opinioni

Ve lo avevo detto.

mercoledì 22 settembre 2004
di Guido Turreni
Con rammarico e non certo con sorpresa ho letto oggi, 22 settembre 2004, sulla cronaca regionale del quotididiano “La Nazione”, che la casa da gioco, o casinò, sarà realizzata/o a Spoleto, per iniziativa del consigliere Zaffini e del Vice Ministro Urso.

E così dopo il Dipartimento di Archeologia dell’Università degli Studi di Perugia, anche un’altra idea rivoluzionaria, che poteva ben essere realizzata ad Orvieto viene invece concretizzata in un’altra città, nostra concorrente, proprio qui, proprio in Umbria. Un altro treno per lo sviluppo irrimediabilmente perso, fra i tanti passati ad Orvieto e snobbati per i motivi più disparati, da quelli puramente ideologici, a quelli riconducibili alla supponenza, fino a quelli più gretti e più miopi.

Molti dei lettori dei giornali locali, non soltanto on-line, sapranno certamente che nell’ultima campagna elettorale per le comunali, Forza Italia, mio tramite, aveva proposto nel proprio programma la realizzazione di un casinò o di una casa da gioco municipale (aperta ad enti e privati) per la nostra città.

Non voglio fare il presuntuoso, ma come si dice, il tempo è gentiluomo, e quindi mi scuserete se mi tolgo qualche sassolino dalla scarpa, soprattutto nei confronti di chi mi aveva dileggiato per aver fatto una proposta probabilmente intelligente, e certamente originale, e che avrebbe potuto portare la nostra città fuori dal pantano politico, sociale ed economico, in cui purtroppo si è andata progressivamente a cacciare negli ultimi cinquant’anni.

Il mio pensiero va in primo luogo a chi mi aveva identificato nell’uomo del 4% dei consensi, per poi arrivare a chi si è permesso di fare della morale di quarta categoria sull’iniziativa, per finire poi alle critiche di chi mi aveva obbiettato che la nostra città è troppo slow per cullare il sogno di un simile progetto. Fin troppo slow, aggiungerei, fin troppo assonnata.

Qualcuno invece, sotto-sotto, voleva mostrarmi una fotografia della caserma “piave” di Rodi (Grecia), uguale-uguale alla nostra, dove era stato realizzato albergo di lusso più il casinò…. E pensare che potevamo contare su tanti vantaggi che Spoleto invece non ha e non avrà: primo, la presenza di grandi vie di comunicazione, come l’autostrada e la ferrovia, che avrebbero indotto a fermarsi ad Orvieto (anche di notte) chissà quanti viandanti di passaggio; secondo la presenza di una fondazione bancaria a carattere territoriale che poteva, in ipotesi, essere interessata ad entrare in società con il nostro comune e finanziare il progetto; terzo, un turismo congressuale che poteva al tempo stesso sia implementare tale attività, che essere anche beneficiato da simile caratteristica, certamente assente a Chianciano, o a Rimini, e dunque rendere l’attività congressuale ancor più competitiva rispetto a queste realtà; quarto, una situazione di ordine pubblico ottimale per la prevenzione delle controindicazioni del gioco d’azzardo.

Altro che discarica!

Chissà le casse comunali che boom avrebbero avuto, chissà se potevamo raggiungere il livello di investimenti sul territorio che impiega la città di San Remo. Per non pensare ai posti di lavoro per i nostri giovani, non solo impiegati direttamente nel casinò, ma soprattutto impiegati nell’indotto turistico, dalla ristorazione, al commercio, al settore alberghiero, finalmente a pieno regime, e via cantando.

Chissà…chissà… smettiamo però di sognare e cerchiamo comunque di trarre un qualche insegnamento soprattutto per la mentalità orvietana media, in cui le idee vengono relegate sempre e sistematicamente nell’ambito del “ma se!” o del “ma quando?” e cerchiamo invece un modo originale per cambiare il modello di sviluppo della nostro tessuto sociale altrimenti destinato ad un inesorabile e progressivo logoramento, se continueremo a pensare al nostro oramai misero orticello.

E che non si dica che Forza Italia o il centro destra orvietano non hanno proposte e progetti alternativi da proporre, perché il morto è sulla bara! Anzi, che la maggioranza locale di sinistra dimostri quello che ha sempre chiesto all’opposizione e cioè di essere in grado di recepire le proposte avanzate nell’interesse comune della città; se ci uniamo, e ciascuno per il ruolo che deve recitare, forse siamo ancora in gioco per battere sul tempo Zaffini, Urso e la città di Spoleto.

A meno che non mi si venga a raccontare che siamo ancora troppo slow, perché Monnini (quello dell’olio, per capirsi) invece è molto fast !

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 settembre

La Parrocchia del Duomo festeggia i Santi dei Rioni

"ll volontariato in campo oncologico". Esperienze a confronto con "Orvieto contro il cancro"

La Zambelli Orvieto si prepara contro la "cugina" Perugia

Gal Trasimeno Orvietano, Ecomuseo: dalle mappe di comunità alla nuova programmazione Psr della Regione

"Le riforme e il loro partito". Al Palazzo dei Congressi la XVI Assemblea annuale di Libertàeguale

L'Associazione Alzheimer Orvieto ad Amelia per "Garage Sale di Solidarietà"

Rapina in villa da 6000 euro e botte al padrone di casa

Il Comune di Baschi conferisce la cittadinanza onoraria al prefetto Bellesini

Uffici postali, udienza al Tar. "Nessuna chiusura in Umbria fino al pronunciamento del Tar Lazio"

San Venanzo tira le somme di "Architettura e Natura". Bilancio positivo per la terza edizione

A "#ereticofuturo" l'innovazione convive con la storia

È nato il movimento politico "Comunità in Movimento"

Cresce l'attenzione dei media verso Orvieto. "Experience Etruria" tra i migliori progetti prodotti per Expo.

La Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto apre al pubblico le porte di Palazzo Coelli

L'inizio del mondo e la fine dell'Alfina

Allenamento per le vie del centro, tradizione irrinunciabile per Azzurra Ceprini Orvieto

ExperienceEtruria conquista l'Expo. Martina: "Esperienza straordinaria da raccontare a tutta l'Italia"

Una pratica in 26 secondi, la Sii presenta i dati del nuovo servizio informatizzato

"Il Teatro delle Immagini" di McCurry tra le strutture finaliste del premio architettura "Prize"

Accordi per la mobilità venatoria tra Umbria e Lazio, Federcaccia esprime preoccupazione

Il territorio orvietano e la crisi: quale possibilità di ripresa

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni