opinioni

Dalla rinascita dei Mondiali alla rinascita dell'Italia

martedì 18 luglio 2006
di Davide Governatorini
Ad una settimana circa dalla trionfale partita di Berlino, che ha visto la nostra nazionale vincere i Campionati del Mondo, mi viene da fare delle riflessioni di carattere nazionale, ma poco di tipo tecnico-sportivo-calcistico, quanto pi di natura social-cultural-politica. In primo luogo, il calcio del bel paese, inquinato come forse non mai da scandali, truffe di varia ampiezza, era sotto processo; le sue squadre, i suoi uomini, i suoi giocatori, i dirigenti dopo averne combinate di tutti i colori erano sotto giudizio, il mondo politico e la societ civile si dividevano tra coloro che, senza alcuna piet, volevano pene esemplari e tra quelli che, se gli esiti delle performance in terra tedesca avessero dato il successo finale, amnistie condoni indulti avrebbero dovuto lavare tutte le macchie sporche. Di fronte a questo quadro di massima, l'italia squadra, comandata dal suo nocchiero Marcello Lippi,esprimendo una concretezza, versatilit, spirito di sacrificio, esperienza, (anche talvolta un po di fortuna) volont e fame di vittoria e riscatto, passo dopo passo, tra mille polemiche ed insulti internazionali, giudizi e processi sommari, tirava diritto verso la conquista dell'agognata coppa. Al termine della finale l'Italia Nazione si riversava nelle strade e nelle piazze di tutte le citt esultando e gioendo di questo importante risultato; tutti gli italiani si sono stretti in un virtuale abbraccio unitario. Questa, circa, la cronaca delle vicende da poco trascorse. Bh, queste hanno stimolato in me delle riflessioni e molte similitudini tra il mondo del calcio, da sempre forte espressione, specchio della societ civile italiana,,e lo stato dell'arte della vita socio cultural politico economica della nostra nazione. Come un flash, la vittoria del mondiale di Spagna del 1982 mi tornata in mente: allora tredicenne, si iniziavano i "fantastici" anni ottanta; quella vittoria segn l'apice massimo della vita della prima repubblica e allo stesso tempo ne segn pure l'inizio della fine, che poi sfoci definitivamente in tangentopoli, causando le conseguenze sociali e politiche che oggi tutti ben conosciamo. Questa del 2006, come vittoria, come per un disegno pi grande viene a fronte di un periodo travagliato pieno di recessione, difficolt, un po anestetizzato da una finzione mediatica che metteva in luce un paese pieno di lustrini e paillettes, veline e calciatori, una facciata bellissima, stupenda, ma purtroppo vuota, priva di contenuti e solo zeppa di "isole", "case", "fattorie", ecc. Questa vittoria ha visto il popolo italiano scendere nelle piazze, festeggiare, unirsi e stringersi intorno a questa bella conquista con un'energia e forza che nasconde dentro di s la voglia e il bisogno di un qualcosa di pi reale, tangibile e soprattutto concreto. La festa ha fatto saltare un tappo che ha permesso la fuoriuscita di tutti gli italiani, giovani e meno giovani, sportivi e non, donne e uomini, li ha uniti in quello che era il bisogno di riscatto, di rivincita. Anche nella vita di ogni giorno c' forte questo bisogno, questo ritrovarsi insieme, unirsi nella gioia della festa, esprimere uno spirito univoco che ultimamente, nei mesi scorsi era stato fortemente messo in discussione. Bene, l'ITALIA nazione come l'ITALIA nazionale di calcio ha la stessa forza e capacit e soprattutto il germe culturale per poter ripartire con uno spirito nuovo; la vittoria del 2006 segna una nuova era, una nuova stagione della storia repubblicana. Spetta a tutti quelli che hanno festeggiato e non, poter scrivere, partecipare, mettere entusiasmo ed energie in ogni attivit, esprimendo, come hanno fatto i giocatori, le migliori doti e qualit. Un grande paese deve poter crescere ancora, aprirsi ad una nuova stagione dove l'unit e l'insieme siano le armi vincenti, dove ogni singolo possa essere valorizzato al meglio. ovvio, ognuno ha il proprio ruolo e la propria posizione nella vita sociale, nel gioco delle parti, in tutti gli ambienti, ma se usciamo da schemi vecchi ed obsoleti, poniamo alla base dell'umano operare valori e speranze certe e possibili, questa nuova tappa sar scritta nel migliore dei modi. Partendo dalle ceneri di un qualcosa che non aveva basi solide, da una maschera che non mostrava nulla al suo interno e alla prova dei fatti non ha prodotto alcunch, potremmo generare una nuova Italia amata dal suo popolo con le sue peculiarit e qualit migliori come seme di rinascita. Dal dopoguerra ad oggi ogni generazione ha vissuto una vita migliore di quella precedente, oggi per noi la difficolt sta proprio nella sfida di poter migliorare ancora, realizzando un paese moderno nel quale i cittadini siano protagonisti e abbiano forti tra di loro lo spirito di solidariet, sviluppo, opportunit, e che ci sia alla portata di tutti colmando il divario sociale che ostruisce e rende difficile la vita a troppi. Animati da tutto ci non facciamoci sfuggire questa opportunit grande di scrivere una nuova, vera, e soprattutto migliore pagina della nostra storia. W L'ITALIA.

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 dicembre

Trentini (Cisl): "Giubileo della Misericordia, occasione per un turismo di qualità"

Incarichi legali, Olimpieri (IeT) chiede spiegazioni a Germani

Natale...in cultura con l'anteprima del "Premio Letterario Città di Lugnano"

"I Presepi del Borgo" impreziosiscono Benano. Le iniziative in arrivo

E' polemica sui rifiuti, Germani non molla. Dubbi sulla posizione della Regione

Nardecchia, la classifica, i giovani, le aspettive: "L'unità d'intenti speriamo ci porti lontano"

La Itw Lkw in Regione: "Impianto geotermoelettrico compatibile"

Geotermia, Sindaci e Comitati: "Pericolo inquinamento falde e microsismicità"

Dicembre 2015, tutti gli eventi a Orvieto e nell'Orvietano

"L’uomo dello scandalo" è il tema del 27esimo Presepe nel Pozzo

I pendolari Orvieto-Terni ringraziano

"I contratti di fiume e di lago come metodo partecipato ed innovativo di gestione sostenibile del territorio"

Vetrya Orvieto Basket inaugura il girone di ritorno con l'ostico Fratta Umbertide

Ladra a caccia di turisti beccata in centro, sul suo conto 30 segnalazioni

Seconda "Notte dei Regali" in arrivo. Musica dal vivo e sconti nei negozi aperti

Via ai controlli sugli impianti termici. Sono 70mila in tutta la provincia

Con "Aspettando... Jazzù" il centro storico si colora di musica

Geotermia, le posizioni di Leonelli e Ricci

La tomba etrusca a Città della Pieve si presenta al pubblico

Caos discarica, FdI-An, FI e IeT chiedono le dimissioni dell'assessore Cecchini

Forza Italia prende le distanze dalla minoranza consiliare sull'Urban Vision Festival

"Linux Party" all'Istituto comprensivo Orvieto-Baschi

Disservizio alla linea dati. Il Comune di Allerona scrive a Telecom Italia

"Gioia al mondo": l'augurio in musica del Coro Polifonico di Castel Viscardo

Gallinella (M5S): "Il neopresidente della commissione regionale consenta azione incisiva"

Il Panathlon Club presenta la pubblicazione "Orvieto. Giochi senza frontiere"

"Natale alla Cava", disciplina del traffico e della circolazione stradale

Mercatino CittaSlow in Piazza della Repubblica. C'è anche il Pastificio Rummo

"Un dono per un dono". Mercatino della Croce Rossa in Piazza Gualterio

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

Il M5S Acquapendente e Alta Tuscia irride il Pd sul nodo ospedale

L'Isao inaugura l'anno accademico con il "Concerto di Natale" per pianoforte e orchestra

Mostra di Presepi all'ex Convento S. Giovanni Battista di Celleno

Video e progetti all'assemblea degli ex alunni del Liceo Classico "F. A. Gualterio"