opinioni

Avanti popolo...di Orvieto

lunedì 22 ottobre 2007
di Nello Riscaldati

Un secolo fa abbondante il popolo orvietano era costituito da artigiani mercanti, contadini, manovali, ortolani, pecorai, braccianti, bifolchi, signoroni, accattoni, fattori, sottofattori, bizoche, lavandaie, fattucchiere, mignotte, qualche ricco, molti preti e frati, tantissime monache. Dalla parte di Cannicella, uomini, donne e bambini abitavano ancora nelle caverne insieme a capre cavoli e maiali: Gente mite che non aveva mai visto un treno dato il fatto che in quelle contrade il treno non passa e loro non si muovevano di “casa” per paura che qualcuno fregasse loro il porco. Un popolo dove la meta delle donne si chiamava Maria e quella degli uomini Giuseppe, sempre accorciato, per risparmiare, in Peppe. Ma andava bene lo stesso. Ma già sul finire del secolo XX, storici, sociologi e antropologi annotano come molte delle specie suddette siano ormai avviate pressoché all’estinzione per essere via via sostituite da torme di politici, sindacalisti, aiuto-sindacalisti, pseudo-invalidi, pensionati-baby, portaborse, pendolari, raccomandatori e raccomandati, in calo le bizoche, in aumento le fattucchiere, le mignotte sono diventate “international” e, inoltre, abbiamo molti ricchi poco istruiti, molti istruiti poco ricchi, rari i preti, rarissime le monache. Da questa mutazione, però, Orvieto non ne è uscita un granché bene. Non contenta di non essere stata capace di dare alla luce e alla storia una straccetto di santo che potesse appellarsi “da Orvieto”, la città ha poi anche sempre fatto in modo di espellere dalle sua mura, con onta e contumelia, come novelli “muffati”, le “cime” ivi nascenti e di ammosciare le sospettate potenziali “cime” che avevano commesso l’imprudenza di voler restare attaccati alle rupi natìe. Ma l’handicap incommensurabile dei tempi nostri, e che qualcuno afferma essere una sorta di punizione divina e del quale abbiamo tutti totale coscienza, è stato ed è rappresentato dalla scarsa consistenza e qualità della classe politica, sindacale ed amministrativa, sia di estrazione indigena, sia quella piombataci addosso dal circondario rurale, gente spesso assurta alle comodità dello scranno senza l’arte e l’alfabeto necessari, ma che però, constatato che il potere rende, si è data da fare senza posa, per conservarselo, aumentarselo e, potendo, tramandarlo, riuscendo ad espellere o a conformare a se stessa chiunque avesse manifestato la capacità di volare pur solamente qualche centimetro al di sopra delle oche. Un esempio per i dubbiosi è squadernato “in corpore vili” dal dove e dal come si è sviluppata la città nei tempi recenti. Infatti il passeggero di un elicottero intento a far rilievi al di sopra di Orvieto e vedendo case, casupole ed edifici che sembrano ruzzolati qua e là come per caso e sbatacchiati talvolta fino ad urtarsi e a rimbalzare, si dice che abbia esclamato: “Ma chi cazzo è stato a progettare e ad approvare i piani regolatori di questa città?!” Ed è questo proprio il dramma. Raramente abbiamo avuto politici che si siano elevati per più di mezza spanna al di sopra del pantano della mediocrità. Quei pochi che ci hanno provato sono stati sempre ricacciati sott’acqua così come succede nelle partite di pallanuoto ai giocatori potenzialmente pericolosi. Rarissimi poi coloro che hanno “amato” la città da loro amministrata. Tutti e sempre intesi a salvare gli equilibri tra partito e partito, tra collegio e collegio, tra capoccione e capoccione. E così il sindaco,l’assessore o il presidente di qualcosa non venivano e non vengono eletti (cioè scelti) tra i capaci e i competenti del ramo, ma designati durante le guerre notturne per bande tra partiti, alleati, appunto, per mantenere gli equilibri suddetti. E così, anno dopo anno, Orvieto, dopo essersi mangiata tutte le sue risorse, rischia alla fine di mangiarsi anche il suo malandato cuore nell’arrovellarsi sul come muoversi per tentare di uscire dal tunnel che l’avvolge da oltre sessanta anni e del quale non si scorge l’uscita. La finestra elettorale s’apre brevemente ogni cinque anni giusto per consentire ai politici di uscire allo scoperto e di recitare il celebre enunciato: “Facciamo il lecito e l’illecito affinché il popolo ci voti, ma non permettiamogli mai, una volta che ci ha votato, di romperci le palle con le sue petulanze.” Quindi la finestra si richiude mentre una voce suadente esorta: “Cittadini andate a casa! Cittadini restate a casa e pensate al buco dell’ozono. La politica fa male, le strade sono trafficate e puzzolenti, i piccioni vi cacano in testa, ma noi stiamo lavorando per voi e quindi lasciateci lavorare. Ce l’avete una casa? Sì? E allora andatevene a casa e non rompete le palle a chi si spende senza risparmio nell’esclusivo interesse del popolo lavoratore!” Nascosto in un angolo oscuro, un orvietano ignoto borbotta. (dica il lettore che cosa borbotta l’orvietano ignoto)


Questa notizia è correlata a:

Si è spento Nello Riscaldati

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 gennaio

Complanare, nuova fase di spinta oleodinamica del ponte in acciaio

"Le Grandi Firme della Tuscia". In distribuzione il terzo numero dell'aperiodico di Letteralbar

Azzurra Ceprini A1. Palla a due al PalaPorano con San Martino di Lupari

Montelone, la Provincia scioglie il silenzio. La prossima settimana, il bando per i lavori stradali

In manette 22enne, rubò chioccia con tutti i pulcini

Larocca interrompe lo sciopero: "L'amministrazione continuerà a vigilare"

Approvato l'odg per inserire il "reato di tortura" nell'ordinamento italiano. Il plauso di Amnesty International

Esce "Studi Interrotti", l'album d'esordio de "Gli Scontati". Il 28 gennaio al Valvola

Sfilata di maschere e carri allegorici per la "Festa di Carnevale" di Porano

Torna a luglio la seconda edizione del Premio Letterario "Città di Lugnano"

Tir si ribalta in Autostrada, code e disagi bloccano il traffico

Due ristoranti "nostrani" alla sfida Tv di Alessandro Borghese

Lasciavano le auto su "quattro ceppi" e scappavano, beccata la banda del cric

Regione contro l’inceneritore in Umbria, ma i comitati chiedono garanzie sulle discariche

Garbini lascia, si dimette il sindaco di Castel Giorgio

Bollo per i veicoli di interesse storico o collezionistico: dal primo gennaio riduzione del 10 per cento

Auto alluvionate, Sacripanti (FdI-An) sollecita un nuovo bando per il risarcimento dei danni

Consiglio regionale, respinta la mozione sul "sostegno alla famiglia naturale"

Punti nascita, la presidente Marini rassicura: “Non sono previste altre chiusure”

"Ravensbrück. Il lager delle donne", gli scatti di Ambra Laurenzi al Palazzo del Popolo per il Giorno della Memoria

A Città della Pieve nasce il liceo musicale. Open Day di presentazione

"Internet e le nuove generazioni: ripartiamo dalla famiglia". Incontro conclusivo per "Famiglie al centro"

Differenziata lumaca, ora la Regione corre ai ripari: obiettivo 60% entro l'anno

Piano comunale di classificazione acustica, nulla di fatto. In standby le controdeduzioni

Kino-Workshop al Centro Viva. A lezione di linguaggio cinematografico

Incontro informativo sull'iniziativa comunitaria "Garanzia Giovani"

Jasmine Rossini: "Per la Zambelli Orvieto il campionato è aperto"

Cardinali al Sindaco: "Sul parco del Paglia ci dica cosa bolle in pentola"

Sanità, la giunta regionale umbra sospende il ticket intramoenia

Folklore e tradizione si incontrano per la seconda "Giornata delle Pasquarelle"

Il vescovo presiede i funerali di don Adelmo Ciurletti

Sacripanti (FdI-An) propone l'istituzione di un forum civico in materia di assistenza socio-sanitaria

Dall'orto al piatto. Dalla collaborazione fra le scuole, un progetto sperimentale

La Regione investe quasi 3 milioni di euro per finanziare la competitività delle aziende vitivinicole

Centro Studi, via allo "Spring Semester" della Kansas State University e della University of Arizona

Orvieto tra le sezioni Cai che hanno collaborato alla rete sentieristica-escursionistica umbra

Furti e atti vandalici al Fanello. Tardani: "L'amministrazione si attivi per garantire la sicurezza ai cittadini"

Il Consiglio dei Ministri commissaria L'Umbria e decide per la chiusura anticipata della caccia

Ballo in maschera al Teatro Boni. Musica e divertimento, come in una favola

Luciani sollecita la riqualificazione di Piazza del Commercio: "Come si sta muovendo il Comune?"

Il Comune ricorrerà al Consiglio di Stato, Germani: "Il terzo calanco non si farà"

Lo Sportello del Consumatore chiude i battenti: riflessioni sulla conclusione di un'esperienza

Rometti: "Per la Regione su Orvieto non ci sono assolutamente esigenze di ampliamento della discarica al terzo calanco"

L'assessore Cecchini: "Si è fatta ricadere sulle Regioni l’incongruenza fra le norme nazionali ed europee"

Contratti di Fiume, Minervini chiarisce la posizione delle associazioni private: "Fuori dalla Cabina di Regia".

Galanello Pd: "No al terzo calanco, l'obiettivo dell'Umbria è la minimizzazione dello smaltimento in discarica"

Il Circolo Pd di Orvieto Scalo al lavoro per la riqualificazione del quartiere

Scopetti e Taddei Pd: "No categorico al terzo calanco, Comune e Regione non devono mollare"

Il teatro amatoriale colora Monteleone. La rassegna al Teatro dei Rustici compie vent'anni