opinioni

E' arrivato il momento di far rinascere Orvieto

sabato 17 aprile 2004
di Giancarlo Parretti
Pubblichiamo il testo del discorso pronunciato da Giancarlo Parretti alla presentazione della lista Orvieto agli Orvietani

Signore e signori, amici, cari concittadini orvietani, benvenuti alla Convention della lista "Orvieto agli Orvietani", benvenuti nella mia citt, benvenuti accanto a me. Non sono un politico di professione e quindi non vi annoier con le solite promesse mai mantenute. Per me, invece, parlano i fatti, d'altra parte la mia vita nota, sempre stata sotto gli occhi di tutti e chiunque ha potuto conoscere ogni aspetto di essa.

Nella mia vita credo di aver fatto qualcosa di buono, ho intrapreso varie iniziative imprenditoriali, ho dato lavoro a migliaia di persone, ho fatto conoscere la mia terra nel mondo, ho esaltato l'Italia nella grande industria statunitense, sono stato sulla sedia di comando della pi grande casa cinematografica di tutti i tempi, ho conseguito premi e riconoscimenti a livello mondiale, ho conosciuto Papi e presidenti della Repubblica, re e regine, praticamente i personaggi pi famosi al mondo.

Eppure tutto questo niente di fronte alla prova che ora mi aspetta: quella di poter cambiare le sorti di Orvieto, la mia citt che amo sopra ogni cosa, una citt che un tempo dominava lo scenario umbro con i suoi straordinari monumenti e con il suo allora rinomato spirito di accoglienza e che oggi, purtroppo, evidentemente per demerito di quanti l'hanno amministrata in questi anni, scesa paurosamente di livello fino a dover subire la concorrenza di localit assai meno note e certamente meno dotate di fascino, di storia e di tesori artistici e culturali.

Un tempo Orvieto se la giocava con PERUGIA, adesso ha paura di MARSCIANO, anzi, per certi aspetti, quest'ultima localit l'ha persino superata. CREDO CHE QUESTO STATO DI COSE NON SIA PIU' ACCETTABILE, CREDO CHE IL VOTO ALLE PROSSIME AMMINISTRATIVE SIA L'OCCASIONE GIUSTA PER INVERTIRE LA TENDENZA E RIPORTARE LA REALTA' NELLA GIUSTA DIMENSIONE.

Nel 1964 Orvieto, grazie a personaggi che poi la citt ha clamorosamente snobbato, e parlo dell'architetto Alberto Stramaccioni e degli insigni artisti Marcello Conticelli e Luciano Coppola, appariva in diretta davanti alle telecamere dell'Eurovisione per la visita in citt di Papa Paolo VI. L'Europa intera, allora, vide di cosa erano capaci i nostri figli migliori quando i tre orvietani donarono al Pontefice lo splendido calice in oro attualmente conservato nella cattedrale di Bombay e di fronte al quale, in uno dei miei viaggi, io stesso ho potuto sostare in preghiera. DELL'ARTIGIANATO DI OGGI NON V'E' TRACCIA, PERSO NEI MILLE RIVOLI DELLA BUROCRAZIA CHE UCCIDE OGNI SPIRITO CREATIVO.

Ignoro quale possa essere il credo politico dei personaggi che ho appena citato, ma a loro ho scelto di ispirarmi in quanto simboli di una terra che stata grande e che ingiustamente stata dimenticata, quasi narcotizzata nella morsa di scelte scellerate tese ad accrescere il consenso verso persone che hanno dimostrato a tutti, e purtroppo continuano a dimostrare ogni giorno, la loro pochezza amministrativa.

INTENDO SUBITO SGOMBRARE IL CAMPO DA POSSIBILI EQUIVOCI: TUTTA LA MIA AZIONE POLITICA E AMMINISTRATIVA E' E SARA' TESA AD ESALTARE LO SPIRITO DELL'ORVIETANITA' GENUINA, IL GUSTO DI ESSERE FIGLI DELLA RUPE E IN QUANTO TALI PORTATORI DI VALORI CHE NON POSSONO ESSERE TRASCURATI, ANZI CHE MERITANO DI VENIRE DOVEROSAMENTE ESALTATI NEL RAPPORTO CON LE ALTRE CITTA' DELL'UMBRIA E DELL'ITALIA.

