opinioni

Dialettica democratica orvietana

giovedì 3 gennaio 2008
di Nello Riscaldati
Mattina fredda appena dopo Capodanno. In quattro in piazza alla “solina”, in tre davanti a Montanucci. Peste, corna e vituperio sul Governo e anche di più e di peggio sui politici locali. Esordisce un tipo inquartato, sommerso da cappello, sciarpa e piumone: “ Ah! La mafia?! La mafia, sì! Ma qui artro che la mafia! Ma le siciliane dovrebbono venì su da nojartre si vojono ‘mparà quarcosa su la mafia! Artro che fregne!” E un intabarrato, appoggiato al muro, e che per comodità chiameremo l’Ernesto, acconsentì e rincarò: “Ma voe, presempio, allora, ce l’ete presente “Coso”?! ‘Ete capito chi? “Coso”! Embè! Lue è uno de le capoccione de la banda bassotti! ‘Sto delinguente! Chè dice che quanno va su pe ‘r Palazzo, si vedèssivo, oh! Je se scappellono tutte, anche quelle da le quadre je se scappellono! Strette de mano, inchine, porte aperte, sedie sotto ‘r culo, pronti co’ ‘r caffè, tutte che je ridono anche da lontano! Ma ve dico è robba che a raccontalla nun ce se crede! “Coso!” Sì “Coso”! ‘Ete capito mò?! ‘Sto mascarzone che solo lue lo sa si quante gente ha fatto piagne! Bravo! Proprio lue! “Coso”! Quello che ha mannato a panza per aria….! A questo punto, però, l’accalorato Ernesto si gelò di botto, interruppe la trasmissione e, fissando un punto lontano, sembrò quasi trasfigurarsi. Gli astanti si scrutarono dubbiosi e stropicciandosi in silenzio le mani. L’Ernesto si staccò dal muro, si fece largo e cominciò ad avanzare verso la piazza “macchine avanti mezza”. Laggiù, sul vano della porta dell’ascensore del Comune sostava, abbottonandosi, proprio il “Coso” in oggetto, il quale, sistemata che ebbe la sciarpa, si mosse con fare cauto e circospetto per attraversare S. Andrea. L’Ernesto si portò con nonchalance sulla prevista traiettoria di “Coso”. A cinque metri calcolati dall’impatto, alzò lo sguardo, si aprì con un sorriso da orecchio a orecchio e rallentò l’andatura fino a “macchine avanti adagio” “Coso”, invece, visto l’Ernesto, si bloccò, allargò le braccia e i due entrarono quasi in collisione con una robusta stretta di mano, spingendosi a vicenda. Colloquio breve, ma fitto, ampi segni di assenso con la capoccia, altra stretta di mano, questa volta a tirare, sorrisi finali, saluti a casa e commiato commosso. L’Ernesto ritornò dai suoi: “Era “Coso”! Quello che dicevamo prima!” “Quello che diceve te, prima!” precisò il sommerso dal cappello. “Però nun è gattivo -ribattè l’Ernesto- anzi, quanno pole, e volenno pole e tanto, ’na mano te la da! Insomma è de core ! E’ ‘na persona per bene! Certo, quarcosa vòle anche lue! E’ ‘n politico e quarcosa bisogna daje quann’è ‘r momento! Ma insomma, a la fine è un fregno che ha fatto anche tanto de’ ‘r bene!” Un tipo con la capoccia avvolta da una sciarpa blu e berretto granata, soffiò: “Mbè! Allora visto che te ce sèe tanto amico e che lo conosche bene, da le vorte, sincaso, si te capita, nun me ce potesse mette ‘na parola pe’ fa fa’ ‘na mossa a quer permesso che so’ ‘n par d’anne che nun m’hanno fatto sapé più gnente?!” E un allampanato, di rinterzo: “E allora, già che ce sèe, spenne ‘na parola anche per me, che giusto ciò quer cazzo de licenzia de la fija che ‘n se sa più che fine ha fatto! Insomma si te capita, dije carcosa chè doppo per te ce penso io!” L’Ernesto li guardò commiserandoli, ma, compreso dell’altezza del compito, dopo una studiata pausa, acconsentì paternamente: “Tranquille, cocche, che “Coso” me lo lavoro io, me lo lavoro, che a me de no nun me lo pole di’! Tranquille! -e poi rimarcando- Io nu lo so! Io nu lo so, si ‘n sia mae ve venisse a mancà io, io vorrebbe sapè voe, da sole, che concruderèssivo, vorrebbe sapè!” Questo piccolo inserto, che sembra quasi uno sketch di fantasia, è accaduto realmente qualche giorno fa, ricostruito e mutati o taciuti i nomi. E a parer mio, l’episodio aiuta a illuminare un altro versante dei mille, palesi o nascosti che Orvieto presenta, e contribuisce a spiegare il perché delle cose nostre, spesso oscure, talvolta tortuose, ma, volendo, anche oscure e tortuose insieme. Aiuta a spiegare, ad esempio, il perché della perduranza del potere: Se poniamo per assurdo, nel 1944, la destra, ammessa l’esistenza di qualcosa del genere, fosse stata rapida e capace di occupare le stanze dei bottoni, postulato che politici orvietani grandi cime specie rara est, forse avremmo avuto la permanenza di detta parte al potere per 60 anni e senza grandi sfraggelli e con meriti acquisiti e danni provocati identici, più meno, alla parte che invece ha governato. Perché l’astuzia di “Coso” e dell’Ernesto è quella di combattersi, sì, ma da lontano e a parole. E in questa lotta continua, certo, ma anche pacioccona, colui che sta sotto, dato appunto che sa come e dove è collocato, reputa più conveniente e fruttuoso sorridere, a quattrocchi, a chi lo governa, l’opprime e lo tartassa. E chi sta sopra, forse anche perché più astuto, sa, invece, che finché darà un dito a colui che sta sotto, costui potrà pretendere certamente di più, ma sa anche che gli si potranno concedere due o tre dita al massimo. La mano intera mai. Dimodochè è difficile che chi sta sotto possa riuscire a far ruzzolare il congegno e finire lui sopra appunto perché difetta dei punti d’appoggio necessari e che non gli verranno mai concessi e che è incapace di conquistare da solo. Dopo 60 anni è lecito chiedersi anche se non vi sia stato, talvolta, un concorso di colpa, o di interesse, o di merito anche fra maggioranza e opposizione, perché, in fondo lo status quo, il quieto vivere si attaglia molto bene alla cosiddetta mentalità orvietana. E chi governa lo sa! Così come altri sanno che essere governati è, per certi aspetti, più comodo che governare. Anche perché, poi, chi non si sente di condividere il sistema, può sempre prendere il treno e andarsene, così come può anche restare in loco a patto però che non si impicci e che non rompa. Difficilissimo a Orvieto (e in tutte le Orvieto del mondo) è mettersi d’accordo. In tre già si litiga. In dieci si formano correnti. Ma se si riesce ad essere in cento e in crescita, allora si è oggetto d’attenzione, qualcuno ti telefona, t’assaggia, t’interpella e, per le feste, manda infiniti auguri alle famiglie. Questa è politica locale, grezza, grossolana e bastarda quanto vi pare, ma e pur sempre quella che aiuta, e non poco, a salire le scale del Palazzo. P.S. Ma una delle cose più deprimenti, secondo me, è il fatto che viene sempre deciso da non si sa chi e lontano dai bastioni del Tufo chi sarà il nostro Sindaco, il nostro Deputato, il nostro Senatore, il nostro quello che volete voi, perché viene ci viene sempre detto che è necessario per conservare l’armonia degli equilibri politici. Si tratta, in parole più semplici di quel rito che i nostri antenati chiamavano “la spartizione del salame”. Ma Orvieto èvviva?

Commenta su Facebook

Accadeva il 15 dicembre

"Concerto di Natale" nel Castello Boncompagni Ludovisi di Trevinano

Orvieto Fc, c'è il big match contro la capolista Gadtch

Pallavolo Zambelli Day al PalaPapini di Ciconia

Sesto video per Francesco Barberini. Alla scoperta del Lago Trasimeno

La Corte dei Conti accoglie il ricorso del Comune. Gnagnarini: "Un successo per rilanciare Orvieto"

Una notte al cinema con i Fiori Neri. In rotazione il singolo "Tutti i giorni è Natale"

Provincia verso le elezioni, c'è il termine per la presentazione delle liste

Sacchetti per l'organico in distribuzione. Orvieto per Tutti: "Perchè a Bardano?"

Casa di Riposo San Giuseppe, ritardi nel pagamento degli stipendi. Botta e risposta tra Fp Cgil e Comune

I giovani e il futuro, prorogata fino al 16 gennaio la mostra della Croce Rossa Italiana

Alla maniera di

Le difficoltà delle sale cinematografiche in Umbria dopo il terremoto

La voglia di un'anima

Un rosseggiare

Carcere, l'Usl chiude la mensa agenti. Il Sappe si rivolge al provveditore

Senso unico alternato sulla provinciale 71, cambiano gli orari del trasporto scolastico

Notte Bianca d'Inverno, trentadue appuntamenti in attesa del Natale

Percorso educativo di accoglienza ed integrazione a favore dei migranti ospitati nel territorio

Al Csco incontro su "Cellule staminali tra scienza, pseudoscienza ed etica"

Ricostruzione post sisma, riunione del comitato istituzionale. Circa 12mila, le verifiche fast

Non lo specchio, per favore

Molto di me

Sì della giunta alla riqualificazione delle strutture di Piazza della Pace

Grande sporco, piccola spazzatrice. Parte la sperimentazione nei vicoli del centro storico

Nuovi allestimenti per "Porano nel Presepe". Il ricavato all'associazione "3.36 per Barbara & Matteo"

La Natività a Orvieto. Fino all'8 gennaio sulla Rupe tredici interpretazioni della tradizione del presepio

"Il Fanum Voltumnae e i santuari comunitari dell'Italia Antica". Da venerdì a domenica Convegno internazionale di studi

Giullarate. Dopo le aste andate deserte le 10 cose che il comune di Orvieto proverà a vendere per risanare il Bilancio

Shopping natalizio. Gratis il parcheggio a Orvieto dalle 16 alle 20 nei posti a striscia blu

Progetto "Una buona vita da cani" per contrastare l'abbandono dei cani e favorire le adozioni

Il Progetto "Una buona vita da Cani"

Adeguamento delle tariffe per la rimozione e custodia dei veicoli

Mercati su aree pubbliche nella settimana che precede il Natale, disciplina del commercio

In pubblicazione il quinto avviso d'asta pubblica per l'alienazione del Mattatoio Comunale

Bando per l'alienazione dei locali di proprietà comunale situati in piazza della Repubblica

Consegna dei riconoscimenti alla Protezione Civile e agli studenti dell'Alberghiero per il lavoro svolto il Liguria

"Due dozzine di rose scarlatte". La commedia brillante in scena al Mancinelli

Presentate le opere di approvvigionamento idropotabile realizzate da ATI4 Umbria nell'Orvietano

ATI4, gli interventi nell'Orvietano

Screening per la prevenzione e la salute del cavo orale. Pochi i bambini visitati. Proroga al 31 gennaio 2012

Maxiprofessionista del furto arrestato grazie a un'indagine condotta dalla Polstrada di Orvieto

A Porano Pranzo di Natale organizzato dal Centro di Salute Mentale della ASL 4 di Orvieto

"IKHIWA" organizza il mercatino del libro e oggetti vari all'Atrio del Palazzo dei Sette

JINGLE PARTY- La Grande Festa di Radio Orvieto Web al Maracuja

L'Anpi di Terni sui terribili fatti di Firenze

Un atto di indirizzo del Consiglio comunale per la valorizzazione del patrimonio pubblico del centro storico di Orvieto. Lo propongono i capigruppo di centro sinistra

Ancora congelate le dimissioni del vice sindaco Rosmini. Dura presa di posizione dei gruppi di centro sinistra verso il Sindaco che perde i pezzi e non rappresenta più i suoi elettori

La grande Roma dei Tarquini tema del XVI Convegno Internazionale di Storia e Archeologhia dell'Etruria

A Palazzo Soliano mostra fotografica "Orvieto 1964-1970 anni di bronzo. Le porte di Emilio Greco". Inaugurazione sabato 19 dicembre nell'ambito di Altro Modo

Per il Gala Five un 2-2 contro il Foligno.

Condanna del vile gesto e solidarietà al parroco dal PD di Ficulle

Ristorante Pizzeria "La Taverna dell'Etrusco" e Bar "Il Sant'Andrea". Menù speciali e Cenone di San Silvestro a ritmo di jazz e di blues

Perché alcuni consiglieri PD hanno votato contro la mozione sul testamento biologico

Scossa di terremoto. Trema l'Umbria

Terremoto ad Orvieto: Santelli "Nessun danno a persone o cose"

Terremoto, l'Assessore regionale Riommi nelle zone colpite dal sisma "Scossa con pochi danni"

Terremoto: chiuso il centro storico di Spina. Lorenzetti apre sala operativa regionale

Distrutta la targa di Radio Orvieto Web

Franco Crociani non ha ucciso Sauro Mencarelli. La sentenza della Corte d'Appello d'Assise chiude la storia di Acqualoreto

Pendolari-Frecciarossa: 8 a 34. Ma i pendolari della Roma-Firenze si fanno sentire!

Gala Lirico del Centro di perfezionamento "Placido Domingo" di Valencia al Ridotto del Teatro Mancinelli

L'Eurostar delle 20,15 fermerà ad Orvieto

Anno Internazionale dell'Astronomia. Venerdì a Bagnoregio proiezione del film di Liliana Cavani "Galileo"

Il profano tempo dell'Avvento. Dai destini del pianeta a quelli della Regione Umbria

Respinte le mozioni su testamento biologico e istituzione di un registro telematico delle dichiarazioni anticipate di trattamenti sanitari. Il dibattito consiliare

Approvata la mozione Tonelli sulla ripubblicizzazione dellÂ’acqua

Siti "violenti", il Governo punta al controllo. Giusto regolare i contenuti prodotti dagli utenti, ma si colmi il vuoto legislativo che riguarda i giornali online

La Scuola di Musica Luigi Mancinelli e la Compagnia Poranese insieme in un doppio spettacolo dedicato ad 'Alice nel paese delle meraviglie'. Sabato a Porano, domenica ad Orvieto

Commercio e varchi elettronici: clima più disteso. Tutti al lavoro dopo il convegno DS e l'incontro con il sindaco Mocio

Marino Moretti alla Galleria Zerotre di Orvieto. Ceramiche e disegni per CROMATERIA

Successo e consensi per il 'Gran Galà Città di Orvieto'

Presentato il catalogo regionale del Museo Faina. L'assessore Rometti: la cultura come risorsa economica

Organici carenti presso i circoli stradali della Provincia. Lo evidenzia in un'interrogazione il capogruppo provinciale SDI Marinelli

Accolta con successo a Palazzo Rospigliosi di Roma la presentazione del prodotto turistico della provincia di Terni

Europa - Rwanda: la scuola primaria di Sferracavallo partecipa al progetto con un mercatino natalizio di solidarietà. Sabato in Piazza Olona a partire dalle 15,30

Giovani e associazionismo in Umbria: scarsa la motivazione per una cittadinanza attiva. Emerge da una ricerca a livello europeo

I risultati a livello europeo

Ospedale senza pace: oltre alle deficienze di ordine sanitario la lotta politica per i primariati. Lo segnala Alleanza Nazionale

Finanziaria e coppie di fatto: 'Se l'ideologia prevale sulla ragione'

Torna domenica il 'Mercatino sotto l'albero' a Porano

Mobilità alternativa: soddisfazione del sindaco Mocio dopo l'incontro con le categorie. Altri incontri per non frammentare i problemi

La proposta complessiva: le linee d'intervento per il centro storico

Cara Orvieto... da 'Orvietato Sporgersi' lettera aperta alla Città