interviste

Le professioni dei giovani: l’animatore turistico. Intervista a Manuela

venerdì 18 agosto 2006
di davidep
Breve viaggio tra i principali mestieri che per tradizione, convenzione e prassi, sono svolti abitualmente dai giovani. Per la seconda tappa, per gli ultimi sprazzi di bella stagione si fa scalo in spiaggia, dove tra un corso di bachata, una caccia al tesoro e una scenetta, il vero protagonista è l’animatore turistico. Brillante, simpatico, estroverso, gestisce il tempo libero e le attività ricreative, mentre gli altri sono in vacanza, soprattutto in località balneari. Il 70% degli occupati è composto da ragazze provenienti dal nord, ma le realtà “produttive” sono localizzate in prevalenza al centro, al sud e nelle isole. L’animatore lavora in team ed organizza giochi di società, spettacoli e tornei sportivi per rendere più piacevole, divertente e diverso il soggiorno dei vacanzieri. Ogni animatore ha una sua competenza specifica, ma tutti devono sapersi arrangiare e improvvisarsi un po’ scenografi e un po’ attori. Racconta la sua esperienza, Manuela, 27 anni, che per tre anni è stata animatrice, assistente turistica e receptionist. Fare un esperienza di vita, migliorare la conoscenza di una lingua, mettersi alla prova per sondare le proprie attitudini al rapporto con la gente, voler semplicemente guadagnare un po’ di soldi. Sono tante le motivazioni che spingono i giovani a dedicare i mesi estivi ad un’attività come l’animatore turistico. Tu come hai iniziato? In realtà non ci avevo mai pensato seriamente. Ero stata solo una volta in ferie in un villaggio, senza lasciarmi coinvolgere troppo dall’animazione, ma in quel momento cercavo lavoro e soprattutto avevo voglia di viaggiare. Così ho letto un annuncio sul giornale e mi sono lanciata. È un’esperienza che ti è piaciuta, visto che l’hai ripetuta anche gli anni successivi… Certo, anche se rientri e partenze sono a distanza molto ravvicinata: magari si sta a casa solo un paio di settimane prima di ripartire. La prima volta ho trascorso i tre mesi estivi in un piccolo albergo in montagna, nel Veneto; la seconda esperienza si è svolta durante cinque mesi invernali in un villaggio turistico a Djerba, in Tunisia, e la terza nei mesi estivi in un piccolo albergo al mare, a Vigo di Fassa (Trento). Qual è la giornata-tipo di un animatore turistico? In generale la giornata dipende dalla tipologia della struttura, di solito nei piccoli alberghi oltre all’animazione, capita di dover fare di tutto un po’, dall’accoglienza dei clienti appena arrivati ai caffè al bar. Ricordo che in montagna eravamo solo in due, di giorno il mio collega portava i clienti a fare le escursioni e io invece restavo in albergo con i clienti che preferivano andare in giro da soli, a volte mi affidavano i bambini e il pomeriggio facevo assistenza in piscina. La sera, poi, facevamo giochi, cabaret, lotterie, proiezione di film…mai un giorno libero in tutta la stagione! In Tunisia ero anche assistente, cioè andavo a prendere i clienti in aeroporto, accompagnandoli anche in altri alberghi dell’isola, e facendo loro un discorso di presentazione del paese e del villaggio. Nei villaggi la giornata inizia con il benvenuto sulla porta del ristorante per la colazione e va avanti con i giochi aperitivo e il pranzo rigorosamente insieme ai clienti, il pomeriggio prosegue con la riunione dell’animazione, tornei vari, accoglienza sulla porta del ristorante, cena rapida e poi liscio, baby-dance, spettacolo vero e proprio, pulizia di palco e costumeria, discoteca con i clienti, eventuali prove dello spettacolo del giorno dopo, con una media di circa quattro ore di sonno. In generale, anche se avresti del tempo libero, devi sempre stare con i clienti a fare quello che si chiama “contatto”, gironzolare al bar all’ora dell’aperitivo o intorno alla piscina per fare quattro chiacchiere con loro. L’importante è non fermarsi mai troppo con gli stessi, ma parlare sempre un po’ con tutti per sapere come si trovano, se tutto va bene e possibilmente convincerli che tutto va davvero bene. E poi sorridere, sempre e comunque, senza lamentarsi. Quali sono le diverse reazioni di chi viene “animato”? In tanti villaggi si fa un’animazione un po’ troppo insistente, per cui il cliente (specie se giovane che si spalma al sole e fa tardi la notte) si altera appena vede arrivare qualcuno che gli programma la giornata. Noi ci limitavamo a fare il giro del villaggio urlando la successiva attività ed eventualmente prendendo “iscrizioni” ai giochi, cercando di schiodare gente dai lettini. Per quello che ho visto, i giovani specie le coppie non amano molto essere animati, mentre gli anziani sono quelli più fedeli, tanto che alla fine della settimana ti hanno adottato. Se poi fai il miniclub con i bambini, alla fine della settimana ti ritrovi sommerso da disegni e regalini. La mia esperienza più bella è stata con una coppia frequentatrice abituale di villaggi: la prima settimana mi hanno ignorata, poi piano piano si sono sciolti e quando sono partiti mi hanno confessato di essere stata l’unica animatrice che in tanti anni era riuscita a coinvolgerli davvero. Un’altra cliente regalò a me e alla mia collega due foulard appartenuti a sua madre defunta, dicendoci che le faceva piacere lasciarci qualcosa in ricordo. C’è qualcosa che non ti è piaciuto o che molti sottovalutano in questa professione? Nella mia esperienza, mi sono imbattuta nell’invadente insistenza di alcuni clienti, soprattutto anziani, che si prendono troppe libertà. Un giovane in vacanza con la moglie, con la scusa di farsi dare un mazzo di carte mi ha seguita fino in camera e poi mi ha chiesto un bacio! In generale tutti pensano che sia un lavoro divertentissimo dove la fatica non esiste, dal momento che si è sempre in vacanza, in realtà è uno stress sia fisico che emotivo, amplificato dalla lontananza da tutti gli affetti per mesi e dalla convivenza forzata con i colleghi. Le giornate sono lunghissime e non hai mai un attimo per te stessa. Se c’è da lavorare, non mangi, non ti lavi, non dormi e non chiami a casa, il tutto però sorridendo e non facendo capire a nessuno che sei molto nervosa. A te è servita come esperienza formativa? Tanti paragonano l’animatore turistico al servizio militare e per certi versi esistono delle somiglianze: il capo animatore è molto rigido con le numerose regole da seguire per non far fermare la baracca. Dare il massimo non è sempre facile e l’impatto emotivo per molti risulta devastante, ma fare l’animatore insegna anche tante cose, come il  lavoro di squadra, le responsabilità, il contatto con i clienti, relazionarsi con la gente anche di diverse culture, apprezzare la mamma che ti lava calzini e magliette... Una cosa che ho imparato nei ritmi frenetici del villaggio è prendere con calma le emozioni: ogni cinque minuti, mi alteravo e gioivo per cose piccolissime, per cui alla fine ho capito che è meglio aspettare ad esaltarsi, dato che le cose cambiano mille volte prima di concretizzarsi. La soddisfazione più bella però è l’affetto dei clienti, che si commuovono quando partono, che ti mandano le cartoline e ti ringraziano per avergli fatto passare una bella vacanza. Ogni settimana il giorno delle partenze ti sembra che parta un pezzo della tua famiglia e ogni volta bisogna ricominciare a guadagnarti la loro fiducia, a farti conoscere e a coinvolgerli. A chi consiglieresti questa professione? Certamente occorre una gran voglia di fare, molta pazienza e una buona forma fisica per affrontare gli inevitabili tour de force, non è un mestiere che si fa per i soldi. La prima stagione ho preso 600mila lire al mese più quasi vitto e alloggio, in Tunisia 500mila più il volo, vitto e quasi alloggio, al mare 900mila più vitto e alloggio perché ero già una veterana. Pochi infatti resistono più di una stagione e in generale tutti quelli che vogliono fare l’animatore sono un po’ pazzi o hanno una vita scombinata. Consiglio questa bellissima esperienza a tutti quelli che hanno voglia di andare, di conoscere gente (i posti generalmente li vedi dalla finestra della camera!) e che soprattutto hanno un carattere aperto, socievole e grandi capacità di adattamento. Due mesi da animatore equivalgono a due anni vissuti in città, per tutto quello che succede durante il giorno, per il turbinio di gente incontrata ed emozioni provate. Io non ho mai approfittato della situazione, anche perché ero sempre stanca e la sera non vedevo l’ora di andare a dormire, ma conosco anche persone che animando, animando e animando hanno trovato l’amore. La vignetta è stata realizzata in esclusiva per orvietonews.it da Chiara Piunno

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 aprile

Allarme sicurezza, sale in ospedale per una visita e le rubano l'auto

#OrvietoSocialTour. Occhi da top Instagramers per raccontare la grande bellezza

Luci basse per l'Earth Day. Al Colle del Duomo, di notte l'arte si racconta

Il nuovo tour dei Brahmanelporto parte dalla Germania

Modifiche temporanee alla circolazione stradale, il mercato trasloca in Piazza Cahen

Consenso al Pd su sostegno alle frazioni e gestione diretta dei servizi turistici e culturali

Orvieto dice addio ad Enrico Medioli

Festa della Liberazione, le iniziative a Todi per il 25 Aprile

Il Comune di Parrano per la libertà di Gabriele Del Grande

Al via "Il Maggio dei Libri". In Umbria una settantina di iniziative e la presentazione di kit-lettura per bambini

Usl Umbria 2: "Altre cinque strutture hanno superato le verifiche per l'accreditamento"

A scuola di sicurezza, con la Polstrada. Via a un nuovo ciclo di incontri di educazione stradale

In Duomo l'ultimo saluto. Germani: "La città lo ricorderà"

Geotermia. Nogesi: "Assalto alla diligenza con la complicità del postiglione"

Inaugurato il Centro di ricerca e documentazione sulla disabilità

"Aspettando i Pugnaloni 2017", presentazione dei bozzetti al Teatro Boni

Da Bardano al resto dell'Umbria, l'abbassamento delle temperature compromette la produzione agricola

Consap chiede l'istituzione di un presidio di polizia in ospedale

Orvieto4Ever 2017. È "Victory", il tema del concerto-evento con Andrea Bocelli

Pd, macchina organizzativa al lavoro in vista delle primarie

TeMa, lettera aperta di Calcagni al sindaco Germani

Madonna del Fossatello in festa per la 277esima ricorrenza

Buon lavoro al Laboratorio per la Biennale dello Spazio Pubblico

Dramma sulle strade orvietane, muore quarantenne in moto

Escursione guidata alla scoperta delle antiche miniere e fornaci di Vetriolo

Voleva gettarsi dall'Albornoz. Ragazzo orvietano salvato da agente di Polizia

Lotta all'abusivismo. I tassisti orvietani non ci stanno e alzano la voce

Furto nella notte in un'abitazione a Pianlungo. Oro e contanti nel bottino dei malviventi

Servizi migliori a costi più bassi. Avviato dal SII il monitoraggio dei contatori abusivi

Fabro. Dal 23 aprile al 22 maggio "Il Mito di Garibaldi". Mostra storica al Castello di Carnaiola

Svolgimento della "Via Crucis" nel Centro Storico e ad Orvieto Scalo. Indicazioni per la circolazione

La Giunta regionale approva il regolamento per contributi all'attività e all'impiantistica sportiva

Calandrino, Buffalmacco e la giostra del Presidente

Allerona. Mostra fotografica di Ellen Emerson dedicata alla magia dell'albero: 23 aprile - 8 maggio

L'Assessore al Turismo e Commercio Marco Sciarra interviene sulla questione "tassisti abusivi"

Confagricoltura Umbria in prima linea per la sicurezza in agricoltura. A breve l'avvio di nuovi corsi di formazione

Ultime partenze. Si conclude la gestione dei migranti tunisini al centro Caritas di Orvieto

Operazione "Pasqua sicura". Carabinieri in azione, due arresti per tentato furto

Continua la Conferenza programmatica del PD Orvieto. Prossime tappe centrate sull'ascolto dei cittadini

E' ancora possibile studiare e lavorare in democrazia?

Premiate le migliori pizze di Pasqua dell'Orvietano al Palazzo del Gusto

Il PdCI Orvieto su una battuta "infelice" di Fabio Fazio: "Il PdCI e Rifondazione comunista esistono ma Fazio non lo sa perché guarda troppa tv"

"Il Mosaico Risorto. Inediti di Cesare Nebbia tra restauro e valorizzazione". Spazio espositivo a Palazzo Coelli fino al 23 maggio

"Le vie della tessitura" a Palazzo dei Sette. Mostra di artigianato ed arte tessile

Settimana della Cultura. Il Duomo di Orvieto oggetto di una visita organizzata dal Comune di Castel Viscardo

Cordoglio per la scomparsa del collega Marcello Martinelli

Protezione Civile. Sabato 24 aprile ad Orvieto assemblea regionale del Volontariato

Local on line, la forza dell'informazione dal territorio. Al Festival del Giornalismo in corso a Perugia il punto su ruolo, problemi e prospettive delle news locali

Elogio dell'erba verde

Diserbo a raffica? No grazie!

"Non numeri ma persone". Mostra fotografica alla Chiesa di San Rocco

Verso OrvietoComics #2. Una locandina che farà storia

"Abruzzo un anno dopo" mostra fotografica della Protezione Civile di Orvieto

Avviato l'iter partecipativo per definire il Quadro Strategico di Valorizzazione del centro storico

"Il Ruggito dell'Eccellenza Italiana". Alla Tenuta Vitalonga festa in campagna in compagnia delle rosse di Maranello

Porano apre il progetto "Strade Sicure" nei piccoli Comuni della provincia di Terni. Intervista al presidente ACI Bartolini e al vice sindaco Conticelli

Venerdì a San Venanzo "La foresta incantata", spettacolo teatrale di Solidarietà

L'assessore Sciarra: "La legge 12 non prevede l'esclusiva alla partecipazione delle associazioni di categoria". Intanto il coordinamento dei commercianti convoca un'importante assemblea per il prossimo lunedì