opinioni

Orvieto èvviva?

lunedì 10 dicembre 2007
di Nello Riscaldati
Io sono nato e vissuto in Orvieto, qui o poco lontano ho lavorato, qui ho cresciuto i miei figli e fatto tutte le cose solite e insolite che costituiscono la tiritera della trama della vita di ciascuno di noi. Sono, insomma, un orvietano. Un orvietano che ricorda di aver letto e sentito, decenni fa, gente nostra, dire, le stesse cose che oggi alcuni scrivono, e che anche io ho scritto, ed altri commentano sui vari media, circa la pigrizia, l’accidia, la passione per la “cecciata”, o la voluttà per la “solina” o per la “vasca” lungo il Corso. E invettive a non finire contro il potere politico dominante. Dal che se ne dedurrebbe che l’orvietano medio era ed è restato, più o meno, “’na coja”, con tutto il rispetto dovuto alle mille e oltre Orvieto d’Italia. Un cattedratico cazzuto ci definirebbe vittime di crisi di appartenenza, di identità e di rappresentanza. Gente che non si stima e che, di conseguenza, non viene stimata. Ma non è vero. Quello che è vero è che non sappiamo nemmeno di quale regione “veramente” facciamo parte, e forse non siamo nemmeno sicuri se, chi dovrebbe, per esempio la regione, ci ritiene veramente “facenti parte” di qualcosa. E fino a qui giù lacrime su lacrime, con le quali, ciascuno, irrorando l’altro, spera nel contempo di consolare se stesso. Ma vediamo un po’ come sono andate le cose, almeno secondo me. La rapida e totale conquista del potere nel 1945 consentì ai partiti di sinistra l’altrettanto rapida tessitura di una ragnatela fittissima dove, o per necessità o per convenienza, gli orvietani fecero a gara per incapparvi, adagiarvisi e fàrvisi avviluppare, e brigarono acciocché i loro discendenti potessero trovarvi posto. Famiglie intere o single venivano iscritti, talvolta d’ufficio, al partito o al sindacato, e addirittura alcuni nuclei familiari riuscirono, astutamente, a dividere i loro iscritti tra il partito comunista e quello socialista. La gestione ed il controllo del potere erano, insomma, totali. Per chi rimaneva fuori, oltre alle raccomandazioni a livello centrale, dato che al potere c’era la Democrazia Cristiana e qui avevamo un senatore, rimaneva la scelta sul continuare a stare a “ceccia” su qualche scalino o tentare di aggirare la ragnatela e andarsene. Alcuni l’hanno fatto, ma in pochi se ne sono accorti. In occasione delle elezioni i partiti mettevano in campo un servizio invalidi, uno ammalati e un servizio ristoro, un po’ come si usa oggi con i senatori a vita nel caso che Il Governo chieda la fiducia. Importantissima poi era la figura del “segnatore”. Di colui, cioè, che munito dell’elenco degli elettori, di matita e di blocco, segnava chi andava a votare, indicando a pattuglie veloci di attivisti i ritardatari. Dall’alto dei suoi quaranta e rotti metri, metaforicamente, si intende, i quattro occhi della torre del Moro, controllavano, giorno e notte, tutti i movimenti, gli atti e i pensieri dei single e della massa, dal bracciante all’artigiano, dal bottegaio al portantino, dal professionista all’imprenditore. Licenze, appalti, permessi, concessioni, assunzioni etc, erano un po’ le braccia di questo Grande Fratello onnipresente, tramite il sindacato, le cooperative, la scuola, le associazioni, etc. Oggi l’acqua s’è un po’ abbassata e la papera galleggia male, ma le radici sono ancora profonde e la ragnatela ancora consistente. Per qualche decennio siamo stati convinti che non si potesse dare cultura se non ci si dichiarasse di sinistra perché le due cose andavano a confondersi in una sola, e gli “intellettuali” potevano definirsi tali solo se di orientamento mancino e cantanti le pene del mondo delle quali si erano arrogati l’esclusiva. E se qualcuno avesse per caso avuto velleità d’intelletto, trovava persino naturale oltreché conveniente, iscriversi a qualcosa purché fosse di sinistra, perché così era più facile introdursi sul mercato ed essere riconosciuti dai mercanti. Una scusante di questo stato di cose era che l’intellettualità di “destra” era ed ancora è, in crisi di identità, ed in stato di latenza assoluta. Le molte voci di presa di coscienza e di critica che oggi si leggono o si ascoltano hanno, forse per la prima volta, un’occasione, se non per rovesciare il tavolo, quanto meno per tentare di sedervisi attorno. A condizione però che la smettano di commiserarsi, di piangersi addosso, di dire tutte le stesse cose e di essere tutti d’accordo con chi le dice e finirla lì. A condizione di uscire dall’anonimato e dalla timidezza ed evidenziare la propria fisicità in modo da far numero, da prendere iniziative e conferirsi visibilità. Perché solo il numero impensierisce il potere in quanto i numeri significano voti e senza voti il potere si affloscia. E bisogna essere in tanti se si vuole tentare l’assalto al Palazzo d’Inverno altrimenti si rischia di restare a borbottare per altri decenni nei cupi antri della fortezza Bastiani, nel deserto dei Tàrtari. E’ necessario perciò che i giovani che credono nel cambiamento, dopo averlo utilizzato, scendano dal web, si incontrino, discutano, si organizzino, concludano e decidano di crescere, di numero e in speranza, tutti insieme, senza “ismi” di nessun genere, se veramente credono di avere il diritto e la forza di migliorare la situazione politica, amministrativa e culturale della nostra città. Se non ora quando, regà? Le elezioni del 2009 sono qui!

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 gennaio

Tempo di consuntivi per la Polizia Municipale che onora San Sebastiano patrono

"La crisi del centro storico sta trascinando l'intero territorio in un baratro"

All'Unitre Claudio Lattanzi presenta "Amore e sesso al tempo degli Etruschi"

De Martino e Ciclodromo, passeggiata di co-progettazione per la riqualificazione

Sacripanti (GM) sollecita interventi a favore di Via Postierla

Istituita la cabina di regia regionale per la programmazione della rete scolastica

Questione CrO, Fumi: "Fondazione eserciterà tutti i suoi diritti"

Patrimonio zootecnico e faunistico, firmata la convenzione con le guardie ecozoofile del Wwf

Roberta Mezzabarba presenta il romanzo "La lunga ombra di un sogno"

Progetto di fusione tra Giove e Penna in Teverina, insediata la commissione intercomunale

Discarica "Le Crete", dal Pci reiterazione della diffida alla Regione

Sanità, convocato l'incontro in Regione per il superamento del precariato

Il Museo Etrusco "Claudio Faina" si dota del canale YouTube

"Seminari Francigeni". Giovani a raccolta per la valorizzazione della Variante Cimina

Interrogare è anche scegliere

Nogesi: "Geotermia, finalmente cadono due tabù"

Fondi in arrivo per Montecchio. Gori: "Puntiamo su archeologia, turismo e qualità della vita"

La Regione chiarisce in merito alle denunce del Wwf: "Il contenimento del cinghiale non è attività di caccia"

Terza giornata dedicata all'orientamento dei futuri studenti

Piattaforma digitale del Comune, tutti i numeri di un successo

Lina Sastri si racconta al Teatro Mancinelli con "Appunti di viaggio. Biografia in musica"

La Consulta delle Fondazioni umbre stanzia 450.000 euro con il "Bando di Idee"

"Notte di Follia" al Lea Padovani tra Anna Galiena e Corrado Tedeschi

Palazzo dei Congressi, "adesso sulle norme di sicurezza la struttura è in regola"

In Umbria 900 maestre "sulla strada" per la sentenza del Consiglio di Stato. Cobas: "Subito un decreto legge"

"Mamma...li Turchi!" al Teatro Boni per un pomeriggio di musica popolare

"Metodologie dello scavo archeologico: la tomba a casetta di Sferracavallo"

Colazione del buttero e benedizione degli animali per Sant'Antonio Abate

"Rugby al Centro". Campo insolito per gli amanti della palla ovale

Bar Montanucci

Al Palazzo dei Sette, incontro su "Le ragioni del Classico. Lavoro: quanto, quale, come..."

Verso "Orvieto in Fiore 2017". Esperienze di terremoti e rinascite a confronto al Palazzo del Popolo

Sisma nel Centro Italia, scosse avvertite anche nell'Orvietano. Evacuate le scuole

Minoranze: "Con Germani sta tornando la 'tela del ragno' fondata sulle clientele e sulla spesa facile"

Arte e Scienza per il weekend all'Unitre

Incontro tra Comune e albergatori. Dagli introiti della tassa di soggiorno, nuova linfa al turismo

Siglato il secondo patto di collaborazione, nuova sede per la Pro Todi e cooperazione per le iniziative culturali

Disperato appello delle famiglie con figli disabili: "La Regione ci aiuti"

