opinioni

Dalla rinascita dei Mondiali alla rinascita dell'Italia

martedì 18 luglio 2006
di Davide Governatorini
Ad una settimana circa dalla trionfale partita di Berlino, che ha visto la nostra nazionale vincere i Campionati del Mondo, mi viene da fare delle riflessioni di carattere nazionale, ma poco di tipo tecnico-sportivo-calcistico, quanto pi di natura social-cultural-politica. In primo luogo, il calcio del bel paese, inquinato come forse non mai da scandali, truffe di varia ampiezza, era sotto processo; le sue squadre, i suoi uomini, i suoi giocatori, i dirigenti dopo averne combinate di tutti i colori erano sotto giudizio, il mondo politico e la societ civile si dividevano tra coloro che, senza alcuna piet, volevano pene esemplari e tra quelli che, se gli esiti delle performance in terra tedesca avessero dato il successo finale, amnistie condoni indulti avrebbero dovuto lavare tutte le macchie sporche. Di fronte a questo quadro di massima, l'italia squadra, comandata dal suo nocchiero Marcello Lippi,esprimendo una concretezza, versatilit, spirito di sacrificio, esperienza, (anche talvolta un po di fortuna) volont e fame di vittoria e riscatto, passo dopo passo, tra mille polemiche ed insulti internazionali, giudizi e processi sommari, tirava diritto verso la conquista dell'agognata coppa. Al termine della finale l'Italia Nazione si riversava nelle strade e nelle piazze di tutte le citt esultando e gioendo di questo importante risultato; tutti gli italiani si sono stretti in un virtuale abbraccio unitario. Questa, circa, la cronaca delle vicende da poco trascorse. Bh, queste hanno stimolato in me delle riflessioni e molte similitudini tra il mondo del calcio, da sempre forte espressione, specchio della societ civile italiana,,e lo stato dell'arte della vita socio cultural politico economica della nostra nazione. Come un flash, la vittoria del mondiale di Spagna del 1982 mi tornata in mente: allora tredicenne, si iniziavano i "fantastici" anni ottanta; quella vittoria segn l'apice massimo della vita della prima repubblica e allo stesso tempo ne segn pure l'inizio della fine, che poi sfoci definitivamente in tangentopoli, causando le conseguenze sociali e politiche che oggi tutti ben conosciamo. Questa del 2006, come vittoria, come per un disegno pi grande viene a fronte di un periodo travagliato pieno di recessione, difficolt, un po anestetizzato da una finzione mediatica che metteva in luce un paese pieno di lustrini e paillettes, veline e calciatori, una facciata bellissima, stupenda, ma purtroppo vuota, priva di contenuti e solo zeppa di "isole", "case", "fattorie", ecc. Questa vittoria ha visto il popolo italiano scendere nelle piazze, festeggiare, unirsi e stringersi intorno a questa bella conquista con un'energia e forza che nasconde dentro di s la voglia e il bisogno di un qualcosa di pi reale, tangibile e soprattutto concreto. La festa ha fatto saltare un tappo che ha permesso la fuoriuscita di tutti gli italiani, giovani e meno giovani, sportivi e non, donne e uomini, li ha uniti in quello che era il bisogno di riscatto, di rivincita. Anche nella vita di ogni giorno c' forte questo bisogno, questo ritrovarsi insieme, unirsi nella gioia della festa, esprimere uno spirito univoco che ultimamente, nei mesi scorsi era stato fortemente messo in discussione. Bene, l'ITALIA nazione come l'ITALIA nazionale di calcio ha la stessa forza e capacit e soprattutto il germe culturale per poter ripartire con uno spirito nuovo; la vittoria del 2006 segna una nuova era, una nuova stagione della storia repubblicana. Spetta a tutti quelli che hanno festeggiato e non, poter scrivere, partecipare, mettere entusiasmo ed energie in ogni attivit, esprimendo, come hanno fatto i giocatori, le migliori doti e qualit. Un grande paese deve poter crescere ancora, aprirsi ad una nuova stagione dove l'unit e l'insieme siano le armi vincenti, dove ogni singolo possa essere valorizzato al meglio. ovvio, ognuno ha il proprio ruolo e la propria posizione nella vita sociale, nel gioco delle parti, in tutti gli ambienti, ma se usciamo da schemi vecchi ed obsoleti, poniamo alla base dell'umano operare valori e speranze certe e possibili, questa nuova tappa sar scritta nel migliore dei modi. Partendo dalle ceneri di un qualcosa che non aveva basi solide, da una maschera che non mostrava nulla al suo interno e alla prova dei fatti non ha prodotto alcunch, potremmo generare una nuova Italia amata dal suo popolo con le sue peculiarit e qualit migliori come seme di rinascita. Dal dopoguerra ad oggi ogni generazione ha vissuto una vita migliore di quella precedente, oggi per noi la difficolt sta proprio nella sfida di poter migliorare ancora, realizzando un paese moderno nel quale i cittadini siano protagonisti e abbiano forti tra di loro lo spirito di solidariet, sviluppo, opportunit, e che ci sia alla portata di tutti colmando il divario sociale che ostruisce e rende difficile la vita a troppi. Animati da tutto ci non facciamoci sfuggire questa opportunit grande di scrivere una nuova, vera, e soprattutto migliore pagina della nostra storia. W L'ITALIA.

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 ottobre

"Frantoi Aperti" compie vent'anni. Eventi a macchia d'olio nei borghi dell'Umbria

"Autunno. Archeologia, Arte, Architettura", quattro incontri alla Rocca dei Papi

La Zambelli Orvieto si ferma sul più bello e cede il passo a Caserta

Liste d'attesa...di morire

Orvieto FC, secondo anno di iscrizione a tutti i campionati della Figc

Gloria in Excelsis Deo

A Sferracavallo Dom Quix realizza un'opera murale dedicata ad Aldo Netti

"Festa dell'Aria". Parrano BioDiversa riflette su qualità dell'aria e cambiamenti climatici

Erasmus+, tra gli studenti che partecipano anche quelli dell'Agrario di Fabro

"Il Governo eroghi risorse necessarie alla gestione dei servizi da parte della Provincia"

Pampepato, via al percorso per il riconoscimento della certificazione Igp

"World Francigena Ultramarathon", domenica l'arrivo dei partecipanti

Volatili

Nuova sede di Cittaslow International, incontro con il presidente Stefano Pisani

La Fondazione "Peres center for peace" premia la presidente della Regione Catiuscia Marini

Zambelli Orvieto scontenta ma pronta a lavorare per migliorare

Sì della giunta al Piano per il passaggio a tariffa puntuale sui rifiuti

Amerina, convenzione tra Comune e Provincia per concessione di aree di pertinenza stradale

Sì al progetto per opere di urbanizzazione in vocabolo Fosso Fanello

Giornate della Castagna, nel secondo weekend arriva il Palio degli Asini

Rinnovato il Consiglio Provinciale dell'Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Perugia

"Ospedale da campo. Memorie di un medico cattolico dalla guerra di Libia a Caporetto"

Il punto di Guido Barlozzetti: "Una brutta notizia"

Riscaldamento in Via Scalza, Olimpieri (IeT): "In assenza di interventi Ater, provveda il Comune"

"La Libreria dei Sette di Orvieto compie 95 anni...e adesso rischia la chiusura. Parliamone!"

Autunno ricco di proposte alla Biblioteca Comunale

Il Boni pronto a volare. Aperta la campagna abbonamenti, via alla nuova stagione teatrale

Sogni incrociati

Bollette pazze, Olimpieri (IeT) chiede conto con un'interpellanza dell'accaduto

L'Istituto Agrario di Fabro vola in Sicilia per conoscere la cooperativa "Lavoro e non solo"

Le impressioni di capitan Serena Ubertini dopo l'esordio vincente della Zambelli Orvieto

Uffici postali. Gori: "Bene tavoli confronto regionale, impegno comune evitare riduzioni servizio"

Ceramica, Paola Biancalana e Andrea Miscetti sul podio del concorso "Il segno del tempo"

Forza Italia: "Acquapendente invasa dai topi, c'è troppa immondizia in giro"

In marcia con la Polisportiva verso la chiesa della Madonna di Loreto

Le tre slide mancanti di Palazzo Chigi

"Senza Monete" compie tre anni. Festa all'Emporio del Riuso e dello Scambio

Per "Lezioni di Storia" al Teatro Mancinelli arriva Alberto Mario Banti

Mano tesa tra la Scuola di Musica "Casasole" e la Filarmonica "Mancinelli"

Sicurezza all'ex caserma Piave con "Crash Scene. Indicazioni Salva Vita"

Dopo otto anni torna il "Bollettino sulla situazione economica e sociale dell'Area Orvietana"

Case popolari, c'è il bando. Per la presentazione delle domande c'è tempo fino al 29 novembre

FotograMia

Giubileo, in corso le iniziative per le Settimane della Misericordia

Torna l'Operazione Mato Grosso. Giovani al lavoro a sostegno dell'America Latina

"Aspettando Halloween". Festa alla sala parrocchiale della Segheria

"Non c'è sicurezza senza prevenzione". Sul tavolo, le criticità del territorio umbro

Ritrovato l'uomo smarrito nei boschi. Terzo caso in quindici giorni

Orvietana, faccia a faccia con i due fratelli Fillippo e Giuliano Avola

Al frantoio Cecci di Monterubiaglio torna "Pane e Olio". Le degustazioni si fanno solidali

Ilaria Alpi si è suicidata?

"Arte sui muri. Street art e urban art". Giornata di studi all'Università della Tuscia