opinioni

Dell'amore e della politica. Pensieri improvvisi

domenica 19 aprile 2009
di Aramo Ermini

Spesso in politica l'attaccamento al potere: la sua conservazione o la sua conquista diventano una questione di sopravvivenza, un fatto di vita o di morte, per sé o per la propria fazione.

Quasi come l'amore vissuto come possesso, per cui si arriva fino ad uccidere pur di affermare il proprio potere sulla persona amata.

L'amore che non possiede invece vuole il bene dell'Altro, vuole che l'Altro viva e sia felice anche senza essere essenziale a Lui.

Così la politica vissuta come servizio alla comunità vuole che essa prosperi, faccia progressi, cammini e camminando risolva i suoi problemi, senza sentirsi indispensabile ad essa, anzi vedendo di buon occhio che altre persone si interessano alla vita della collettività.

Non mascherando dietro paraventi ideologici o giustificazioni morali i propri interessi.

E' un cammino che tutti siamo chiamati a fare.

Commenta su Facebook