opinioni

Avanti popolo...di Orvieto

lunedì 22 ottobre 2007
di Nello Riscaldati

Un secolo fa abbondante il popolo orvietano era costituito da artigiani mercanti, contadini, manovali, ortolani, pecorai, braccianti, bifolchi, signoroni, accattoni, fattori, sottofattori, bizoche, lavandaie, fattucchiere, mignotte, qualche ricco, molti preti e frati, tantissime monache. Dalla parte di Cannicella, uomini, donne e bambini abitavano ancora nelle caverne insieme a capre cavoli e maiali: Gente mite che non aveva mai visto un treno dato il fatto che in quelle contrade il treno non passa e loro non si muovevano di “casa” per paura che qualcuno fregasse loro il porco. Un popolo dove la meta delle donne si chiamava Maria e quella degli uomini Giuseppe, sempre accorciato, per risparmiare, in Peppe. Ma andava bene lo stesso. Ma già sul finire del secolo XX, storici, sociologi e antropologi annotano come molte delle specie suddette siano ormai avviate pressoché all’estinzione per essere via via sostituite da torme di politici, sindacalisti, aiuto-sindacalisti, pseudo-invalidi, pensionati-baby, portaborse, pendolari, raccomandatori e raccomandati, in calo le bizoche, in aumento le fattucchiere, le mignotte sono diventate “international” e, inoltre, abbiamo molti ricchi poco istruiti, molti istruiti poco ricchi, rari i preti, rarissime le monache. Da questa mutazione, però, Orvieto non ne è uscita un granché bene. Non contenta di non essere stata capace di dare alla luce e alla storia una straccetto di santo che potesse appellarsi “da Orvieto”, la città ha poi anche sempre fatto in modo di espellere dalle sua mura, con onta e contumelia, come novelli “muffati”, le “cime” ivi nascenti e di ammosciare le sospettate potenziali “cime” che avevano commesso l’imprudenza di voler restare attaccati alle rupi natìe. Ma l’handicap incommensurabile dei tempi nostri, e che qualcuno afferma essere una sorta di punizione divina e del quale abbiamo tutti totale coscienza, è stato ed è rappresentato dalla scarsa consistenza e qualità della classe politica, sindacale ed amministrativa, sia di estrazione indigena, sia quella piombataci addosso dal circondario rurale, gente spesso assurta alle comodità dello scranno senza l’arte e l’alfabeto necessari, ma che però, constatato che il potere rende, si è data da fare senza posa, per conservarselo, aumentarselo e, potendo, tramandarlo, riuscendo ad espellere o a conformare a se stessa chiunque avesse manifestato la capacità di volare pur solamente qualche centimetro al di sopra delle oche. Un esempio per i dubbiosi è squadernato “in corpore vili” dal dove e dal come si è sviluppata la città nei tempi recenti. Infatti il passeggero di un elicottero intento a far rilievi al di sopra di Orvieto e vedendo case, casupole ed edifici che sembrano ruzzolati qua e là come per caso e sbatacchiati talvolta fino ad urtarsi e a rimbalzare, si dice che abbia esclamato: “Ma chi cazzo è stato a progettare e ad approvare i piani regolatori di questa città?!” Ed è questo proprio il dramma. Raramente abbiamo avuto politici che si siano elevati per più di mezza spanna al di sopra del pantano della mediocrità. Quei pochi che ci hanno provato sono stati sempre ricacciati sott’acqua così come succede nelle partite di pallanuoto ai giocatori potenzialmente pericolosi. Rarissimi poi coloro che hanno “amato” la città da loro amministrata. Tutti e sempre intesi a salvare gli equilibri tra partito e partito, tra collegio e collegio, tra capoccione e capoccione. E così il sindaco,l’assessore o il presidente di qualcosa non venivano e non vengono eletti (cioè scelti) tra i capaci e i competenti del ramo, ma designati durante le guerre notturne per bande tra partiti, alleati, appunto, per mantenere gli equilibri suddetti. E così, anno dopo anno, Orvieto, dopo essersi mangiata tutte le sue risorse, rischia alla fine di mangiarsi anche il suo malandato cuore nell’arrovellarsi sul come muoversi per tentare di uscire dal tunnel che l’avvolge da oltre sessanta anni e del quale non si scorge l’uscita. La finestra elettorale s’apre brevemente ogni cinque anni giusto per consentire ai politici di uscire allo scoperto e di recitare il celebre enunciato: “Facciamo il lecito e l’illecito affinché il popolo ci voti, ma non permettiamogli mai, una volta che ci ha votato, di romperci le palle con le sue petulanze.” Quindi la finestra si richiude mentre una voce suadente esorta: “Cittadini andate a casa! Cittadini restate a casa e pensate al buco dell’ozono. La politica fa male, le strade sono trafficate e puzzolenti, i piccioni vi cacano in testa, ma noi stiamo lavorando per voi e quindi lasciateci lavorare. Ce l’avete una casa? Sì? E allora andatevene a casa e non rompete le palle a chi si spende senza risparmio nell’esclusivo interesse del popolo lavoratore!” Nascosto in un angolo oscuro, un orvietano ignoto borbotta. (dica il lettore che cosa borbotta l’orvietano ignoto)


Questa notizia è correlata a:

Si è spento Nello Riscaldati

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 aprile

"Alviano, un castello da favola" tra proposte didattiche ed animazioni in costume

Quale venticinque aprile?

Oltre 250 persone alla presentazione del libro "Erminia Frezzolini. La signora della lirica"

Otto nuovi campioni regionali al Trofeo Arcobaleno Fidal

Premio Letterario Città di Lugnano, ecco i nomi che compongono la giuria

Numero Umbria Sanità, per abbattere le barriere tra il sistema sanitario e i cittadini

Arte in movimento al Colle del Duomo, visite guidate a passo di danza

Marini scrive a Ruggiano: "25 aprile da celebrare tutti uniti"

Gli ex sindaci di Todi scrivono al loro successore: "Riveda la sua posizione"

"Manciano Street Music Festival", dal 7 al 10 giugno l'edizione 2018

Problemi sulla Direttissima, pendolari dirottati sulla linea Lenta

Il messaggio dell'Amministrazione Comunale: "Viva il 25 Aprile, viva la Libertà"

Protocollo tra Comune e Unipg per studiare le proprietà cosmetiche e salutari delle argille

La Vetrya Orvieto Basket si aggiudica Gara 1 di Semifinale

La Biblioteca fiorisce di iniziative per "Il Maggio dei Libri 2018"

Orvieto accoglie i partecipanti de "La Carrareccia Liberata"

Piazza del Popolo, Piazza Vivaria e Piazza Corsica, ecco cosa cambia

Anche ad Orvieto arriva la Carta d'Identità Elettronica

Messa in sicurezza del muro, divieto di sosta in Via Cesare Nebbia

Presentato "Metamorfosi 2. Riciclo Creativo", un sogno di carta che si fa solidale

Ballata alla maniera di Faber

Zambelli Orvieto, una debuttante che comincia a fare paura

Caccia in Umbria, ecco la proposta di Calendario Venatorio 2018/2019 preadottata

"Italia Nostra invita la Soprintendenza umbra a formulare un parere che salvaguardi Orvieto"

Seconda edizione per "Orvieto a tutta birra". In Piazza del Popolo, la Festa della Birra Artigianale

Torna "Il Cantamaggio" a Ciconia, ecco come cambia la viabilità

Modifiche alla viabilità, il mercato trasloca in Piazza Cahen

Colpo di scena in Consiglio Comunale. Loriana Stella dimissionaria

Patto di amicizia fra Orvieto e Pesaro nel segno di Padre Gianfranco Maria Chiti

"Tentazioni", personale di pittura di Ioan Pascu al Centro Studi "Città di Orvieto"

Sei nuovi ingegneri "junior" dal Corso di laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni di Orvieto

"Voci del Sacro". Sabato 24 aprile a Guardea la "Passio secondum Joannem"

In difesa del Tribunale di Orvieto: interrogazione Belcapo in Consiglio. Barberani: "L'aria che tira non è incoraggiante"

Interrogazione Gialletti sulla disciplina transitoria riguardante gli allietamenti: "Tutti devono attenersi a delle regole". Il Sindaco: "a molti sfugge la distinzione tra allietamento ed intrattenimento"

"La scultura lignea in Italia, in Umbria e nella Diocesi". Sabato 24 aprile seminario a cura della associazione "Pietre Vive"

Episodi di vandalismo, a matrice politica e non, compiuti nel territorio comunale. Rosmini: "deplorevoli e frutto di stupidità"

Ancora su Commercio e Turismo. Chi discrimina chi?

Anas, i diserbanti utilizzati sulle strade di competenza non sono dannosi né per l'uomo né per l'ambiente

Effetto Stella: entra in Consiglio Cecilia Stopponi

Vicenda Grinta Srl. Tutto rimandato a fine maggio, l'azienda ha tempo un mese per trovare soluzioni concrete

"Dalla traccia alla prova. Il contributo dei RIS all'attività della Polizia Giudiziaria e della Magistratura": Fabro incontra i suoi illustri cittadini

L'Italia che non finisce di stupire. Assurda la proposta Fieg sulla tassa Internet per finanziare l'editoria

Guido Scorza: "L’idea è inaccettabile e giuridicamente illegittima. Nel Paese dei dinosauri paga sempre l'innovazione"

Il Gala perde e attende l'ultimo impegno. In arrivo il 1° Torneo Gala5

I legali degli indagati all'opera per il dissequestro: "in regola i permessi per costruire"

Lo stalking diventa reato autonomo. Non tutto è perfetto ma si esce finalmente dal silenzio

Viabilità, sicurezza e servizi all'area residenziale ed industriale di Bardano, respinta in Consiglio la mozione del Gruppo Misto

Corso di laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni di Orvieto: laureati altri otto ingegneri "junior"

Istituite forme di previdenza e assistenza complementare per il personale della Polizia Municipale

Il Comune di Orvieto aderisce alla Carta Europea per l'uguaglianza e le parità fra donne e uomini nella vita locale

Paolo Trippini scelto per concorrere al premio "Miglior Chef del Centro Italia"

Vauro e la Rai, tra nuovi partigiani e vecchi regimi

Le cave si stanno mangiando il bel Paese. Un contributo alla Settimana della Cultura

1600 euro i fondi raccolti dai Giovani Democratici per l'Abruzzo

25 aprile: "E' una ricorrenza di tutti, festeggiamola insieme". Molte le iniziative a Orvieto e nel Comprensorio

A Castelviscardo incontro tra Fausto Ermini e Massimo Tiracorrendo

A San Venanzo intitolazione della Biblioteca Comunale a Stefano Millesimi. Mostra personale di pittura dell'artista

Passeggiata ecologica a San Venanzo

La Sapienza intitola a Sante De Sanctis l'aula magna delle facoltà di Psicologia

A Montegabbione incontro su "La battaglia dimenticata". Pomeriggio sportivo con la cronoscalata Faiolo-Montegabbione

Ad Orvieto in mostra le opere di Paolo Antonini

"Un Canto per la Vita". Al Palazzo dei Congressi la Corale Polifonica della Cattedrale di Orvieto

25-26 aprile sull'altopiano dell'Alfina manifestazione di aeromodellismo

Partito da Orvieto il VII Giro Podistico dell'Umbria sotto il maltempo