interviste

Le professioni dei giovani. L'arbitro: intervista a Davide

lunedì 21 agosto 2006
di davidep
Breve viaggio tra i principali mestieri che per tradizione, convenzione e prassi, sono svolti abitualmente dai giovani. Appuntamento in pantaloncini, tra un fischio di rigore e un cartellino giallo, con una professione amata e odiata da tutti gli sportivi, praticata da molti giovani che non fanno i calciatori, ma che amano il calcio: l’arbitro. Contestato, invocato, fischiato, apprezzato, è colui che corre e suda a fianco dei giocatori, fungendo da cronometrista e vigile scrutatore dei comportamenti altrui per assicurare il buon svolgimento della partita. Cartellino giallo per ammonire, rosso per espellere, un taccuino per annotare eventuali goal, ammonizioni, espulsioni, sostituzioni, un fischietto e una moneta per stabilire quale delle due squadre debba iniziare la partita. Per essere arbitro occorre però anche la qualifica con nomina scritta del presidente di sezione dell’Associazione Italiana Arbitri, rilasciata dopo aver verificato il verbale della commissione esaminatrice ed aver acquisito il certificato di idoneità prescritto dalle leggi sanitarie per l’esercizio dell’attività sportiva agonistica. Racconta la sua esperienza, Davide, 24 anni, da tempo arbitro. Come hai iniziato a fare l’arbitro? Cominciamo col dire che il mio sport preferito è stato da sempre il calcio, sia giocato a livello professionale, che improvvisato da bambino nel cortile del condominio dove abitavo, quando usavamo gli zaini e i giubbotti come pali immaginari delle porte. Ho iniziato ad arbitrare dieci anni fa nella mia città con una società locale, in cui già lavoravano un paio di amici, così ho provato per un breve periodo anch’io. Quando poi mi sono trasferito a Orvieto, ho letto casualmente dell’esistenza di un corso per arbitri professionisti, l’ho regolarmente frequentato e ho superato brillantemente l’esame della Federazione Italiana Giuoco Calcio. Se ti piaceva tanto giocare a calcio come mai non hai fatto il calciatore, come molti coetanei? Ho scelto di fare l’arbitro non per ripiego, ma fondamentalmente perché non avevo modo di seguire a tempo pieno i regolari allenamenti di una squadra e allo stesso tempo continuare a studiare. Ben inteso, anche l’arbitro implica impegno e costanza, ma sicuramente comporta sforzi meno intensi e frequenti rispetto a quelli di un giocatore. Ricordo ancora lo strano effetto che mi ha fatto la mia prima partita da arbitro, anziché da giocatore. Arbitravo i pulcini e anche se si trattava di bambini della seconda elementare, ho preso fin dall’inizio quest’attività con molta serietà, cercando di applicare rigidamente le regole. Non per il gusto di esercitare con severità poteri con i più piccoli, ma per insegnare loro il modo corretto di giocare. Sinceramente, poi, uno dei vantaggi che mi ha sempre attirato di questa professione è che gli arbitri hanno diritto ad una tessera federale che permette loro l’accesso gratuito a tutte le manifestazioni calcistiche sul territorio nazionale. E visti i prezzi dei biglietti non è cosa da poco! Fin quando hai intenzione di proseguire? Momentaneamente ho avuto un piccolo problema ad una gamba, quindi sono stato costretto a prendere un congedo, ma entro la fine del campionato, ho dovuto arbitrare le partite che mi mancavano delle sedici minime che occorrono per essere riconfermati l’anno successivo. Gli arbitri sono divisi per categoria (arbitro effettivo, arbitro effettivo di calcio a 5, assistente arbitrale, arbitro fuori quadro, arbitro benemerito, dirigente benemerito), ma indipendentemente dall’inquadramento, sono essi stessi periodicamente sottoposti a valutazioni nel corso della stagione sportiva. Ogni tre o quattro partite un osservatore verifica le prestazioni tecniche e in base alle votazioni ottenute si passa alla categoria superiore. Attualmente io arbitro la terza categoria; seconda e terza corrispondono ai campionati regionali e per scelta preferisco non fare troppi spostamenti. Il bello di questa professione è che la vivo come un piacevole hobby da continuare fino a quando ne avrò modo. C’è qualcosa che non ti piace assolutamente o che molti sottovalutano in questa professione? In generale, mi danno fastidio le critiche fini a se stesse. Il tifo è il motore dello sport, specie del calcio giocato a piccoli livelli o amatoriale, ma la sterile chiacchiera che molti fanno tanto per parlare, senza conoscere effettivamente le regole ufficiali del calcio, non porta lontano, né serve a migliorare l’operato di chi lavora con i giocatori. Diciamo che l’arbitro è un po’ come un giudice che veglia sulla partita e il suo compito è il rispetto delle regole, cercando di essere il più obiettivo possibile, senza scendere a facili compromessi. E spesso non è facile non lasciarsi coinvolgere. Si è mai verificato qualche episodio spiacevole? Beh, diciamo che qualche insulto è volato, come nella migliore tradizione calcistica! È capitato che qualcuno contestasse il mio giudizio, che dei genitori troppo irruenti invadessero il campo e, talvolta, che gli stessi allenatori talmente “accalorati” nel difendere la propria squadra rispondessero male, violando una dei principi del regolamento del calcio e dell’etica di comportamento civile. Per fortuna, però, si è trattato finora di casi sporadici e occasionali, tutto si è sempre svolto nella norma e nel massimo rispetto reciproco delle parti. Tutto questo preciso rigore, la puntualità, il rispetto ti hanno lasciato qualcosa in termini di esperienza formativa? A chi consiglieresti questa attività? Lavorare sul campo, nel senso letterale del termine, mi ha dato e mi sta dando molto, mi ha insegnato ad essere attento e ad osservare quello che mi capita intorno, e questo vale anche fuori dal contesto sportivo. Sicuramente è una professione indicata a chi piace il calcio ben giocato, alle persone che hanno fiato, lucidità, attenzione e voglia di correre. Ovviamente a questi livelli non è un mestiere che si fa per vivere, per chi come me arbitra in terza categoria la quota può arrivare al massimo a un’ottantina di euro a partita. Sul pagamento influiscono molto la durata della partita, le trasferte e la frequenza di arbitraggio. La mia è un’esperienza senz’altro positiva che porto avanti volentieri, anche perché ad Orvieto ho trovato veramente un ambiente piacevole, dove lo sport è radicato nei suoi affezionati.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 settembre