La Zambelli Orvieto può contare sulla duttilità di capitan Serena Ubertini

Nuova scuola per il Vannucci, nuovo indirizzo Liceo Musicale del Calvino

Modalità per le donazioni destinate al ripristino dei servizi sanitari danneggiati dagli eventi sismici

Contrasto all'immigrazione clandestina, controlli straordinari interforze in tutta la provincia

Sottoscritto l'accordo di rete per attività formative e di ricerca tra Fondazione per il Csco e Centro Studi Città di Foligno

Carcere di Via Roma, il direttore ribadisce: "Nessuna chiusura"

Forti scosse, il Centro Italia continua a tremare. Chiuse tutte le scuole dell'Umbria

Battuto ogni record. Chiusa la mostra fotografica dedicata ai giovani nel futuro

Niente eolico sul Peglia, InnovaWind Srl non presenta il ricorso

"L'Umbria tra Toscana e Marche". Presentato il rapporto economico sociale 2016-17 dell'Agenzia Umbria Ricerche

Terza edizione del Premio Letterario "Città di Lugnano in Teverina"

Tajani nuovo presidente del Parlamento europeo, annuncia viaggio nelle zone terremotate

Cecchini riunisce il Tavolo Verde, massimo impegno nelle aree terremotate

RFI, aggiornamento traffico ferroviario post-terremoto

Protezione civile impegnata su doppia emergenza per nuove scosse e maltempo

Verifiche nelle scuole di tutta la provincia. Sindacati: "Disparità di trattamento"

Bando Ccn, pubblicata la graduatoria provvisoria. Orvieto per Tutti: "Un altro passo avanti"

Docenti e Ata di Ipsia e Artistico si dissociano dal documento della discordia

Lo Spazio Pensilina dà il via agli eventi con il Distretto Turistico dell'Etruria Meridionale

Nuovo video per Francesco. Questa volta si "vola" in Toscana

Carcere, prosegue lo stato di agitazione. Il Sappe chiede l'apertura di un tavolo di trattativa

Costantino D'Orazio presenta "Raffaello segreto. Dal mistero della Fornarina alle Stanze vaticane"

Nuove funzioni e deleghe agli assessori di Città della Pieve

La differenziata

Una Zambelli Orvieto indomita smonta il Castelfranco

Libertas Pallavolo Orvieto superata in trasferta da Appignano

Lista Civica Per Fabro con Larocca: "Lontani dai centri del potere"

Emanuele Fiorini (Lega Nord): "Porteremo la questione in consiglio regionale"

Tra intelligenza emotiva ed emozioni intelligenti

"Paese che vai...poesia che incontri", c'è il bando per partecipare all'antologia

Area interna dell'Orvietano, le considerazioni dell'associazione Val di Paglia Bene Comune

Il Lions Club avvia il service per valorizzare il merletto orvietano

Con "Una piccola, grande vita" Zelinda Elmi emoziona San Venanzo

Vetrya Orvieto Basket sconfitta solo nel finale da Atomika Spoleto

Orvietana a bocca asciutta. Piscopiello: "Usciamo da Nocera con qualche rammarico"

Conferenza del Rotary su "Gli affreschi della Cappella del Corporale: una rete di immagini"

Seconda edizione per "Presepi in Vetrina", in sala consiliare la premiazione

L'Albero di Antonia scrive alle istituzioni: "Chiediamo un efficace sistema antiviolenza"

Piazza Ippolito Scalza parzialmente chiusa al transito ancora fino a mercoledì

Caccia, Regione e Consulta venatoria avviano l'iter delle riforme della normativa

Progetto "Incontri in biblioteca: vi racconto una storia" per l'Unitre dell'Alto Orvietano

Semplificazione amministrativa, la Regione lancia la consultazione attraverso la rete

Lunedì di disagi per i pendolari sulla direttissima Orte-Roma

"Per evitare le accuse la Regione persegua una politica seria sui rifiuti"

Il Circolo del Pd tira le orecchie all'amministrazione per il suo immobilismo

Disco verde al progetto definitivo di miglioramento della viabilità interna di Osarella

Da febbraio nuove tariffe per le mense scolastiche. Ecco le modifiche al servizio

Palazzo Monaldeschi: i fondi ritardano, il Comune sollecita

Carnevale Aquesiano, tutti gli appuntamenti in arrivo

Carnevale al Palazzo dei Sette, c'è il "Veglioncino per bambini" della Croce rossa

A Porta d'Orvieto "Realizza il tuo Carnevale". Laboratorio creativo con Alessia Biondi

Fine settimana all'Istituto Agosti per la 23esima edizione di "Scuola Aperta"