opinioni

Per salvare la città

venerdì 25 settembre 2009
di Nello Riscaldati

Le agenzie batterono la notizia del "gentlemen agreement" raggiunto in Comune verso le 20 e 30 del 21 settembre 2009: la prima versione fu questa: niente più programmi ma solo punti, un tavolo, delle sedie e chi fa più punti vince. Ma evidentemente doveva esserci un errore.

Nel pomeriggio il Sindaco aveva aperto le danze giocando da maestro l'inno di Mameli e calando come prima mossa la carta dello "Stringiamoci a coorte, Orvieto chiamò!". Il silenzio dell'aula era catacombale. Sguardi preoccupati zigzagavano a sinistra. Se avesse calato la carta del "Noi siamo da secoli, calpesti e derisi, perché non siam popolo, perché siam divisi,.." la partita sarebbe finita lì. Ma fu a questo punto che la sinistra ebbe un colpo di genio, prima accettando il campo di battaglia proposto dal Sindaco e poi calando lei, e forse rubando la mossa all'avversario, la carta che dice "Uniamoci uniamoci, l'unione e l'amore, rivelano ai popoli le vie del Signore,...!"

La partita finì qui. Nessuno s'era accorto che non era nemmeno cominciata. I bene informati assicuravano che le prove erano cominciate giorni prima e la messa in scena era ben riuscita.

Gervasio Lombardacci, dal cognome da gerarca emiliano, antico esponente di tutto un po' e le cui prospettive politiche scorazzano indisturbate da decenni da destra a sinistra e viceversa, perché lui sostiene che il popolo è questo che vuole, in quel momento, aggirandosi sotto gli archi del Comune a causa di una insistente pioggerellina, concepiva un grande centro, voluto anch'esso dal popolo, come uno spazio tutto da occupare e che, rapportato ad uno stadio, concedeva alla destra e alla sinistra sì e no le aree di rigore.
Nell'apprendere poi dal cellulare le notizie di quanto era avvenuto nel Palazzo borbottò, soddisfatto: "Hanno abboccato! Hanno abboccato tutti, e questo ‘ce n'est qu'un debut, continuons,... continuons,...!"
Poi, però, non si ricordava l'ultima parola perché lui il '68 non l'aveva fatto. Era però pratico di casini. Difatti aveva capito poco e confusamente quanto era accaduto.

Le agenzie, nella notte autunnale battevano senza pietà dichiarazioni di esponenti politici orvietani e del comprensorio, da quelli nati nei secoli scorsi fino ai contemporanei, tutti riaffermanti l'impegno solenne e irrinunciabile a salvare la città. Si evidenziava cosi, ancora una volta, ed in modo prepotente l'antica manìa degli orvietani di voler salvare ad ogni costo la loro città.

Chi la vuole salvare dal degrado edilizio, chi dai rumori notturni, che dai suonatori ambulanti, chi dai piccioni, chi dalle notti bianche, chi dalla cacca dei cani, chi dalla potatura degli alberi, chi dagli zingari, chi dalla destra, chi dalla sinistra, e chi da tutte e due. Oh! Ci fosse stato un cane che avesse espresso la volontà di salvarla dai debiti.

Il Barone, parafrasando Guareschi, gonfiò il petto e tuonò:

- Sarebbe ora de attaccà in giro e ne le botteghe un cartello do ce dice che è ‘Vietato fumare e salvare la città.-

E un passante di rimando:

-Ho sentito di' che ciavemo quarche buffo, ma come mae,...?!-

-Perché ‘ste governante nove se so' annate a impiccià de cose che nun gne riguardavono,...so' annate a fruzzicà là pe le cartacce vecchie, là pe' le ricevute, le bollette, le fatture, le pranze, le cene, le viagge, le gemellagge, le vigne, l'arberghe e ‘nnicosa e carcola che te ricarcola 'r conto nun gne veniva mae paro, anche perché sanno contà poco, perché capace che cianno poca scola o perché l'arittemetica nun gne c'entrava, e poe là pe' ‘r partito tutte honno ditto :

-Le buffe,...!!! Mae fatto le buffe,...anze, semo state nojartre a ave' accomodato ‘nnicosa! E quanno le conte nun venivano pare s'appareggiavono pe' forza! Insomma si ‘r conto nun veniva se faceva veni',...! E che adè ‘sta mania de segnà tutto fino a 'r centesimo,...! Ma noe mica volèssimo annà a ‘r manicomio regà,...!-

E un altro passante:

-Io, a sentì di' ‘ste cose, a ‘r Sinnico, poretto, nun gne vorrebbe esse manco camicia,...! E so' disgrazie,... so',... e grosse pure,... a vince l'elezzione ne ‘ste condizione,...!