Sfilata di moda lungo Corso della Repubblica per Duedimè Concept Store

Amici della Terra: "Finalmente riconosciute le nostre ragioni"

Paolo Ricci, il gioiellino di Orvieto dagli Allievi Elite del Montefiascone al Savio

Cena del Serancia a Torre San Severo. Palazzo Simoncelli si veste di bianco rosso

No al terzo calanco, "Sentenza che cambierà la storia dei rifiuti in Umbria"

Al PalaPapini Zambelli Orvieto fa le prove generali col Baronissi

Festa dell'Arte all'Università della Tuscia, per sentire e vedere

Cane malato e abbandonato. L'appello: "Fate qualcosa per aiutarlo"

Con Maria a Roma, da Papa Francesco a bordo del treno storico

Incendio alla Piscina, in corso i lavori di pulitura. Si riapre ad ottobre

Pulizia del centro, troppo rumore e disagi. Germani: "Verifiche in corso"

Inquinamento acustico in Strada del Piano, soluzioni in alto mare

Varchi in Via Soliana e Via Malabranca, partiti i lavori

Contributo all'Associazione Lea Pacini, botta e risposta in Consiglio

"Ticket sanitari, il problema esiste". Il 5 ottobre incontro tra Conferenza dei sindaci e Usl Umbria 2

Prelevati soldi dal fondo di riserva: spesi in cultura, servizi e sport

Ratificata dal Consiglio la variazione di bilancio per la manutenzione della Scuola Barzini

Niente Stati Generali del Turismo. "Non c'è alcuna intenzione di ascoltare"

Verso il "Patto per la Sicurezza" del territorio, va avanti la burocrazia per la video-sorveglianza

Liste d'attesa sulle prestazioni sanitarie. Sì unanime del consiglio all'ordine del giorno

Tappa nell'Orvietano per il "Press Tour Umbria" sulla Via Romea Germanica

In mostra alla Casa del Vento due capolavori del Rinascimento

"Come mia madre", una mostra per celebrare il mese mondiale dell'Alzheimer

La Sezione Comunale Avis di Giove festeggia vent'anni di attività

Galgano (CI): "Bene lo stop al terzo calanco, ha vinto la comunità"

Sicurezza urbana, la Regione Umbria vara il piano di programmazione

Settore estrattivo, interrogazione di Nevi (FI) sugli intendimenti della giunta regionale

Adesione "Puliamo il Mondo 2017". Grassotti: "Un'occasione importante"

Ippocastani secchi in Viale IV Novembre, disposta l'ordinanza per l'abbattimento

L'esperienza di gestione di lupi e cinghiali del Parco dei Sibillini approda in Portogallo

Laureati, in Umbria 1.320 assunzioni nel trimestre. Ecco dove

"Sharper 2017". Duecento volontari per la Notte Europea dei Ricercatori

Premi alle associazioni in cammino lungo la Via Francigena

Sanità, Cittadinanzattiva e TdM incontrano i cittadini al Circolo di Ciconia

Interventi sulle condotte idriche, possibili interruzioni del servizio

Addio alla Scuola per Adulti: la denuncia "Il Comune rinuncia senza reagire"

Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto, Marco Fratini entra nel consiglio di indirizzo

Frate Alessandro Brustenghi, la voce di Assisi dona voce all'organo del Duomo

Le Giornate Europee del Patrimonio 2016 portano "Sotto e Sopra la Città"

Con "ChocoMoments Orvieto", scatta l'ora dei golosi. Tre giorni da leccarsi i baffi

L'Unitre inaugura il 26esino anno accademico. Recital al Palazzo Comunale

Michele Fattorini in Sicilia: "L'errore ci può stare, proveremo a rifarci"

Istruzioni per l'uso del compleanno

La Zambelli Orvieto torna in campo a Firenze

Poggio Gramignano, Chiesa della Collegiata e musei aperti per le Giornate Europee Patrimonio

"Orvieto sempre più distante da Roma". Sacripanti chiede conto della soppressione dei treni

Come un tremore

Province, entro fine mese tutto il personale avrà la sua destinazione

"AMAtriciana della solidarietà" in Piazza Roma

Memorial Alessio Corradini, il programma della giornata

"Architettura e Natura", chiusa la quarta edizione. Positivo, il bilancio [Video]

Seconda edizione per la Giornata della promozione dello sport e delle attività ricreative

Corso sulla cura dell'ictus e integrazione interna all'Usl 2

Ricordando Margherita

"Orvieto diVino". I vini della Rupe al simposio internazionale in Ambasciata d'Italia presso la S.Sede

Ultimo saluto all'uomo schiacciato dal crollo del solaio della propria abitazione

Promozione e marketing turistico, incontro in Comune per gli operatori del settore

Ventennale di OCC. Nel fine settimana, stand Fisar e incontro "Oltre il cancro...10 anni dopo”

Festa della Madonna della Mercede. Il programma completo, l'ordinanza della viabilità

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni