voce"

Femminicidio, le consigliere di parità: "Occorrono più iniziative e più risorse"

Addio a Pier Augusto Breccia, il Maestro della Pittura Ermeneutica

Geotermia, acqua, rifiuti e discariche al centro di un incontro pubblico

Cresce l'attesa per "Orte in Cantina", percorso enogastronomico itinerante con vini di qualità

A Palazzo Coelli, l'ISAO promuove una Giornata di Studi su Ippolito Scalza

Maratona dell'Olio, "l'oro verde per promuovere le nostre bellezze"

Pavimentazione di Via Manzoni ripristinata entro il primo semestre 2018

Giornata di Studi dedicata a S.Bonaventua di Bagnoregio nell'ottavo centenario della nascita

"Una voce contro il silenzio. Jazz contro la violenza sulle donne" al Teatro Boni

Stefano Stellati confermato presidente dell'Unione Giovani Commercialisti

Festa dell'Albero 2017, oltre cento nuove piantumazioni per favorire il ritorno dello scoiattolo rosso

Al Teatro Caffeina, Francesco Caringella presenta "Dieci lezioni sulla giustizia"

Cgil, Cisl e Uil presentano le buone prassi per la salute e la sicurezza nei posti di lavoro

Storia dell'Arte all'Unitre, Donato Catamo svela il mondo di Pablo Picasso

Attesa finita, si inaugura la Complanare. Tappa per tappa, il lungo iter

Sostenibilità ambientale, obiettivo cardine del Piano d'Ambito Regionale

"La Piazzetta" porta in scena la commedia "Purga e Cioccolato"

Con Teatro Studio parte la rassegna di corti teatrali in Biblioteca

"Ma io non me la cerco mai!". Due giorni di appuntamenti con l'Associazione Battiti

I Carabinieri celebrano la Virgo Fidelis, patrona dell'Arma

"Orvieto, ripartiamo insieme". Microfono aperto a Palazzo dei Sette

Iniziativa del comitato AdessoOrvieto per Matteo Renzi con il sindaco di Fabro Maurizio Terzino

A Villa Faina di San Venanzo la mostra "La protesta nuda" del pittore Massimo Musicanti

Le donne uccise in Italia nel 2012

Le iniziative parlamentari

Allo Scalo niente luminarie natalizie ma aiuti concreti agli alluvionati

Presso il Palazzo di Maria Bambina incontro su "Iniziazione cristiana di stile catecumenale"

Pane, Olio e Fantasia. Il programma

Al ridotto del Mancinelli grande emozione per la prima del progetto nazionale "Nati per la Musica"

Dal SII oltre 800mila euro di investimento per l'emergenza. Depuratori e impianti di distribuzione: "nessun problema di potabilità"

Dissesto idrogeologico, riunione Regioni-Ministro Ambiente. L'assessore Rometti: "Bene l'impegno del Ministro"

Avviata in Comune la raccolta di firme a sostegno dell'iniziativa referendaria sulle indennità spettanti ai parlamentari

Assistenza e consulenza sulle auto alluvionate

Iniziativa di solidarietà privata

Agevolazioni per acquisti di ferramenta ed utensileria

Il MaxiGiuli riapre sabato 24 novembre

La ORA di Fausto Paradiso operativa con le revisioni, officina in riapertura

La COAR della famiglia Anselmi ha riaperto ed è operativa

Assistenza gratuita sui pc alluvionati

La Autoforniture della famiglia Sborra operativa con servizio consegna ricambi

Danni per oltre 220 milioni di euro dalle alluvioni. La presidente Marini in Commissione Ambiente alla Camera

Alluvione. Come potremmo limitare i danni?

Olio consapevole con l'Associazione L'Albero di Antonia

Fine settimana dedicato all'olio. A Ficulle c'è "OlioDiVino"