Ma le agenzie e le dichiarazioni cessarono solo quando, voltato il vento a tramontana, cominciò a diffondersi dalla Torre del Moro il profumo inebriante delle castagne arrosto.
Tre giovani in età avanzata accelerarono il passo verso quella direzione. Uno di questi, evidentemente di estrema sinistra, non tardò a prendere posizione:

-Io però, si volete sapé come la pensa un democratico vero, lì, ne ‘r cantone de ‘r Banco Roma ce vedrebbe bene un banchetto co' ‘na bella porchetta calla calla, che profuma più de le castagne arrosto, così ‘r cittadino pole sceje democraticamente da che parte buttasse e no esse sempre costretto da le potere forte a strafocasse sempre e solo castagne, castagne e castagne,...che poe doppo te fanno fa' certe puzze che tocca litigà sia là per casa co la moje e co' la socera e, da le vorte, anche co' ‘r vicinato, sia su ‘r posto de lavoro do' che le padrone n'aspettono artro che l'occasione pe' mèttite in mezzo a ‘na strada.
E la puzza secondo me è un motivo bono perché ‘r padrone potrebbe sempre di' che quanno te fae ‘ste gran puzze n' fae artro che semina mijarate de microbbe tutt'intorno e che adesso potreste seminà anche quello chiamato H1N1 e così lue, co' ‘sta càccola, te mette contro anche le compagne de lavoro e le sindacate che si te nun faè presto a sciacquatte da ‘r cavolo capace pure che te pijono a scarpate e te tirono le martelle!
Insomma seconno me, qui a Orvieto nun ciavemo libertà de scerta, e si volemo sta' zitte è ‘na cosa, ma si volemo chiacchierà allora dovemo chiacchierà,...o potemo chiacchierà,...o no,...oppure me sa tanto che me so' ‘n po' confuso e che ho sbajato ‘r finale,...ma però ‘r concetto l'ho detto,...!"

A tanta sofisticata argomentazione un amico, che si diceva democratico di destra ma che aveva imparato il politichese della sinistra per sentirsi più importante, ribattè:

-Allora in un'ottica di plurallismo e sempre considerando la cosa dal versante democratico dell'aumento dell'offerta che genera aumento della domanda che rigenera aumento dell'offerta che rigenera un aumento della domanda, io vicino a'r castagnaro, su lo spigolo de la Torre ne la strada che porta a piazza de ‘r Popolo democratico ce vedrebbe bene un punto cottura pe du' spaghettine co le fonghe, che giusto ‘esso è staggione, e bisognanno nun guasterebbe per gnente anche po po' de mosto rosso e genovino. E così tra castagne, porchetta, spaghette e mosto avessimo fatto davero "Orvieto co ‘r gusto"! Nun ve sa,..?!"

Il secondo chiese al primo:

-Dimme ‘n po' ‘na cosa,...te, per curiosità, che lavoro fae,..?!"-

-Sto giù pe' l'ASL, ‘nsomma ne la sanità,..'nsomma giù per di lì,...
‘n po' su, ‘n po' giù,...!"-

-E che fae,...?!-

-Booh!,...E è difficile esse precise,...che te dico,...chiacchiero,...vedo gente,...me movo,...'nsomma è dura a rivà all'ora de pranzo,...!-

-Lavoro impegnativo,...!-

-Ah! Simmae poco,...!-

‘R callarrostaro intanto stava a crastà le castagne co' ‘r cortello.

-Che fae castagnà,...?!-

-Sto a crastà,...nu lo vede,...! Si voe approfittà,...!

-Istintivamente il maturo giovanotto si toccò gli attributi quasi a controllare se ancora fossero al loro posto:

-Te ciae voja de ruzzà,...ma nojartre no,...! Piuttosto da te che ciae trecentanne e che sae tante cose noe vorrèssimo sapé si te sae che adè sto cazzo de "Gentlemen agreement" che l'aggenzie ancora stanno a batte,...! -

-Certo che lo so,...E si ve scansàssivo po po' più la ve lo spiegherebbe pure ,...e anche aggratise,...!-

-E allora daje, nun ce fa soffrì,...!-

-Allora ‘sta cosa sarebbe, pe' capisse, come quanno due che s'hanno da menà perché l'istinto le porta a menasse decidono de fallo però sull'orlo de ‘no scapicollatoro do' che si a uno je manca la presa quello ruzzola come ‘na rùzzola e a la fine more e a la sera lo dicono a ‘r TG. Però capace pure che prima de lassà la presa quello che sta pe' cascà di sotto riesce a chiappasse ne la manica de quall'artro e lo tracina giù pe' la greppa e così, porette, potrebbero morì tutte e due.

Però doppo un po' che ‘ste due se stanno a menà a cazzotte, a stiaffe, a raffiche, a zampate ma le palle e ‘nnicosa, se comincia a capì quale adè ‘r più fiacco e allora quell'artro je dice: "Adesso te butto disotto e così la famo finita,...!" Allora quèllo che sta sotto e che je comincia a pijà la cacarella perché quell'artro j'ha messo paura, co ‘r fiatone che nun ne pole più inciafruja un vecchio detto orvietano de le secole passate, che diceva: "Chiedo ricotta!", che voleva di' "m'arrendo!", "famo pace!", "te pago da bèe!", "mettemise d'accordo!", "famo un patto!", e quell' artro, che se credeva d'avè vinto e nun poteva rifiutasse, j'arisponneva: "Va bene, famo ‘sto patto!" e così facevono ‘sto patto che è quello che vole di' ‘sta parola inglese che in italiano sarebbe "Patto fra gentilomine e gentildonne".

-Sèe ‘na forza castagnà,...maneggia che sinnò te se bruciono,...!-

-Si ma in politica, e anche stavolta su pe' ‘r Comune, e mica se capisce tanto bene chi è che ha chiesto per primo "ricotta", perché magare a quello che l'ha chiesta per primo quell'artro capace che j'avrebbe anche potuto risponne : "Te nu lo sae ma la stavo pe' chiede anch'io!". Oppure capace che erono d'accordo già da prima,...e che ce capische,...! Capace pure che adè tutta ‘na finta,...! Ma per carità,...e de ‘ste cose a un poretto mica je ce fonno capì gnente, sa,..!

Perché le politice, quanno che sòrtono da la stanzia do se mettono d'accordo, dicono tutte che so' soddisfatte, che è annato tutto bene e che hanno preso ‘nnicosa de quello che volevono pijà, e quanno escono quell'artre dicono le stesse cose e tutte le discorse finiscono dicenno che se so' tanto sacrificate pe ‘r bene de la città e adè ne ‘sto preciso momento che ‘r cittadino se sente preso pe' ‘r culo un'artra vorta e co' ‘r cortello fa un'intacca ne la sedia per ricordasse de quante vorte l'ha preso, e de che tinta, da quanno che ha cominciato a capì quarcosa de le cose de ‘r monno.-

-E ma allora ‘r programma che fine ha fatto,...?!-

-‘R programma ampiccia, cocco, perché lo fanno sempre scrive ma uno che nun sa la lingua, che je trema la mano e che nun sa fa' le conte. E poe so' sempre troppe pagine, scritte troppo fitte, e a discutelo tutto te fa venì fame, sonno e te fa pijà pure la sbadijarella.
Secondo me, ber giovine, ‘r programma elettorale dev'esse corto e chiaro. Te fo ‘n esempio:" Programma -Famo tutto, dappertutto, a seconda de le quatrine!"

-E si le quatrine nun ce so',...?!

-Allora se riformula:" Farèssimo tutto, da per tutto, si ciavrèssimo le quatrine,..ma però nun ce l''emo,..!"-

-E allora,...?!-

-E allora intanto che s'apre la discusione ne ‘r Consijo, io vo a coce le castagne su la terrazza de ‘r Comune, ‘r porchettaro se piazza da capo a le scale, quello co' le spaghette co' le fonghe su quell'artra terrazza, così la gente incomincia a inciancicà e quanno che adè satolla piano piano je viene sonno, a uno a uno s'addormono, anche Orvieto s'addorme e cosi la città adè sarva come appunto battevono l'aggenzie,...!-

E questa fu l'ultima di quel giorno: "La notte piombava dai campi celesti, e gli uomini onesti russavano già!" Tiè!

Commenta su Facebook

Accadeva il 11 dicembre

"ValorePaese". Immobili in concessione, con la promessa di rinascita

Pronta la prima area di sgambatura per cani, già previste altre due

Cena degli Auguri di Natale ed assemblea generale per l'Unitre

Vetrya Orvieto Basket d'autorità in casa della capolista

"Questa nostra Italia". In tanti a Orvieto per l'ultimo libro di Corrado Augias

Pulcinella

Orvieto FC, la prima squadra ritorna in vetta. Momento magico per la società

Orvieto Comune Europeo dello Sport 2017, la tribuna dello Stadio ha il tetto bucato

Quella faccenda lunga della "Settimana Corta"

Comitato Pendolari Roma-Firenze: "Delusi dall'assessore Chianella"

L'Orvietana mette paura alla capolista

In Via Vecchietti torna il Mercatino di Natale della Solidarietà

Pagamento mensa e trasporti, il bollettino arriva a casa

Torna "Valner.In.A.Box", il regalo che non dimentica l'Umbria post sisma

"Campioni in Cattedra" con il Coni, Alessio Foconi alla Scuola Primaria "Barzini"

Gli studenti dell'Istituto Comprensivo a "Mezzogiorno in famiglia"

Televisori sintonizzati su Raitre, Orvieto in onda su "Geo&Geo"

Assemblea regionale di "Potere al Popolo Umbria"

XXV Convegno Internazionale di Studi su Storia e Archeologia dell'Etruria

Prestiti "ad occhi chiusi" in biblioteca per un invito alla lettura a sorpresa

Guasto meccanico all'ascensore del sottopasso ferroviario

In 350 sulla Rupe per la tre giorni di "Orvieto Tango Winter"

Consulta per il sociale e Consulta giovani al Villaggio di Natale con la mostra di pittura

Medaglia d'Oro alla Protezione Civile, sede umbra collegata per la cerimonia

Raffiche di vento e pioggia, si moltiplicano gli interventi dei Vigili del Fuoco

Giornata di studio all'Unitus, Lazio terreno fertile per il futuro