opinioni

E’ tempo di Bilancio Partecipato

domenica 24 ottobre 2010
di Rodolfo Ricci

Ho letto or ora l'articolo di Massimo Gnagnarini. Ottimo intervento, che in termini contabili mi pare ineccepibile.
Perché non dovrebbe essere percorsa questa via? Vi sono elementi particolari che ostano alla sua attuazione?
Aggiungerei, nella stessa direzione proposta da Gnagnarini, l'impegno a ripubblicizzare l'acqua come ulteriore elemento di valorizzazione economica e di potenziale opportunità di occupazione per eventuali esuberi comunali, così come penso sia possibile impugnare ogni altra convenzione in vigore in termini di privatizzazione di servizi pubblici o concessioni varie che, invece di creare risparmi, abbiano creato aggravi di spesa per la cittadinanza o mancati adeguati introiti per le casse comunali.

Di solito gli squilibri strutturali si creano anche per la fretta di "incassare pochi, maledetti e subito", senza riflettere sul fatto che un incasso definitivo ora, vuol dire tanti mancati incassi in futuro, e ciò vale sia in termini di liquidità che di patrimonio.
Se ben ricordo ve ne sono diverse di concessioni, quantomeno discutibili, e in verità discusse nel passato prossimo, su cui andrebbe fatta una verifica puntuale della loro legittimità (temini temporali, ruolo di controllo del Comune, ecc.) e della possibilità di essere modificate o, quando non vi è particolare contenuto tecnologico o di superiori competenze, addirittura ritirate.

La logica assurda di tagliare, privatizzando o svendendo, è la logica dell'ultimo quarto di secolo che ha creato niente altro che riduzione dell'ambito di intervento del pubblico (cosa che ovviamente significa anche meno risorse complessive da gestire) risolvendo alcuni problemi nell'imminenza delle scelte, ma posticipandone gli effetti - quelli sì STRUTTURALI - nel futuro.

E' importante capire che da queste scelte ne hanno avuto grande vantaggio alcuni investitori privati che solitamente non hanno migliorato i servizi, ma solo massimizzato le loro opportunitĂ  di profitto, e il sistema bancario, che ha decuplicato, in due decenni, gli interessi riscossi dal pubblico investendoli spesso nel circuito micidiale della finanza speculativa. Con gli effetti che conosciamo.
L'aggressione della finanza ai beni pubblici è un pezzo di storia che ricorderemo a lungo.

Mi pare che questo ragionamento possa essere applicato a diverse situazioni, a partire, se non erro, dalla concessione della discarica.
Analogamente si può ragionare su altre situazioni, fonti pubbliche, ecc., (anche se lì si tratta di concessioni regionali) laddove tuttavia, le imprese che ne gestiscono le risorse, forniscono solo un magrissimo ammontare di occupazione al territorio.
Chi ne sa più di me, può sicuramente aggiungere altre situazioni che vale la pena affrontare al più presto.
Non si tratta di riaffermare un Comune tuttofare, ma una MunicipalitĂ  intelligente che determini quali sono le opzioni strategiche, come vanno trattate con gli attuali interlocutori, e quali quelle che possono essere lasciate alla gestione privata.

Altra cosa sono i servizi sociali e culturali affidati in convenzione, che notoriamente si fondano su occupazione quasi sempre precaria e il cui peso è del tutto insignificante (scuola di musica, ecc.), rispetto ai fiumi di interessi passivi che corrono dalle casse del comune ai vari istituti di credito. L'impegno, in questo caso, per un Comune serio, dovrebbe anzi essere quello di legare le convenzioni alla strutturazione di posti di lavoro stabili e in regola.

E' in questo senso che torno a dire che c'è bisogno di un riequilibrio che pesi su chi, negli anni passati ha guadagnato abbondantemente da queste politiche. E che non si debbono scaricare gli errori fatti sui cittadini.
Aggiungo anche che vi è una ampia casistica di opportunità offerta dai Fondi comunitari che può consentire una riqualificazione delle risorse umane finalizzata ad una nuova e adeguata gestione del pubblico.

Insomma, il bilancio approvato a maggioranza trasversale mercoledì scorso, ha, io penso, delle valide alternative.
Si tratta di renderle note, e si tratta di optare. C'è bisogno di un'assunzione di responsabilità per organizzare la pubblicizzazione di questo dibattito e per far sì che la cittadinanza si pronunci liberamente sulle varie ipotesi.
Al di là delle scelte di questa Giunta, una discussione aperta e comprensibile a tutti è il miglior viatico per gli anni che verranno. Il Sindaco potrebbe ad esempio capire, se la maggioranza che lo sostiene è anche maggioranza tra la gente. Ed è anche una occasione di crescita culturale per tutti coloro che hanno amministrato (per capire se e dove hanno sbagliato), che stanno amministrando e che amministreranno la cosa pubblica ad Orvieto (per sbagliare di meno).

E' questo il tempo del Bilancio Sociale Partecipato.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 gennaio

L'Italia dei piccoli centri. Amiata e Maremma nel volume monografico di "Testimonianze"

Notte di sangue sull'Autostrada del Sole, muore un trentenne

Nuova seduta per il consiglio comunale. L'ordine del giorno dei lavori

La Vetrya Orvieto Basket attende il Basket Bastia al PalaPorano

La Zambelli Orvieto non si fida della trasferta a Castelfranco

Poste, recapito a giorni alterni, la protesta in Parlamento. Verini (Pd) al Governo: "Rivalutare la scelta"

A Norcia partono i lavori per la scuola elementare

Operazione interforze sul territorio, in arrivo nuovi controlli

Rifiuti, nuova eco-piazzola intercomunale Guardea-Alviano

Riparata la fontanella alla spina danneggiata dal ghiaccio

Gli studenti tuderti alla scoperta del "geometra del futuro"

Vertenza Unicoop Tirreno, dieci posti di lavoro a rischio in Umbria

Gestione impianti termici, in vigore le nuove disposizioni regionali

Coding, in biblioteca prendono il via i corsi per i ragazzi delle scuole medie

Scomparso a 89 anni il Maestro Nino Caruso, l'artista era molto legato alla città

In Via della Misericordia II, aprono Sartoria MIR e Open space di co-working

Le Fiamme Gialle intercettanto un carico di vestiti e accessori con marchi contraffatti

Wine Research Team: una "potatura intelligente" per un prodotto di qualità e piante sane

Lavori edili alla Caserma "Nino Bixio", sosta vietata in Piazza Guerrieri Gonzaga

Sistemazione idraulica del Carcaione, chiude il parcheggio con ingresso da Via delle Mimose

Pulizia programmata delle piazze del centro storico, modifiche alla sosta

L'olio d'oliva è protagonista al centro commerciale Porta d'Orvieto

Lo vidi

"Giobbe o la tortura dagli amici". Il Medioevo va in scena a Palazzo Filippeschi Simoncelli

"Zona 30" a Sferracavallo, si può fare

No alle dimissioni, ma sulla Cecchini il sindaco è chiaro: "scivolone istituzionale"

Differenziata: polemiche e quesiti bipartisan, cittadini e commercianti protestano

Piedibus, il Comune ci riprova: sarà buona la seconda?

La Zambelli Orvieto ha una nuova tigre, è la schiacciatrice Martina Escher

De Francesco "Sette...bellezze", il bomber che fa sognare Orvieto e l'Orvietana

Calendario venatorio, il Governo fissa al 21 gennaio la chiusura per tre specie

Carnevale di Ronciglione tra i 10 più belli d’Italia

Torna su Rai3 "Per un pugno di libri" con i ragazzi del Liceo Classico

Senso unico alternato sulla SP 52 Fabro-Parrano

Cramst: Balli, suoni e sapori da Carnevale alla Festa delle Donne

Seconda edizione del concorso di poesia e narrativa "Saverio Marinelli"

Il cardinale Ennio Antonelli incontra il clero della diocesi di Orvieto-Todi

Area camper a Città della Pieve, partiti i lavori. Ecco il progetto

Il Comune bene comune. Per la tutela dell'autonomia comunale, del territorio e della democrazia

Al Teatro Mancinelli arriva il "Decamerone" di Stefano Accorsi

"Un Mondo Incredibile" al Centro Viva. Torna il laboratorio di teatro e pensiero

Comune e Fondazione Cro riscoprono Giuseppina Anselmi Faina. Presto una pubblicazione sull'artista

L'Opera del Duomo presenta il restauro dei mosaici della facciata

Zalone e la nonna che torna al cinema. Aneddoti e retroscena di un successo

Gianni Pontillo al Teatro "Il Mascherone" con "Politicamente bugiardi"