opinioni

Approvazione del Bilancio di previsione. PD: "si predica bene e si razzola male"

domenica 20 giugno 2010
di PD Orvieto

"Con l'approvazione del bilancio di previsione 2010, - recita una nota stampa diffusa oggi dalla segreteria del PD orvietano, - si scongiurano le drammatiche conseguenze del commissariamento e si conclude una fase durante la quale abbiamo fatto prevalere il senso di responsabilità rispetto alle innumerevoli provocazioni del centrodestra orvietano. Il nostro voto di astensione onora quella responsabilità che abbiamo assunto dinanzi all'intera città, e manifesta tuttavia la nostra insoddisfazione per un bilancio che, pur giungendo a definizione solo in virtù di una nostra proposta, è rinunciatario, incerto e privo di una qualsiasi visione di sviluppo e di innovazione.


Un importante risultato politico è stato quello di essere riusciti a scongiurare, almeno in parte, l'apertura di una macelleria sociale prevista nelle prime ipotesi di bilancio avanzate dal centrodestra, che avrebbe significato la fine di quella cultura della solidarietà e delle opportunità che oggi è patrimonio di tutti gli orvietani. Un bilancio insomma vuoto, che sancisce l'isolamento di questa amministrazione e l'assenza di iniziativa politica nei riguardi di Provincia e Regione, che nulla dice - perché non v'è nulla da dire - rispetto a quel "Patto con Roma" del quale si celebrarono anzitempo meraviglie ormai introvabili. I dieci voti a favore della proposta di bilancio, pur con il contributo di un esponente del centrosinistra, non forniscono al sindaco la maggioranza di cui avrebbe bisogno per governare. Ma il punto centrale è l'immobilismo di questa amministrazione, che sceglie il basso profilo proprio quando la situazione sociale ed economica avrebbe richiesto uno scatto di reni, uno sforzo progettuale, un sovrappiù di immaginazione. Proseguendo così, Orvieto rischia di essere messo alle corde.


C'è stato, a margine della discussione sul bilancio, un episodio che merita una riflessione supplementare e cioè l'approvazione di un emendamento che ha ripristinato le risorse (12mila euro) destinate ai gettoni di presenza dei consiglieri comunali. L'emendamento, proposto dal Gruppo Socialista, è passato con i voti del centrodestra. Questo mentre si discuteva un bilancio di tagli e di sacrifici. Si poteva e si doveva fare una cosa diversa. Ma questa esigenza non è stata colta neppure da chi invoca, ormai solo a parole, una politica più sobria e rigorosa. Si predica bene e si razzola male.


Il voto non omogeneo, - conclude il comunicato, - del centrosinistra sul bilancio segnala infine l'esigenza di dover riavviare un dialogo e un confronto meno condizionato dalle contingenze amministrative e dai residui di vecchi schemi ancora in uso. L'unità del centrosinistra orvietano serve alla città, ai ceti popolari, alle imprese che lottano sul campo della crisi. Di questo dovremmo essere quotidianamente consapevoli. "

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità