opinioni

Tirato fuori il sacco, occorre vedere cosa c'è dentro

sabato 18 luglio 2009
di Mario Tiberi, iscritto P.D. Orvieto centro

Vuotare i sacchi della vita di tutti i giorni è impresa non sempre agevole e semplice.

La vita di società ci impone spesso di non essere noi stessi fino in fondo, a volte di nasconderci o di recitare delle parti non proprio a noi confacenti. La vita lavorativa non è da meno e, oltre ai rischi fisici e mentali che essa comporta, è un continuo battagliare tra capi e sottoposti, tra colleghi che ambiscono a prevalere gli uni sugl'altri per ragioni di carriera, arrivismo e protagonismo. La vita del tempo libero non offre scenari migliori se non nei momenti in cui l'animo umano riesce a conquistare transitori stati di serenità e di distacco dagli affanni del quotidiano.

Il sacco, però, più arduo da vuotare è quello della vita pubblica anche nella sfera più strettamente personale. Ci sto provando e vorrei poter tirare fuori la sola farina raffinata e lasciarvi dentro quella con la pula, le impurità e le scorie infette.

Ho cercato e trovato un qualche ausilio nel leggere e ben interpretare i commenti dei più autorevoli opinionisti e politologi locali, tra i quali, Davide Orsini, Rodolfo Ricci e Dante Freddi. Ma quello che a me è sembrato più interessante, illuminante ed obiettivo è stato l'articolo a firma di Laura Ricci in occasione della prima adunanza del nuovo Consiglio Comunale.

Complimenti, Laura, e non per piaggeria, ma per la lucidità d'analisi e l'onestà professionale che una volta di più hai saputo dimostrare. Nel tuo sacco, vi è della farina buona e mi auguro che vi rimarrà anche per l'avvenire nell'interesse del libero e democratico dibattito politico e della vivacità culturale che spesso e volentieri è carente agli angoli delle nostre strade e delle nostre piazze.

Su codesta colpevole carenza, concordo pienamente con le argomentazioni espresse in merito dal Prof. Catamo e, insieme a Lui, ci stiamo adoperando per colmarla e lenirla a cominciare dalla dialettica interna al Partito Democratico di Orvieto, e non solo. Dialettica interna difficile da ripristinare perché è da scontro frontale avendo a che fare con l'ottusità di chi non vuol capire o ragionare o, peggio, di chi non capisce proprio e non sa ragionare.

Nel mio sacco, la prima manciata di bianca farina è rappresentata da un'idea che è vecchia per la grande democrazia americana, ma dannatamente nuova per la giovane democrazia italiana: dare vita e far crescere il prima possibile un movimento di moderni "pionieri per la nuova frontiera" dove la speranza di raggiungere terre fertili significhi abbandono delle ormai nauseanti logiche di patteggiamento e spartizione delle poltrone che contano, messa in disparte degli acrobati e dei giocolieri della politica sempre pronti all'affarismo e al bieco calcolo dei loro interessi e tornaconti, soprattutto reiezione della manovalanza intrigante e parassita.

Il deserto alla volta dell' "Eldorado" potrà così essere attraversato e ad ogni Orvietano restituito il diritto di dire a gran voce: "Dottor Concina, Sindaco di Orvieto, in nome delle nobili figure del passato che hanno dato lustro alla nostra città, non dia spazio a chi a Lei si presenterà per meri equilibri e dosaggi di potere e non si lasci invischiare in pericolose tele di ragno; preferiamo, perdonandomi l'irrispettosa metafora, un'anatra zoppa piuttosto che una col cappio al collo permanentemente sotto attacco e sotto ricatto".

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 dicembre

Anatomia di un addio

Fine settimana da incorniciare per l'Orvieto FC. Palmerini: "Stiamo crescendo"

"Tanto per dire", seconda edizione. Al Liceo Classico "Tacito" torna il corso di dizione

Jazz e strumenti antichi al Museo Archeologico Nazionale in occasione di Ujw

Celebrata la Giornata Garibaldina, in memoria della battaglia di Mentana

Inaugurata la prima area di sgambatura per cani, previste altre due

Denunciata dalla Polizia una giovane pluripregiudicata

Partita la procedura di rilascio del passaporto elettronico

Rischio ghiaccio per i contatori, i consigli per proteggerli ed evitare spese

Umbria.GO raddoppia e si presenta nella versione dedicata ai pendolari regionali

Campagna Ocm Vino 2017/2018, incrementate le risorse a sostegno delle imprese

"Intrecci", inaugurata la scuola di alta formazione della famiglia Cotarella

"Concerto di Natale" nella Sala Unità d'Italia del Palazzo Comunale

"Geotermia a bassa e media entalpia, rischi e conseguenze"

"È nato un Re povero". Rappresentazione nei Giardini di Villa Faina

Presentata l'edizione 2018 della "Guida ai sapori e ai piaceri della regione Umbria" di Repubblica

Vetrya riceve il Premio Imprese per l'Innovazione di Confindustria e il Premio dei Premi dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri

Eletto il nuovo Coordinamento delle Cittaslow Italiane. Barbara Paron al vertice

Il tenente Giuseppe Viviano è il nuovo comandante della Compagnia Carabinieri

"Madonna con Bambino appare a San Filippo Neri", il dipinto su tela torna a splendere

Storia e segreti di Palazzo Franciosoni nel volume "Anatomia di un palazzo"

E dico ancora di Bianca

"La Tregua di Natale. Lettere dal Fronte". Lettura ad alta voce in Biblioteca

Nuovo video di Francesco Barberini in Campania con la LIPU

Infiltrazione d'acqua a scuola, le precisazioni del Comune