interviste

Lista civica a Castel Giorgio. Tonino Fausto la lancia e si presenta a candidato sindaco. Intervista

giovedì 25 settembre 2008
di jacopo
Se in molti comuni i nomi dei candidati a sindaco, sia del centrosinistra sia del centrodestra, sono ancora incerti o segreti, a Castel Giorgio non è così. C'è stato infatti un vero e proprio terremoto politico con l'annuncio della candidatura, attraverso una lista civica, di Tonino Fausto. Tonino Fausto tira un colpo gobbo al Pd e all'attuale amministrazione? No, assolutamente. Lo voglio affermare con forza, non c'è nessun colpo gobbo. Non intraprendo questa avventura per arrivismo politico, questo lo voglio affermare con chiarezza. Tutto è nato dal parlare con gli amici, mi sono reso conto che c'è un generale e diffuso senso di malcontento sia per la situazione italiana sia, in particolare, per quella del mio comune, Castel Giorgio. Molti miei amici, che evidentemente mi reputano una persona capace, mi hanno detto che questa volta non potevo stare fuori dai giochi, dovevo intervenire in prima persona. Il gruppo di sostenitori, poi, nel tempo si è andato ingrandendo fino a diventare molto grande e trasversale. Perché fare una lista civica e non chiedere le primarie all'interno del Pd? Ritengo che le primarie possano essere fatte e vadano bene per territori complessi come Orvieto, anzi ritengo che ad Orvieto le dovrebbero fare, ma non per un paese come Castel Giorgio. Non è paura la mia, infatti sono convinto che se mi fossi candidato alle primarie avrei vinto, ne è la prova che il 14 ottobre ho partecipato alla nascita del Pd appoggiando non una lista di Veltroni ma quella di Letta e a Castel Giorgio ho preso il 33% . Facendo le primarie però avrei spezzato quell'asse che si è venuto a creare intorno al mio nome, costituito da molte persone che mi appoggiano e che è assolutamente apartitico. Questo è dimostrato dal fatto che ho l'appoggio di uomini di sinistra, di centro e di destra. La lista civica dunque non dovrà seguire nessun equilibrio partitico né nelle candidature né nel programma ma avrà come unico obbiettivo migliorare la vita nel comune di Castel Giorgio. Vorrei dire poi che, conoscendo bene la politica, se avessi fatto le primarie le avrei vinte ma avrei poi perso le comunali”. Con uno schieramento così trasversale sarà possibile governare? “Si, questo perché le persone che faranno parte della lista e che mi appoggeranno scriveranno un programma tutte quante insieme e quel programma sarà seguito durante la legislatura. Non è mia intenzione fare un programma ampio ma 6 o 7 punti precisi, basilari per la crescita del paese, che saranno sicuramente rispettati”. Dunque ci può già dire quali saranno le linee guida del suo programma? Ha già qualche idea? “Certamente. Vede per esempio non capisco il perché l'amministrazione locale non sia intervenuta con maggiore forza nel dibattito sulla possibile chiusura delle case di riposo nel nostro comune. Qui voglio essere chiaro, perché questo sarà uno dei mie punti base, le case di riposo non solo offrono un servizio sociale importante oggi, ma anche lavoro per molte famiglie del paese. Ritengo che sia assolutamente sbagliato e non veritiero vederle come un luogo attraverso il quale i proprietari fanno un ampio guadagno. Questi luoghi consentono a 70 persone, la maggioranza residenti nel comune, di lavorare e di poter aver uno stipendio da portare a casa per vivere. Oltre tutto la maggioranza dei soldi guadagnati, poiché sono persone residenti nel comune, viene reimmessa nel circuito produttivo e di commercio di Castel Giorgio. Sono dunque una fonte di benessere per tutto il paese. Visto che l'argomento le sta tanto a cuore se la sente di fare una promessa elettorale su questo? “Certamente. Questo problema lo intendo risolvere e se sarò eletto sindaco lo risolverò altrimenti cadrò con esso, parola mia”. Per quanto importante non può essere stato solo questo ad averla portato a prendere la decisione di scendere in campo. L'amministrazione ha fatto così male? Voglio subito dire, per chiarezza, che con l'attuale Sindaco, Pierluigi Peparello, c'è un'amicizia trentennale. L'amministrazione, a mio parere, ha semplicemente fatto l'ordinaria amministrazione, nulla di più. Ora serve una scossa anche perché ci sono molte cose da fare. Vorrei dirle altri punti che mi stanno particolarmente a cuore. Dica Rivalutare tutti gli impianti sportivi, che a castel Giorgio ci sono e che oggi sono abbandonati o usati poco e male. Le strutture comunali sono fatiscenti, anche queste vanno migliorate. La zona della pineta possiamo dire che non è sfruttata per nulla, questo è molto negativo. Abbiamo una zona naturale con grandi potenzialità, va ascoltata la cittadinanza e poi trovato un piano di rilancio. Ci sono dei ragazzi portatori di handicap che non hanno alcuna assistenza, il Comune deve intervenire con forza anche nel tessuto sociale e dare un aiuto anche a queste persone e alle loro famiglie. Poi ascoltare i piccoli imprenditori, che ci sono e sono basilari per la nostra economia. Dobbiamo capire il perché del poco sviluppo che c'è stato in questi anni per trovare delle soluzioni comuni e di rilancio. Non faccio promesse impossibili ma proposte realizzabili per il bene di tutta la collettività. Se perde le elezioni, sono possibili accordi con la maggioranza? Se perdo vado all'opposizione e basta. Certamente la mia non sarebbe un'opposizione del no o ideologica ma sempre tesa a migliorare effettivamente e realmente la vita nel mio comune.

Commenta su Facebook

Accadeva il 11 dicembre

"ValorePaese". Immobili in concessione, con la promessa di rinascita

Pronta la prima area di sgambatura per cani, già previste altre due

Cena degli Auguri di Natale ed assemblea generale per l'Unitre

Vetrya Orvieto Basket d'autorità in casa della capolista

"Questa nostra Italia". In tanti a Orvieto per l'ultimo libro di Corrado Augias

Pulcinella

Orvieto FC, la prima squadra ritorna in vetta. Momento magico per la società

Orvieto Comune Europeo dello Sport 2017, la tribuna dello Stadio ha il tetto bucato

Quella faccenda lunga della "Settimana Corta"

Comitato Pendolari Roma-Firenze: "Delusi dall'assessore Chianella"

L'Orvietana mette paura alla capolista

In Via Vecchietti torna il Mercatino di Natale della Solidarietà

Pagamento mensa e trasporti, il bollettino arriva a casa

Torna "Valner.In.A.Box", il regalo che non dimentica l'Umbria post sisma

"Campioni in Cattedra" con il Coni, Alessio Foconi alla Scuola Primaria "Barzini"

Gli studenti dell'Istituto Comprensivo a "Mezzogiorno in famiglia"

Televisori sintonizzati su Raitre, Orvieto in onda su "Geo&Geo"

Assemblea regionale di "Potere al Popolo Umbria"

XXV Convegno Internazionale di Studi su Storia e Archeologia dell'Etruria

Prestiti "ad occhi chiusi" in biblioteca per un invito alla lettura a sorpresa

Guasto meccanico all'ascensore del sottopasso ferroviario

In 350 sulla Rupe per la tre giorni di "Orvieto Tango Winter"

Consulta per il sociale e Consulta giovani al Villaggio di Natale con la mostra di pittura

Medaglia d'Oro alla Protezione Civile, sede umbra collegata per la cerimonia

Raffiche di vento e pioggia, si moltiplicano gli interventi dei Vigili del Fuoco

Giornata di studio all'Unitus, Lazio terreno fertile per il futuro