opinioni

Edizione straordinaria...

lunedì 12 luglio 2010
di Mario Tiberi

Al termine della Festa Democratica di Orvieto e nel riallacciarmi alla precedente nota sulle prime impressioni ricevute titolata "Il militante organico", giudico utile e doveroso proseguire nel percorso avviato e trarne conclusive considerazioni.

Tra i molteplici aspetti che potrebbero essere degni di segnalazione mi preme, innanzitutto, offrire massima evidenza a due elementi di principio spesso a vanvera predicati e che, almeno questa volta, per unanime impegno sono stati finalmente praticati: il rispetto rigoroso della libertà individuale e dell'uguaglianza sostanziale tra ogni componente la "equipe" di lavoro. Ce lo eravamo giurati nella fase preparatoria e siamo riusciti a metterlo in pratica in quella realizzativa.

Aria nuova e fresca comincia a circolare anche su codesto versante e la obsoleta impostazione, tra chi impartisce solo ordini e chi pedissequamente li esegue, è definitivamente tramontata e, con essa, sono stati spazzati via la distinzione tra "servitore e padrone" e il concetto di padronato lontano mille miglia da un partito che aspira a farsi identificare come autenticamente popolare. Per meglio dire, è stato abiurato dal vocabolario interno il termine "padronesco" che sottende in sé la perversa idea di furbesco, furtivo, profittatore. Dal consolidamento di tali principi che devono essere ormai da tutti considerati come irreversibili e costituenti, nel loro insieme, un "punto di non ritorno", discende come inevitabile conseguenza che non dovranno più esistere coloro che con fatica seminano e coloro che solo e allegramente incamerano, coloro che sempre sono in prima linea e coloro che "una tantum" si presentano per riscuotere nella veste dell'odioso pubblicano di turno.

Parafrasando la Parabola Evangelica delle ancelle stolte e negligenti e di quelle vigili ed avvedute, e che Dio mi perdoni se lo scrivo, dovremo energicamente rispondere, nella guisa a seguire, agli esattori di dazi quando verranno a bussare alla nostra porta: "Andate via e ritornate da dove siete venuti perché non vi conosciamo o, meglio ancora, non vi riconosciamo". Dirigenti seri e responsabili di un partito che tiene in massimo conto alla sua credibilità non possono che attenersi alla elementare, ma dirompente regola sopra esposta.
E allora ben vengano i meritati riconoscimenti elogiativi a Luigina, Rosa, Adriana, Chiara, Anna Rita, Teresa, Marisa, Pina, Giuseppina, Elena per il costante e fruttifero impegno profuso e, poi, a Roberta, Lorena, Mirella, Matilde, Laura per la loro instancabilità e pazienza e, poi ancora, a Silvia, Rosella, Liliana, Elisa, alle giovanissime Marta, Eleonora e Sara perché sorridenti e garbate. Un pizzico di tratteggio in più lo dedico ben volentieri ad Antonietta, esempio vivente di innate capacità organizzative, e alla signora Cleros, in "primis" per il suo nome inusuale e affascinante al contempo e, in "secundis", per la compostezza e lo stile signorile e raffinato.

Ai volontari uomini mi sento di rivolgere un sincero apprezzamento non "uti singuli", ma accomunati da un unico e partecipato spirito di squadra con una menzione, a parte, per l'indomito e gioioso Vasco, per i due "Massimi" meritevoli dell'appellativo di "consoli" e, infine, per il professionale e laborioso Giulio.
E' stato sorprendente ed inaspettato aver potuto constatare il riavvicinamento alla vita politica, seppur ancora timido e tiepido, di alcune giovani promesse, quali Alessio, Lorenzo, Marianna che se ne erano allontanati per cocenti e giustificate delusioni.

Un partito, però, non è un'associazione ludico-sportivo-ricreativa, quanto piuttosto un sodalizio di impegno civile e sociale e, come tale, deve tendere il suo sguardo al soddisfacimento degli interessi generali. Per il PD, l'occasione storica da non fallire assolutamente è rappresentata dalla celebrazione prossima ventura dei congressi territoriali in vista dei quali, fin da subito, dichiaro la mia disponibilità per delle assisi da strutturare all'insegna della compattezza e dell'unità di intenti, di determinazioni ampiamente accolte e di comuni obiettivi da raggiungere. Quanto sopra sarà possibile effettualizzarlo, tornando a ribadirlo per l'ennesima volta, solo se avremo la ferma e risoluta volontà di attuare nella concretezza della realtà una pluralistica e articolata democrazia interna, di mettere in campo un radicale rinnovamento di metodiche, di progettualità e di risorse umane, di concedere sconfinati spazi al criterio del merito individuale e/o di gruppo con la finale avvertenza che, detti capisaldi, devono necessariamente ricorrere congiuntamente per essere forieri di brillanti e validi risultati.

Infine, il titolo del presente corsivo "Edizione Straordinaria" lo affido alla libertà esegetica delle gentili lettrici e dei cortesi lettori potendolo interpretare, a loro gusto e piacimento, o in senso strettamente giornalistico o in quello più estensivo di evento fuori dall'ordinario.

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 settembre

Dopo due anni riapre la Torre di Chia. "L'Anno dell'India" omaggia Pier Paolo Pasolini

Università della Tuscia, ecco i primi laureati in Ingegneria Meccanica

Genetliaco ai tempi dei social per Pietro Bilancini. La memoria virtuale della sua comunità

Vladimir Luxuria presenta il libro "Il coraggio di essere una farfalla"

Vetrya Orvieto Basket in campo per la prima di Coppa

Alla scoperta di Viterbo Medievale, tra antichi palazzi e famiglie influenti

Incidente stradale tra auto e moto, muore una coppia di cinquantenni

Il Sap attacca: "I tagli alle risorse per la sicurezza si abbattono sui cittadini"

Spettacolo pirotecnico allo Stadio Comunale per San Marco Papa patrono

"Rimboschiamoci le maniche per… Puliamo il Mondo". Due appuntamenti per grandi e piccini

Personale della Provincia in assemblea. Il 6 ottobre, sciopero nazionale

Lugnano in Teverina ospita la Maratona dell'Olio 2017, svelate le date

Giornata dell'Alzheimer, inaugurato il laboratorio di stimolazione cognitiva della Media Valle del Tevere

Mobilità notturna e agevolazioni per gli studenti universitari con "Gimo"

Libri di testo scolastici, entro il 20 ottobre la presentazione delle domande per i contributi

Presentazione di "Una poesia" e proiezione de "Il fiume ha sempre ragione"

L'esperienza del Contratto di Fiume del Paglia al convegno nazionale "I Paessaggi delle Acque" di Venezia

"Dalla passione alla professione". Intervento di Gianluca Foresi al "Festival del Medioevo"

Match rosa per l'Orvieto FC. Roberta Dieci presenta il romanzo "I sogni non fanno rumore"

Psr Umbria 2014-2020, svolta nei rapporti con l'organismo pagatore per accelerare i pagamenti

Disco verde al rifacimento del campo sportivo di Sferracavallo

Fs Italiane, rafforzato il Piano anti-aggressioni per salvaguardare personale treni e stazioni

Orvieto FC, le ragazze di mister Seghetta a Norcia. Al PalaPapini big match contro il Foligno

Progetto "Facciamo Musica", aperte le iscrizioni ai corsi musicali

La casa di Kafka

"Festa delle Mille Culture", nel segno dell'aggregazione e della condivisione

Blastofago alla marina, il Comune interviene a tutela della pineta

Bon Ton protagonista a "I Primi d'Italia", il festival nazionale dei primi piatti

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni