opinioni

Casermone: la soluzione sognata

venerdì 16 novembre 2007
di Nello Riscaldati
Capita in queste uggiose, brevi giornate di novembre, e specie nel primo pomeriggio, giusto appena mangiato, di scivolare su quel dondolìo del dormiveglia il quale, se non interrotto da grida o sussurri è cosa veramente deliziosa da provare. Perché è proprio in tale stato che, spesso, ti appaiono visioni e ti si definiscono soluzioni addirittura verosimili anche per problemi definiti finora irrisolvibili, e questo forse perché il dormiveglia riesce a pilotarti nel giusto senso anche sui percorsi più contorti e a consentirti di raddrizzare qualche curva senza finire fuori strada. E fu così che, avendo letto molte cose sulla irrisolvibilità del problema del Casermone e sperimentando detto stato di grazia, mi trovai, in qualche modo coinvolto nel colossale problema. Ho immaginato quindi, all’inizio, di invitare in Orvieto, alcuni, pochi, tra i migliori urbanisti ed architetti sulla piazza del mondo ed andare quindi, insieme a loro, a passeggiare per un’oretta a due indagando così il Casermone in lungo, in largo, in alto e in basso con conseguente presa d’appunti scritta e mentale. Poi, sul far della sera, forse un po’ stanchi ma abbastanza coscienti della natura del problema, tutti in trattoria con lo scopo di elaborare idèe davanti ad una stufarola di fagioli con le cotiche sostenuti dal nobile vino della casa dell’oste. Perché è in questo contesto, come dicono le persone colte, che le idèe buone, piano piano, vengono fuori, si fanno strada e quindi s’impongono. Esordì un architetto di grido, il quale, assaporando voluttuosamente una còtica e succhiandosi con cura e discrezione un dito, ebbe a suggerire: “Deve essere qualcosa di molto importante e che, funzionando, produca incessantemente ricchezza, qualcosa, insomma, che si automantenga, e che, di conseguenza, dia lavoro e benessere a molta gente!” Un altro illustre convitato, intento, senza riguardo, a fare la scarpetta al piatto di fagioli, affondò le mani nel problema e cominciò ad argomentare: “Spianare tutto e realizzare un complesso di altissimo pregio. Qualcosa tra il “buen retiro” per miliardari soli e malinconici ed il luogo molto “in” dove è importante, per la gente che vuole contare, farsi vedere per incontrare la gente che già conta. La circolazione del contante ne sarà una necessaria conseguenza. “Giusto, ma io credo che la soluzione vada già abbozzata almeno nelle linee generali!” farfugliò un altro chiarissimo commensale, scolando il secondo bicchiere di rosso, e fece brillare il suo genio sussurrando il magico nome di Shan-gri-là, il luogo dell’eterna giovinezza. Confezionare, cioè, e pubblicizzare nel mondo Orvieto come il luogo dove non si invecchia. Il luogo dove l’aria, l’acqua, l’arte, e la crema planetaria dei chirurghi plastici, degli ortopedici “international”, dei fisiatri e dietologi cattedratici, dove le infermiere “veline”, i massaggiatori atletici e i maestri di nuoto e di ginnastica ti tolgono dieci anni in un mese. Ecco, questo potrebbe essere lo slogan, suggerì, versandosi il terzo bicchiere: “dieci anni in un mese”. Idea veramente formidabile. L’oste dall’orecchio lungo, sentite le ultime parole, così intervenne, deciso: “Oh! E l’ete capito regà che qui, si nun famo girà ‘r quatrino, so’ tutte dibbàttite, comitate e tavole rotonne che vorrebbe di’ che so’ tutte chiacchiere, e basta! E dunque, si se pole, vedemo de cavà ’n po’ de ‘ste mijarde a chi ce l’ha! E era ora, era! E che ce vole, l’argebbra?!” Verso la fine della cena qualcuno, rimasto abbastanza sobrio, parlò anche dei materiali: pietra tufo e legno e giardini, e alberi, alberi, alberi da avvolgere tutto, e poi “green”, tanto “green”! Un cattedratico calvo, tormentando con crudeltà una pipa spenta, azzardò l’idea di inserire nel tutto qualcosa di simile al “Billionaire” e illustrò inoltre, con dovizia di argomenti, la necessità di un eliporto per ospiti di riguardo o in incognito, e magari, volendo, qualche saletta riservata per una partitella fra amici inquattrinati in attesa di un futuro, possibile, “casinò”. L’oste, ronzante, non riuscì più a contenersi: “Brave, cocche, anze, aribbrave! So’ d’accordo su ‘nnicosa. Difatte adè così che ‘r quatrino gira, la gente lavora e ‘r conquibbuse se tiene! E ce voleva tanto a capillo, ce voleva. Brave! Ora, però, bisogna spanne la voce in giro e trovà ‘ste sorde, ma quelle però, visto ‘r posto e l’idea, a la fine se trovono, ‘ete voja si se trovono. Brave!” Un avventore, solitario, in un angolo, borbottò: E i valori? E le tradizioni? E le…” L’oste lo prese al volo: “Bono Richè, sta bono, che doppo trovamo posto a’nnicosa, trovamo, avoja te a valore, avoja,….ma, come ripeto, si ‘r quatrino nun gira che voe valorà. E invece così, come l’avemo congegnata nojartre, la cosa dovrebbe pijà via, e come. Solo che ma ‘st’ idèe nun gne se dovrebbe manco fa toccà terra. Perché ricordàtive tutte che ‘r monno è pieno de gente che cianno tante sorde e che nun sanno come spènnele e che nun vedono l’ora che qualcuno je dice come. E noe ‘emo tanto bisogno che ‘n po’ de ‘ste sorde vengono spese a Orvieto, ecco de che’emo bisogno, Richè!” Il dormiveglia fu interrotto a questo punto da un altoparlante che, dalla strada, strillava: “Domani sera, alle ore.. dibattito partecipativo, democratico, popolare sulla caserma “Piave”. La cittadinanza è,…..”

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 maggio

Cammino del Monte Peglia, sei giorni per abbracciare il cuore dell'Umbria

"Basta accattonaggio. Germani sveglia!"

Il generale Antonio Cornacchia e i segreti sul rapimento Moro

Orvieto FC Juniores Calcio a 5, non riesce l'impresa al primo turno dei play off

Caffè Chopiniano per l'Unitre

"Il mondo nella mia penna. La Serpara immaginata" - 1

Discarica, ultimo atto. Pci: "La Regione si impegni per una reale gestione dei rifiuti"

L'Olmo conquista il Palio della Palombella. Le classifiche di "Orvieto in Fiore 2018"

Convegno al Castello di Alviano su "Irrigazione, agricoltura di qualità"

"I Martedì del Classico". Guido Barlozzetti ragiona su "Confini"

Nella domenica di Pentecoste, Orvieto onora la tradizione della Palombella

"Estate di OperaExtravaganza". Concerti nel Giardino Segreto di Palazzo Piatti

"La Rivolta a Orvieto nel 1430". Conferenza di Antonio Santilli per l'Isao

Quarta edizione in Piazza del Popolo per il "Festival dello Studente"

"Al lavoro per l'Umbria". Presentato il documento di Cgil, Cisl e Uil per un nuovo progetto di sviluppo

Commemorazione Aldi. Pietretti: "Un evento simbolico che fa bene al nostro territorio"

Presentato il progetto "Umbria Viaggio nella Storia"

Fiona May e Ornella Vanoni al "Todi Festival". Presentato il programma 2018

"Family Help", prorogato al 31 maggio il termine per presentare le domande

Iniziato al Csco il "Summer School" delle università statunitensi

Vetrya Orvieto Basket, al via le final four per l'Under 20

Salta anche "Orvieto4Ever". L'edizione 2018 non vedrà la luce sulla Rupe

Campionati Europei Master Open di Alicante, la marcia orvietana è ancora d'oro

Il M5S invoca regole e responsabilità per gli eventi

"Il Maggio dei Libri", sfida in biblioteca

L'allarme dei sindacati: "Edilizia in crisi nell'Orvietano"

Madonna della Cava, annulati i festeggiamenti civili. Sbandieratori e musici allietano la processione

Pugnaloni 2018, il Gruppo "Rugarella" conquista la vetta della classifica

La scultura "50 sfumature di me. Donna" si aggiudica il concorso "D.O.N.N.A."

Orvieto, Montefiascone e Pitigliano ancora uniti sotto il segno di "Volcanic Wines"

Calato il sipario sui festeggiamenti di San Venanzio Martire

Azzurra Ceprini Orvieto. Francesco Tringali, assistente allenatore della A1 e della U18 e coordinatore del settore giovanile

In tanti per ammirare l'infiorata artistica in onore della Madonna Ss. del Poggio

Ceramiche e fiori al Pozzo della Cava, arriva "Oltre la finestra"

L'Unione Orvietana Rugby alla Cittadella del Rubgy di Parma

"Un fiore per la città" mette radici nella Chiesa di San Giuseppe Patrono

Fiamme in via Garibaldi, fatti evacuare gli ospiti di un B&B

Orvieto Basket vs Foligno, tutto pronto per la finalissima

Susanna Tamaro incontra e incanta la scuola primaria di Sferracavallo

Nicoletta Campanella presenta "Le più belle del reame" dedicato alle Rose Banksiae

La disciplina delle circolazione stradale. Ecco cosa cambia

Polizia in campo per il contrasto all'immigrazione clandestina

L'Oasi WWF Lago di Alviano partecipa alla 25esima edizione di "Giornata delle Oasi"

Festival al Museo delle Terrecotte, un successo di "Parole & Note"

Caccia. La giunta regionale approva il calendario venatorio 2015-2016

Pd: "Sì al campo polivalente, no alla devastazione dei giardini pubblici"

Versamento acconto Imu e Tasi 2015. Va effettuato entro il 16 giugno

Casaperazza in festa per Santa Rita da Cascia

Gli studenti dell'Università della Tuscia restaurano il busto di Innocenzo X e lo Stemma in Travertino di Gregorio XIII

"Ri-governare Orvieto" con Laura Ricci Sindaca: Politiche giovanili, Scuola, Formazione, Sport

"Ri-governare Orvieto" con Laura Ricci Sindaca: Sociale, Sanità, Diritto alla Salute

Ad Allerona: "I fiori nel piatto - Le erbe spontanee mangerecce, come riconoscerle, apprezzarle .. e mangiarli"

Verso la gestione integrata dei rifiuti nel comprensorio orvietano

A Orvieto l'open day dei servizi educativi per la prima infanzia

In manette gli "amanti della truffa", rubavano soldi agli anziani con travestimenti e storie strappalacrime

"Ri-governare Orvieto" incontra i commercianti e i gestori di locali del centro storico

Tentarono di svaligiare la gioielleria di Baschi, si costituisce il rapinatore

Giovedi, in Piazza della Repubblica la chiusura della campagna elettorale di Giuseppe Germani

Il mistero dei Templari nell'opera "orvietana" di Simone Martini

Con "Anime Parallele" Orvieto riscopre la Necropoli etrusca di Crocefisso del Tufo

[VIDEO] Presentazione di "Anime Parallele"

"Le Meraviglie" al cinema, il film di Alice Rohrwacher oggi nelle sale italiane

Da Castel Giorgio a Cannes un vortice di emozioni e attese

Dedicata a Luigi Mancinelli e Orvieto la puntata di "Note di Bianca" in onda su Sky Classica Hd (29 Maggio)

La Compagnia Mastro Titta porta in scena al Mancinelli "Flashdance"

Terzo e conclusivo precetto etico. Per non ulteriormente oltraggiare l'arte della politica

Andrea Ricci, sindaco uscente di Montegabbione, scrive ai cittadini a conclusione del suo mandato amministrativo

"Matriarché. Il principio materno per una società egualitaria e solidale"