opinioni

Congresso PD a porte chiuse? No, in "agorà"!

lunedì 20 settembre 2010
di Mario Tiberi

Viviamo un'epoca nella quale i "grandi fratelli mediatici" ficcano il naso un po' dovunque mentre il PD, almeno quello della sfera orvietana, sembra andare controcorrente e, in modo anacronistico e antistorico, tende a chiudere con serrati chiavistelli le vicende interne dei suoi processi di vita pubblica e politica.
Sta, purtroppo, accadendo il medesimo cerimoniale anche per il prossimo venturo congresso cittadino.


Sono del parere, e me ne convinco sempre di più, che, al contrario, sia necessario tenere edotta la popolazione tutta sulle scelte decisionali, per risorse umane e programmi, di un partito che è caricato delle maggiori responsabilità essendo, il PD di Orvieto, formazione partitica di maggioranza relativa per consenso popolare.


Alla luce della premessa testé illustrata, propongo un confronto pubblico a largo raggio tra il sottoscritto Mario Tiberi e, poi, Massimo Morcella nella veste di coordinatore delle fasi congressuali e Giuseppe Germani in qualità di Capogruppo in Consiglio Comunale. E quale miglior luogo se non Piazza della Repubblica, sede storica delle adunanze cittadine?. Bastino ricordare i tempi gloriosi dei comizi elettorali, affollati, partecipati, vitali per la democrazia della nostra città.


Resta inteso che i due personaggi politici, dei quali mi sono concesso la licenza di nominarli e chiamarli in causa, conservano in pieno la più ampia facoltà e libertà di declinare l'invito; fin da subito, per parte mia, dichiaro la disponibilità al confronto anche da solo.
Mi permetto, inoltre, di suggerire la presenza dei tre illustri Direttori di Orvietonews, Orvietosì e TuttOrvieto con funzione di animatori dell'incontro pubblico, tenendo bene a mente che l'unico, vero protagonista dovrà essere il popolo orvietano.
Gradirei, infine, conoscere il pensiero dei lettori e delle lettrici in merito a tale iniziativa, attraverso l'utilizzo del commentario di cui è dotata ognuna delle testate giornalistiche online sopra menzionate.
Arrivederci, a presto, a Piazza della Repubblica!.


Mario Tiberi
(il Giannino Stoppani del PD orvietano)

 

Pubblicato da allibito!!! il 20 settembre 2010 alle ore 11:02
perch Tiberi non invita ad un confronto anche Obama e Putin?
Pubblicato da Cittadino il 20 settembre 2010 alle ore 11:21
Eventualmente sarebbe piu interessante un confronto tra Tiberi, Trappolino e Mocio o Capoccia o Vincenzi ( tanto lo stesso).
Pubblicato da Civis 3 il 20 settembre 2010 alle ore 12:04
Ci saremo e in tanti. Bravissimo Mario,sei l'unico a smuovere le acque della palude orvietana.Ti abbraccio fortemente. Civis3
Pubblicato da Madame Rita il 20 settembre 2010 alle ore 12:13
Appoggio l'iniziativa di Mario Tiberi e sar presente. Era ora! Cordiali saluti. Rita
Pubblicato da "parla tra me" il 20 settembre 2010 alle ore 12:32
Civati ha detto " se si vuole aprire un dibattito se ne discuta" ... e Riscaldati ha citato quello che diceva " se avevi inteso quello che avevo detto a quest'ora avevi capito"
Pubblicato da LO PUNGERONE il 20 settembre 2010 alle ore 12:41

Ma chi è questo Tiberi che vuole dettare l'agenda politica del PD? E' il Veltroni locale? Chi rappresenta? Non gli basta far parte del COVIP? Le richieste che ha da fare, le faccia al Partito e non attraverso i giornali. Si invita Germani (suo alleato alle primarie) in qualità di capogruppo, Morcella in qualità di coordinatore delle fasi congressuali e Tiberi dovrebbe partecipare in qualità di cosa? Di salvatore della Partria? Suvvia un poco di moderazione non guasterebbe. Gli interventi avverranno, come da statuto, nelle sedi di partito, fra tutti gli iscritti al partito che vorranno dire la loro (e non tra tre unti dal Signore), sulla o sulle mozioni che verranno presentate. Ogni altra richiesta si pone fuori dalle regole. Già nel passato si è assistito a questi "giochetti" ed è ora di farla finita.


P.S. Se al Sig. Tiberi le regole del Partito Democratico Non piacciono, tanto da affermare che: " Viviamo un'epoca nella quale i "grandi fratelli mediatici" ficcano il naso un po' dovunque mentre il PD, almeno quello della sfera orvietana, sembra andare controcorrente e, in modo anacronistico e antistorico, tende a chiudere con serrati chiavistelli le vicende interne dei suoi processi di vita pubblica e politica. Sta, purtroppo, accadendo il medesimo cerimoniale anche per il prossimo venturo congresso cittadino", perché non riconsegna la tessera?


Altro P.S. Ci avrei scommesso che il commento di cittadino seguisse a ruota.

Pubblicato da Laura Rosati il 20 settembre 2010 alle ore 13:15
Ma chi LO PUNGERONE............... per caso uno dei 3 citati da "cittadino" ? Tiberi resta sempre uno dei +grandi ! L.Rosati
Pubblicato da Rosa del Tufo il 20 settembre 2010 alle ore 13:31
Un dato certo; gli altri zuzzurellano, usando una felice espressione coniata da Tiberi, ma il solo a menare la danza del congresso del pd per novit, sostanza,contenuti e metodo proprio Mario Tiberi,al quale non posso che fare i miei complimenti assicurando la mia presenza e il mio sostegno.Avanti tutta. Rosa del Tufo
Pubblicato da Daniela il 20 settembre 2010 alle ore 16:59
Chiedo una cortesia al Prof Tiberi: mi sa dire se ha ricevuto un qualche segnale di vita dal pd oppure come al solito tutto tace; e sopratutto i signori Germani e Morcella hanno risposto all'invito perch proporre legittimo e rispondere buona educazione. Grazie e le auguro buona fortuna perch ne ha veramente bisogno.
Pubblicato da LO PUNGERONE il 20 settembre 2010 alle ore 17:34
Tutti qui?
Rispecchia quello che successo ad Orvieto dove a sentire il buon Veltroni c'erano quattro gatti.
Per Daniela: io non so se Germani o Morcella risponderanno ma lei si chiesta se la richiesta legittima ?
La politica di un partito non la fa il primo gallo che si sveglia.
Pubblicato da Maria Antonia il 20 settembre 2010 alle ore 17:45
Carissimo Mario, condividendola estender l'iniziativa nel mio territorio dove risiedo in provincia di PG. Il vecchio PD va stanato e portato in piazza, la nostra AGORA', come tu giustamente suggerisci. Teniamoci uniti in questa battaglia di libert e di rinnovamento. Ti sono vicina. Maria Antomia
Pubblicato da Sempre Rosso il 20 settembre 2010 alle ore 18:10
Tiberi ha ragionissima, un popolo affamato non solo di pane ma di libert,giustizia, chiarezza fa la rivoluzione anche se pacifica e fatta con le parole. Evviva Giannino detto Gianburrasca.
Pubblicato da italia il 20 settembre 2010 alle ore 21:46
Il professor Tiberi puo' piacere o non piacere, essere condiviso o meno, puo' sembrare un ingenuo o un passionale, un genio o "gallo" qualunque, ma un pregio gli si deve riconoscere: quando scrive due righe improvvisamente 20 persone commentano.
Con buona pace di Pungerone, di Filippetti, ed altri, lui ha il pregio di provocare commenti.
Raramente rimane solo solo nel web come succede spesso ad altri.
I suoi scritti dotti, aulici, per alcuni un po' pomposi ed antichi, hanno un enorme ed inconsueto pregio: sono concetti aperti, lasciano gli altri pensare anche quando non sono condivisibili, non trasudano astio, non sono "furbi", lanciano dubbi, proposte, inteneriscono e fanno pensare anche le vecchie signore ciniche come la sottoscritta che spesso non daccordo con lui.

Signor Pungerone l'agenda politica del PD non il Vangelo, non Nostro Signore che l' ha dettata, sono solo quattro persone volenterose che hanno deciso di dare un ordine ai lavori, tutto perfettibile.
Ve lo dico da vostra elettrice, non siate sordi, non chiudetevi, ascoltate tutti, parlate a tutti, imparate da Berlusconi.

Toglietevi la puzza da sotto il naso altrimenti di questo partito rischia di rimanere solo la polvere, qualche regola e lo "statuto".

con affetto.
Pubblicato da Gionathan il 20 settembre 2010 alle ore 23:46
Caro Tiberi, non ti illudere che parteciperanno,ma se non parteciperanno perderanno la faccia e non saranno degni di continuare a fare politica. La gente che ti vuole bene con te.Tieni duro. Gionathan
Pubblicato da Bruno il 20 settembre 2010 alle ore 23:50
Sto "Lo Pungerone" all'inizio era simpatico, stuzzicante...ma dopo che ormai si capito chiaramente chi si cela dietro lo pseudonimo, diventato un p stucchevole, per non dire anche un p patetico.
Peccato, c'accontenteremo delle sue note...per altro ben suonate!
Per cui un bell'accontentarsi via! Pi che una critica un consiglio: Punger! Suona che meglio, ci piaci di pi!
Pubblicato da Marcella il 20 settembre 2010 alle ore 23:53
Tiberi, non ti sentire solo e saremo con te in tanti a piazza della repubblica. Facci sapere il giorno e l'ora. Ti siamo vicini. Marcella e i sui amici
Pubblicato da Davide Orsini il 21 settembre 2010 alle ore 04:38
Vabbe', fatemi partecipare a questo can-can. Caro Pungerone, a Lei invece le regole delle primarie son piaciute? Mi pare di no. Strepitava, urlava, e si dimenava come pochi a causa dell'insensatezza sia delle procedure che delle interpretazioni delle stesse. Per cui, rappresentativita` o meno, ognuno ha diritto di dire la propria. Mi sa che Lei, caro Pungerone, insieme a tanti altri nel PD siete poco democratici. Per cui nel Partito Democratico che ci state a fare?
Insomma.... buttiamola a ridere che e` meglio. Tanti saluti.... e rilegga la Costituzione.
Pubblicato da LO PUNGERONE il 21 settembre 2010 alle ore 13:27
Per Bruno: in vita mia, con mio sommo dispiacere, non ho mai suonato nessuno strumento. Non mi attribuisca meriti che non ho.
Per Davide Orsini: lei ha pienamente ragione circa la mia posizione sulle regole delle primarie. Mi sembrato e continua a sembrarmi insensato far scegliere il gruppo dirigente ed i candidati a qualsiasi competizione elettorale dai non iscritti. Ci non in contraddizione con la mia convinzione che le decisioni debbano essere prese all'interno del Partito e non facendo editoriali sulla stampa o chiedendo dibattiti pubblici. A lei che da del poco democratico a chi la pensa in questo modo, faccio presente che noi non fondiamo partiti dal predellino di una macchina e non vogliamo che ci sia qualcuno che ci provi a farlo. Palesemente o dietro le quinte. E' chiaro il concetto?

Pubblicato da Civis 3 il 21 settembre 2010 alle ore 14:38
Signora Italia, complimenti perch lei ha capito tutto. Tiberi non parla a s stesso ma tenta disperatamente e per fortuna con successo di parlare alla gente. La saluto caramente. Civis3
Pubblicato da Fabrizio Caccavello il 21 settembre 2010 alle ore 15:38
"Ma tu continua pure ad invecchiare, convinto, s convinto
convinto che il partito l'unica soluzione
ma che rivoluzione e rivoluzione
ormai banale quella
la lotta oggi va condotta col partito all'interno delle strutture
perch il partito ti pu aiutare
perch il partito ti pu garantire
perch il partito una conquista sociale
perch il partito un'istituzione
ma che rivoluzione e rivoluzione, riforme ci vogliono, riforme
sanitarie, agrarie, tributarie, fiscale, sociale"

1978, Vasco Rossi - Sconosciuto pezzo che ironizzava sulle dinamiche partitiche, e dopo trent'anni stiamo ancora qui, destra, sinistra, centro, pungeroni e chicchessia, ma siamo ancora qui, putroppo, caro Davide!
Pubblicato da LO PUNGERONE il 21 settembre 2010 alle ore 18:46
Per Fabrizio Caccavello: che Vasco Rossi sia libero di ironizzare sui partiti nessuno pu o deve impedirglielo, ma che si parli di politica attraverso le canzoni dello stesso mi sembra alquanto singolare.
Se qualcuno ritiene di non militare in un partito liberissimo di farlo, ma non pu impedire a chi intende farlo di partecipare alla vita attiva di una organizzazione. L'organizzazione pu essere semplicemente un raggruppamento di persone che, legittimamente, non si danno regole ed ognuno se la canta e se la suona come gli pare. Chi invece decide di aderire ad un partito (la parola stessa esplica la natura dello stesso e cio organizzazione di parte ovvero che rappresenta una parte), deve accettarne anche le regole. Questo significa che a nessuno deve essere impedito di esprimere le proprie idee ed anche criticare, su tutto quanto esprime un partito e anche sulle regole che si dato. Per quanto riguarda la mia posizione (rispondo ancora al sig. Orsini), io ho espresso il mio fortissimo dissenso sulle primarie ma, poich ho un alto senso dell'appartenenza al Partito, sono andato a votare. Quello a cui si sta assistendo in questa fase storica, a destra come a sinistra, il fare politica facendo opinione, esprimendo concetti che non portano a nulla, mettersi in mostra per rientrare nel "gioco". L'ultimo episodio, per quanto riguarda il PD il cosiddetto documento del buon Veltroni, che ha accusato l'attuale dirigenza di inettitudine dimenticandosi che lui che ha perso le elezioni politiche e che durante la sua segreteria calato il consenso verso il Partito. Ha poi fatto, poich la stragrande maggioranza del gruppo dirigente e dei militanti hanno fortemente criticato la sua "uscita", una clamorosa marcia indietro. A livello locale sta avvvenendo lo stessa cosa. Coloro che hanno, con la loro politica persolalistica, anche se condita di bei concetti, hanno fatto si che venisse eletto un sindaco di destra, sentendosi delusi per non aver raggiunto i loro obiettivi e avvertendo le critiche che gli sono piovute addosso, ora cercano i riscatto. Tutto ci sarebbe da considerare fisiologico se si rispettassero le "regole del gioco". E le regole per quanto semplici e gi abbondantemente spiegate sono sempre le stesse. Il confronto deve avvenire all'interno del Partito. A breve ci sar un congresso ed in quella sede ognuno esprimer le proprie opinioni. Nessuno parler per farsi bello e per apparire pi bravo degli altri. Alla fine si voteranno le mozioni presentate e si potranno, se ci saranno i numeri, cambiare anche le regole. Pi democrazia di questa sfido chiunque a trovarla.
Per questi motivi ho criticato la proposta di Mario Tiberi.
Riguardo ai commenti ed ai commentatori che hanno espresso dissenso nei miei confronti solo Orsini ha argomentato il suo intervento, gli altri si sono limitati solo ad incensare l'iniziativa di Mario Tiberi ed a inveire nei miei confronti, attribuendomi demetiti che forse ho e anche meriti (e qui siamo alle comiche) che vorrei tanto avere.
P.S. per Davide Orsini: chiedo scusa ma vorrebbe spiegarmi quale parte della Costituzione dovrei rileggermi? Quella che prevede la legittimit della formazione dei partiti o la parte nella quale si dice che ognuno, all'interno di un partito, pu fare quello che gli pare? Non credo sia condivisibile che si possa accettare una frase scritta solo per fare effetto. La prossima volta non si lasci prendere la mano.
Pubblicato da Davide Orsini il 21 settembre 2010 alle ore 22:32
Per colui che si firma Pungerone,

Chiaramente si tratta di un maschietto per l'evidente tasso elevato di testosterone che trasuda dai suoi scritti. Che Lei sia libero di esprimere le Sue idee e` assolutamente pacifico. Meno accettabile e` l'uso degli imperativi, giacche` Lei non ha autorita` alcuna, ne` di dettare le idee altrui ne` di approvarne o disapprovarne la forma. Siccome il partito di cui Lei fa parte ha sempre sofferto, piu` di altri, della famosa legge ferrea dell'oligarchia, e ` bene che gente come Tiberi (i cui contenuti sono certamente discutibili, come tutti del resto) esorti i dirigenti ad uscire dalle segrete stanze. Lei, Pungerone, chiaramente appartiene alla nomenklatura, o ne ha assorbito in pieno la mentalita`. I concetti da Lei espressi sono talmente chiari e triti che chiunque puo` interpretarne la ratio. Dunque domande retoriche del tipo "E` chiaro il concetto?" non servono a nulla se non a dimostrare, se ancora ce ne fosse bisogno, la Sua sterminata arroganza, e si, la sua anti-democraticita`. In quella domanda, che non prevede risposta, c'e` il chiaro intento di tacitare la pesona con cui si e` in disaccordo. Sinceramente Pungerone, gente come Lei ammazza la politica e la riduce a pura gestione del potere. Le auguro buona giornata, ma soprattutto serena. Saluti.
Pubblicato da Fabrizio Caccavello il 21 settembre 2010 alle ore 22:38
@Lo Pungerone: non voglio scendere certo in discussioni politiche superficiali, volevo solo far notare che i difetti della politica su cui si ironizzava 30 anni fa sono ancora tali. Non si tratta certo di far politica a canzoni, era solo un ricordo che evidenziava le stantie forme della politica attuali.
Pubblicato da cittadino il 22 settembre 2010 alle ore 08:27
X LO PUNGERONE
Tanto per chiarezza: a far vincere un Sindaco di destra ad Orvieto non sono state le primarie anche se anche io troverei piu corretto fossero riservate ad i soli iscritti. Concina e la destra hanno vinto grazie ai voti di chi le primarie le ha perse e non accettandone l'esito ha votato e fatto votare disgiuntamente. Inoltre le ha perse chi avendo responsabilit importanti nel partito ed anche nell'amministrazione ha favorito la nascita di una terza lista. Ci sono dirigenti del PD che hanno firmato per la presentazione della lista dei Comunisti Italiani. Allora chi le ha perse le elezioni sig. LO PUNGERONE? chi che st nel partito senza accettarne le regole? TIberi? se coloro che appoggiarono la Stella meritano il nomignolo con i quali lei spesso li chiama " armata brancaleone", allora mi spieghi come dovrebbero chiamarsi coloro che hanno fatto accordi con dirigenti di altri partiti per far perdere il candidato del PD?
Pubblicato da emilio burli il 22 settembre 2010 alle ore 10:27

...grande Fabrizio!! "...con la pacca sulle spalle del suo bravo direttore che la pensa esattamente come te sulle questioni di politica generale..." Chissà perché, di questi tempi mi sembrerebbe un ottimo risultato anche continuare a "...invecchiare cordialmente, SI, CORDIALMENTE!!!". Un tempo, al solo pensiero mi invadeva un senso di schifo... ...quanti pucciotti in giro... Rigrande, Fabrizio!!!


Fabrizio Caccavello: " ... c'è solo un piccolo accento diverso per quanto riguarda il problema della disoccupazione, suo figlio ha un impiego statale e il tuo non trova da lavorare..." ;) per la serie; come avere trent'anni e non sentirli :)

Pubblicato da LO PUNGERONE il 22 settembre 2010 alle ore 12:26
Leggendo gli ultimi commenti si evince che se si fuori dal coro non si bene accetti. Io che sono stato sempre fuori dal coro ci ho fatto il callo e non me ne faccio una malattia. Il fatto certo che il dibattito, a alcuni incensamenti acritici, si spostato dall'iniziativa di Mario Tiberi a quello che esprime lo Pungerone. Segno che il secondo pi "pepato" del primo.
Per Davide Orsini: prima di dare giudizi sul mio Partito sarebbe opportuno che lei esaminasse quello che sta avvenendo negli schieramenti di destra, facendole notare che non ha risposto circa la sua e la mia "interpretazione" della Costituzione.
Pubblicato da filippo il 22 settembre 2010 alle ore 17:53
io non sono iscritto al pd e anzi trovo che la nascita di quel partito sia stata una emerita cazzata. mettere insieme ex democristiani con ex comunisti che si sono sempre fatti la guerra non poteva funzionare e infatti, non ha funzionato.Per, vista con occhi distaccati, devo dire che in questa vicenda dell'autoconvocazione in piazza io penso che le cose pi logiche le abbia dette questo signor pungerone.Che si amino o no , i partiti hanno una loro logica e se si st dentro bisogna rispettare delle regole.se non si contenti si pu fare una battaglia interna per fare andare le cose nella maniera che si ritiene pi giusta e si riesce ad avere una maggioranza si vince .questa la democrazia. Altrimenti si esce e si liberi di dire e fare quello che ci pare.ma stare dentro e comportarsi come se si stesse fuori francamente mi sembra una assurdit
Pubblicato da Italia il 22 settembre 2010 alle ore 18:54
Caro Lo Pungerone, le ripeto che il pregio di Tiberi e di provocare
commenti e discussioni, quando si discute spesso si riesce a stanare dei BEI PERSONAGGI come lei.

Normalmente quando si nervosi difficile resistere alle provocazioni e a volte si fatica anche a contenere semplici obiezioni ben articolate.

Si rilassi e si prenda meno sul serio, nella media questo basta per vedere le cose con maggiore lucidit ed "invecchiare cordialmente", come dice uno dei commentatori, sarebbe gi un ottimo risultato .

Saluti.

Complimenti e grazie a Caccavello, leggero ed ironico, non conosco questo pezzo di Vasco Rossi, lo cercher.
Pubblicato da LO PUNGERONE il 22 settembre 2010 alle ore 22:38

Signora italia non ho ben capito se definirmi bel personaggio è un complimento o una denigrazione. Nell'uno o nell'altro caso rispetto le opinioni altrui. Vorrrei però esprimere due considerazioni. La prima riguarda il nervosismo. Guardi io non sono mai stato e non sono nervoso, semmai utopisticamente appassionato, per cui la invito ad una lettura diversa di ciò che scrivo. Riguardo all'invecchiare cordialmete proprio non riesco a seguirla. l'invecchiamento, al contrario della morte, che il grande Totò paragonava alla livella non credo possa essere accettato in modo cordiale. E' una condanna. Se poi l'invecchiamento si riferisce al pensiero, alle idee, agli ideali diventa tragedia.

Pubblicato da Valentino Filippetti il 23 settembre 2010 alle ore 13:19
Ancora una volta Mario Tiberi ha fatto centro, il dibattito che si sviluppato conferma che il problema della scarsa trasparenza e dibattito nel Pd esiste e come.
Ovviamente i problemi sono molti, a partire da quelli "costitutivi", ma poi esiste la gestione politica vera e propria che a volte riesce a superare i vizi di origine e creare una nuova situazione.
Tralasciando, lo scenario nazionale, regionale e provinciale che pure meriterebbe una giusta attenzione guardiamo la situazione orvietana.
Tutto inizia nel 2007 quando Carlo Emanuele Trappolino viene eletto segretario dei DS sulla base di un documento sulla "POLITICA SOSTENIBILE"
http://orvietodemocratica.blogspot.com/2008/05/manifesto-per-una-politica-sostenibile.html
Questo incarico statom riconfermato nel PD piu' o meno sulle stesse basi.
Sono passati piu' di tre anni e tra qualche settimana Trappolino non sar piu' segretario del PD di Orvieto.
Ebbene quanto ha tenuto fede alla sua "missione"?
Il nocciolo tutto qui.
C' stata quello sforzo affinch " la stessa decisione sia il portato di una libera e paritetica discussione: senza gerarchie date dai ruoli, dalle storie o dagli incarichi.Una politica aperta, dove tutti partecipano e dove tutti hanno accesso a quella base di informazioni che permette di far funzionare bene le proprie competenze e conoscenze.Bisogna attualizzare queste intelligenze e competenze aprendo il codice sorgente della politica."
Onestamente no.
E' stata assunta non solo la politica ma anche il metodo del signor "tentenna" che tanti danni ha provocato non solo al PD ma alla societ orvietana.
Certamente Tiberi va spesso oltre le righe, tanto da apparire naif ma l'effetto non la causa. Quindi ben venga Tiberi se si pu discutere sulle cause delle nostre difficolt.
Pubblicato da Italia il 23 settembre 2010 alle ore 19:21
Signor Lo Pungerone,
le assicuro voleva essere un complimento, in questo momento la politica italiana un mondo popolato da molta gente cinica e paracula, non si puo' che sperare in gente "utopisticamente appassionata" come lei ed il professor Tiberi.

Sul miglior modo di invecchiare, per sua fortuna, penso che per lei sia troppo presto per mettersi in competizione con la mia esperienza

con rispetto, saluti.
Pubblicato da LO PUNGERONE il 26 settembre 2010 alle ore 09:29
Per la Signora Italia: innanzi tutto la ringrazio per il complimento. Riguardo alla esperienza posso assicurarla che non mi manca, avendo cominciato ad interessarmi di politica gi all'et di 14 anni. Ora ho superato la sessantina per cui si faccia il conto. Tengo a precisare, inoltre, che non ho mai avuto, per mia scelta, incarichi politici che andassero oltre il far parte della segreteria di una piccola sezione. Sono stato sempre un militante di base ed ho sempre espresso liberamente il mio pensiero. Ho attaccato i manifesti ed ero un "esperto" di muri buoni e di quelli dove il manifesto si staccava facilmente. I soldi erano pochi e non potevamo permetterci di sprecarne nessuno. Non sono decrepito ma ho tutti i titoli per parlare di vecchiaia.
Anche se non condivido a pieno il suo pensiero, la saluto cordialmente.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 11 dicembre

Meteo

lunedì 11 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento

--

--

--

--

--

--

15:00 11.9ºC 85% buona direzione vento
21:00 10.8ºC 97% buona direzione vento
martedì 12 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 11.9ºC 97% foschia direzione vento
15:00 12.1ºC 96% discreta direzione vento
21:00 10.8ºC 98% foschia direzione vento
mercoledì 13 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.4ºC 92% buona direzione vento
15:00 9.8ºC 80% buona direzione vento
21:00 3.5ºC 89% buona direzione vento
giovedì 14 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 7.0ºC 93% buona direzione vento
15:00 9.0ºC 97% foschia direzione vento
21:00 8.7ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni