SCOPRI

Offerta Banner
99 euro per 30 giorni

opinioni

Avanti popolo...di Orvieto

lunedì 22 ottobre 2007
di Nello Riscaldati

Un secolo fa abbondante il popolo orvietano era costituito da artigiani mercanti, contadini, manovali, ortolani, pecorai, braccianti, bifolchi, signoroni, accattoni, fattori, sottofattori, bizoche, lavandaie, fattucchiere, mignotte, qualche ricco, molti preti e frati, tantissime monache. Dalla parte di Cannicella, uomini, donne e bambini abitavano ancora nelle caverne insieme a capre cavoli e maiali: Gente mite che non aveva mai visto un treno dato il fatto che in quelle contrade il treno non passa e loro non si muovevano di “casa” per paura che qualcuno fregasse loro il porco. Un popolo dove la meta delle donne si chiamava Maria e quella degli uomini Giuseppe, sempre accorciato, per risparmiare, in Peppe. Ma andava bene lo stesso. Ma già sul finire del secolo XX, storici, sociologi e antropologi annotano come molte delle specie suddette siano ormai avviate pressoché all’estinzione per essere via via sostituite da torme di politici, sindacalisti, aiuto-sindacalisti, pseudo-invalidi, pensionati-baby, portaborse, pendolari, raccomandatori e raccomandati, in calo le bizoche, in aumento le fattucchiere, le mignotte sono diventate “international” e, inoltre, abbiamo molti ricchi poco istruiti, molti istruiti poco ricchi, rari i preti, rarissime le monache. Da questa mutazione, però, Orvieto non ne è uscita un granché bene. Non contenta di non essere stata capace di dare alla luce e alla storia una straccetto di santo che potesse appellarsi “da Orvieto”, la città ha poi anche sempre fatto in modo di espellere dalle sua mura, con onta e contumelia, come novelli “muffati”, le “cime” ivi nascenti e di ammosciare le sospettate potenziali “cime” che avevano commesso l’imprudenza di voler restare attaccati alle rupi natìe. Ma l’handicap incommensurabile dei tempi nostri, e che qualcuno afferma essere una sorta di punizione divina e del quale abbiamo tutti totale coscienza, è stato ed è rappresentato dalla scarsa consistenza e qualità della classe politica, sindacale ed amministrativa, sia di estrazione indigena, sia quella piombataci addosso dal circondario rurale, gente spesso assurta alle comodità dello scranno senza l’arte e l’alfabeto necessari, ma che però, constatato che il potere rende, si è data da fare senza posa, per conservarselo, aumentarselo e, potendo, tramandarlo, riuscendo ad espellere o a conformare a se stessa chiunque avesse manifestato la capacità di volare pur solamente qualche centimetro al di sopra delle oche. Un esempio per i dubbiosi è squadernato “in corpore vili” dal dove e dal come si è sviluppata la città nei tempi recenti. Infatti il passeggero di un elicottero intento a far rilievi al di sopra di Orvieto e vedendo case, casupole ed edifici che sembrano ruzzolati qua e là come per caso e sbatacchiati talvolta fino ad urtarsi e a rimbalzare, si dice che abbia esclamato: “Ma chi cazzo è stato a progettare e ad approvare i piani regolatori di questa città?!” Ed è questo proprio il dramma. Raramente abbiamo avuto politici che si siano elevati per più di mezza spanna al di sopra del pantano della mediocrità. Quei pochi che ci hanno provato sono stati sempre ricacciati sott’acqua così come succede nelle partite di pallanuoto ai giocatori potenzialmente pericolosi. Rarissimi poi coloro che hanno “amato” la città da loro amministrata. Tutti e sempre intesi a salvare gli equilibri tra partito e partito, tra collegio e collegio, tra capoccione e capoccione. E così il sindaco,l’assessore o il presidente di qualcosa non venivano e non vengono eletti (cioè scelti) tra i capaci e i competenti del ramo, ma designati durante le guerre notturne per bande tra partiti, alleati, appunto, per mantenere gli equilibri suddetti. E così, anno dopo anno, Orvieto, dopo essersi mangiata tutte le sue risorse, rischia alla fine di mangiarsi anche il suo malandato cuore nell’arrovellarsi sul come muoversi per tentare di uscire dal tunnel che l’avvolge da oltre sessanta anni e del quale non si scorge l’uscita. La finestra elettorale s’apre brevemente ogni cinque anni giusto per consentire ai politici di uscire allo scoperto e di recitare il celebre enunciato: “Facciamo il lecito e l’illecito affinché il popolo ci voti, ma non permettiamogli mai, una volta che ci ha votato, di romperci le palle con le sue petulanze.” Quindi la finestra si richiude mentre una voce suadente esorta: “Cittadini andate a casa! Cittadini restate a casa e pensate al buco dell’ozono. La politica fa male, le strade sono trafficate e puzzolenti, i piccioni vi cacano in testa, ma noi stiamo lavorando per voi e quindi lasciateci lavorare. Ce l’avete una casa? Sì? E allora andatevene a casa e non rompete le palle a chi si spende senza risparmio nell’esclusivo interesse del popolo lavoratore!” Nascosto in un angolo oscuro, un orvietano ignoto borbotta. (dica il lettore che cosa borbotta l’orvietano ignoto)


Questa notizia è correlata a:

Si è spento Nello Riscaldati

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 novembre

Volontari nei supermercati, torna la "Giornata Nazionale della Colletta Alimentare"

L'armatura etrusca della "Tomba del Guerriero" va in esposizione in Germania

L'Istituto "Dalla Chiesa" in evidenza al Young G7 di Terni

Al "Moby Dick" marionette e matite svelano i segreti di Pinocchio

"Agisci oggi per cambiare domani". L'impegno del Lions Club nella lotta al diabete

Insieme per contrastare il diabete, l'Azienda Usl Umbria 2 sottoscrive la convenzione con sei onlus

Omphalos Lgbti: "Crociata medioevale contro i libri sulle famiglie"

Caos treni, Marini: "Stiamo lavorando per tutta la regione. Frecciarossa da Perugia ma anche su Orte"

Consiglio comunale straordinario sul futuro della sanità locale

"Tartaruga mon amour". Festa a sostegno delle attività integrate dell'Asd Tartaruga Xyz

Riparte da Sipicciano il progetto "LibriLiberi" con il seminario "Libera la Voce"

Femminicidio, le consigliere di parità: "Occorrono più iniziative e più risorse"

Addio a Pier Augusto Breccia, il Maestro della Pittura Ermeneutica

Geotermia, acqua, rifiuti e discariche al centro di un incontro pubblico

Cresce l'attesa per "Orte in Cantina", percorso enogastronomico itinerante con vini di qualità

A Palazzo Coelli, l'ISAO promuove una Giornata di Studi su Ippolito Scalza

Maratona dell'Olio, "l'oro verde per promuovere le nostre bellezze"

Pavimentazione di Via Manzoni ripristinata entro il primo semestre 2018

Giornata di Studi dedicata a S.Bonaventua di Bagnoregio nell'ottavo centenario della nascita

"Una voce contro il silenzio. Jazz contro la violenza sulle donne" al Teatro Boni

Stefano Stellati confermato presidente dell'Unione Giovani Commercialisti

Festa dell'Albero 2017, oltre cento nuove piantumazioni per favorire il ritorno dello scoiattolo rosso

Al Teatro Caffeina, Francesco Caringella presenta "Dieci lezioni sulla giustizia"

Cgil, Cisl e Uil presentano le buone prassi per la salute e la sicurezza nei posti di lavoro

Storia dell'Arte all'Unitre, Donato Catamo svela il mondo di Pablo Picasso

Attesa finita, si inaugura la Complanare. Tappa per tappa, il lungo iter

Sostenibilità ambientale, obiettivo cardine del Piano d'Ambito Regionale

"La Piazzetta" porta in scena la commedia "Purga e Cioccolato"

Con Teatro Studio parte la rassegna di corti teatrali in Biblioteca

"Ma io non me la cerco mai!". Due giorni di appuntamenti con l'Associazione Battiti

I Carabinieri celebrano la Virgo Fidelis, patrona dell'Arma

"Orvieto, ripartiamo insieme". Microfono aperto a Palazzo dei Sette

Iniziativa del comitato AdessoOrvieto per Matteo Renzi con il sindaco di Fabro Maurizio Terzino

A Villa Faina di San Venanzo la mostra "La protesta nuda" del pittore Massimo Musicanti

Le donne uccise in Italia nel 2012

Le iniziative parlamentari

Allo Scalo niente luminarie natalizie ma aiuti concreti agli alluvionati

Presso il Palazzo di Maria Bambina incontro su "Iniziazione cristiana di stile catecumenale"

Pane, Olio e Fantasia. Il programma

Al ridotto del Mancinelli grande emozione per la prima del progetto nazionale "Nati per la Musica"

Dal SII oltre 800mila euro di investimento per l'emergenza. Depuratori e impianti di distribuzione: "nessun problema di potabilità"

Dissesto idrogeologico, riunione Regioni-Ministro Ambiente. L'assessore Rometti: "Bene l'impegno del Ministro"

Avviata in Comune la raccolta di firme a sostegno dell'iniziativa referendaria sulle indennità spettanti ai parlamentari

Assistenza e consulenza sulle auto alluvionate

Iniziativa di solidarietà privata

Agevolazioni per acquisti di ferramenta ed utensileria

Il MaxiGiuli riapre sabato 24 novembre

La ORA di Fausto Paradiso operativa con le revisioni, officina in riapertura

La COAR della famiglia Anselmi ha riaperto ed è operativa

Assistenza gratuita sui pc alluvionati

La Autoforniture della famiglia Sborra operativa con servizio consegna ricambi

Danni per oltre 220 milioni di euro dalle alluvioni. La presidente Marini in Commissione Ambiente alla Camera

Alluvione. Come potremmo limitare i danni?

Olio consapevole con l'Associazione L'Albero di Antonia

Fine settimana dedicato all'olio. A Ficulle c'è "OlioDiVino"