opinioni

Il Sindaco che verrà

domenica 7 dicembre 2008
di Nello Riscaldati
E così il nuovo anno, (pensate, tra pochi giorni saremo già nel 2009, a tre anni appena dalla pronosticata fine del mondo), il nuovo anno, dunque, oltre alle gelate di gennaio ed alla pioggerellina di marzo, ci porterà nella tarda, ma speriamo ancora fresca primavera, ci porterà, oltre alle fave ed alle ciliegie, o un sindaco nuovo, o un vecchio arnese da poltrona frutto del lavoro sottotraccia di conventicole e camarille che, nella penombra di tetre stanze e oscuri corridoi lontani da Orvieto, si sono affaticati per notti e notti insonni nell’immane fatica necessaria per la messa a punto degli equilibri politico-partitici secondo le regole del collaudato metodo del “questo a me e questo a te” e alla fine tutti seduti e contenti. Alto esempio di vergogna ademocratica. Di fronte a questa seconda eventualità l’individuo che conta per uno, ha tre o quattro alternative a disposizione: -La prima è quella servile e psicologicamente masochistica, di rinunziare all’esplicazione dei propri impulsi e uniformarsi alle regole dell’andazzo che viene ritenuto più utile. È l’alternativa prescelta tra coloro che, appena le sorti della battaglia vanno a delinearsi, gettano a terra giubbe e bandiere e corrono in soccorso del vincitore. -La seconda è quella di rifugiarsi in un proprio mondo chiuso e personale, che può essere artistico, religioso o nevrotico, considerando così secondaria la propria vita pubblica. -La terza è quella di tentare un compromesso tra le proprie esigenze e quelle dell’andazzo in atto. -La quarta, alla quale si pensa sempre di meno perché è la più faticosa, è quella di entrare nella mischia per tentare di migliorare l’andazzo suddetto. Mi tornano, a questo punto, attuali le parole di Einstein, che già nel 1941, così ci ammoniva: “Perfezione in quanto a mezzi e confusione in quanto a scopi, caratterizzano, a mio giudizio questa nostra epoca”. Dovremo dunque scegliere un Sindaco in primavera. E un lunedì, più o meno a “las cinco de la tarde”, sapremo tutto della nostra scelta, “ay què terribles cinco de la tarde!”. La prescelta o il prescelto dovrà sapere governare la città e, pertanto, governare anche me e non crearmi altri problemi perché, come tutti, ne ho già a sufficienza dei miei. Uno di questi è conseguenza dell’attuale crisi e della scarsità di moneta, per la qual cosa non riesco più a comportarmi come un buon consumatore secondo quanto il Governo mi esorta ad essere. Ad esempio non riesco più a comprare un maglione che non mi serve perché dovrei svuotare l’armadio di quelli già comprati per essere consumati e che non sono stati mai consumati per mancanza di tempo. Né posso comprarmi una poltrona snodabile che massaggia, strofina e ti dice “buongiorno, si accomodi”, né una macchina nuova perché quella che ho, maledizione, va ancora benissimo e non si consuma. Mentre mi tormenta, certo, il pensiero della sorte di coloro che fabbricano maglioni, poltrone o macchine che al momento non servono. Eppure qualcosa che non va, da qualche parte, ci dovrà pur essere. Cristo! Non si può vivere solo per consumare, consumare e consumare,… non si fa in tempo! E allora ha ragione Adorno quando constata che nelle condizioni attuali anche i beni materiali diventano elementi di sventura. Dovremo dunque stare attenti a non eleggere una sventura. Io, ad esempio: -Non vorrei un Sindaco che si comportasse come un sovrano e che si accontentasse delle informazioni del suo ciambellano, senza scendere mai tra il suo popolo per ascoltarne la voce. -Non vorrei un Sindaco che mi facesse ammettere che Sartre ha ragione quando ci assicura che il processo di degradazione per usura di un sistema, in questo caso un Comune, è un fatto irreversibile e inarrestabile. Vorrei un Sindaco rigeneratore. -Vorrei un Sindaco che fosse figlio del suo popolo e che abbia vissuto e viva la sua storia insieme a lui, che conosca la sua terra e il mondo, di là da questa, con il quale avrà a che fare una volta eletto. -Non vorrei un Sindaco uso a ondeggiare tra la smania di apparire e la paura di decidere. -Non vorrei un Sindaco eletto dai voti di scambio dei precari degli Enti e dei precari in genere ai quali viene prospettata la possibilità di licenziamento se le cose non andassero come altri, altrove, hanno già deciso, né eletto dai voti dei disoccupati illusi da false promesse di lavoro. Tutto questo sarebbe infatti terrorismo elettorale. -Vorrei un Sindaco illuminato, capace cioè di liberare le parole e i discorsi dalla magia ammaliatrice del nulla che di solito esprimono, e nel quale nulla vanno poi rapidamente a dileguarsi. -Vorrei un Sindaco che sia in grado di illustrarmi il significato dei suoi atti per poi dimostrarmelo in concreto. -Vorrei un Sindaco che abbia il coraggio di volare ad una quota tale da poter discernere e riconoscere le voci e i silenzi, le luci e le oscurità, le vette e le valli e che abbia poi il fegato di atterrare dovunque. -E soprattutto non vorrei un Sindaco che si trascinasse faticosamente dietro il suo passato a giustificazione della permanenza del sistema che rappresenta. Io, insomma, vorrei UN SINDACO! E molti altri con me. Vedete un po’ voi quello che si può fare.

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 maggio

Cammino del Monte Peglia, sei giorni per abbracciare il cuore dell'Umbria

"Basta accattonaggio. Germani sveglia!"

Il generale Antonio Cornacchia e i segreti sul rapimento Moro

Orvieto FC Juniores Calcio a 5, non riesce l'impresa al primo turno dei play off

Caffè Chopiniano per l'Unitre

"Il mondo nella mia penna. La Serpara immaginata" - 1

Discarica, ultimo atto. Pci: "La Regione si impegni per una reale gestione dei rifiuti"

L'Olmo conquista il Palio della Palombella. Le classifiche di "Orvieto in Fiore 2018"

Convegno al Castello di Alviano su "Irrigazione, agricoltura di qualità"

"I Martedì del Classico". Guido Barlozzetti ragiona su "Confini"

Nella domenica di Pentecoste, Orvieto onora la tradizione della Palombella

"Estate di OperaExtravaganza". Concerti nel Giardino Segreto di Palazzo Piatti

"La Rivolta a Orvieto nel 1430". Conferenza di Antonio Santilli per l'Isao

Quarta edizione in Piazza del Popolo per il "Festival dello Studente"

"Al lavoro per l'Umbria". Presentato il documento di Cgil, Cisl e Uil per un nuovo progetto di sviluppo

Commemorazione Aldi. Pietretti: "Un evento simbolico che fa bene al nostro territorio"

Presentato il progetto "Umbria Viaggio nella Storia"

Fiona May e Ornella Vanoni al "Todi Festival". Presentato il programma 2018

"Family Help", prorogato al 31 maggio il termine per presentare le domande

Iniziato al Csco il "Summer School" delle università statunitensi

Vetrya Orvieto Basket, al via le final four per l'Under 20

Salta anche "Orvieto4Ever". L'edizione 2018 non vedrà la luce sulla Rupe

Campionati Europei Master Open di Alicante, la marcia orvietana è ancora d'oro

Il M5S invoca regole e responsabilità per gli eventi

"Il Maggio dei Libri", sfida in biblioteca

L'allarme dei sindacati: "Edilizia in crisi nell'Orvietano"

Madonna della Cava, annulati i festeggiamenti civili. Sbandieratori e musici allietano la processione

Pugnaloni 2018, il Gruppo "Rugarella" conquista la vetta della classifica

La scultura "50 sfumature di me. Donna" si aggiudica il concorso "D.O.N.N.A."

Orvieto, Montefiascone e Pitigliano ancora uniti sotto il segno di "Volcanic Wines"

Calato il sipario sui festeggiamenti di San Venanzio Martire

Azzurra Ceprini Orvieto. Francesco Tringali, assistente allenatore della A1 e della U18 e coordinatore del settore giovanile

In tanti per ammirare l'infiorata artistica in onore della Madonna Ss. del Poggio

Ceramiche e fiori al Pozzo della Cava, arriva "Oltre la finestra"

L'Unione Orvietana Rugby alla Cittadella del Rubgy di Parma

"Un fiore per la città" mette radici nella Chiesa di San Giuseppe Patrono

Fiamme in via Garibaldi, fatti evacuare gli ospiti di un B&B

Orvieto Basket vs Foligno, tutto pronto per la finalissima

Susanna Tamaro incontra e incanta la scuola primaria di Sferracavallo

Nicoletta Campanella presenta "Le più belle del reame" dedicato alle Rose Banksiae

La disciplina delle circolazione stradale. Ecco cosa cambia

Polizia in campo per il contrasto all'immigrazione clandestina

L'Oasi WWF Lago di Alviano partecipa alla 25esima edizione di "Giornata delle Oasi"

Festival al Museo delle Terrecotte, un successo di "Parole & Note"

Caccia. La giunta regionale approva il calendario venatorio 2015-2016

Pd: "Sì al campo polivalente, no alla devastazione dei giardini pubblici"

Versamento acconto Imu e Tasi 2015. Va effettuato entro il 16 giugno

Casaperazza in festa per Santa Rita da Cascia

Gli studenti dell'Università della Tuscia restaurano il busto di Innocenzo X e lo Stemma in Travertino di Gregorio XIII

"Ri-governare Orvieto" con Laura Ricci Sindaca: Politiche giovanili, Scuola, Formazione, Sport

"Ri-governare Orvieto" con Laura Ricci Sindaca: Sociale, Sanità, Diritto alla Salute

Ad Allerona: "I fiori nel piatto - Le erbe spontanee mangerecce, come riconoscerle, apprezzarle .. e mangiarli"

Verso la gestione integrata dei rifiuti nel comprensorio orvietano

A Orvieto l'open day dei servizi educativi per la prima infanzia

In manette gli "amanti della truffa", rubavano soldi agli anziani con travestimenti e storie strappalacrime

"Ri-governare Orvieto" incontra i commercianti e i gestori di locali del centro storico

Tentarono di svaligiare la gioielleria di Baschi, si costituisce il rapinatore

Giovedi, in Piazza della Repubblica la chiusura della campagna elettorale di Giuseppe Germani

Il mistero dei Templari nell'opera "orvietana" di Simone Martini

Con "Anime Parallele" Orvieto riscopre la Necropoli etrusca di Crocefisso del Tufo

[VIDEO] Presentazione di "Anime Parallele"

"Le Meraviglie" al cinema, il film di Alice Rohrwacher oggi nelle sale italiane

Da Castel Giorgio a Cannes un vortice di emozioni e attese

Dedicata a Luigi Mancinelli e Orvieto la puntata di "Note di Bianca" in onda su Sky Classica Hd (29 Maggio)

La Compagnia Mastro Titta porta in scena al Mancinelli "Flashdance"

Terzo e conclusivo precetto etico. Per non ulteriormente oltraggiare l'arte della politica

Andrea Ricci, sindaco uscente di Montegabbione, scrive ai cittadini a conclusione del suo mandato amministrativo

"Matriarché. Il principio materno per una società egualitaria e solidale"