opinioni

Il sipario strappato

giovedì 23 giugno 2005
di Antonio Barberani
Finalmente abbiamo saputo cosa vogliono fare nelle caserme! 'Risorse per Orvieto' ha presentato il progetto: un riempiticcio frammentato, spostamenti di funzioni, definizioni ad effetto, senza un'idea unificante e concreta.
L'analisi dettagliata del merito meriterebbe uno spazio adeguato: la faremo e sar pure divertente, ammesso che sia divertente scherzare coi destini della nostra citt. In questa sede vogliamo ritornare ad evidenziare come sia stato sbagliato il metodo.
Intanto si trascurata una verit forte e scomoda, lo ripetiamo ancora una volta: questa citt ha irrimediabilmente perduto identit, intendendo per identit di una citt quel patrimonio di valori culturali, civili, religiosi e di costume che permeano i fenomeni sociali ed economici.
Andava, quindi, preliminarmente definita 'che citt siamo oggi' e ' che citt vogliamo per il futuro'.
Quando si tenta di sostituire l'identit di una citt con una idea, con un programma, si partoriscono solo scelte disarticolate, improvvisate o, peggio, di consenso.
Tutto il dibattito sui centri storici, oggi riconosce che debbano ritornare ad essere motori di sviluppo piuttosto che musei-ghetto. La gente deve ritornare ad abitarci per non rischiare che diventino enormi Residenze Sanitarie Protette.
Ritornando alla ex Piave ed alla RPO, salta subito agli occhi che si partiti dal solito errore: considerare il 'casermone' come uno spazio volumetrico da riempire. Partendo da questa prospettiva la prima preoccupazione stata: "qui che ci facciamo"? Di qui lo spezzatino, la preoccupazione di non lasciare spazi vuoti.
A nostro parere la Caserma Piave andava, invece, considerata come parte di un'area molto pi vasta che comprende le Carceri, la ex Smef, il campo di Via Roma, la caserma dei CC, cio oltre un quarto di citt.
Il problema delle aree urbane dismesse non un problema di Orvieto, ma di moltissime altre realt. Bastava un atto di modestia, bastava copiare: quasi dappertutto la soluzione venuta da una progettazione alta, in sintonia con i tempi, che avesse in se la capacit di attrarre investimenti.
Se si fosse lanciato, come abbiamo chiesto pi volte, un "concorso internazionale d'idee", forse oggi ragioneremmo in termini diversi. Non staremmo ad arrancare per 'trovarequalcunochecifacciaqualchecosa', ma Orvieto sarebbe al centro della scena internazionale, come merita. Sicuramente avremmo la possibilit di discutere di un progetto innovativo, forse spregiudicato, ma segno del 'moderno' ed in grado di delineare un nuovo modello di sviluppo per l'intero territorio.
La nostra citt negli ultimi anni andata avanti a tentoni, gloriandosi di definizioni financo contrastanti - ne abbiamo sentite mille: citt delle pace, della solidariet, della musica, del buon vivere, del sorriso, della fotografia e molto altro - proprio perch scomparsa un identit forte in grado di condizionare in modo omogeneo, le scelte amministrative.
Dobbiamo ripartire da qui: ridare a questa citt un grande slancio progettuale.
Nei gironi scorsi stata lanciata una sfida: noi siamo pronti a raccoglierla, in quanto crediamo che sulle scelte importanti, in grado di segnare irreversibilmente il futuro di Orvieto, si debba essere disponibili al confronto costruttivo.
A patto che si giochi a carte scoperte e con onest intellettuale, nella convinzione che Orvieto meriti ben altre Risorse che quelle presentate ieri.

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 novembre

Frammenti di esistenze amorose... ovvero l’insopprimibile vizio della vita

Consiglio provinciale: Il mancato numero legale sul bilancio sintomo di evidente debolezza di giunta e maggioranza. Lo dichiara Danilo Buconi

Conclusa la XXII Mostra del Tartufo di Fabro. Video intervista alla vincitrice del "Vanghetto d'Oro e al Sindaco Terzino

370mila euro all'Intercom dell'Orvietano dal Fondo regionale di protezione civile

Caccia e Pesca. Disposizioni per la riconsegna del tesserino e attività di contenimento degli storni

“EstroVersi” mattatori della BTC di Roma

Verso la valorizzazione del Santa Cristina di Porano. Presentata la stagione 2009/2010

Pregiudicato moldavo rintracciato e denunciato dall'Anticrimine del Commissariato

Naturalmente…a cena. Ristorante “I Sette Consoli” e Condotta Slow Food insieme per un convivio biologico e biodinamico. Prenotazioni entro mercoledì

17 novembre. Giornata mondiale degli studenti. Manifestazione ad Orvieto per il diritto allo studio

17 novembre, il perchè di questa data

Sciopero generale studentesco, l'appello italiano di Unione degli Studenti e Link Coordinamento Universitario

Riforma, il ddl Aprea in sintesi

Mostra del Tartufo. Oltre 8mila presenze nell'edizione 2009

Approvato in Provincia l'assestamento di Bilancio. Voto favorevole della maggioranza, no di Pdl e Udc

Approvato il PRG a Porano. Dure accuse dell'opposizione: la nuova amministrazione ha patteggiato con chi tiene sotto scacco un'intera comunità

La lettera d'impegno dei ricorrenti al PRG