Come potuto accadere che Orvieto abbia trascurato figure di primo piano, note ovunque, che hanno fatto grande la storia della citt? La lista sarebbe lunghissima, ovviamente potrei trascurare molti nomi illustri e di questo mi scuso fin da ora: in citt non c' una via o una piazza che commemori la signora Lea Pacini, creatrice e fondatrice del Corteo Storico, cio della pi importante manifestazione storica in costume d'Italia. E Luigi Barzini, il primo inviato speciale della storia del giornalismo, dopo anni di colpevole oblo e di ostracismo ingiustificato stato riscoperto in parte soltanto per finalit elettoralistiche, peraltro con un premio che ogni anno perde d'importanza tanto da finire di volta in volta in trafiletti sempre pi piccoli sui giornali.

E i vescovi monsignor Pieri e monsignor Dondeo? Straordinari uomini che hanno lasciato il loro indelebile segno nella vita spirituale ma anche sociale della citt e che tuttavia sono stati accantonati, quasi che le loro opere sagge e illuminate dovessero essere messe da parte per far posto alle gesta di altre persone che abbiamo tutti i giorni sotto i nostri occhi e che hanno condotto Orvieto al penoso stato di crisi attuale.

DIETRO LA MANCANZA DI MEMORIA COLLETTIVA SI NASCONDE LA POCHEZZA AMMINISTRATIVA. UNA CITTA' CHE NON RICORDA E' UNA CITTA' CHE NON E' CAPACE DI GUARDARE AVANTI, E' UNA CITTA' DESTINATA ALLA CRISI. E che Orvieto sia in crisi _ purtroppo _ sotto gli occhi di tutti. SEMPRE PIU' I NOSTRI GIOVANI SONO COSTRETTI AD EMIGRARE IN CERCA DI LAVORO, NON TROVANDO NELLA PROPRIA CITTA' LE OPPORTUNITA' ADATTE AI LORO STUDI ED ALLA LORO ANSIA DI CRESCITA.

Ecco perche' io, Giancarlo Parretti, ho scelto di non nascondermi dietro a un dito, ho deciso di non praticare mai lo sterile esercizio del politichese a tutti i costi. ECCO PERCHE' ANNUNCIO _ ANNUNCIO, SIA CHIARO, E NON PROMETTO _ MILLE POSTI DI LAVORO PER I GIOVANI ORVIETANI. HO IDEE PRECISE A RIGUARDO: OTTOCENTO GIOVANI TROVERANNO UN'OCCUPAZIONE DEGNA DELLE LORO ASPETTATIVE, TRECENTO DI ESSI ACCEDERANNO ALLE POSSIBILITA' OFFERTE DALLE NUOVE TECNOLOGIE. PER ALTRE DUECENTO PERSONE SI TRATTERA' INVECE DI UNA RICOLLOCAZIONE PROFESSIONALE, CIOE' DI POSTI DI LAVORO IN GRADO DI ACCRESCERE IL LORO IMPEGNO E LE LORO COMPETENZE.

Voglio essere chiaro: il mio ufficio di sindaco avr la porta sempre aperta e non esister alcun filtro per poter parlare con me. Intendo essere non tanto il sindaco degli orvietani ma bens il sindaco TRA gli orvietani. Discuteremo insieme di questi mille posti di lavoro, valuteremo le varie possibilit, troveremo strade comuni per dare a ogni famiglia garanzie certe e reali. CON ME I GIOVANI ORVIETANI TROVERANNO LAVORO E IN CAMBIO IO CHIEDERO' LORO DI IMPEGNARSI PER LA CRESCITA SOCIALE E CULTURALE DELLA CITTA'. CRESCEREMO INSIEME E CON NOI CRESCERA' ORVIETO PER TORNARE AD ESSERE LA CITTA' CHE CELEBRA I SUOI GRANDI PERSONAGGI, LA CITTA' CHE RICORDA I GRANDI ORVIETANI, LA CITTA' CHE POTRA' TORNARE A GIOCARE UN RUOLO DA PROTAGONISTA NELLO SCACCHIERE REGIONALE E NAZIONALE.

Una citt che cresce ha bisogno non solo di occupazione ma anche e soprattutto di servizi efficienti. E tra i servizi spicca quello relativo alla SANITA', oggi malamente gestito da un ospedale che nato dopo oltre trent'anni di attesa e che si dibatte anch'esso in una burocrazia governata altrove, da fuori citt, e da persone che non hanno affatto a cuore le sorti di ORVIETO. ANCHE LA SANITA' DOVRA' ESSERE RESTITUITA AGLI ORVIETANI, LA ASL DOVRA' TORNARE SULLE RUPE CON IL SUO CENTRO DIREZIONALE PER FAR DIMENTICARE UNA VOLTA PER TUTTE L'INGIUSTA SOTTRAZIONE CHE CI E' STATA FATTA ANNI FA. La strada per far tornare Orvieto al centro della propria sanit si chiama ASSISTENZA DOMICILIARE. Vi prego, cari amici e cari orvietani, di consultare il mio programma, che scaricabile dal mio sito internet www.giancarloparretti.it.

Nel mio programma _ CHE NON E' UNA PROMESSA MA E' UN IMPEGNO _ scritto nero su bianco: INTENDO PORTARE DIRETTAMENTE LA SANITA' DI QUALITA' NELLE CASE DEGLI ORVIETANI CHE HANNO BISOGNO DELL'ASSISTENZA DI PERSONE QUALIFICATE ED ESPERTE. RESTITUENDO DIGNITA' ALLA SANITA' ORVIETANA SONO CERTO CHE LE MIGLIORI PROFESSIONALITA' DEL SETTORE FARANNO A GARA PER LAVORARE QUI DA NOI: IN QUESTO SENSO HO GIA' AVVIATO CONTATTI AD ALTO LIVELLO CON ILLUSTRI LUMINARI E POSSO VANTARE IMPEGNI CONCRETI.

Gli orvietani che invecchiano dovranno poter avere a disposizione STRUTTURE DI PRIMA QUALITA'. Anni fa la citt poteva vantare una casa di riposo di primo piano che oggi, dopo anni di cattiva gestione, invecchiata molto pi dei suoi ospiti e purtroppo assai peggio degli uomini. Anni fa l'allora presidente della dottoressa Amabile Vera, impegnata febbrilmente nella cura e nell'assistenza dei nostri anziani, elabor un progetto di assistenza in citt degli anziani autosufficienti che avesse consentito loro di non perdere il contatto con la citt. GLI ANZIANI POTEVANO RESTARE AD ORVIETO AVENDO A DISPOSIZIONE UNA CASA D'ACCOGLIENZA DI PRIMA QUALITA'. Quel progetto aveva il qualificato contributo di un altro grande orvietano che qui intendo ricordare con deferenza e con commozione: il compianto sindaco ADRIANO CASASOLE. Quel progetto non venne fatto andare avanti perch oscure forze contrarie allo sviluppo e alla crescita della civilt orvietana lo osteggiarono fino a farlo crollare. LA POLITICA RIPRESE IL SOPRAVVENTO SULLE IDEE POSITIVE, la signora Vera e Casasole vennero fermati e tutto torn come prima, portando la casa di riposo al disastro di oggi. Gi, purtroppo parlando della Orvieto dei nostri giorni non posso non utilizzare l'espressione . Come poter definire, infatti, la condizione attuale della VIABILITA' URBANA ED EXTRAURBANA? Provate in certi giorni, quelli di maggiore affluenza, ad avventurarvi dal casello autostradale in direzione della sommit della rupe: file interminabili di vetture incolonnate, turisti che sbuffano e che certamente si pentono della loro scelta e orvietani costretti a perdere lunghi minuti per coprire tragitti minimi. LA VIABILITA' ORVIETANA MERITA SCELTE CONCRETE E PIANI QUALIFICATI, NON SI PUO' CERTO PENSARE DI RISOLVERE TUTTO CON ASSURDE ROTATORIE CHE ANZICHE' RIDURRE I TEMPI DI PERCORRENZA LI ALLUNGANO A DISMISURA FINO A SUPERARE I LIMITI DELL'UMANA PAZIENZA.

L'urbanistica un settore delicatissimo nell'assetto e nella tempistica di ogni citt, la sua gestione non pu e non deve essere affidata a caso ma, al contrario, ha bisogno di competenze conclamate e di progetti di valore, adeguatamente sostenute. IL MIO IMPEGNO ANCHE IN QUESTA DIREZIONE E' CHIARO. ORVIETANI E VISITATORI AVRANNO A DISPOSIZIONE STRADE SICURE E FINALMENTE PERCORRIBILI, SENZA INGOLFAMENTI O RITARDI.

I giovani e la citt, questo un tema che ho particolarmente a cuore. Ed certo che il futuro dei giovani passa attraverso la loro formazione, cio attraverso le scuole. MIO OBIETTIVO IN QUESTO SENSO E' BATTERMI PER RAFFORZARE SEMPRE PIU' LE SCUOLE ORVIETANE, MIGLIORANDO L'ESISTENTE E PUNTANDO A CENTRI UNIVERSITARI EFFICIENTI E NON SOLTANTO DI FACCIATA QUALI SONO QUELLI FINORA COSTITUITI SULLA RUPE.

In questa direzione penso alla possibilit di sfruttare, accanto ad altre iniziative intorno alle quali io ed i miei collaboratori stiamo lavorando, gli spazi dell'ex caserma Piave, per la quale non occorrono certo discorsi o convegni senza senso ma idee precise E PROGETTI DA PRESENTARE AI CITTADINI E QUINDI DA REALIZZARE CONCRETAMENTE CON LA COLLABORAZIONE DI TUTTI.

SULLA PIAVE GLI ORVIETANI DEVONO POTER DIRE LA LORO PERCHE' LA GRANDE STRUTTURA DELLA CASERMA E' UN BENE PREZIOSO DELLA COLLETTIVITA', APPARTIENE SOLO E SOLTANTO AD ORVIETO E AGLI ORVIETANI E MAI POTRA' ESSERE OGGETTO DI SVENDITA O DI ACCORDI POLITICI, MAGARI SOTTO BANCO.

LA CITTA' DI ORVIETO HA POTENZIALI ENORMI DA SFRUTTARE E CITTADINI CHE ALTROVE VENGONO CONSIDERATI BRILLANTI E PREPARATI E CHE HANNO CONQUISTATO, GRAZIE ALLA LORO PERIZIA NEI VARI CAMPI, POSIZIONI DI PRESTIGIO. Intendo avvalermi della loro collaborazione per trasformare gli spazi dell'ex caserma nel vero centro nevralgico della rinascita produttiva orvietana. HO IDEE E CONTATTI GIUSTI E CHI MI CONOSCE SA CHE NON SONO ABITUATO A VENDERE FUMO: LA PIAVE RILANCERA' L'IMMAGINE E LA SOSTANZA DI ORVIETO AGLI OCCHI DEL MONDO E DUNQUE LA MIA IDEA E' QUELLA DI UN VERO E PROPRIO REFERENDUM POPOLARE SULLA GESTIONE DELLA MAXI-STRUTTURA. SARANNO GLI ORVIETANI, ATTRAVERSO LE PROPRIE SCELTE, A GESTIRE DIRETTAMENTE IL FUTURO DEGLI SPAZI DELL'EX CASERMA.

Amici che siete qui riuniti e che ringrazio per aver aderito al mio invito, cari orvietani, TANTI, TROPPI SONO GLI IMPEGNI CHE MI ATTENDONO PER GARANTIRE A ORVIETO UN RUOLO DEGNO DELLA SUA FAMA. Ma io non ho paura e soprattutto avverto l'ansia di dovermi impegnare per il pieno rilancio della mia citt. PER QUESTO NON ESITO A PARLARE DI NUOVO RISORGIMENTO ORVIETANO, NEL RISPETTO E NELLA MEMORIA DI QUANTI HANNO FATTO GRANDE QUESTA TERRA. Intorno a me avverto il vostro entusiasmo, la vostra attenta e solidale partecipazione. SAPPIATELO: NON VI DELUDERO' MAI, TROVERETE IN ME SEMPRE UNA SPONDA, UN ORECCHIO ATTENTO ALLE VOSTRE ISTANZE, ALLE VOSTRE RICHIESTE.

Ho volutamente lasciato per ultimo il tema del TURISMO. Troppo spesso si dice che Orvieto vive di esso ed in parte ci vero.

Ma il turismo, al pari di molti altri aspetti che ruotano intorno alla nostra citt, stato colpevolmente lasciato morire nell'inedia, nella mancanza di idee, nell'assenza di progettualit. I grandi turistici sono altrove, le scelte capaci di incidere sull'economia turistica vengono fatte lontano da qui, Orvieto fuori dal grande business internazionale del turismo e vivacchia soltanto grazie al Duomo, alle proprie indubbie bellezze e alla felice collocazione lungo l'asse portante dell'autostrada del sole.

Nella mia vita ho gestito direttamnte le pi importanti catene alberghiere del mondo, ritengo perci di possedere una conoscenza specifica del settore. ORVIETO HA SOLTANTO BISOGNO DI IDEE E CONTATTI GIUSTI: DEVE ESSERE FATTA CONOSCERE NELLE STANZE NELLE QUALI SI DECIDONO LE SORTI TURISTICHE DEL MONDO. IN QUELLE STANZE IO POSSO ENTRARE, LO SAPPIANO GLI ALBERGATORI ED I RISTORATORI DELLA CITTA', LO SAPPIANO I COMMERCIANTI. IO POSSO ENTRARE E NON ALTRI: quanto valgono sul piano turistico gli amministratori che hanno guidato la citt finora sotto gli occhi di tutti: AD ORVIETO MANCA PERFINO UNA GUIDA TURISTICA ILLUSTRATA E CORREDATA DA FOTO APPROPRIATE DEGNA DI QUESTO NOME, ORVIETO E' SCARSAMENTE NELLE BORSE INTERNAZIONALI DEL TURISMO, PERFINO A LIVELLO DI SITI UFFICIALI CHE ORMAI VIAGGIANO IN OGNI PARTE DEL MONDO GRAZIE A INTERNET.

Concludo, cari amici e cari orvietani, rinnovandovi i miei ringraziamenti. Se oggi siete qui e avete avuto la grazia di starmi ad ascoltare, FACENDOMI UN GRANDE ONORE, perch anche voi credete nelle possibilit di rilancio della citt, ANCHE VOI CREDETE NEL NUOVO RISORGIMENTO ORVIETANO. Offritemi il vostro sostegno e io saro' il vostro braccio, un braccio che LAVORERA' INFATICABILMENTE PER IL BENE DELLA MIA E DELLA VOSTRA ORVIETO.

Grazie a tutti di cuore.

Commenta su Facebook

Accadeva il 15 dicembre

"Concerto di Natale" nel Castello Boncompagni Ludovisi di Trevinano

Orvieto Fc, c'è il big match contro la capolista Gadtch

Pallavolo Zambelli Day al PalaPapini di Ciconia

Sesto video per Francesco Barberini. Alla scoperta del Lago Trasimeno

La Corte dei Conti accoglie il ricorso del Comune. Gnagnarini: "Un successo per rilanciare Orvieto"

Una notte al cinema con i Fiori Neri. In rotazione il singolo "Tutti i giorni è Natale"

Provincia verso le elezioni, c'è il termine per la presentazione delle liste

Sacchetti per l'organico in distribuzione. Orvieto per Tutti: "Perchè a Bardano?"

Casa di Riposo San Giuseppe, ritardi nel pagamento degli stipendi. Botta e risposta tra Fp Cgil e Comune

I giovani e il futuro, prorogata fino al 16 gennaio la mostra della Croce Rossa Italiana

Alla maniera di

Le difficoltà delle sale cinematografiche in Umbria dopo il terremoto

La voglia di un'anima

Un rosseggiare

Carcere, l'Usl chiude la mensa agenti. Il Sappe si rivolge al provveditore

Senso unico alternato sulla provinciale 71, cambiano gli orari del trasporto scolastico

Notte Bianca d'Inverno, trentadue appuntamenti in attesa del Natale

Percorso educativo di accoglienza ed integrazione a favore dei migranti ospitati nel territorio

Al Csco incontro su "Cellule staminali tra scienza, pseudoscienza ed etica"

Ricostruzione post sisma, riunione del comitato istituzionale. Circa 12mila, le verifiche fast

Non lo specchio, per favore

Molto di me

Sì della giunta alla riqualificazione delle strutture di Piazza della Pace

Grande sporco, piccola spazzatrice. Parte la sperimentazione nei vicoli del centro storico

Nuovi allestimenti per "Porano nel Presepe". Il ricavato all'associazione "3.36 per Barbara & Matteo"

La Natività a Orvieto. Fino all'8 gennaio sulla Rupe tredici interpretazioni della tradizione del presepio

"Il Fanum Voltumnae e i santuari comunitari dell'Italia Antica". Da venerdì a domenica Convegno internazionale di studi

Giullarate. Dopo le aste andate deserte le 10 cose che il comune di Orvieto proverà a vendere per risanare il Bilancio

Shopping natalizio. Gratis il parcheggio a Orvieto dalle 16 alle 20 nei posti a striscia blu

Progetto "Una buona vita da cani" per contrastare l'abbandono dei cani e favorire le adozioni

Il Progetto "Una buona vita da Cani"

Adeguamento delle tariffe per la rimozione e custodia dei veicoli

Mercati su aree pubbliche nella settimana che precede il Natale, disciplina del commercio

In pubblicazione il quinto avviso d'asta pubblica per l'alienazione del Mattatoio Comunale

Bando per l'alienazione dei locali di proprietà comunale situati in piazza della Repubblica

Consegna dei riconoscimenti alla Protezione Civile e agli studenti dell'Alberghiero per il lavoro svolto il Liguria

"Due dozzine di rose scarlatte". La commedia brillante in scena al Mancinelli

Presentate le opere di approvvigionamento idropotabile realizzate da ATI4 Umbria nell'Orvietano

ATI4, gli interventi nell'Orvietano

Screening per la prevenzione e la salute del cavo orale. Pochi i bambini visitati. Proroga al 31 gennaio 2012

Maxiprofessionista del furto arrestato grazie a un'indagine condotta dalla Polstrada di Orvieto

A Porano Pranzo di Natale organizzato dal Centro di Salute Mentale della ASL 4 di Orvieto

"IKHIWA" organizza il mercatino del libro e oggetti vari all'Atrio del Palazzo dei Sette

JINGLE PARTY- La Grande Festa di Radio Orvieto Web al Maracuja

L'Anpi di Terni sui terribili fatti di Firenze

Un atto di indirizzo del Consiglio comunale per la valorizzazione del patrimonio pubblico del centro storico di Orvieto. Lo propongono i capigruppo di centro sinistra

Ancora congelate le dimissioni del vice sindaco Rosmini. Dura presa di posizione dei gruppi di centro sinistra verso il Sindaco che perde i pezzi e non rappresenta più i suoi elettori

La grande Roma dei Tarquini tema del XVI Convegno Internazionale di Storia e Archeologhia dell'Etruria

A Palazzo Soliano mostra fotografica "Orvieto 1964-1970 anni di bronzo. Le porte di Emilio Greco". Inaugurazione sabato 19 dicembre nell'ambito di Altro Modo

Per il Gala Five un 2-2 contro il Foligno.

Condanna del vile gesto e solidarietà al parroco dal PD di Ficulle

Ristorante Pizzeria "La Taverna dell'Etrusco" e Bar "Il Sant'Andrea". Menù speciali e Cenone di San Silvestro a ritmo di jazz e di blues

Perché alcuni consiglieri PD hanno votato contro la mozione sul testamento biologico

Scossa di terremoto. Trema l'Umbria

Terremoto ad Orvieto: Santelli "Nessun danno a persone o cose"

Terremoto, l'Assessore regionale Riommi nelle zone colpite dal sisma "Scossa con pochi danni"

Terremoto: chiuso il centro storico di Spina. Lorenzetti apre sala operativa regionale

Distrutta la targa di Radio Orvieto Web

Franco Crociani non ha ucciso Sauro Mencarelli. La sentenza della Corte d'Appello d'Assise chiude la storia di Acqualoreto

Pendolari-Frecciarossa: 8 a 34. Ma i pendolari della Roma-Firenze si fanno sentire!

Gala Lirico del Centro di perfezionamento "Placido Domingo" di Valencia al Ridotto del Teatro Mancinelli

L'Eurostar delle 20,15 fermerà ad Orvieto

Anno Internazionale dell'Astronomia. Venerdì a Bagnoregio proiezione del film di Liliana Cavani "Galileo"

Il profano tempo dell'Avvento. Dai destini del pianeta a quelli della Regione Umbria

Respinte le mozioni su testamento biologico e istituzione di un registro telematico delle dichiarazioni anticipate di trattamenti sanitari. Il dibattito consiliare

Approvata la mozione Tonelli sulla ripubblicizzazione dell’acqua

Siti "violenti", il Governo punta al controllo. Giusto regolare i contenuti prodotti dagli utenti, ma si colmi il vuoto legislativo che riguarda i giornali online

La Scuola di Musica Luigi Mancinelli e la Compagnia Poranese insieme in un doppio spettacolo dedicato ad 'Alice nel paese delle meraviglie'. Sabato a Porano, domenica ad Orvieto

Commercio e varchi elettronici: clima più disteso. Tutti al lavoro dopo il convegno DS e l'incontro con il sindaco Mocio

Marino Moretti alla Galleria Zerotre di Orvieto. Ceramiche e disegni per CROMATERIA

Successo e consensi per il 'Gran Galà Città di Orvieto'

Presentato il catalogo regionale del Museo Faina. L'assessore Rometti: la cultura come risorsa economica

Organici carenti presso i circoli stradali della Provincia. Lo evidenzia in un'interrogazione il capogruppo provinciale SDI Marinelli

Accolta con successo a Palazzo Rospigliosi di Roma la presentazione del prodotto turistico della provincia di Terni

Europa - Rwanda: la scuola primaria di Sferracavallo partecipa al progetto con un mercatino natalizio di solidarietà. Sabato in Piazza Olona a partire dalle 15,30

Giovani e associazionismo in Umbria: scarsa la motivazione per una cittadinanza attiva. Emerge da una ricerca a livello europeo

I risultati a livello europeo

Ospedale senza pace: oltre alle deficienze di ordine sanitario la lotta politica per i primariati. Lo segnala Alleanza Nazionale

Finanziaria e coppie di fatto: 'Se l'ideologia prevale sulla ragione'

Torna domenica il 'Mercatino sotto l'albero' a Porano

Mobilità alternativa: soddisfazione del sindaco Mocio dopo l'incontro con le categorie. Altri incontri per non frammentare i problemi

La proposta complessiva: le linee d'intervento per il centro storico

Cara Orvieto... da 'Orvietato Sporgersi' lettera aperta alla Città