opinioni

Il busto di Geta ritrovato. Potrà trovare la sua definitiva ricollocazione a Orvieto?

sabato 21 novembre 2009
di Aramo Ermini

Durante l'estate 2008 nell'ambito degli scavi archeologici al Campo della Fiera, ad Orvieto, venne fatto un importane ritrovamento archeologico, tanto da meritare un articolo dello studioso Giuseppe della Fina sul quotidiano nazionale La Repubblica del 30 Agosto dello stesso anno.
Il Professor Della Fina, tra l'altro, si esprimeva così nell'articolo: "Un busto dell'imperatore romano Geta - secondo un'ipotesi interpretativa di Filippo Coarelli - è stato rinvenuto negli scavi archeologi condotti dall'Università di Macerata ai piedi della Rupe di Orvieto, in una area dove le ricerche dirette da Simonetta Stopponi stanno portando alla scoperta del Fanum Voltumnae. L'importante rinvenimento......"

La giornalista Laura Ricci, che ha particolarmente seguito la vicenda del ritrovamento del busto di Geta, oltre che degli scavi al Campo della Fiera, scriveva su Orvietonews del 29 Agosto 2008: ".....un magnifico busto marmoreo... ad avvalorare l'ipotesi, oltre a varie supposizioni che fanno identificare il busto per un personaggio giovane della dinastia dei Severi, il fatto che sembra somigliare all'unica effige di Geta che possediamo, quella appena decifrabile su una moneta. Per il resto, la scoperta di Orvieto è quanto mai sensazionale, proprio perché di Geta non esiste alcun ritratto marmoreo originale. "

Il busto, restaurato, è attualmente esposto al Museo Archeologico Nazionale di Perugia.

Ad un convegno svoltosi ad Orvieto nello scorso Settembre è stato annunciata, per fine anno, l'esposizione del busto nella nostra città, dove esso è stato rinvenuto e non è stato mai esposto.
Sembra però, stando ad informazione raccolte in ambiti museali, che tale esposizione sia in forse per difficoltà di individuazione della sede adatta.

Fin qui la cronaca.

Mi chiedo però, e spero che mi venga detto che la domanda è superflua, se il busto di Geta potrà essere esposto al più presto nella nostra città e, cosa altrettanto importante se non di più, se potrà entrare a far parte definitivamente dei tesori di Orvieto.

Ciò affinchè gli Orvietani possano godere di questo "....magnifico busto marmoreo....", per usare una espressione della dott.ssa Laura Ricci e perché il turismo, quindi uno de capisaldi dell'economia della città, possa giovarsi di un ulteriore motivo di attrazione (di ciò vi è estremo bisogno ).

Mi auguro di essere smentito, che qualcuno mi dica che non sono sufficientemente informato e che "lo scippo" di questo importante ritrovamento archeologico non avvenga....a vantaggio di tutti gli Orvietani.

Pubblicato da Claudio Bizzarri il 23 novembre 2009 alle ore 08:42
l'imperatore ad Orvieto
Se dovessi dirmi infastidito dalla diatriba relativa al "ritorno" del busto imperiale ad Orvieto, saprei di mentire. E' infatti cosa buona che in ambito locale - e il "locale" non deve essere inteso in senso spregiativo - ci si senta vicino a quello che il tempo ci ha conservato per secoli praticamente inalterato.
Il bene culturale tale se condiviso da tutti perch di tutti - a qualcuno sta a cuore ad altri meno.
Per ci che riguarda il busto dell'imperatore - che sia Geta o meno elemento trascurabile - la sua sede sar probabilmente quella dei Palazzi Vescovili, all'interno del Museo Archeologico Nazionale, per il quale allo studio una sezione che riguarder gli scavi di Campo della Fiera, quelli dell'Universit e quelli della Soprintendenza.
In merito c' la massima disponibilit da parte di tutti, PAAO compreso. a presto, per l'inaugurazione della nuova sezione espositiva
un saluto
Claudio Bizzarri
Pubblicato da Aramo Ermini il 23 novembre 2009 alle ore 11:17
La risposta del Dott. Bizzarri, che ringrazio, mi conforta e spero che quanto Lui afferma possa realizzarsi al pi presto.
Non vi sono persone migliori per trattare di materia archeologica che quelle che per professione o per grande passione hanno occupazione in ci. Ad esse non voglio ne sarei capace di sostituirmi.
Ma da Orvietano che ha a cuore la propria citt sostengo che passato troppo tempo dal ritrovamento del busto ( estate 2008 ) ad ora, senza che il reperto sia stato esposto nel luogo dove stato ritrovato, cio Orvieto.
Comcordo che i beni culturali sono di tutti ma mi chiedo perch " tutti " debbano godersi il busto di Geta esposto a Perugia e non ad Orvieto, luogo del ritrovamento e sua naturale sede di custodia.
Non credo che la nostra citt non sia degna sede e un p lo " scippo " ai danni di Orvieto gi avvenuto, prova ne questa lunga attesa.
Con Cordialit aramo ermini

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 febbraio

In cammino con il CAI, costeggiando Allerona e i suoi verdi dintorni

Visite pastorali alle Vicarie della Diocesi di Orvieto-Todi. Si inizia da quella di San Giuseppe

La filosofia come scienza di vita al "Caffè Letterario" di Viterbo

Unitus, la ricerca di Agraria e Ingegneria ai vertici in Italia

Affarismi

Zambelli Orvieto dispiaciuta ma pronta a reagire, lo dice Giulia Kotlar

Lavori a Duesanti su strade ed aree pubbliche, in corso la bitumatura nel centro storico

Verso la riqualificazione dell'ospedale. I lavori inizieranno a marzo

Castello di Alviano aperto alle gite scolastiche da tutta Italia

Fiori, i candidi fiori

Unitus, Fondazione Carivit e Accademia dei Lincei insieme per una nuova didattica nella scuola

Beni culturali e sisma, la Regione promuove una mostra alla Rocca di Spoleto di opere recuperate e restaurate

Prorogata fino al 5 marzo la mostra delle Fiaccole Olimpiche

Seconda edizione per "Corri...Amo Orvieto", tappa del 13° Criterium Uisp Gare su Strada

Gori (Anci) replica alla CNA: "La fusione a freddo non funziona"

Per "Amateatro" al Cinema Teatro Amiata "Arriva l'ispettore"

Al Mancinelli "Caruso e altre storie italiane". Nel foyer incontro con il coreografo Mvula Sungani

Via il palo, dentro un milione di visitatori a Civita. Bigiotti: "Al lavoro per potenziare l'offerta turistica"

Convegno su "Aree Interne. Quali prospettive per lo sviluppo del territorio?"

Reduce dal palco di Sanremo, Elodie incontra il pubblico dell'Umbria

Anna Mazzamauro è "Divina". Doppio appuntamento e risate a non finire

Meteo

giovedì 22 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 3.3ºC 94% discreta direzione vento
15:00 5.6ºC 93% discreta direzione vento
21:00 3.3ºC 95% discreta direzione vento
venerdì 23 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 6.7ºC 92% buona direzione vento
15:00 8.2ºC 81% buona direzione vento
21:00 4.0ºC 95% discreta direzione vento
sabato 24 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 7.1ºC 97% discreta direzione vento
15:00 8.5ºC 97% discreta direzione vento
21:00 6.8ºC 99% discreta direzione vento
domenica 25 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 4.0ºC 95% discreta direzione vento
15:00 2.7ºC 76% buona direzione vento
21:00 -2.0ºC 86% discreta direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni