LIBRI
eventi

Francesca Rosso presenta il romanzo d'esordio "Non più, non ancora"

martedì 9 luglio 2019
di Davide Pompei
Francesca Rosso presenta il romanzo d'esordio "Non più, non ancora"

"Chiara è una donna in bilico, sospesa fra non più e non ancora. È una suora, ha 48 anni, di cui 25 trascorsi ad insegnare Italiano alle superiori. Un evento la manda in crisi non con la fede ma con l'istituzione: il velo, le regole, tutto le sembra troppo stretto. Così parte per il Brasile in cerca di se stessa. La vita da laica non è facile: tutto è da imparare, dalla gestione del denaro a cosa fare quando arriva una scintilla di innamoramento.

Soprattutto se arriva Diego, un uomo non del tutto risolto. Chiara si sente a metà di un fiume che sta attraversando: ha lasciato una sponda conosciuta e l'altra riva è ancora lontana. È proprio lì, in quel tempo e luogo sospeso, che tutto può succedere. Fra personaggi bizzarri, natura generosa e analfabetismi affettivi, Chiara cercherà la sua vocazione. Dubbi, slanci e fughe intessono una trama leggera e profonda che mescola colori, sapori e sensazioni seguendo la musica del cuore".

Parlano, con ironia e tenerezza, di quella parte di ognuno che vive di paure e desideri con la speranza e il timore che diventino realtà, le 200 pagine di "Non più, non ancora", il romanzo d'esordio di Francesca Rosso pubblicato a fine marzo nella Collana "Mondo" da Golem Edizioni. A presentarlo sarà lei stessa, giovedì 11 luglio alle 21 alla Libreria "Il Gorilla e l'Alligatore" di Orte, ai civici 13C-22 di Via dei Calafati, in località Petignano.

Un incontro ad ingresso libero per scoprire come nasce un libro sul cambiamento, sulla capacità di reinventarsi e rinascere. "La storia unica e coinvolgente di una donna che ha saputo trovare la propria strada, semplicemente affidandosi alla provvidenza, lasciandosi andare alla vita senza l'ossessione di controllare tutto". A scriverla, una giornalista – vive a Torino e collabora con La Stampa – che è anche copywriter e sommelier.

Laureata in Storia e Critica del Cinema con una tesi sulla danza, l'autrice ha conseguito un Master in Mediazione Culturale e Religiosa e poi un Dottorato sulla Dimensione Comunicativa della Danza nel Cinema di Bollywood negli ultimi venti anni. Per fare ricerca sul campo ha vissuto tre mesi a Mumbai dove ha curato il blog “Bollywood Party”, che è diventato un ebook (40k). Pratica "Odissi", la danza classica dell'Orissa, stato federato dell'India orientale.

Nel 2008 ha pubblicato “Cinema e danza, storia di un passo a due” (UTET Università) e nel 2011, “Zuppe, zucche e pan di zenzero, la cucina mostruosa di Tim Burton” (Il Leone Verde). Insegna yoga e dallo scorso anno ha iniziato a meditare grazie al protocollo MBSR (Mindful Based Stress Reduction).

Commenta su Facebook