opinioni

Evviva Rosy Bindi!!

venerdì 20 luglio 2007
di Davide Orsini
Attendevamo con ansia una donna che si candidasse alla guida del Partito Democratico. Lo ha fatto Rosy Bindi, e noi le siamo grati. Ho scritto “noi” nella speranza – e forse con un pizzico di presunzione – che questo piccolo atto di sostegno alla pratica democratica sia condiviso dai molti che hanno una idea piů alta della politica. Questa scintilla di democrazia scoppiata tra le foglie ingiallite di un Ulivo ormai al tramonto ha riacceso gli animi dei molti che non si rassegnano alla politica fatta fra le mura delle segreterie nazionali e locali, dove leader grandi e piccoli avrebbero la pretesa di stabilire a tavolino il progetto piů ambizioso degli ultimi anni. Cosě, se la candidatura di Veltroni ha suscitato qualche speranza di ricollocare il dibattito sul futuro del Paese all’interno di un discorso programmatico e ideale di ampio respiro (ma dai contenuti poco innovativi rispetto alla retorica ulivista di qualche anno fa), l’assenza di potenziali contendenti al ruolo di leader del Partito Democratico ci aveva fatto storcere il naso, anzi ci aveva fatto nuovamente incazzare. Il Partito Democratico secondo il pensiero di Fassino e di vari esponenti dei DS avrebbe dovuto rappresentare il “new deal” della politica italiana. Ma quale processo innovativo puň durare a lungo se le basi da cui parte sono fondate sul vecchio metodo della designazione dall’alto? Tale č apparsa l’investitura che i DS, per bocca del segretario, hanno concesso al sindaco di Roma. E per essere sicuri che la candidatura Veltroni fosse piů forte e fosse in grado di compattare il futuro partito (questa idea bolscevica dell’unanimismo č come la gramigna!!!!) hanno piuttosto esplicitamente dissuaso potenziali concorrenti dall’esercitare il diritto di candidarsi, sottraendo agli elettori quello di poter scegliere fra diverse opzioni. Se fossimo stati amanti del centralismo democratico (espressione elegante per dire che i leader decidono e gli altri fanno finta di partecipare votando senza indugi ciň che č stato stabilito) saremmo rimasti attaccati alle mammelle del vecchio PCI o di quello che ne rimane, disperso e ormai ridotto all’interno di mille sacche di conservatorismo unanimista e sindacale. Se questa era la strada scelta dagli “innovatori” che guidano i DS allora mi pare che la parola democrazia per tali signori sia rimasta una espressione vuota di significato, posta - all’occorrenza - come una ciliegina su svariate torte che sono state tirate fuori dal congelatore degli anni Settanta. Un congelatore dove si annidano vecchie perplessitŕ che in fondo in fondo rivelano una paura spasmodica degli elettori e della loro capacitŕ di giudizio. Gli elettori sono pecore a cui il buon pastore deve indicare la strada per non farle smarrire. Ma di questo dirigismo ingessato abbiamo ancora bisogno? NO!!! Ecco perché benediciamo la candidatura di Rosy Bindi. A quegli scettici che vedono nelle primarie una “Americanata” (ovviamente in senso dispregiativo, come sbagliarsi?) e che cinicamente affermano che il realismo della politica impone processi decisionali dettati dalla legge ferrea dell’oligarchia (partitica) avrei piacere di chiedere che cosa pensano che sia la democrazia. Avrei una voglia matta di portarceli tutti in America (chiusa parentesi politico-personale)!! Rosy Bindi č una donna, e nemmeno una donna da copertina, di berlusconiano conio, una di quelle che si candida per far piacere ai maschietti. Era ora! La Bindi č una donna battagliera, fiera, di uno spessore politico notevole. Una candidata vera insomma. Una che al momento ha trasformato una messa cantata per Walter Veltroni in vere primarie, lei che č una fiera cattolica consapevole che i valori non si impongono ma si propongono rispettando quelli degli altri. Io che sono distante da alcune posizioni di Rosy Bindi oggi le dico grazie per aver riconsegnato agli elettori democratici il diritto di confrontarsi e di scegliere. E le dico grazie per aver compiuto un gesto pedagogico, per cosě dire. La Bindi ha fatto capire a molti che i leader diventano tali attraverso la selezione democratica operata dagli elettori e non per designazione dall’alto. Le dico grazie perché forse ha dato ad altri il coraggio di candidarsi. Sarebbe auspicabile. Le dico nuovamente grazie perché (per ora) ha dato la possibilitŕ al Partito Democratico di presentarsi come un vero modello alternativo al “partito del leader”. Si fa un gran parlare di democrazia pensando che gli elettori siano fluttuanti schede elettorali con la funzione di legittimare le oligarchie di partito, e invece io credo che molte donne e molti uomini di questo Paese siano cervelli e cuori a cui dar voce e da ascoltare, perché da essi sorgono idee nuove per cominciare a cambiare.

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 novembre

Montegabbione e San Casciano dei Bagni nel piano nazionale "Borghi Italiani"

Nasce la Rete di storici per i paesaggi della produzione. "Sulle aree interne serve un'analisi interdisciplinare"

Ammucchiate a destra e a manca? Intelligenza politica e acume amministrativo, i rimedi per neutralizzarle!

Gnagnarini: "Benvenga il confronto, ma bisogna dire la verità"

Al Castello di Alviano Marco Invernizzi presenta "Errare è umano. Il giro del mondo in bicicletta"

In 400 alla manifestazione per dare un futuro diverso all'Amiata

I bambini e i ragazzi di Castel Giorgio incontrano lo scrittore Davide Morosinotto

Orvieto FC, la prima squadra del futsal pareggia contro i Grifoni

La Zambelli Orvieto nulla può contro Chieri

Parcheggi gratuiti per le feste? Minoranza: "Sarebbe un segnale importante"

"Campioni in Cattedra" con il Coni, il campione di canottaggio Matteo Mulas alla Scuola Primaria

Partita la campagna di vaccinazione antinfluenzale. Informazioni utili per la prevenzione

Nuova versione autunnale per "Osteria da Shakespeare & Co."

"Normativa sulla Cittadinanza". Istituto Scientifico e Tecnico a convegno sullo Ius Soli

Si presentano gli itinerari turistici sulle Abbazie e gli Eremi tra Valdichiana, Valdorcia e Amiata

CNA, necessario un nuovo patto per l'Umbria

Il convegno "Nato per donare" apre l'ottavo Memorial "Sauro Pietrini"

Open Day al Campus Etoile Academy con Rossano Boscolo

Dalla Slovacchia all'Umbria, ricevuta in Provincia una delegazione di Vajnory

Ricercatori e professionisti nel Consiglio Scientifico del CSCO

Trent'anni di Erasmus, un successo anche per l'Unitus

Torna il sorriso in casa Azzurra, prima del derby con la Pallacanestro Femminile Umbertide

Accattonaggio molesto, petizione della Lega Orvieto: "Il Comune si attivi"

"Orvieto è ancora una città medievale?". Confronto su identità e opportunità

Ko a Perugia per la Vetrya Orvieto Basket, brucia la prima sconfitta

"Olio e Farro" continua a crescere. Ciardo: "L'obiettivo è farne un marchio dell'Umbria"

L'Unitus vince la "Call for Universities" e vola al "Maker Faire" di Roma

Dalle proposte al progetto pilota, per sviluppare l'economia dei borghi umbri

Presentate all'assemblea dei soci le linee programmatiche dell'Asu

In Sala Consiliare, convegno su "Le linee guida per il Piano d'Ambito Regionale"

L'Unitus impegnata in prima linea nel progetto sulla fusione nucleare

Ilaria Bertinelli e Luca Puzzuoli al Merano Wine Festival

Le criticità dei lavori per la mitigazione del rischio idraulico ad Orvieto Scalo

Francesco Barberini vola in Piemonte con la LIPU a Racconigi

Amici della Terra: "Il sindaco asseconda la Regione e trasforma in un butto il territorio"

Mostra di pittura degli artisti Riccardo Sanna e Paolo Crucili dal 14 al 29 novembre nellÂ’ex Chiesa di San Rocco

Conoscere la Dislessia: un'altra lettura è possibile. A cura di AID, domenica 15 novembre conversazione e dimostrazione tecnica a "Venti Ascensionali"

Per la rassegna Migrazioni appuntamento al Carmine con "Frammenti di esistenze amorose". Sabato alle 21,00 - Sala del Carmine

Telematica - Colle si recupera mercoledi 18 novembre

L'Orvietano, terra da conquistare

Adottato a Porano il Piano Regolatore Generale parte operativa

Qualche notizia su "Insopprimibili vizi", il testo di Laura Ricci da cui il lavoro è tratto

"Lettere": uno dei racconti puzzle di "Insopprimibili vizi"

L'acqua del Senato è già privata. Lettera aperta del collettivo "Il Manifesto" al Sindaco Antonio Concina

Cresce la consapevolezza sulla dislessia. Il progetto AID "La scuola per tutti in Umbria"

Screening e formazione sulla dislessia: Orvieto apripista e punto di eccellenza già da alcuni anni

L'esperienza della Nuova Biblioteca Pubblica di Orvieto a "Umbrialibri 2009"

Straordinario successo di adesioni, ad Orvieto, per l'iniziativa "Sognando al Museo"

PalaCiconia, oltre 520mila euro di investimenti dal 2006 ad oggi

Incontro a Palazzo Bazzani fra Provincia e dirigenti scolastici

Open Office.org Conference: un successo per la città di Orvieto e per l'informatica libera

Lettera aperta di Maurizio Conticelli al Sindaco e al Presidente del Consiglio Comunale di Orvieto: un appello, al quale ci associamo, per evitare il web selvaggio. Akebia, editrice di Orvietonews.it, lavorerà per questo obiettivo

Il Consigliere Imbastoni preoccupato per il destino e i costi degli uffici pubblici soggetti a "sfratto"

Il piacere delle eccellenze. L'azienda agricola Vitalonga propone degustazioni e offerte in tandem "vino & cachemire". Tutti i giorni da domenica 16 novembre

L'Aprilia Orvieto perde di nuovo.

15 km a piedi per la scoperta del territorio. Tra Umbria e Lazio una valida proposta didattica dell'ISTP di Orvieto

Zona a Traffico Limitato: cattiva l'informazione verso i cittadini. Altra Città invia formale diffida

Solidarietà dell'assessore Maria Prodi alla rimossa Consigliera di parità nazionale Fausta Guarriello

Orvieto nell'Umbria migliore": Venerdì 14 novembre Conferenza programmatica del Partito Democratico. Ore15,00 a Palazzo dei Sette

Controlli del Commissariato: una denuncia per possesso e uso di atto falso

Finanziaria. La maggioranza boccia l'emendamento Bocci-Trappolino sulle mura di Amelia

Convegno "Alimenta la salute" a Palazzo del Popolo

Teatro Mancinelli, una sfida vinta. Gli abbonamenti crescono del 37%

Loriana Stella o “dello scompiglio”. Lettera aperta di Gianni Cardinali

Nuovo orario ferroviario. Ceccuzzi e Trappolino decisi a vigilare sul rispetto degli impegni di Trenitalia sul tratto Chiusi-Roma

O.K. all'Alta velocità ma che il progresso del Paese sia veramente per tutti. I pendolari chiedono certezze

Ecco il Regolamento per le primarie del PD in Umbria

Venerdì 14 Letture al Caffè con Daniele Barcaroli. La sera "Gente come uno" per la rassegna teatrale Migrazioni

Il governo accoglie l'odg Verini-Bocci-Trappolino per il superamento dell'emergenza Lago Trasimeno