opinioni

L'autunno che (de)polverizza i comitati: autonome riflessioni su protagonismi non richiesti e occasioni perse

martedì 22 novembre 2005
di Mirko Pacioni, biblioteca libertaria "Il Tarlo", Orvieto
Quando l'estate scorsa spuntarono come funghi i diversi comitati a difesa dell'ambiente, per far fronte a talvolta scellerate intenzioni dell'amministrazione comunale di Orvieto, spesso tanto inutili quanto decontestualizzate dalla "naturale" ed originaria vocazione del territorio, fra le componenti dei comitati stessi ci fu addirittura chi si entusiasm a tal punto da arrivare a percepire nell'aria un rinnovato spirito d'iniziativa, tipico delle mobilitazioni popolari di carattere spontaneo.

Personalmente, pur avendo contribuito spontaneamente e sinceramente al lavoro degli amici di Sugano per il Comitato Strade Bianche, non mi sembrava proprio di avvertire nessun "vento nuovo" (manco una piccola brezza se per questo...) nelle dinamiche con cui i vari comitati portavano avanti le loro iniziative; e anzi, nelle riunioni plenarie di coordinamento di tutti i comitati, era sempre puntualmente presente quell'incorreggibile e fastidioso pragmatismo di natura partitica, magari sotto le mentite spoglie di un qualche soggetto associato autobattezzatosi con un altro termine, anzich con quello di "figlio del partito", come forse sarebbe stato culturalmente pi corretto.

Ma dopotutto si sa, la gente stufa di certi termini da prima repubblica, e allora da qualche anno a questa parte, su tutto il territorio nazionale, il moderno riformismo di certe realt, dai pi a torto definite alla sinistra, della sinistra, della sinistra istituzionale, ha intrapreso il nuovo sport di creare "situazioni" e "realt" politiche dall'apparente natura movimentista e dai particolari nomi quali "reti", "forum" e cos via, accompagnati quasi sempre dalla parola "sociale", onde evidentemente evitare di sembrare troppo al di fuori dei problemi delle cosiddette "masse".
Frequentemente, l'attivit di queste realt pseudo-alternative, legata e/o dipende strettamente dalle iniziative di alcuni centri sociali (vedi Roma, Milano, Venezia, Napoli, ad esempio), in particolar modo sul fronte dell'utilizzo per propri fini dello strumento mediatico, specialmente televisivo.
In fondo, nella sostanza, poco c' di "alternativo" in questi contenitori, se s'intende per alternativa una proposta politica che sia "altra", rispetto a ci che offre il panorama politico istituzional-parlamentare.
Soprattutto nelle citt menzionate, ma non solo, strettissimo il legame di queste situazioni con partiti come Rifondazione o come i Verdi, tanto pi che gran parte della recente crescita elettorale dei partiti in questione dovuta proprio al serbatoio di voti rappresentato da buona parte degli attivisti dei vari "rete", "forum" e cos via.

Ora, premesso che non debba essere l'esistenza di questo cordone ombelicale fra partiti di "sinistra" e realt politiche alla loro "sinistra", a sminuire la legittimit all'operato politico di queste ultime, rimane comunque da parte di esse unipocrisia di fondo, nel richiamarsi e rivendicare un ruolo politico alternativo al palazzo che invece alternativo non .
Detto questo, sottolineando il fatto che questo il mio pensiero in linea generale su tale questione, vorrei entrare nello specifico dell'orvietano; e mi viene da ripensare a quell'amico citato all'inizio della presente, il quale, beato lui, percepiva un "vento nuovo" quest'estate, allorch qua e l nel comprensorio videro la luce diversi comitati cittadini su vertenze specifiche, legate in ogni caso a problematiche di ordine politico/ambientale.

Considerato il denominatore comune esistente nelle vertenze intraprese (i rischi per la salubrit dell'ambiente, appunto) fin da subito i comitati ebbero l'esigenza di coordinarsi nelle attivit, ovvero si conven che se l'obiettivo comune era quello di opporsi alle scelte dell'amministrazione comunale, nonostante che le questioni specifiche vertessero su temi diversi, anche se sempre legati all'ambiente, bisognava incontrarsi periodicamente tutti insieme, fare il punto della situazione, valutare gli elaborati tecnici e rilanciare l'offensiva.
Il cosiddetto "cerchio di canonica" (l'assemblea pubblica a cui parteciparono rappresentanti di tutti i comitati, nonch vicesindaco e assessore ai lavori pubblici del Comune di Orvieto), sembr essere un ottimo viatico, tanto pi che gli stessi amministratori comunali ebbero le loro difficolt nel rispondere alle questioni poste loro per la prima volta in maniera diretta, senza la mediazione di quegli strumenti messi in atto dal potere stesso che, almeno qui ad Orvieto, rispondono al nome di Consigli di Zona.
Altra esigenza fondamentale che emerse immediatamente nell'attivit dei comitati fu quella di dover informare le popolazioni in loco della reale natura delle scelte che il Comune di Orvieto si apprestava a mettere in atto, spacciate talvolta come pratiche iper-moderne (la depolverizzazione alias asfaltatura delle strade rurali inserite in un futuro Parco Archeologico Ambientale), o nascoste dietro reali esigenze politico-occupazionali, facendo credere che l'apertura di una cava, per quanto enorme, potesse essere una delle soluzioni possibili per ridare fiato ad uneconomia locale in ormai cronica stagnazione.

A fronte di ci, nel giro di poco pi di due mesi, cosa accaduto?
Solo due sono state le realt dove si ottenuto, anche se in diverse forme, ci che i comitati auspicavano:
- a Benano, dove la cava non si fa pi, e buona stata la partecipazione e la compattezza popolare in appoggio al comitato omonimo;

- a Sugano. In quest'ultima ridente frazione del comune di Orvieto il problema era sicuramente di portata minore (asfaltare alcune strade rurali, fregandosene del loro valore storico-culturale e del futuro Parco non certo cos grave quanto sventrare le campagne di Benano per far piacere ad un industriale cavatore). Ma c' da dire che anche a Sugano la partecipazione popolare stata ottima....s, contro il Comitato Strade Bianche e a favore dell'asfaltatura delle suddette strade!
Ai limiti del ridicolo e memorabile stata a tal proposito unassemblea pubblica suganese, sempre quest'estate, indetta dal locale Consiglio di Zona su esplicito sollecito del proprio controllore governativo: di nuovo vicesindaco e assessore ai lavori pubblici, sostenuti dalla clac organizzata per l'occasione e in un eccesso di magnanimit tornarono ancora a ribadire ai "fautori delle strade bianche" le stesse identiche cose sentite al "cerchio di canonica", con l'aggiunta questa volta di una predica conclusiva finale, all'insegna del "volemose bene, ma soprattutto fatece govern", con toni degni della migliore tradizione clericale.

Morale: la strada dell' Olivella ormai asfaltata. L'ultimo tratto della strada che porta da Canonica verso il crocevia delle cosiddette quattro strade, dal quale volendo si prosegue per la Fonte del Tione, anche. Ma dopo tutto...gi che c'erano!
Sicuramente quest'ultima asfaltatura sar stata di gradimento a quel parlamentare che possiede casa lungo la strada che scende alla Fonte del Tione....l'abbiamo vista tante volte l'auto blu dell'onorevole passare a Canonica, e nel nostro immaginario perverso ogni volta abbiamo pensato all'autista che imprecava dovendo necessariamente percorrere con la regale automobile qualche centinaio di metri di strada bianca!
Infatti, solo il primo tratto nei pressi di Canonica era rimasto ancora sterrato e gran parte della strada verso casa del parlamentare lo era gi; perci che senso avrebbe avuto mantenerla cos, quando l vicino imperversavano i potenti mezzi del comune, mandati per le campagne suganesi a distribuire asfalto come fossero state caramelle!
Adesso tutti contenti, suganesi compresi. Dunque, tutto finito? E gli altri comitati?

Alcune questioni (vedi loc. Renara) sono ancora aperte. Ma nemmeno la questione cava ancora chiusa.
Dopo aver rinunciato a Benano, il comune di Orvieto, che evidentemente non pu disattendere le intenzioni del cavatore (che sempre lo stesso, la SECE), ha pensato bene di rivalutare l'ipotesi di farla ugualmente la cava, tornando su un vecchio sito di estrazione dalle parti del Botto, nei pressi di Canale.
Al momento, sul fronte contro-informazione, l'unica cosa che uscita pubblicamente il manifesto della sezione orvietana del WWF, che riprende una lettera di protesta inviata al sindaco di Orvieto, in data 30 settembre e firmata dagli abitanti in loc. Le Velette, limitrofi alla zona ove il comune vorrebbe concedere l'autorizzazione all'ampliamento della cava gi esistente.

Per il resto? Altre proteste pubbliche? Al momento, non pervenute.
Dove sono finiti i comitati estivi e la giustissima esigenza di coordinare le iniziative di protesta, anche allo scopo di rafforzarne la valenza e la legittimit, nei confronti di un potere cieco e sordo se non alla voce omologata e controllabile dei suoi figli naturali: i Consigli di Zona?
Dove sta la mutua solidariet nelle lotte?
Spero vivamente di essere smentito quanto prima e che gli attivisti e i tecnici dell'ex comitato di Benano, che ormai in cave sono esperti sul serio, stiano gi sollecitando gli abitanti de "Le Velette", ma ho i miei dubbi che ci stia avvenendo.

In conclusione, nessuna aria nuova si respirava quest'estate allorch nacquero comitati come funghi, ma il fatto che stessero nascendo poteva sicuramente rappresentare unottima opportunit, dal punto di vista dell'acquisizione di una rinnovata consapevolezza, non solo per i promotori dei comitati, ma soprattutto per gli abitanti dei siti interessati dalla cosa, affinch gli stessi abitanti di un determinato luogo nell'orvietano si potessero finalmente riappropriare della legittimit ad opporsi a decisioni governative oggettivamente dannose, o quanto meno utili solo a pochi e non alla maggioranza delle persone.
Potessero finalmente capire che giusto e quanto mai necessario protestare, in quanto uomini e donne offesi e danneggiati dall'arroganza del potere, e non in quanto elettori di un qualche partito.
Potessero ricevere se possibile, le informazioni pi corrette e meno filtrate possibili, in particolare dal punto di vista tecnico, sulle nefaste conseguenze ambientali e perch no, anche culturali e socio/economiche, che sarebbero scaturite dal fare una cava a Benano anzich il gi proposto Parco Rodari, oppure dall'asfaltare strade dentro un futuro Parco Archeologico Ambientale anzich magari prevederne forme di gestione e di manutenzione meno onerose del passato, che ne permettessero per la conservazione dei loro valori.
Gli stessi valori, culturali oltre che materiali, che le hanno rese meritevoli di tutela nell'ambito del progetto del PAAO.
Potessero finalmente capire, che sono le stesse comunit abitanti di un luogo i primi beneficiari o i primi danneggiati delle scelte che vengono prese "a palazzo", e che in quanto tali avrebbero fra le loro mani un potere enorme: quello del rifiuto. Il rifiuto nel non voler accettare scelte oggettivamente sbagliate o quanto meno improduttive per la collettivit, indipendentemente da chi ne sia il proponente.
Si potessero finalmente convincere che chi comanda (di qualsiasi colore esso sia) non importante di per s o per il ruolo che ricopre, solo un delegato, autorizzato da una croce su una scheda elettorale, e che quindi deve in ogni momento rendere conto del suo operato, anche al di fuori degli strumenti classici spacciati come "democrazia partecipata", ma in realt dal potere stesso concepiti per mantenere il controllo sul proprio elettorato.

Se gli sforzi dei comitati si fossero concentrati maggiormente nel cercare di carpire l'importanza che c' nello spontaneismo delle proteste, cercando di valorizzarlo appieno e sfruttare (nel senso buono del termine) al meglio l'energia che esso riesce per sua natura ad esprimere, la nascita dei comitati avrebbe avuto veramente un senso e un futuro, che invece sembra gi essersi dissolto.
Se fossimo riusciti a dare, tutti quanti, maggiore dimostrazione di compattezza, di fronte agli interlocutori istituzionali, avremmo almeno evitato di farci prendere in giro nelle assemblee pubbliche e sentirci ripetere favole come quella della depolverizzazione delle strade.
Se questa compattezza (o mutua solidariet) fosse veramente esistita, probabilmente gi ci sarebbero in programma degli incontri con gli abitanti de Le Velette.
Probabilmente quindi, n la spontaneit, n la compattezza, sono state considerate in generale dai comitati tutti, due valori su cui "investire", preferendo invece cercare magari una sponda politica para-istituzionale a sostegno delle proprie vertenze; cercando s di raggiungere l'obiettivo, ma sottovalutando cos la grande valenza che ha l'affrontare le questioni in maniera pi generalizzata: coordinata e compatta, appunto.
Occorreva, a mio avviso, lavorare di pi con e per gli stessi attori che stavano mettendo in piedi le proteste e ragionare su quale terreno sarebbe stato meglio giocare la partita, piuttosto che pensare a quale poteva essere il politico "migliore" al quale appellarsi......manco fossero stati santi!

Troppo spesso, invece, si tirata l'acqua al proprio mulino senza pensare di muoversi in maniera coordinata, e il fatto che il FAO in qualche modo si fosse proposto a tutti gli altri per svolgere tale ruolo, non avrebbe cambiato nulla.
Il FAO aveva gi un suo ruolo, una sua struttura, dei ruoli ben definiti, almeno a quanto mi pare di vedere da fuori, visto che non ne faccio parte. E caso mai sarebbero dovuti essere gli altri comitati a chiedere al FAO di farlo, se avessero voluto. Ma se ci non avvenuto, l'iniziativa del portavoce del FAO a me appariva all'epoca quanto meno inopportuna se non anche strumentale.
Altres, gli altri comitati, avrebbero dovuto formarlo un coordinamento vero e proprio, dandogli una operativit reale, e del quale, eventualmente, il FAO avrebbe potuto far parte sempre se avesse voluto, alla pari di tutti gli altri.
Credo pertanto che tutti noi che abbiamo contribuito all'attivit dei comitati orvietani (chi pi, chi meno), abbiamo perso qualcosa di pi che una grande occasione.

Certo, non si creda che l'esporsi pubblicamente a sostegno di questioni in cui si crede fermamente sia facile, e soprattutto che ci non abbia a causare ripercussioni su chi lo fa, in particolare se questo esporsi avviene in maniera spontanea, scevra da compromessi e senza alcuna tutela o copertura da parte di un qualche soggetto politico istituzionale: partito, associazione, rete o forum che sia.
Anche se, sia chiaro, lontano da me qualsiasi posizione purista o "sempre dalla parte della ragione"!
Sono convinto per che la cultura del compromesso ad ogni costo, o se preferite della concertazione, la stessa che ha portato l'intero pianeta sull'orlo del collasso, ed la stessa cultura funzionale unicamente al mantenimento dei privilegi di chi, non a caso, la decanta tanto.
Ci diventa ancor pi evidente in tempi di crisi economica, allorch sono sempre le classi sociali pi deboli e meno tutelate, o nel caso specifico l'ambiente stesso, a pagare il prezzo di scelte attuate pi "in alto", da chi crede di essere a capo di qualcosa e invece nella realt solo uno strumento in mano al capitale.

Pertanto, a mio avviso, vale sempre la pena esporsi, sempre e comunque. Anzi, l'esigenza di farlo, in questo mondo in cui tutto gi previsto, persino la maniera in cui bisogna protestare (oggi se vuoi scioperare devi chiedere il permesso all'apposita commissione di vigilanza.), sembra essere una precisa necessit, soprattutto se vogliamo vivere ed essere riconosciuti come uomini e donne liberi, e non come semplici elettori.
Gli uomini e le donne sono persone.
Gli elettori sono solo numeri.

Commenta su Facebook

Accadeva il 15 novembre

Il disco dei Cherries alza il sipario sulla nuova stagione del Teatro Santa Cristina

Il Vetrya Corporate Campus si amplia. Nuove aree e servizi aperti alla comunità

"Stop discarica". Assemblea pubblica al Centro Anziani di Ciconia

Il Comitato Civico per il Diritto alla Salute-Art.32 chiede un'adeguata risposta sanitaria

La rosa, le spine

Motore in avaria, aereo rientra in aeroporto: paura per famiglia orvietana

Ramona Aricò ci crede ed incoraggia la Zambelli Orvieto

"Gli Etruschi parlano". Presentato a Paestum il progetto in realtà aumentata

Non applicazione della quota variabile della Tari alle pertinenze

"Le città del futuro", anche Vitorchiano a Montecitorio

A "Cuochi d'Italia", Valentina Santanicchio si aggiudica la vittoria sul Veneto

Danza e teatro, al Boni "Tempesta" e "La Giara. Un meraviglioso regalo"

A Villa Umbra, gli stati generali su scuola e sistema di istruzione e formazione professionale

Accattonaggio molesto, CasaPound avvia una raccolta di firme

Accesso ai bandi europei, si rafforza la collaborazione tra scuola ed Anci Umbria

"Legalità, mi piace". Oltre 300 studenti delle superiori partecipano all'evento di Confcommercio

False "Catene di Sant'Antonio" di WhatsApp. L'appello di Polizia Postale e Sportello dei Diritti

Il questore di Terni in visita al Comune di San Venanzo

Il Comune stanzia 116.000 euro per asfaltature e installa pannelli luminosi con limiti a 50 km/h

Lotta al tumore al pancreas, il Comune s'illumina di viola

Via ai lavori di pavimentazione sulla strada statale 205 "Amerina"

Civita di Bagnoregio e Gubbio, due casi di studio per Orvieto

Weekend intenso per l'Orvieto FC. Esordio in campionato per i Giovanissimi

Giornata dei Diritti dell'Infanzia, l'artista Salvatore Ravo realizza un murale per la Festa dell'Albero

Nuova ondata di furti, impegno congiunto tra istituzioni e carabinieri

Alessandro Carlini presenta "Partigiano in camicia nera. La storia vera di Uber Pulga"

Due giorni di appuntamenti per la sesta edizione per "Olio diVino"

La "Festa dell'Olio" di Montecchio compie 42 anni

A 12 anni dalla scomparsa, Orvieto ricorda Padre Chiti. Il programma delle celebrazioni

Dal Bianconi al Rivellino, piovono spettacoli nella Tuscia dei teatri

Le ragioni del No. Incontri a Orvieto, Acquapendente e Castel Giorgio

La Fondazione per il Csco è di nuovo accreditata quale agenzia formativa presso la Regione

Al Teatro dei Calanchi è di scena "Abdullino va alla guerra"

Bandiera verde a "Il Secondo Altopiano", qualità e impegno quotidiano per l'agricoltura naturale

Alessandro Benvenuti torna al Boni da protagonista con lo spettacolo "Chi è di scena"

Approvata la convenzione per istituire l'Ufficio speciale ricostruzione post sisma 2016

La Scuola dell'Infanzia di Pantalla dedica un'aula alla "maestra Barbara"

Le eccellenze dell'Umbria in vetrina alla Borsa internazionale del turismo enogastronomico

Iniziati i lavori alla scuola di Giove, 205 studenti trasferiti a Guardea e Penna in Teverina

Psr 2014-2020, operativi i cinque Gal dell'Umbria, a disposizione 32 milioni di euro per sviluppo locale

XXXIV Trofeo delle Regioni, convocati otto nuotatori della Uisp Orvieto Medio Tevere

Geotermia, chiesto un incontro al Mise. Nevi: "L'Umbria non ha bisogno di rinvii"

Geotermia, il centrosinistra si spacca. Fiorini: "Giunta e seguaci hanno già deciso"

Scuola, approvato il Piano provinciale offerta formativa e programmazione 2017-2018

Undicesima seduta del 2016 per il consiglio comunale. In 23 punti l'ordine del giorno

A Ficulle torna "Olio diVino". Due giorni di degustazioni, musica e convegni

Gestione dei rifiuti, Rotella (Porano Bene Comune) interroga l'amministrazione

Geotermia al Bagnolo. Ambientalisti cauti: "C'è poco da esultare"

Cambio al vertice della Cro. Comitato risparmiatori: "Disponibili al confronto"