opinioni

Dagli Appennini alle Ande ...

lunedì 19 luglio 2010
di Mario Tiberi

La canicola di Luglio porterebbe a canticchiare "...con il bene che ti voglio...", ma sia l'afa opprimente e sia l'angosciosa incertezza del nostro avvenire, cittadino e nazionale, soffocano irrimediabilmente in gola ogni nota musicale per concedere un unico spazio a delle esternazioni irrituali se non del tutto stravaganti.
Sembra che non ci sia più posto per le azioni di coerenza, per i comportamenti di responsabilità e per gli atti di coraggio, ma ogni dimensione appare assorbita dal termine "manovra" che è, già di per sé, un vocabolo incutente timore perché ambiguo e il più delle volte apportatore di sacrifici.


Ecco così che anche la manovra economico-finanziaria di riequilibrio dei conti pubblici, approntata dal Governo centrale, non si sottrae alla connotazione di necessarietà imposta dalla negativa congiuntura internazionale e, però, è nei fatti mal digerita dalle sempre più scarne ed esangui tasche dei tartassati consueti contribuenti. Al di là di ogni giudizio di merito, ritengo di poter affermare con ragionevole certezza che l'attuale politica economica governativa si impregna del sapore acido di contrarietà alla moralità pubblica in quanto fortemente caratterizzata da soverchianti elementi di metodologia classista.


Mi spiego meglio intendendomi riferire ad una classe castica, sempre esistita e da sempre abilmente operativa, ma che negli ultimi due decenni ha mostrato con maggiore virulenza i suoi artigli e le sue zanne fameliche. Si tratta della classe dei magnati dell'alta finanza e dei potentati economici facenti capo alla grande industria e al sistema bancario nel suo complesso che, pur di non vedere compromessi e intaccati i loro baluardi di forza e di potere, non si creano scrupoli di sorta nel dettare e imporre scelte esecutive di pregiudizio e nocumento per gli strati medio-bassi della società italiana.


Eppure uno dei postulati fondamentali, e universalmente riconosciuto come tale, di quella branca delle scienze economiche che prende il nome di Economia Politica suggerisce, obbligatoriamente, di fare perno e leva sugli investimenti per opere pubbliche proprio nel pieno dei cicli depressivi e per mettersi alle spalle le crisi finanziarie e le bufere monetarie temporalmente più a onda lunga e strutturalmente più resistenti.
Colpire, con rasoiate a lama affilata di scimitarra, Regioni e Comuni, privandoli di ogni possibilità di intervenire nei processi di rilancio dello sviluppo locale e territoriale, ha la stessa valenza di chi ragiona con la logica del "tanto peggio, tanto meglio". Gli Enti Pubblici non sono così più in grado di commissionare opere socialmente utili perché non hanno denaro da spendere; le imprese private si vedono decurtato gran parte del loro potenziale produttivo e sono costrette a licenziare; le famiglie, orbate del reddito da lavoro, debbono necessariamente rivedere i loro piani di spesa con conseguente drastica contrazione dei consumi individuali: il circuito virtuoso di produzione e scambio si collassa e l'inevitabile sbocco è la funesta entrata in un vicolo buio e cieco.


I tre monti di Tremonti dietro i quali, assieme al Governatore della Banca d'Italia Mario Draghi, ambisce a trincerarsi per la salvaguardia del patto di stabilità tra prodotto interno lordo e spesa pubblica, produttiva e non, può riassumersi nella trilogia delle "tre erre": rigore, risparmio, riduzioni. A ben considerare, ritorna in mente d'impatto immediato la parola chiave che dominò lo scenario nazionale nel periodo della prima crisi petrolifera e che risuona ancora come un incubo: erano i tempi dell'Austerità. E austerità è sinonimo di impopolarità e, a tutto, l'attuale Presidente del Consiglio può rinunciare, tranne che al suo personale indice di gradimento presso l'opinione pubblica affinché non scenda mai al di sotto della soglia fatidica della metà più uno delle intenzioni di voto e di consenso.


E' di facile comprensione che, "rebus sic stantibus", il superministro dell'Economia e il Capo del Governo si trovino oramai in piena rotta di collisione. Come si deve contenere, a questo punto, il maggior partito di opposizione se, nell'ottica dell'alternanza, intende realmente proporsi come soggetto politico in grado di ben cavalcare la tigre dell'alternativa all'attuale stato di conflittualità esistente all'interno dei partiti di maggioranza?. Mi viene da dire che il PD non deve comportarsi difformemente da come si sta atteggiando il sig. Tremonti: attendere che al Presidente del Consiglio deflagri in mano il congegno esplosivo delle sue contraddizioni, delle sue menzogne e dei suoi inganni e, contestualmente, attrezzarsi per calare l'ultima carta disponibile che risponde al nome di "novità".


La novità intesa non come un pacchetto di progetti strumentali, bensì come categoria intellettiva del pensiero concettuale e dunque, come tale, rivoluzionaria per princìpi ispiratori e fini da perseguire.
La strada è una e una soltanto: il Partito Democratico deve essere avvertito come il nuovo partito degli italiani sia in termini di rappresentanza che di rappresentatività e, per esserlo, deve necessariamente diventare più democratico e meno oligarchico e verticistico, idealmente riformista e concretamente riformatore; in una, un partito autenticamente popolare che abbia le sue radici nel popolo, sia pugnace a fianco e insieme al popolo, abbia di mira le esigenze e i bisogni del popolo e, infine, sia produttivo per il popolo.


Se così non sarà, la nostra Italia, in economia e in politica, assomiglierà sempre di più al trenino delle Ande o a quello degli Appennini, da Fiuggi a Subiaco, che si inerpicano sferragliando su aspri pendii, ma che, nonostante gli sforzi, continueranno a malapena ad avanzare su binari a scartamento ridotto.

 

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 marzo

"Corri sulle strade dell'Ottobrata Orvietana", ai nastri di partenza la sesta edizione

Asia Argento e Filippo Dini al Mancinelli con "Rosalind Franklin. Il segreto della vita"

Giornata Mondiale della Poesia, presentato il libro "Dall'esperienza al racconto"

Casa di Riposo, indetta la gara per la gestione transitoria

"Medaglie al Merito" in Prefettura, tra gli insigniti c'è anche Pietro Federico

A Palazzo Simoncelli, l'omaggio a Leopardi di Diana Iaconetti e Nuccia Martire

Luca Fringuello e i Giovanissimi di Orvieto Fc: "Contento dei risultati fin qui ottenuti"

Unipoptus, ecco a chi andranno gli attestati di benemerenza 2017

Orvieto tra le 13 stazioni appaltanti per l'individuazione di soggetti da invitare alle procedure negoziate

"L'Umbria si rimette in moto", Lugnano in Teverina consegna ulivi collezione mondiale

Al Palazzo del Gusto, mini-corso di caffetteria gratuito per gli imprenditori del territorio

Provincia, assemblea Upi Umbria e mobilitazione per fondi scuole

Al Teatro Boni cala il sipario su una stagione da applausi. Nardi: "Puntiamo sulla qualità"

Sabbia d'estate

Riduzione del rischio da catastrofi, gli impegni del Comitato delle Regioni d'Europa

Impatto ambientale, Università della Tuscia e Comune sottoscrivono la convenzione

Mezzo secolo di storia, l'Avis cresce e si prepara ai festeggiamenti

"Shiatsu&Alzheimer": attraverso il corpo una via per entrare in relazione

L'Alto Orvietano "In marcia per le donne" verso la Panchina Rossa

A Todi, sarà aperto per la prima volta al pubblico Palazzo Atti-Pensi

Karate, gli atleti della Scuola Keikenkai in Marocco per l'Open di Tangeri Wkf

Il X Congresso della Fnp Cisl Umbria conferma Giorgio Menghini alla guida dei pensionati

La Sagra della Primavera all'Hosteria di Villalba. Sabato 25 marzo, da mattina a sera

Disciplina della viabilità, ecco cosa cambia

Ippolito Scalza, un orvietano nel solco di Michelangelo

Fate morire in voi gli atteggiamenti

Il giardino delle ortensie

Operaio non pagato, si barrica sul tetto di un'abitazione in costruzione

Zambelli Orvieto sempre più apprezzata, lo dice Martina Sabbatini

Attentati a Bruxelles, bandiere a mezz'asta e un invito a reagire con determinazione

La mostra-mercato di prodotti agroalimentari e artigianali di Città della Pieve compie vent'anni

Materiale per la biblioteca dalla raccolta degli oli esausti di origine vegetale

Il Coordinamento dei ristoratori orvietani dice no a Orvieto pattumiera dell'Umbria

L'Archivio di Stato lascia Piazza Duomo e trasloca nell'ex tribunale

Audizione con i vertici di Cosp per analizzare i primi risultati della differenziata

Bocciata la mozione sulla discarica, in aula scoppia il caos

Dal dibattito tutti contro l'inefficienza della raccolta differenziata nel ternano

Sì alla risoluzione geotermia, sull'Alfina si può sperare in un futuro senza speculazioni

Il messaggio del vescovo Tuzia in occasione della Pasqua: "Vigilate e pregate"

Gnagnarini replica alla minoranza: "Picconati tasse e deficit comunale"

"La Pasqua tra sacro e profano". Concerto con gli allievi del maestro Davide Rocca

Nuovo orario e una ricorrenza particolare per il Museo Etrusco "Claudio Faina"

Discarica, De Sio (FdI-An) attacca l'esecutivo: "La Regione ha la memoria corta"

Materazzo Vs Tatta, la sfida tra Comunista e Democristiano. Arbitra Conticelli

Protesta in Regione contro l'ampliamento della discarica: le immagini

Lo strano caso dei lavori sul torrente Carcaione. Italia Nostra: "Nessuna partecipazione"

A proposito di ambiente, le priorità dei Giovani democratici: "Cosa serve all'Orvietano"

Hosteria di Villalba, uno sviluppo "Coeso" per la valorizzazione delle aree montane

Fiorini e Mancini (Lega Nord): "Il Pd trasforma Orvieto in pattumiera dell'Umbria"

Dopo il documento, i venti sindaci dell'Area Interna icontreranno la Marini

Corso di lingua italiana per stranieri e laboratorio di disegno per studenti

Nel pomeriggio di Pasqua alla Chiesa dei Servi torna la messa in latino

Processioni e rievocazioni storiche della Passione in tutto l'Orvietano

In corso la campagna di tesseramento 2016 dell'associazione "Lea Pacini"

Fascino e suggestione a Palazzo Orca, con i "Quadri Viventi" del Terziere Borgo Dentro

La rievocazione della Passione nei borghi della Tuscia viterbese

"Orvieto per tutti" svela il logo. Ad aprile la presentazione ufficiale

Successo per la mostra "Omaggio a Francesco" e il libro "Dialoghi nell'Immenso"

"The art of the brick". I mattoncini Lego vanno in mostra e diventano opera

"Blowing Art. Se a Orvieto ci fosse il mare…". In mostra, le visioni di Carlo Rognoni

Rifondazione Comunista propone un percorso comune a sinistra del PD

In tilt da tre giorni le linee telefoniche di Ospedaletto. Protestano gli abitanti isolati anche dalla neve

38 mila euro di contributi per lo spettacolo dalla Provincia. Lo annuncia l'assessore alla cultura Sganappa

Conviviale d'eccezione del Rotary Orvieto: ospite d'onore la dott.ssa Rita Valecchi con un'interessante relazione sul futuro dell'Ospedale di Orvieto

La relazione della dott.ssa Valecchi: 'Ospedale di Orvieto: Innovazione e progettualità'

La Filarmonica Mancinelli inaugura a Montefiascone 'Primavera in Etruria'. Solista al pianoforte il maestro Riccardo Cambri

Accessibile al pubblico il Fondo bibliotecario Renato Bonelli. Domenica 25 marzo l'inaugurazione

Mondovino: quando il tempo premia l'Orvieto. A Roma Palazzone in verticale: 15 anni di Campo del Guardiano

Non si placano gli animi sulla delibera della Corte dei conti. AN e Altra Città chiedono un Consiglio Comunale in seduta segreta per discutere il comportamento del Presidente

Una giornata di studi dedicata alle novità della legge Finanziaria. Seminario di studi della Presidenza del Consiglio di Orvieto e della Fondazione PROMO P.A.

Scontro a sinistra sulla ripubblicizzazione dell'acqua. Un polemico intervento del consigliere Imbastoni: 'Battaglia per l’acqua pubblica: basta con i verniciatori'

La lettera del Comitato Promotore Regionale Umbro per la ripubblicizzazione dell'acqua agli eletti dell'Umbria

'Un dibattito serrato ma franco' tiene impegnata la direzione DS al completo fino alle due di notte