opinioni

Cogliamo il caso Benano come occasione per sviluppare agricoltura e turismo

sabato 20 agosto 2005
di Giampiero Rosati, presidente CIA Orvieto
E' stata già chiamata, forse a torto, la “crisi” di ferragosto: sarebbe più giusto parlare di risveglio politico in qualche modo provocato dal caso della cava di Benano che andrebbe colto come una grande e nuova occasione per Orvieto, la sua gente, il suo territorio. Oggi si è finalmente aperto un fronte, un fronte di dibattito chiaro, franco, fatto di un linguaggio per alcuni desueto, quello dei cittadini che tornano nelle piazze, a confrontarsi, a ritrovarsi insieme, a parlare e a farsi ascoltare. Questa forte spinta popolare ha fatto sì che la giunta comunale riesaminasse una vicenda che sembrava archiviata, orientandosi a cancellare dal Piano Regolatore un'area estrattiva sull'Altopiano dell'Alfina, fra terreni agricoli curati e coltivati da generazioni, in mezzo a casali ristrutturati di fresco e restituiti alla loro originaria bellezza, a ridosso di un piccolo borgo che domina la fertile valle di Benano.
Era molto tempo che non accadeva che una scelta così sofferta scatenasse un tale fervore propositivo che da questo momento deve tradursi in nuove scelte politiche all’insegna della discontinuità. Qualcosa può cambiare ma bisogna rimboccarsi le maniche e lavorare alla costruzione di un nuovo modello di sviluppo del territorio che vada di pari passo con un mutamento di mentalità permettendo ai cittadini di entrare nella cosiddetta stanza dei bottoni, per troppo tempo chiusa ad ogni spinta esterna. Orvieto deve mutare pelle e fare un'inversione di marcia coraggiosa: è inconcepibile pensare di finanziare lo sviluppo con discariche e cave. Si possono e si devono percorrere altre e innovative strade come stanno facendo e hanno fatto, anche piccoli ma prestigiosi comuni della Toscana.
La foglia di fico che sta cadendo è quella di una occupazione che non c'è ma che è stata brandita come una spada per giustificare operazioni spregiudicate sul territorio. Noi agricoltori di Orvieto, insieme alla Cia Umbra, abbiamo smontato questo teorema, a fronte di una occupazione molto modesta, quasi inesistente, si distruggerebbe un territorio vasto compromettendo per sempre le sue potenzialità, i suoi equilibri, la sua storia. L’industria, a livello nazionale, è in crisi come dimostrano le difficoltà di distretti di grande tradizione, dal tessile a Prato al calzaturiero nelle Marche. La flessione della produzione, in questi settori, è stata del 7,1% nei primi tre mesi di quest’anno (dati Unioncamere) mentre il fatturato è calato del 6%. Di contro nel 2004, stando all’Istat, l’agricoltura ha mostrato evidente vitalità con un aumento degli occupati di 23 mila unità e con un contributo in termini di crescita al Pil del 10,8%.
Noi pensiamo che per ottenere un vero sviluppo sia necessario puntare a esaltare la vocazione naturale di ogni singola area, cercare di promuovere un turismo stabile e di qualità e non un turismo di rapina e di massa, far nascere un'agricoltura che scavalchi vecchi schemi assistenzialisti, indicare nuove percorsi e nuove strade alle generazioni di domani. Le nostre campagne, che si stanno sempre più riqualificando con cospicui investimenti privati, non possono essere saccheggiate: si tornerebbe al passato, al degrado, ad una inedita povertà che ricadrebbe su tutti noi. Pensiamo invece al territorio come chiave per accedere a grandi risorse, lavoriamo insieme per difenderlo, valorizzarlo, esaltarlo come merita. Non svuotiamo di contenuti quel marchio Umbria, riconosciuto e apprezzato in tutto il mondo. Dobbiamo fare uno sforzo per fare di questa regione un polo d’attrazione capace di competere con le sfide lanciate dalla globalizzazione: turismo, commercio, industria, agricoltura devono essere riqualificati per dare risposte adeguate e coerenti in un mercato che pone domande precise. Nell’immaginario collettivo l’Umbria rappresenta il mondo del buon vivere, calata come è in una cornice suggestiva e incontaminata. Da qui è utile ripartire per non tradire le aspettative comuni, le vocazioni naturali e le radici storiche e culturali di questa terra: questo lo “start point” per creare una ricchezza reale e duratura.
Spezziamo i vecchi giochi di potere, diventando protagonisti di mutamenti radicali, partecipiamo al governo della città con le idee giuste senza nasconderci le difficoltà ma consapevoli che le piccole e grandi conquiste si raggiungono passo dopo passo. Guardiamo al domani pensando alla formazione di nuove classi dirigenti in grado di ascoltare la voce della loro coscienza, pensiamo ai giovani che chiedono più cultura, più partecipazione, più lavoro. Ed è sintomatica la voce dei ragazzi diessini che plaudono al ritorno della politica partecipata, della politica pulita che non si identifica con il potere, ma con la trasparenza, l'intelligenza, con il coraggio delle scelte e con la capacità di gettare il cuore oltre l’ostacolo.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 novembre

Parcheggi gratis nel periodo natalizio, la mozione della minoranza va in discussione a fine mese

Orvieto riceve al Parlamento Europeo di Bruxelles il riconoscimento internazionale di "Comune Europeo dello Sport 2017"

Eventi natalizi dedicati a popolazioni colpite da sisma

Sisma in Umbria, riunito il Comitato strategico per rilancio del turismo

Sempre bandiera rossa

Riforme ed assetto dirigenti regionali, in arrivo il disegno di legge

Attenti a quei due, Barili e Abbate presentano "Antologica" al Teatro dei Calanchi

Sogni sul lago

Pd: "Serenità nell'attesa dell'esito delle indagini. Inopportune e incoerenti le opposizioni"

Villa Paolina

Consiglio provinciale, nel 2017 si va a nuove elezioni

San Venanzo aderisce alla Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Al Mancinelli "Non ho peccato abbastanza". Il teatro denuncia la violenza

In morte di un amico

Dalla giunta regionale un milione e settecentomila euro per gli asili nido

Un torrone natalizio per aiutare i terremotati della zona di Norcia

"Crash Scene. Indicazioni Salva Vita", nell'ambito della Campagna ACI "Strade Sicure 2016"

L'Arma celebra Virgo Fidelis. "Date speranza a chi l'ha perduta"

Uno zar alla corte del re tartufo. A Ivan Zaytsev il Vanghetto d'Oro 2016

Si dimette l'assessore Martino. Entro 48 ore, nuovo ingresso in giunta

La pallacanestro orvietana compie 70 anni. In corso i preparativi per le celebrazioni

Liberati (M5S): "Quinto giorno di assordante silenzio da Catiuscia Marini"

"Lo scrittore non ha fame", il nuovo coinvolgente romanzo di Maria Letizia Putti

"Lo Yoga di Yogananda". Presentazione del libro e workshop esperienziale

Dopo il terremoto, controlli nelle scuole. "Alla Barzini, le problematiche non sono riconducibili al sisma"

Fonti del Tione, risolti i problemi con la sostituzione dei filtri

Sì al pre-dissesto in Provincia, nonostante il parere negativo dei Revisori dei Conti

Servizio tributi, prelievo di 44 mila euro. In consiglio, letta la nota della Fondazione Cro

Ztl, segnaletica stradale e manutenzione. Sollecitazioni bipartisan in consiglio

PalaCongressi, a gennaio 2017 la pubblicazione del bando europeo

Un fiore per Bianca

Frana di Sugano, si attende il secondo finanziamento per terminare la messa in sicurezza

Piene del Paglia e gestione dell'emergenza, l'amministrazione prova a fare chiarezza

Torquati e Balestra, chi sfiora il ridicolo?

Le mille voci di Antonio Mezzancella animano il pomeriggio a "Porta d'Orvieto"

Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, i supermercati dell'Orvietano coinvolti

Istituto di beneficenza "Piccolomini Febei", nel cda entra Piergiorgio Pizzo

La riqualificazione del centro storico passa per la rimozione dei pali, sì unanime del consiglio

Incidenza tumorale a Bagni, botta e risposta in consiglio

"Trattenere dal contributo italiano al bilancio Ue le risorse per la ricostruzione post-terremoto"

Impiantistica sportiva di Ciconia nel degrado, la vicesindaco ridimensiona

Aree Interne, ok alla bozza di strategia. Respinta la risoluzione sulla MedioEtruria

Meteo

mercoledì 22 novembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.4ºC 92% buona direzione vento
15:00 12.1ºC 93% buona direzione vento
21:00 11.2ºC 99% foschia direzione vento
giovedì 23 novembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 11.1ºC 96% scarsa direzione vento
15:00 13.5ºC 85% buona direzione vento
21:00 10.8ºC 98% discreta direzione vento
venerdì 24 novembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 11.5ºC 90% foschia direzione vento
15:00 14.7ºC 74% buona direzione vento
21:00 10.6ºC 98% buona direzione vento
sabato 25 novembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 12.1ºC 94% foschia direzione vento
15:00 13.6ºC 77% buona direzione vento
21:00 11.2ºC 96% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni